Russia e Francia si espellono segretamente i diplomatici dell'altro


La Francia e la Russia si sono scambiate colpi diplomatici sotto forma di espulsione di un ufficiale diplomatico ciascuno. Lo riporta il quotidiano francese Les Échos, citando le sue fonti.


Secondo le fonti della pubblicazione, il diplomatico russo in esilio, impiegato economico servizi dell'ambasciata russa a Parigi, riconosciuta persona non grata per alcuni sospetti. Successivamente, la Federazione Russa ha espulso uno dei diplomatici francesi che lavorava nel dipartimento dell'ambasciata francese a Mosca.

Entrambi i paesi non hanno segnalato questo e non hanno commentato l'incidente, il che indica l'alta etica diplomatica delle parti. A differenza degli stati dell'Europa centrale e orientale, Russia e Francia non hanno fatto scandalo per quanto accaduto.

Nessun commento

- questo è tutto ciò che hanno ricevuto i giornalisti di entrambi i paesi.

Tuttavia, Les Échos ha appreso dettagli non ufficiali da informatori affidabili. Si è scoperto che l'alto rango russo è stato davvero espulso dopo essere stato catturato al momento dell'atto di spionaggio. Successivamente, Mosca ha compiuto un passo simmetrico secondo la tradizione stabilita dai diplomatici.

Vi ricordiamo che nel febbraio 2021 sono stati espulsi dal Paese anche diversi dipendenti dell'ambasciata russa nel Regno Unito. Quindi questo è stato spiegato dalla rotazione standard del personale. Prima di allora, ci sono state espulsioni di diplomatici russi dalla Repubblica Ceca, Bulgaria e Austria, che sono state accompagnate da capricci naturali nei media locali. Pertanto, il comportamento dei paesi della "vecchia Europa", compresa la reciproca espulsione dei diplomatici dell'altro, è, seppur segreto, ma azioni realmente dimostrative. Non attirano l'attenzione del pubblico e non consentono una protesta pubblica che danneggi la relazione.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. la scenetta di tyk ha sputato in sordina!
  2. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 8 March 2021 07: 24
    -2
    Anatoly Golitsyn una volta disse: "C'è una spia in una delle unità di difesa nazionale francesi. In particolare, ha consegnato al KGB un documento NATO molto importante. Non rappresentano più un segreto per Mosca".
    Dopo aver selezionato un centinaio di sospetti - troppi per essere sicuri del successo - il controspionaggio francese ha deciso di mettere alla prova la sincerità del disertore offrendogli 30 dossier segreti della NATO, alcuni dei quali falsi. Golitsyn non ha commesso un solo errore. Tutti i dossier che aveva selezionato, che presumibilmente aveva già in mano a Mosca, si sono rivelati autentici.
    Da quel momento, l'UOT è passato alla seconda fase della ricerca. Era necessario chiarire l'avanzamento del documento NATO, trasmesso a Mosca attraverso uno dei servizi di difesa nazionale francesi. Bastava scoprire quale dei lavoratori sapeva della sua esistenza prima di cadere nelle mani del KGB. Il colpevole era senza dubbio tra loro. Dopo molti mesi di ricerche, 14 nomi sono rimasti nell'elenco dei sospettati. Era anche troppo. E il tempo aveva fretta. Riguardava la sicurezza dell'intero mondo occidentale.
    La fase successiva di selezione ha permesso di lasciare già cinque persone: quattro militari e un civile. Le biografie di queste persone, le loro connessioni, inclinazioni (anche le più intime) sono state studiate nel modo più approfondito, il tutto inutilmente. Per un motivo o per l'altro, ognuno di loro potrebbe essere un potenziale criminale. Chi scegliere? Come prendere una decisione? Interrogare ciascuno a turno? Troppo rischioso. Una vera "talpa", sospettando che qualcosa non andasse, sarebbe finita immediatamente in un buco e le indagini sarebbero fallite. Inoltre, l'interrogatorio dei sospetti (ognuno dei quali ricopriva cariche elevate e aveva amici influenti) potrebbe avere una seria risonanza nei circoli politici. La situazione non potrebbe essere peggiore.