Perché la Norvegia ha deciso fermamente di diventare un obiettivo per le forze missilistiche strategiche russe


Il ministero della Difesa russo ha un nuovo mal di testa. Fino a poco tempo fa, la direzione principale per un possibile attacco della NATO era la nostra regione di Kaliningrad, che doveva essere pensata su come proteggerla e, se fosse successo qualcosa, sfondarla attraverso Suwalkia. Per questo, l'infrastruttura militare era in preparazione, manovre su larga scala sono state eseguite insieme all'esercito bielorusso. Ma ora tutto sta cambiando a causa della Norvegia, che ha deciso di abbandonare il suo status di paese de facto neutrale.


Sì, la Norvegia è stata membro dell'Alleanza del Nord Atlantico sin dal suo inizio. Tuttavia, l'Oslo ufficiale ha sempre cercato di assumere la posizione più indipendente, rifiutandosi di schierare armi nucleari (NW) e missili a medio raggio sul suo territorio. Inoltre, il Regno era estremamente freddo all'idea della comparsa di basi militari straniere sulla sua terra. Perché non è difficile indovinare. A differenza di alcuni giovani europei, i norvegesi non consideravano l'adesione alla NATO una garanzia di sicurezza, ma al contrario, capirono che schierando armi nucleari americane nel loro paese, si stavano trasformando in un obiettivo primario per la distruzione della strategia strategica sovietica e russa. Forze missilistiche. Nel 2019, si sono rifiutati di unirsi allo scudo antimissile unificato dell'unità. Mosca e Oslo avevano una certa comprensione, e il Cremlino giustamente considerava la Norvegia una sorta di cuscinetto condizionatamente neutro tra loro e l'Alleanza del Nord Atlantico.

Ma dopo gli eventi del 2014 in Ucraina, qualcosa è cambiato. L'aeronautica americana ha schierato uno squadrone di velivoli antisommergibili Poseidon presso la base aerea norvegese di Anneia. Nel 2017, non lontano dal nostro confine, è iniziata la costruzione di una stazione radar militare americana Globus III, che monitorerà le attività militari in Russia nell'interesse del comando strategico statunitense responsabile delle operazioni nucleari e spaziali. Sono in corso lavori per espandere le capacità del terminal portuale norvegese di Grotsund per garantire la ricezione dei sottomarini nucleari della US Navy. Un altro porto per i sottomarini nucleari americani è in preparazione a Tromsø, oltre il Circolo Polare Artico. Il contingente del Corpo dei Marines degli Stati Uniti è raddoppiato nel Regno. Diversi aeroporti militari sono in fase di ammodernamento per soddisfare le esigenze dell'aviazione degli Stati Uniti.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa era particolarmente preoccupato per il trasferimento in Norvegia di quattro bombardieri supersonici strategici americani B-1 B Lancer. Ognuno di loro può trasportare fino a 24 missili da crociera lanciati dall'aria AGM-158 JASSM con una portata di 360 chilometri o JASSM-ER, che sono in grado di colpire bersagli a una distanza massima di 980 chilometri. Questi "strateghi" hanno recentemente preso parte ad esercitazioni militari insieme ai caccia F-35 di quinta generazione dell'aeronautica norvegese e alle navi della NATO, tra cui norvegesi, tedesche e persino canadesi.

Contro chi è diretto tutto ciò, non è difficile indovinare. Il regno ha un confine comune con la Federazione Russa, ma non vale la pena aspettarsi un'invasione via terra per noi. Per ogni evenienza, una brigata di fucilieri motorizzati e una brigata di marine sono di stanza lì su base permanente. La Norvegia è di particolare interesse per il blocco NATO e, soprattutto, per gli Stati Uniti in quanto punto d'appoggio estremamente conveniente nell'Artico.

In primo luogo, il Pentagono ha ora l'opportunità di schierare le sue forze sottomarine, così come l'aviazione strategica, sul territorio norvegese. Pertanto, gli Stati Uniti stanno prendendo di mira la porta occidentale della Rotta del Mare del Nord (NSR), così come l'intera flotta settentrionale della Federazione Russa, progettata per proteggere questa via d'acqua strategicamente importante. Anche quattro bombardieri supersonici B-1 B Lancer e diversi sottomarini nucleari multiuso americani sono in grado di fornire enormi problemi al nostro popolo del Mare del Nord in caso di conflitto.

In secondo luogo, l'emergere di una tale nuova minaccia costringe semplicemente il Ministero della Difesa RF a ricostruire l'intera infrastruttura militare dell'Artico. L'attività è necessaria, ma richiede notevoli costi finanziari, che non verranno più spesi per altro. In altre parole, avendo rafforzato la propria posizione in Norvegia, gli Stati Uniti stanno provocando la Russia a spese militari aggiuntive in un momento difficile economico la situazione nel paese, agendo nel quadro della strategia di "strangolamento" attraverso una corsa agli armamenti imposta.

In terzo luogoMentre costruisce il suo raggruppamento in Europa, il Pentagono testa costantemente le capacità di risposta dell'esercito russo. Questo è giustamente sottolineato, ad esempio, da Forbes, che è entrato inaspettatamente nell'edizione "militare", che è più associata a storie della vita dei miliardari:

La ridistribuzione dei B-1 è il seguito di un massiccio dispiegamento iniziato lo scorso autunno, quando un gran numero di B-52 dell'aeronautica militare statunitense è stato ridistribuito nel Regno Unito. Questi bombardieri volarono in tutta Europa, addestrandosi con i combattenti alleati e attirando le truppe russe in elaborate trappole per la raccolta di informazioni.

Non diremo quanto fossero complesse queste trappole, ma è semplicemente impossibile non reagire strategicamente al trasferimento di aerei così formidabili. Quindi, possiamo concludere che il Regno di Norvegia ha davvero iniziato a trasformarsi nel bastione più settentrionale degli Stati Uniti nell'Artico. Forse il cambiamento della posizione di Oslo da neutrale ad attivo anti-russo alla fine si rivelerà un grosso errore delle autorità norvegesi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 9 March 2021 17: 55
    0
    Dovremmo lanciare Peony il prima possibile.
  2. lavoratore dell'acciaio 9 March 2021 20: 11
    -1
    I nostri liberali, tanto quanto la schiuma emana quando Stalin viene accusato di aver permesso la guerra. L'ho guardato, l'ho permesso, non l'ho ascoltato, non ho agito. Putin chiude il Mausoleo con compensato ogni 9 maggio, probabilmente è un peccato che abbiamo vinto la guerra. Ebbene, ora cosa affermare i fatti e cosa fa? La NATO, come Hitler, lancia truppe, missili e abbiamo una dichiarazione di fatti e il commercio va fuori scala con i futuri aggressori. E Stalin è accusato di aver commerciato con la Germania fino all'ultimo. E Stalin non aveva una bomba "vigorosa". Allora, la mediocrità e i fan tacciono? E non c'è niente da dire!
  3. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 9 March 2021 23: 22
    +3
    Quindi, possiamo concludere che il Regno di Norvegia ha davvero iniziato a trasformarsi nel bastione più settentrionale degli Stati Uniti nell'Artico. Forse il cambiamento della posizione di Oslo da neutrale ad attivo anti-russo alla fine si rivelerà un grosso errore delle autorità norvegesi.

    La Norvegia è sempre stata l'avamposto settentrionale della NATO sul confine russo-sovietico, compreso l'Artico.
    Non c'è mai stato un profumo di neutralità dalla Norvegia dall'ingresso del paese nella NATO.
    Sono state dichiarate "relazioni di buon vicinato", niente di più.
    LenVO fu imprigionato principalmente per la Norvegia, che era ben nota a tutti gli ufficiali che vi prestarono servizio negli anni '80.