Lavoro proattivo: come Gazprom può "rendere verde" il proprio gas per l'Europa


Pochi giorni fa si è svolto un evento "storico". Gazprom ha consegnato la prima spedizione di GNL a emissioni zero, o verde, nel Regno Unito. La nave cisterna LNG Megrez è arrivata in Galles da Murmansk. Inevitabilmente, bisogna chiedersi: quando è diventato verde il gas russo? Ci manca qualcosa?


In Europa, "verde" è, ad esempio, l'idrogeno prodotto dall'acqua di mare mediante elettrolisi utilizzando elettricità generata da fonti rinnovabili alternative (FER): turbine eoliche, pannelli solari, biocarburanti, ecc. Cioè, nel prossimo futuro, per l'esportazione di idrogeno verso l'UE, per la quale Gazprom ha alcuni tipi, la Russia dovrebbe avere un'infrastruttura di energia rinnovabile sviluppata, da cui sarà alimentata la produzione di "idrogeno verde". Oggi, la quota di energia rinnovabile nel nostro bilancio totale è estremamente ridotta. Due anni fa, il ministro Alexander Novak ha promesso di portarlo al 2035% entro il 4. E improvvisamente si scopre che il nostro "tesoro nazionale" ha già iniziato ad esportare GNL "verde". Forse è inutile che a volte prendiamo cortesemente in giro l'efficacia della gestione di una società statale?

In effetti, al top management di Gazprom non può essere negata l'intraprendenza. Invece di investire nello sviluppo delle energie rinnovabili in Russia, sono riusciti a trasformare il gas naturale liquefatto in carbon neutral sulla carta. E tutto questo è stato fatto nel quadro del diritto internazionale.

Per capire il problema, devi andare un po 'più a fondo nella storia. Nel 1997 si è tentato di risolvere il problema del cambiamento climatico globale sulla Terra con la firma del Protocollo di Kyoto. Il suo obiettivo dichiarato era ridurre le emissioni di gas serra nell'atmosfera. Nell'ambito di un accordo internazionale, ogni paese riceveva una determinata quota di emissioni di gas inquinanti e, in caso di carenza, il diritto di venderla ad altri partecipanti. Ciò è stato di grande importanza, poiché i paesi con industrie meno sviluppate, come Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ucraina, sono stati in grado di guadagnare denaro extra vendendo le loro quote a quelli più sviluppati. È anche importante che il più grande economia il mondo a quel tempo, gli Stati Uniti, firmarono il protocollo, ma non lo ratificarono, l'India in via di sviluppo e la Cina non si assunsero alcun obbligo e il Canada nel 2012 si ritirò del tutto. La principale conseguenza di questo accordo sul clima è stata l'emergere di meccanismi di mercato, sistemi di scambio di quote di emissioni nazionali e internazionali. Il più rispettato è il sistema europeo di scambio di quote di emissioni (ETS), istituito nel 2005. Dal 2017 una struttura simile è operativa in Cina. L'EU ETS è diventato l'ispirazione per i sistemi regionali in Canada, Nuova Zelanda e nello stato americano della California.

Tuttavia, oltre alla regolamentazione del governo, ci sono anche "mercati volontari del carbonio" e "certificati verdi". Le più grandi società energetiche del mondo ExxonMobil, Royal Dutch Shell, ConocoPhillips, Total ed Equinor stanno mostrando grande interesse per loro. Queste attività volontarie di protezione ambientale sono regolate da standard internazionali per la verifica delle unità di riduzione, tra cui: Verified Carbon Standard (VCS), Gold Standard (Gold Standard), Voluntary Offset Standard (VOS), Development Standards projects in the field of climate, sviluppo della comunità e biodiversità (Climate, Community & Biodiversity Standards, CCBS), Plan Vivo e altri.

E qui stiamo tornando senza problemi alla fornitura di GNL "verde" dalla Russia al Regno Unito. Secondo quanto riferito, l'accordo ha utilizzato certificati di emissioni di carbonio standard verificati (VCS) e clima, comunità e biodiversità. La società anglo-olandese Shell Global LNG Limited, che abbiamo menzionato sopra come partecipante al mercato volontario del carbonio, ha agito come partner di Gazprom. Il problema principale del GNL è che durante la sua produzione (liquefazione e rigassificazione inversa) è impossibile fare a meno di significative emissioni di carbonio in atmosfera. In che modo, allora, il gas russo è diventato improvvisamente verde?

Tutto è molto semplice: una compagnia russa e una anglo-olandese, di comune accordo, hanno "spento" le emissioni nocive a scapito delle quote di Gazprom. Steve Hill, Vicepresidente esecutivo di Shell Global LNG Limited, ha spiegato:

Utilizzare le certificazioni dei progetti ambientali per compensare le emissioni che non possono essere eliminate o ridotte è un passo importante nella ricerca di modi per ridurre le emissioni lungo tutta la catena di produzione e distribuzione del GNL.

In altre parole, con un gesto della mano, un lotto di GNL russo su carta è diventato climaticamente neutro, guadagnando un serio vantaggio competitivo rispetto a quello americano. E, cosa più importante, tutto ciò viene fatto nel quadro del diritto ambientale internazionale. Il nostro Paese ha un grande potenziale in questo senso. È molto più facile per la Russia ridurre le emissioni di sostanze nocive nell'atmosfera rispetto ad altri. Le nostre foreste occupano un'area enorme, mentre possono e devono essere ripristinate attivamente, compensando l'abbattimento. La popolazione del paese è relativamente piccola, il consumo di energia pro capite è notevolmente inferiore a quello dell'Occidente. Anche i volumi di produzione industriale sono ineguagliabili con i principali concorrenti. C'è poco di buono in questo, ma, come si suol dire, c'è un rivestimento positivo. Di conseguenza, Mosca ha accumulato un gran numero di quote di emissione, sia nell'ambito del protocollo di Kyoto che del successivo accordo di Parigi. E ora c'è l'opportunità di implementarli nello schema per "rendere più verde" il gas esportato all'estero. A giudicare dalla reazione entusiasta dei partner britannici, finora tutto si adatta a loro.

È vero, è improbabile che un vantaggio competitivo così inaspettato in Russia si adatti agli Stati Uniti, che stanno cercando di spingere il suo GNL ovunque. È possibile che sotto il presidente Joe Biden con il suo Green New Deal, Washington cerchi di rivedere i precedenti accordi ambientali a suo favore. Non è un affare veloce, ma c'è da aspettarselo. Pertanto, sarà corretto continuare a puntare non tanto sulla carta "inverdimento" del suo carburante da parte di Gazprom, quanto sul reale sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili in Russia, che saranno utilizzate nella produzione di prodotti domestici competitivi nel nuove realtà ambientali.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 10 March 2021 13: 30
    +4
    Pertanto, sarà corretto continuare a puntare non tanto sulla carta "inverdimento" del suo carburante da parte di Gazprom, quanto sul reale sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili in Russia, che saranno utilizzate nella produzione di prodotti domestici competitivi nel nuove realtà ambientali.

    Costruiamo mulini a vento in questo modo. Lo Stato paga una società privata per installarli. L'azienda riceve un reddito fisso. L'elettricità è più costosa, le perdite sono pagate dallo Stato. Ogni nuovo fan aumenta la tariffa dell'elettricità, che paghiamo tutti. A lungo termine, si tratta di un aumento delle tariffe elettriche di 2 volte o più. Fortunatamente, il nuovo governo ha sospeso lo svolgimento di questa orgia. Anche se diventa necessario installarli, le guarnizioni sotto forma di società private dovrebbero essere escluse dallo schema.
    Se abbiamo già deciso di lottare per l'ambiente, non dobbiamo limitarci ad aspettare che i gentiluomini intelligenti introducano nuove regole, ma prendere l'iniziativa. Ad esempio, per garantire che i prodotti delle aziende chimiche fornite dalla Germania siano ecologici e non danneggino la natura, sia durante la produzione, sia per non lasciare un "pennacchio" sporco quando vengono utilizzati. E poiché è quasi impossibile imporre dazi su questi prodotti e trascinare multe draconiane. E tutto questo con un simpatico sorriso aperto in 42 denti (anche se per questo devi inserire una dozzina di denti in ceramica) e raccontando costantemente che l'ambiente è la nostra priorità.
    1. lavoratore dell'acciaio 10 March 2021 14: 16
      -3
      Costruiamo mulini a vento in questo modo. Lo stato paga una società privata per installarli. L'azienda riceve un reddito fisso. L'elettricità è più costosa, le perdite sono pagate dallo Stato.

      Ebbene, tu stesso hai confermato che qui dominano la mediocrità ei ladri! E ti va bene se difendi queste mediocrità con la schiuma alla bocca. Dimmi anche che Putin non c'entra, questi "boiardi" sono cattivi.

      Ad esempio, per garantire che i prodotti delle imprese chimiche fornite dalla Germania siano rispettosi dell'ambiente e non danneggino la natura, sia durante la produzione, sia che non lascino un "pennacchio" sporco quando vengono utilizzati.

      Hai capito cosa stai proponendo? Su chi hai alzato la coda? Il nostro governo ha una famiglia, un'attività lì! A chi imponi dei doveri?
      Fedorov:

      Alla Russia come colonia è vietato avere un'attività nazionale. In Russia non c'è un solo grande imprenditore senza cittadinanza straniera ... sono obbligati ad andare all'estero e dalla giurisdizione straniera per gestire e fare affari in Russia ...

      La società anglo-olandese Shell Global LNG Limited ha agito come partner di Gazprom.

      E questo prova le parole di Fedorov.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 10 March 2021 15: 25
        +2
        Ebbene, tu stesso hai confermato che qui dominano la mediocrità ei ladri! E ti va bene se difendi queste mediocrità con la schiuma alla bocca. Dimmi anche che Putin non c'entra, questi "boiardi" sono cattivi.

        Non crederai che l'ho già detto sì

        Fortunatamente, il nuovo governo ha sospeso lo svolgimento di questa orgia.

        Per quanto riguarda la mediocrità, vediamo come funziona il nuovo cabinet. Aspettiamo cosa accadrà all'industria del carbone e ai porti. Secondo me, lo Stato li sta gradualmente raccogliendo da sé. Nei porti funziona così. Le aziende lavorano, caricano, scaricano, realizzano profitti e mantengono l'infrastruttura portuale nello stato. Si spera che le mani raggiungano Novatek. hanno per lo più stranieri nello stabilimento, e questi non sono rappresentanti dell'Asia centrale. Probabilmente è più facile per loro, prendono specialisti già pronti all'estero e pagano loro stipendi dignitosi, ma non si preoccupano molto di fornire lavoro ai residenti locali. Tutto questo dovrebbe essere regolato dallo Stato.

        Hai capito cosa stai proponendo? Su chi hai alzato la coda? Il nostro governo ha una famiglia, un'attività lì! A chi imponi dei doveri?

        Chi ha una famiglia e un'attività? per favore sii più specifico.

        Fedorov: "Alla Russia come colonia è vietato avere un'attività nazionale. In Russia non c'è un solo grande imprenditore senza cittadinanza straniera ..... sono obbligati ad andare all'estero e dalla giurisdizione straniera per gestire e fare affari in Russia. ... "

        Che diavolo è questo? Secondo me, ti ho già fornito un link dove è registrato Rusal. Le aziende stanno subendo una nuova registrazione in Russia. Cosa pensa Fedorov dei suoi problemi? Hanno anche trovato uno specialista per me. risata

        "La società anglo-olandese Shell Global LNG Limited ha agito come partner di Gazprom",
        E questo prova le parole di Fedorov.

        Se segui la tua logica, agli inglesi è vietato avere un'attività nazionale, altrimenti cosa ci fanno lì gli olandesi?
        Per quanto riguarda la disponibilità di partner, vuoi vendere il gas direttamente ai consumatori inglesi? È possibile che forniscano tecnologia. Pensi che non abbia senso collaborare con loro?

        SHELL GLOBAL LNG LIMITED ha sede a Reading, Regno Unito e fa parte dell'industria petrolifera e del gas a monte. SHELL GLOBAL LNG LIMITED ha 322 dipendenti in tutti gli uffici e ha un fatturato di 11,49 miliardi di dollari. В famiglia aziendale SHELL GLOBAL LNG LIMITED entra a far parte di 5 aziende.
        1. lavoratore dell'acciaio 11 March 2021 15: 20
          -1
          Chi ha una famiglia e un'attività? per favore sii più specifico.

          Non arrabbiarmi con il tuo livello di istruzione!
          "Non ci crederai, l'ho già detto"
          Quindi sei un cosacco mandato! Una volta che proteggi i ladri e la mediocrità!
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 11 March 2021 16: 26
            0
            Non arrabbiarmi con il tuo livello di istruzione!

            Ti sconvolgerò in un modo diverso. Sei un sacco a vento risata

            Quindi sei un cosacco mandato! Una volta che proteggi i ladri e la mediocrità!

            E tu sei un bugiardo e un calunniatore con i pantaloni pieni, dal momento che incolpi le persone senza prove hi
            1. lavoratore dell'acciaio 12 March 2021 09: 29
              -2
              Sei un windbag

              sei un bugiardo e un calunniatore con i tuoi calzoncini pieni

              Una volta che gli insulti sono finiti, allora ho ragione - "inviato cosacco"! Prima di scrivere commenti, mostrali ai tuoi curatori.

              portare all'estero specialisti già pronti e pagare loro stipendi dignitosi,

              Ho già sentito parlare di specialisti da qualche parte, è stato lo stesso con EBN, non è cambiato nulla. Dì ai curatori di cambiare il record!
              1. 123 Офлайн 123
                123 (123) 12 March 2021 09: 58
                0
                E ancora alcune accuse infondate ... risata
    2. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 10 March 2021 14: 33
      +1
      È lo stesso nell'UE. Ha costruito un ventilatore, una mini centrale idroelettrica nella fattoria o un'altra canoa di nuova concezione. Il costo dell'energia da tali sonagli è di un ordine di grandezza superiore al solito. Ma lo stato sta costringendo le compagnie energetiche ad acquistarlo dalle imprese e a metterlo nella rete generale. E poi il consumatore paga tutto. Ebbene, è comprensibile che tutti questi "uomini d'affari elettrici" siano strettamente collegati con i funzionari responsabili dell'energia "verde".
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 10 March 2021 15: 27
        +2
        È lo stesso nell'UE. Ha costruito un ventilatore, una mini centrale idroelettrica nella fattoria o un'altra canoa di nuova concezione. Il costo dell'energia da tali sonagli è di un ordine di grandezza superiore al solito. Ma lo stato sta costringendo le compagnie energetiche ad acquistarlo dalle imprese e a metterlo nella rete generale. E poi il consumatore paga tutto. Ebbene, è comprensibile che tutti questi "uomini d'affari elettrici" siano strettamente collegati con i funzionari responsabili dell'energia "verde".

        Stanno cercando di raccontare questo peso intorno al collo della nostra economia. quindi vogliono neutralizzare il vantaggio competitivo sotto forma di energia a basso costo.
    3. prato Офлайн prato
      prato (Yaroslav) 14 March 2021 20: 12
      0
      Citazione: 123
      Ad esempio, per garantire che i prodotti delle imprese chimiche fornite dalla Germania siano rispettosi dell'ambiente e non danneggino la natura, come nella produzione,

      Puoi dirci di più sul tipo di prodotti chimici di cui parli?
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 14 March 2021 21: 04
        +1
        Puoi dirci di più sul tipo di prodotti chimici di cui parli?

        Questo è solo un esempio. Nella struttura delle importazioni dalla Germania, i prodotti chimici non sono gli ultimi. Come quello:
        https://ru-stat.com/date-M201607-201707/RU/import/DE
  2. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 10 March 2021 15: 26
    -4
    Il Qatar non gestisce 70 cc di GNL all'anno. Come appare la Russia in questo contesto?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 14 March 2021 21: 13
      +2
      Il Qatar non gestisce 70 cc di GNL all'anno. Come appare la Russia in questo contesto?

      Sembra buono.



      E abbiamo rapporti abbastanza pragmatici con il Qatar. Trasportano il gas in Asia con contratti russi, la Russia in Europa con contratti in Qatar. quindi più vicino e meno costi.