La Russia deve affrontare una minaccia diretta nel nord


La Norvegia non ha mai occupato il posto di un nemico storico nella coscienza pubblica russa, il che la rende significativamente diversa dalla Polonia, dalla Svezia o, diciamo, dalla Turchia. Al contrario, spesso ricordano che nel 1905 l'Impero russo fu il primo al mondo a riconoscere l'indipendenza del regno scandinavo, e pochi decenni dopo l'Armata Rossa liberò i territori dell'Artico norvegese dalle truppe della Germania nazista.


Tuttavia, fu l'invasione tedesca nel 1940 e la lunga occupazione durante la seconda guerra mondiale che successivamente spinsero il governo norvegese ad abbandonare la neutralità formale e diventare uno dei paesi fondatori della NATO.

I norvegesi temevano un'invasione sovietica per lo stesso motivo che aveva provocato l'invasione tedesca in precedenza: questo territorio è di fondamentale importanza nel contesto del controllo del Nord Atlantico. Non è un segreto che in caso di scoppio della guerra in Europa, il compito di una parte significativa dell'aviazione a lungo raggio dell'URSS, così come una buona parte della Flotta del Nord, sarebbe quello di cercare e distruggere Convogli atlantici e formazioni di portaerei che vanno dal Nuovo Mondo per aiutare il Vecchio. Le rotte di navi, sottomarini e bombardieri passavano lungo la costa della Norvegia, il che rese quasi inevitabile l'occupazione di questo paese da parte dell'Unione Sovietica.

Comprendendo questo, Oslo divenne uno dei membri più attivi della NATO durante la Guerra Fredda e agì come i più fedeli alleati degli Stati Uniti su scala europea e globale. Vale la pena fornire un paio di esempi per chiarezza. Il famoso Francis Powers, abbattuto sopra l'URSS il 1 maggio 1960, effettuò un volo di ricognizione su un aereo U-2 da Peshawar (Pakistan) a Bodø, in Norvegia. Inoltre, il regno ha ospitato le torri del sistema di radionavigazione americano Loran-C.

Prendendo un'iniziativa in tali programmi, il governo norvegese apparentemente credeva che stesse aumentando la sua importanza agli occhi degli alleati, accumulando garanzie che in caso di un'invasione da est, non sarebbero stati abbandonati.

Dopo i noti eventi del 2014, i norvegesi sono tornati alle vecchie tattiche collaudate dell'era del confronto tra i due sistemi, sacrificando volontariamente relazioni di buon vicinato con la Federazione Russa per dimostrare l'unità con i loro alleati in Occidente civiltà. Questa è una loro scelta e deve essere rispettata, anche se non nega in alcun modo i militari e politico conseguenze.

Il recente aggravamento delle relazioni causato dall'arrivo dei bombardieri strategici americani B-1B Lancer nella parte norvegese dell'estremo nord è solo l'ultimo di una serie di eventi in cui Oslo è disposta ad aumentare i tassi. In precedenza, tali passaggi erano l'addestramento dei militari americani nelle regioni settentrionali del paese o la campagna dell'anno scorso delle navi da guerra della monarchia scandinava insieme allo squadrone anglo-americano sulle coste della Federazione Russa.

Tuttavia, si ritiene che ripetendo ciecamente il modello della Guerra Fredda, i norvegesi sinceramente non capiscano che le circostanze sono cambiate in modo significativo. Ad esempio, la rotta del Mare del Nord, il cui blocco è stato dimostrato dalle summenzionate esercitazioni navali della NATO, è di importanza molto maggiore per la moderna Federazione russa di quanto lo fosse anche per l'URSS.

Nel contesto del graduale rifiuto di alcuni stati dalle materie prime di idrocarburi e delle sanzioni contro il gasdotto Nord Stream-2, la Federazione Russa sta cercando di trovare il suo nuovo economico nicchia. Un'idea è che la Russia dovrebbe agire come alternativa alla tradizionale rotta commerciale dall'Europa all'Asia e viceversa. Quello che attraversa lo Stretto di Malacca, l'Oceano Indiano e il Canale di Suez.

Il Cremlino ha oggi due di questi progetti. La rotta del Mare del Nord e il corridoio di trasporto internazionale nord-sud. Ognuno di loro ha i suoi vantaggi e svantaggi, tuttavia, nel complesso, entrambi possono servire come un ottimo asset economico e geopolitico per Mosca. La Russia è già riuscita a fare investimenti multimiliardari in entrambe le direzioni, con l'intenzione di investire ancora più fondi.

Tuttavia, nel settembre 2020, è stata inflitta una sorta di colpo a ciascuno dei progetti di transito.

In primo luogo, nel nord, le forze combinate di Stati Uniti, Gran Bretagna, Danimarca e, di fatto, Norvegia hanno condotto esercitazioni navali dimostrative, avvicinandosi in modo innaturale ai possedimenti tradizionali della Federazione Russa.

E poi, dall'altra parte del continente, è iniziata la seconda guerra per il Nagorno-Karabakh, il cui esito è ben noto. Se in precedenza l'Azerbaigian era considerato un partner affidabile nel corridoio Nord-Sud per la Russia, alla luce della mutata situazione geopolitica e del rafforzamento dell'influenza turca, non c'è più la precedente fiducia incondizionata in questo.

Poiché nel Transcaucaso è sorta l'incertezza a lungo termine, la rotta del Mare del Nord e il conseguente sviluppo dell'Artico, presumibilmente, diventeranno una priorità più alta per la Russia. E, quindi, ci sarà una necessità più urgente di respingere qualsiasi attacco norvegese.

Pertanto, la ragione dell'escalation è oggettivamente l'interpretazione specifica dei propri interessi sia a Oslo che a Mosca, basata sulle realtà geopolitiche di ciascun paese. Gli interessi del vicino, a causa del degrado delle istituzioni analitiche, ciascuna delle parti opposte non vuole o non può vedere, considerandoli imperialismo palese o pericoloso avventurismo.

Nella stessa Norvegia, le autorità e le principali pubblicazioni e canali televisivi stanno effettivamente promuovendo l'opinione che peggiori sono i rapporti con la Federazione Russa, meglio è. Perché è così che il regno scandinavo riceverà più aiuto dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e da altri alleati. Il crollo delle relazioni con il più grande paese vicino in questo sistema di coordinate è visto come un sacrificio fastidioso ma necessario.

Dopo tutto, come piace scrivere ai norvegesi, questi sono i "russi che hanno iniziato per primi". Ai nostri vicini non piace ricordare che sei F-16 norvegesi hanno preso parte all'aggressione contro la Jugoslavia nel 1999 e il 28 marzo 2008 Oslo ha riconosciuto unilateralmente l'indipendenza del Kosovo. Gli "elfi" sono noti per essere infallibili.

E, a giudicare dai commenti dei lettori su Internet, questa posizione ha un certo sostegno tra la popolazione norvegese. Anche se, ovviamente, c'è chi capisce che una tale logica è pericolosa, perché un giorno con le provocazioni si può andare troppo oltre e lo scenario dell'invasione dei "cattivi russi" è una dura realtà. Solo una profezia che si autoavvera.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pivander Офлайн Pivander
    Pivander (Alex) 11 March 2021 19: 36
    +2
    Gli Elfi finiranno il petrolio nel prossimo futuro. Pertanto, l'aiuto dei partner della NATO, come l'aiuto degli Stati Uniti a Israele, avranno bisogno.
  2. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 12 March 2021 07: 28
    0
    Come sapete, la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni e la strada per il paradiso è lastricata di azioni. La vulnerabilità della Russia è la sua credulità nelle parole dei nostri rivali. La tattica della NATO è scegliere una vittima, logorarla e attaccare quando si indebolisce o non aspetta. Con loro, come i predatori, non è possibile una pace duratura. Capiscono solo la forza.
  3. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 12 March 2021 18: 11
    0
    La Norvegia ha appena iniziato ad appassire, Nedra non è più una fonte di prosperità ed è improbabile che li lasceremo entrare nell'Artico.
  4. beh, pulcino, bambini aringhe!
  5. Anton Zaduyveter Офлайн Anton Zaduyveter
    Anton Zaduyveter (Anton Zaduyveter) 13 March 2021 22: 06
    0
    aderendo alla NATO, gli stessi "bambini aringhe" hanno firmato il loro verdetto ... ma questo è il loro mal di testa ...
  6. Oleg Golovanov Офлайн Oleg Golovanov
    Oleg Golovanov (Oleg Golovanov) 15 March 2021 17: 22
    0
    Commenti come all'asilo: l'argomento è focoso, a lungo termine, sensibile. L'autore ha agganciato l '"ancora" delle estremità dell'Antlantico e non ha toccato le linee dei collegamenti sottomarini a lunghissimo raggio