L'Ungheria ha di nuovo ostacolato la "corrente turca"


Costruzione di un ponte-gasdotto di confine tra le reti gas di Serbia e Ungheria, progettato per pompare 6 miliardi di metri cubi. m. di materie prime all'anno, continua. Tuttavia, Budapest ha deciso di posticipare la messa in servizio dell'ampliamento di questa sezione a 8,5 miliardi di metri cubi. m di gas all'anno dal 1 ottobre 2022 al 1 ottobre 2023. L'Ungheria ancora una volta si è opposta al Turkish Stream, impedendo al flusso di gas in Austria e al progetto energetico di raggiungere la sua piena capacità.


La sezione principale sarà commissionata come previsto il 1 ottobre 2021. Ma con il pretesto delle sanzioni statunitensi contro il Turkish Stream, gli ungheresi decisero di contrattare per le migliori condizioni dai russi e loro stessi fallirono la loro "stagione aperta" nella raccolta delle domande per la distribuzione della capacità di espansione futura. Di conseguenza, semplicemente non hanno avuto il tempo di rispettare l'inizio della prossima stagione di riscaldamento, quindi hanno posticipato i tempi di costruzione. Ciò è dimostrato dai "gesti" dell'operatore GTS ungherese FGSZ e del regolatore statale ungherese MEKH.

FGSZ ha pubblicato il decreto MEKH, in cui si afferma chiaramente che il regolatore statale ha deciso di posticipare la costruzione su richiesta dello stesso operatore GTS. Allo stesso tempo, il regolatore statale ha chiarito che a causa dei timori di cadere sotto restrizioni in conformità con la legge statunitense "On Countering America's Adversaries Through Sanctions" (CAATSA), lo stesso operatore GTS ungherese ha interrotto il processo di raccolta delle domande. Per essere sicuri, gli ungheresi hanno persino scritto che il gas dall'Azerbaigian potrebbe fluire attraverso il suddetto gasdotto in due anni, anche se senza dettagli.

Va notato che la caduta dell'Ungheria sotto le sanzioni statunitensi a causa del Turkish Stream è altamente dubbia. Il punto è che questo gasdotto, che corre lungo il fondo del Mar Nero e si compone di due linee, termina in un hub nella parte europea della Turchia. Questo gasdotto non attraversa il territorio della Bulgaria, della Serbia e di altri paesi balcanici e dell'Europa centrale.

Le materie prime vengono pompate attraverso le reti nazionali di gas espanse di questi stati, che non hanno praticamente nulla a che fare con Turkish Stream. Semplicemente nello spazio dei media, per semplificare la comprensione dei cittadini, viene utilizzato il termine "Turkish Stream", che presumibilmente va dalla Russia all'Austria. Ma da un punto di vista giuridico non è così.
  • Foto utilizzate: https://www.gazprom.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Aleks Min Офлайн Aleks Min
    Aleks Min (Aleks Min) 11 March 2021 12: 23
    +2
    Ogni bastardino vuole un beneficio per se stesso ... ma può finire senza cibo sulla sua tavola