"Guardiamo il Su-57": la Turchia ha parlato di piani per l'aviazione militare


La Turchia ha un approccio molto flessibile allo sviluppo della sua aviazione da combattimento. Ankara non esclude la possibilità di acquisire caccia russi Su-35 e Su-57 per la sua Air Force, ma continua a fare affidamento sugli F-35 americani, sebbene la priorità del paese sia lo sviluppo di un caccia nazionale di quinta generazione. A proposito RIA "Notizie" ha detto al capo del ministero dell'Industria e tecnologia Turchia Mustafa Varank 11 marzo 2021.


Il ministro ha spiegato che a causa dell'acquisto del sistema di difesa aerea S-400 Triumph da Mosca, Washington ha ingiustamente escluso Ankara dal programma F-35. Tuttavia, la Turchia continua a produrre tutti i tipi di parti per l'F-35, inclusa la produzione di monopolio, e non violerà i suoi precedenti obblighi. Pertanto, l'assemblaggio degli F-35 da parte degli americani negli Stati Uniti non si ferma ei turchi sperano in un esito positivo per loro stessi.

Allo stesso tempo, Ankara guarda con interesse ad altri velivoli, poiché non può aspettare a lungo che Washington abbia pietà, e il programma per sviluppare il proprio caccia è un processo lungo. Negli anni 2030, la Turchia dovrà disattivare la flotta aerea degli F-16 esistenti, ma devono essere sostituiti con qualcosa.

La nostra priorità, prima di tutto, è lo sviluppo delle nostre capacità nello sviluppo di caccia di quinta generazione (programma TF-X - ndr). Ma se la Russia ha un aereo che soddisfa le nostre esigenze e non ci sono difficoltà con la sua implementazione nel nostro sistema di difesa, allora possiamo acquistarlo. In questo senso, non abbiamo alcuna posizione antagonista categorica.

- ha detto il ministro sui piani del suo paese, rispondendo allo stesso tempo a una domanda sugli aerei russi.

Il capo del dipartimento ha richiamato l'attenzione sul fatto che in molti progetti il ​​suo paese sta affrontando una discriminazione totale e un embargo nascosto. Ma la dipendenza esterna è inaccettabile per la Turchia, quindi sviluppa il proprio complesso militare-industriale, nonostante gli ostacoli.

Siamo riusciti ad aumentare la quota di produzione nazionale dal 20% al 70%

- ha osservato il funzionario.

Varank ha sottolineato che la Turchia si sta sforzando di diventare un paese autosufficiente "producendo e vendendo tecnologie di altissima qualità nel mondo".
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 11 March 2021 23: 06
    -4
    E l'intervista al ministro turco è stata probabilmente fatta dallo stesso misterioso giornalista americano Jeff Yaworski, che avrebbe contato il numero di droni turchi abbattuti da "Armor" in Libia? Brucio con voi, signori! risata
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 12 March 2021 17: 05
      +2
      Usa un respiratore e un estintore. E poi brucerai come poche dozzine di persone in Texas.