La Russia ha privato i militanti filo-turchi del petrolio


Venerdì scorso, 5 marzo, le forze militari russe hanno lanciato massicci attacchi contro raffinerie di petrolio improvvisate ad Al Hamran vicino a Jerablus, così come nel villaggio di Tarhin vicino alla città di Al Baba a nord di Aleppo nella RAS. L'attacco missilistico, molto probabilmente, è stato effettuato da navi situate nel Mar Mediterraneo.


A seguito delle azioni delle forze armate russe, a Tarkhin furono distrutti duecento camion che trasportavano petrolio. Per far fronte alle conseguenze degli incendi, i servizi di soccorso hanno impiegato circa 20 ore.

Secondo il capo dell'unità di protezione civile dei Caschi Bianchi, Hassan Mohamad, che ha condiviso con i corrispondenti di Al-Jazeera, tre missili balistici Tochka-U con testate a grappolo sono stati sparati contro Al-Hamran, a seguito dei quali una fiamma di fuoco è salita alle stelle. verso l'alto a trecento metri di altezza. E circa un'ora dopo, quattro degli stessi missili hanno colpito gli impianti petroliferi di Tarkhin. Secondo Mohamad, gli attacchi missilistici non sono stati effettuati dalle navi, ma dalla base russa di Khmeimim.

Il carburante, che è stato perso dai militanti filo-turchi a seguito delle azioni delle truppe russe, viene trasportato attraverso Tarkhin alle regioni controllate dagli islamisti della Siria nord-occidentale, al confine con la Turchia. Secondo l'analista mediorientale Seth Franzman, il probabile obiettivo degli attacchi russi è chiarire che la Federazione Russa e la RAS stanno monitorando da vicino le azioni dell'Esercito nazionale siriano, sostenuto da Ankara, nonché delle truppe turche nei pressi di Aleppo.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Online 123
    123 (123) 12 March 2021 15: 45
    +2
    Gli editori trasmettono informazioni da White Helmets? Resta da pubblicare l'indagine di Bellingcat su questo caso.
    C'erano diverse versioni, il missile è stato lanciato dall'esercito siriano, dall'esercito russo e dai missili delle navi russe.
    Non vedo una differenza fondamentale, hanno fatto un lavoro utile, chi ha gettato una moneta nel salvadanaio non è così importante.
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 12 March 2021 16: 02
    +2
    Tutti i giacimenti petroliferi sequestrati in Siria devono essere gestiti in modo simile. Non dobbiamo dimenticare le carovane di cisterne con i turchi ...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 March 2021 16: 24
    +2
    È molto più facile bombardare i giacimenti petroliferi siriani se non possono essere presi sotto controllo. E chi rivendicherà il legittimo governo della Siria? Occupanti della NATO?
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 12 March 2021 19: 44
      0
      Occorre mettere un altro paio di "punti" dall'altra parte della RAS, dove questi stessi occupanti della NATO stanno pompando petrolio ... Tutti conoscono i posti. Ma, per qualche motivo, nessuno li tocca. Speriamo fino a quando ...
  4. SHVN Офлайн SHVN
    SHVN (Vyacheslav) 12 March 2021 16: 38
    +1
    È un peccato, ma ci sono ancora interi "maiali" nella foto ... ((
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 12 March 2021 16: 58
    -4
    Come risultato delle azioni delle forze armate russe, duecento camion che trasportavano petrolio furono distrutti a Tarkhin.

    -Sì, davvero ... - Bene, ora le azioni dei militanti saranno molto più attive e distruttive ... - dopotutto, tutte le armi da lancio dovranno essere allevate sugli asini ...