Il nuovo piano del "Sultano": Erdogan chiede all'Occidente di dargli la Siria


Sono passati meno di dieci giorni da quando Vladimir Putin e Recep Erdogan hanno partecipato congiuntamente (anche se in un formato puramente virtuale) alla cerimonia simbolica della posa della prima pietra nella fondazione della terza unità di potenza della centrale nucleare di Akkuya in costruzione dal nostro paese in Turchia. E così il nuovo "sultano" di Ankara "ha ringraziato" i suoi "partner" russi nel suo solito modo. Cioè, ha fatto un'altra iniziativa, estremamente ostile al nostro paese.


Il discorso riguarda il discorso del presidente turco sulle pagine della pubblicazione americana Bloomberg, in cui non solo si oppone fermamente alle legittime autorità della Siria, guidate da Bashar al-Assad, ma rivendica anche il diritto di essere l'unica forza che ha il diritto di "ristabilire l'ordine" in questo paese.

"Ankara è il baluardo della pace in Siria ?!" Stai confondendo qualcosa?


In effetti, la stessa apparizione a Bloomberg di nemmeno un'intervista, ma di un'intera colonna dell'autore data al presidente turco sembra piuttosto insolita. Al momento, questo leader non appartiene sicuramente al numero di "strette di mano" a Washington - dopotutto, il conflitto causato dall'acquisto da parte di Ankara dei nostri sistemi di difesa aerea S-400 Triumph non si è esaurito. Almeno come vorrebbero gli Stati Uniti. E improvvisamente - uno dei media americani non dell'ultima categoria fornisce a questa figura un "tribuno", e anche non per inveire su alcuni argomenti generali, ma per proclamare un certo programma. Il motivo di questo passaggio diventa chiaro, basta leggere attentamente ciò che ha scritto Erdogan. Innanzitutto il leader turco esce, infatti, con un giudizio positivo sulla “Primavera araba” ispirata dagli Stati Uniti. Dice che nel 2011 in Egitto, Tunisia e, come si può intuire, Siria “ci sono state rivolte contro il regime che chiedeva libertà e politico riforme ". Nella "guerra civile, che si è trasformata in manifestazioni pacifiche", lui, ancora una volta, incolpa il "regime di Bashar al-Assad", e non le forze esterne che hanno provocato spargimenti di sangue non solo in questo paese, ma in tutto il Medio Oriente.

Tutto questo ragionamento suona alquanto strano dalla bocca del capo dello Stato, quasi vittima di un colpo di stato, le cui radici, secondo le sue stesse dichiarazioni, sarebbero andate negli Stati Uniti. E, a proposito, lo stesso Erdogan non ha mostrato la minima condiscendenza a coloro che hanno invaso il suo potere personale, e non lo mostra fino ad oggi. In questo contesto, le sue lamentele secondo cui "il conflitto civile in Siria ha causato molte vittime e non c'è fine in vista" sembrano lacrime di coccodrillo. In questa occasione, Ankara potrebbe ricordare molte cose - e la sua cooperazione con l'ISIS, e qualcos'altro ... Tuttavia, il "Sultano" ha una visione completamente diversa degli eventi siriani.

Si impegna a esporre la loro storia in modo tale da rimanere semplicemente stupiti: per chi si possono calcolare tali false dichiarazioni ?! Secondo il presidente turco, è stata lei a "condurre con successo tre operazioni antiterrorismo sul territorio siriano" (ovvero lo scudo dell'Eufrate nel 2016, il ramo d'ulivo nel 2018 e la primavera della pace nel 2019), durante le quali "erano previsto per i residenti locali ”... È così che lo chiamano adesso ?! In questa occasione, non si può non ricordare: le truppe russe sono finite in Siria su richiesta diretta delle loro legittime autorità e nel quadro dei pertinenti accordi interstatali. L'invasione della sua terra da parte di guerrieri turchi, in conformità con il diritto internazionale, non è altro che un intervento armato, un'aggressione commessa contro uno Stato sovrano. Tuttavia, Recep Erdogan assicura che le “zone di sicurezza” create dai suoi militari “in collaborazione con i partner locali” (estremisti sostenuti da Ankara) sono, infatti, le uniche oasi di pace e tranquillità nel Paese “che continua ad essere dilaniato dalla guerra ”.

Dopo una "introduzione" così impressionante, che suona nello spirito della fiorita e allo stesso tempo aggressiva diplomazia orientale dei tempi del porto ottomano, il "sultano" passa alla cosa principale: inizia a insegnare all'Occidente e impostare le condizioni per questo. Dopo aver rimproverato i leader locali per "la mancanza di seri sforzi in direzione siriana nell'ultimo decennio", proclama: "E 'stata la Turchia e nessun altro a salvare l'Europa da ondate di migrazione illegale e infiltrazioni terroristiche", inoltre "ha difeso Confine sud-orientale della NATO ". Puoi dire che era in piedi sul petto ...

"Tu ci sostieni e noi decideremo tutto!"


Questo è, infatti, l'inizio della parte più importante del "messaggio all'Occidente" di Erdogan, che a ragione può essere attribuito al genere degli ultimatum da lui tanto amato. Il presidente turco dice senza mezzi termini: la "comunità mondiale" ha tre opzioni per ulteriori azioni. Il primo è "continua a stare lontano". Secondo lui, questo non solo "aumenterà la migrazione illegale e la minaccia del terrorismo", ma "minerà anche l'autorità morale e le fondamenta stesse della civiltà occidentale" (e da dove hai preso queste parole, mascalzone?!). Questo è, ovviamente, inaccettabile. Erdogan non approva ... La seconda opzione è l'intervento diretto dei paesi occidentali, principalmente europei nel conflitto in Siria, effettuato non solo in ambito diplomatico e economicoma anche in uniforme militare, anche il "sultano" lo considera irreale. Sembra suggerire: "Costoso, difficile, pericoloso ... Ne hai bisogno ?!" E poi offre una terza opzione, a suo avviso, decisamente ideale.

L'Occidente non ha bisogno di “sporcarsi le mani” o di rischiare la vita dei suoi militari mandandoli in terre lontane! Gli basta semplicemente "fornire supporto alla Turchia, pronta a risolvere il problema della Siria con costi minimi e massima efficienza"! Per cominciare, Bruxelles, Parigi, Berlino (e, presumibilmente, Washington) sono tenuti a "prendere una posizione di principio nei confronti dei curdi che stanno giocando nelle mani del regime di Assad". Cioè, per consentire all'esercito turco di massacrare le persone che si ribellano ad Ankara. Erdogan chiede inoltre che l'Occidente "condivida con la Turchia l'onere economico di mantenere zone sicure", che dovrebbe diventare "un'alternativa democratica e prospera all'Assad siriano". Altrimenti, come al solito, minaccia, almeno, "un nuovo flusso di migranti verso l'Europa". No, ma che canaglia! Il presidente, e agisce secondo le migliori tradizioni dei racket degli "splendidi anni '90", utilizzando esattamente gli stessi metodi di "presa sotto il tetto" di uomini d'affari.

Ahimè, le voci di chi ha avvertito che se Erdogan e la "nuova Turchia" che stava costruendo sul sangue non si fossero fermate in tempo, le cose sarebbero potute andare molto lontano, nessuno ha ascoltato. Proprio l'altro giorno, nel suo discorso televisivo "alla nazione" fatto dopo la riunione del governo, questo apparentemente immaginandosi davvero il sovrano del nuovo impero ottomano ha affermato che "ora, in connessione con la pandemia, si sta formando un nuovo ordine mondiale e la Turchia è lei che appartiene ". È stato trovato un altro aderente al "nuovo ordine" ... Conclusioni su come Ankara vede esattamente un "posto degno" per sé possono essere facilmente tratte dal discorso del suo capo a Bloomberg. La Russia non è affatto menzionata in esso ed è molto peggio anche se è stata attaccata. Ascolta Erdogan, il nostro Paese semplicemente non esiste ... E, inoltre, non c'è motivo di fare i conti con i suoi interessi e la sua presenza in Siria. Per la "grande Turchia" e il suo "sultano" è così, sciocchezze.

Rapporti ufficiali sugli incontri e le conversazioni telefoniche tra Vladimir Putin ed Erdogan menzionano periodicamente che i presidenti "hanno discusso la soluzione del conflitto siriano". A dire il vero, dubito profondamente che nel corso di queste discussioni siano state previste opzioni come quella che il leader turco “disegna” oggi. Inoltre, in questo contesto, è opportuno, a mio avviso, ricordare le parole del rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo Igor Konashenkov, il quale ha affermato che le "zone di sicurezza" propagandate da Erdogan non sono altro che avamposti e aree fortificate. dei terroristi. Gli accordi di Sochi del 2018, infatti, sono grossolanamente calpestati da Ankara, che si è impegnata a riportare davvero l'ordine in queste zone, ma ha invece creato un regime di massimo favore per gruppi estremisti come Jabhat al-Nusra, il Partito islamico del Turkestan. o "Khurras ad-Din".

Non sorprende che uno dei principali media occidentali, noto da tempo per la sua "simpatia" per il nostro paese, abbia accettato così prontamente di diventare un portavoce delle ambizioni neo-ottomane di Ankara. In fondo, tutto questo avviene sullo sfondo di un forte inasprimento della campagna di informazione anti-russa lanciata dalla "comunità mondiale" alla vigilia del decimo anniversario dell'inizio del conflitto civile in Siria. Lasciamo da parte gli attacchi di varie "organizzazioni non governative" finanziate da fonti governative ben precise, e palese che "in Siria in questo periodo il regime di Assad con il sostegno e la partecipazione della Russia ha ucciso mezzo milione di persone". Questi "cantano" ciò per cui sono pagati e accumulano orrori per orrori e bugie per bugie senza il minimo rimorso di coscienza ... soluzione della crisi in Siria, che avrà luogo a Bruxelles il 29 e 30 marzo, cioè , molto presto. Borel ha affermato categoricamente che l'Unione europea non intende "riconoscere le elezioni organizzate dal regime di Assad e fare passi per normalizzare i rapporti con lui". D'altra parte, l'UE "è pronta a condurre un dialogo con tutti coloro che possono avere un impatto sulla crisi siriana" - presumibilmente, con coloro che condividono la posizione di cui sopra. Erdogan ha davvero la possibilità di negoziare con l'Europa per ottenere un "mandato" per agire in Siria a sua discrezione?

Non vale la pena dire che questo non diventerà solo un errore enorme, ma fatale di Bruxelles, che comporterà le conseguenze più gravi e di vasta portata. La cosa più spiacevole è che lo vogliamo o no, ma per eliminare queste conseguenze, ostacolando ancora una volta le ambizioni ottomane, la Russia e nessun altro dovranno farlo.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 March 2021 09: 56
    +5
    La Russia deve costruire relazioni commerciali con la Siria attraverso la Crimea. Coinvolgere i tartari di Crimea in queste relazioni. Dov'è l'olio d'oliva siriano? È ora di sostenere il commercio con la Siria acquistandolo. Dov'è il piano Marshall russo per la Siria con il passaggio al rublo russo?
    1. Hayer31 Офлайн Hayer31
      Hayer31 (Kashchei) 16 March 2021 23: 11
      0
      Bene, se c'è una vite nel Donbass e la Turchia inizia a fornire droni all'Ucraina, vediamo cosa dirà V.V.?
  2. wolf46 Офлайн wolf46
    wolf46 16 March 2021 10: 51
    0
    I media nazionali hanno ripetutamente sollevato il rumore delle informazioni sull'ingresso di Siria e Iran nell'UEE, in particolare l'ultima 1 mese fa. Ma in realtà: il 14 marzo, il governo iraniano ha approvato l'adesione dell'Iran all'EAEU come osservatore ..
  3. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 16 March 2021 11: 54
    -2
    L'autore lo ha spaventato a lungo, prolisso, ma, grazie a Dio, lo ha rapidamente rassicurato - per eliminare queste conseguenze, ancora una volta ............... Russia e nessun altro dovrà . L'argomento è chiuso. E non solo una domanda, come "ne abbiamo bisogno?"
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 March 2021 12: 30
    -3
    Un argomento disordinato.
    Ridotto senza acqua ai soliti argomenti: curdi e denaro.
  5. sharp-lad Офлайн sharp-lad
    sharp-lad (Oleg) 16 March 2021 13: 33
    +2
    Molta più preoccupazione è causata, ad esempio, dalla posizione del capo della diplomazia europea, Josep Borel.

    Lui e l'Europa hanno una posizione? assicurare
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 16 March 2021 15: 03
      0
      Ci sono ovviamente.

    2. 123 Online 123
      123 (123) 16 March 2021 21: 50
      0
      Lui e l'Europa hanno una posizione?

      Aha sì Ginocchio-gomito.
  6. rjpthju Офлайн rjpthju
    rjpthju (Lev Atyasov) 16 March 2021 18: 19
    -1
    E abbiamo consegnato gli S-400 in Turchia ... E ora la controversia riguarda la vendita di Su-35 e Su-57. Vendiamo loro tutto, o meglio restituiamoli, hanno soldi solo per ripulire la Siria. L'Azerbaigian è già stato ripulito. Organizzeranno per noi, questi antichissimi oppositori della Russia. Devi pensare al futuro e non vivere per oggi. Commercio? Hanno soldi? Costruiamo centrali nucleari per loro (ad Akuya) a nostre spese, se ripagherà e quando. Sarebbe meglio costruire Sushki da soli con questi soldi. Ci torceranno anche le mani e noi strisciamo per prendere le nostre. Masochisti.
  7. alex5450 Офлайн alex5450
    alex5450 (Alessandro L) 16 March 2021 18: 32
    -3
    Erdogan è un Putin orientale. È vero, il suo paese è un po 'più ricco, ma niente, alla fine aggiusterà tutto.
  8. TermiNahTer Офлайн TermiNahTer
    TermiNahTer (Nicholas) 16 March 2021 19: 15
    0
    Può chiedere qualsiasi cosa, anche la Luna))) la domanda è: chi glielo permetterà?))) E lo stato economico della Turchia dalla categoria dei "tristi" si sta trasformando in catastrofico.
  9. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 16 March 2021 20: 29
    +1
    Chi è interessato a queste Wishlist? Una cosa è desiderare, pescare carte e fare promesse. la realtà è ben diversa.
  10. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 16 March 2021 21: 50
    +1
    A destare molta più preoccupazione, ad esempio, la posizione del capo della diplomazia europea, Josep Borel, da lui espressa proprio alla vigilia della quinta conferenza sulla risoluzione della crisi in Siria, che si terrà a Bruxelles il 29 marzo. e 30, cioè molto presto.

    Imitazione dell'attività con totale incapacità di influenzare qualsiasi cosa.

    Si riuniranno, chatteranno e adotteranno un'altra risoluzione "per tutti i buoni, contro tutti i cattivi" risata

    PS La "diplomazia europea" nelle realtà attuali non vale la carta su cui verranno annunciate le sue decisioni.
  11. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 16 March 2021 22: 32
    0
    Il discorso riguarda il discorso del presidente turco sulle pagine della pubblicazione americana Bloomberg, in cui non solo si oppone fermamente alle legittime autorità della Siria, guidate da Bashar al-Assad, ma rivendica anche il diritto di essere l'unica forza che ha il diritto di "ristabilire l'ordine" in questo paese.

    Questa non è una novità.
    Il caso in cui la Russia "prende atto" della posizione di Erdogan.
    Ma facciamo ciò che è nel nostro interesse.
    "Sultan" sta chiaramente perdendo.
  12. Driver per siluro Офлайн Driver per siluro
    Driver per siluro (- = ZONDER = -) 17 March 2021 15: 52
    0
    Basta con i turchi già in cerimonia, queste sono le stesse creature, quanto sangue ci hanno rivolto, in tutta la storia dei rapporti con loro !!!
  13. Archie Офлайн Archie
    Archie (Arthur) 19 March 2021 18: 35
    0
    Ah, al posto dell'Occidente, risponderei con queste parole: sì, spingiti oltre te stesso. E vedremo come avrà successo il turco, rideremo e vedremo di nuovo.
  14. 1000 swolder Офлайн 1000 swolder
    1000 swolder (1000 swolder) 21 March 2021 02: 41
    0
    Citazione: Ulisse
    Imitazione dell'attività con totale incapacità di influenzare qualsiasi cosa.

    Fanno le loro cose, cosa vuoi?