La tempesta di sabbia cinese del decennio minaccia la Russia: perché sta accadendo


La Cina è stata coperta dalla tempesta di sabbia del decennio. La metà del paese, compresa la sua capitale Pechino, è ora dipinta in tutte le sfumature di giallo, che ricordano molto le riprese del post-apocalittico Blade Runner 2049. Sono già morti l'economia Il Celeste Impero ha subito gravi danni. I meteorologi sostengono se questo disastro naturale raggiungerà la Russia. Ma se la verità arriva, non oggi, poi domani, allora a cosa possiamo opporci?


Le tempeste di sabbia o di polvere sono fenomeni naturali estremamente pericolosi. Sono tipici delle regioni del Nord Africa, della penisola arabica, dell'Asia centrale e della Cina e, in misura minore, del Nord America e dell'Australia. Di norma, sono provocati da forti temporali o cicloni, quando forti venti sollevano enormi quantità di polvere e sabbia nell'atmosfera e le trasportano su lunghe distanze, centinaia o addirittura migliaia di chilometri.

Tali fenomeni meteorologici rappresentano un grave pericolo per la salute umana. Grandi particelle trasportate dalla polvere e dalle tempeste di sabbia causano irritazione alla pelle e agli occhi e congiuntivite. Le piccole particelle sono ancora più pericolose, poiché entrano nel naso, nella bocca e nel tratto respiratorio superiore e provocano asma, tracheiti, riniti allergiche, polmoniti, silicosi e disturbi cardiovascolari. Si stima che nel solo 2014 gli effetti dell'esposizione alle particelle di polvere abbiano causato la morte prematura di oltre 400mila persone a causa di malattie cardiovascolari in tutto il mondo. Inoltre, alcune malattie pericolose vengono trasmesse attraverso la polvere, che è nota nelle regioni dell'Africa, del Messico settentrionale e degli stati meridionali degli Stati Uniti. In altre parole, una tempesta di sabbia o sabbia è un problema serio. Aggiungiamo a questo il loro impatto negativo sull'economia. Ciò include i danni alle piantagioni agricole e l'inquinamento dei bacini idrici e dei canali di irrigazione e la cancellazione forzata dei voli passeggeri, nonché i danni ai motori degli aeromobili e alle auto da particelle di polvere e danni causati alle ormai popolari centrali solari.

La Cina ha vissuto tutto questo fino in fondo. Tredici province cinesi, compresa Pechino, sono ricoperte di sabbia. La concentrazione di piccole particelle nell'aria supera il massimo consentito 13 volte nella capitale del paese. Tutto intorno è diventato giallo a causa delle microparticelle di sabbia, che ora sono ovunque, anche all'interno dei polmoni. La visibilità è diminuita drasticamente, si sono formati enormi ingorghi sulle strade e oltre 160 voli sono stati cancellati. L'unica cosa che fa risparmiare un po 'è che ora tutti i cinesi sono armati di maschere. L'esperto del Centro di controllo ambientale Wang Xiaoyuan ha spiegato:

Le correnti del vento dalla Mongolia si mischiarono alla nostra aria fredda e iniziarono a spingere la sabbia verso l'interno. Praticamente l'intero nord della Cina è stato colpito.

La cosa più interessante è che in questa cruda apocalisse c'è una buona dose di colpa della Cina. Il fatto è che le tempeste di polvere, sempre più potenti, sono una diretta conseguenza del rapido sviluppo economico della RPC. Ogni anno, l'area dei deserti in questo paese aumenta di circa 1300 km². La copertura vegetale è ridotta a causa dell'uso attivo del suolo e del pascolo del bestiame, il suolo perde la sua struttura e resistenza all'erosione. Parallelamente, a causa della crescita demografica e della produzione industriale in Cina, è aumentato anche il consumo di risorse idriche: si stanno costruendo dighe, si perforano nuovi pozzi artesiani. Il risultato è una diminuzione del livello delle acque sotterranee e del flusso d'acqua nei fiumi. Quindi, il famoso Haunhe nel corso inferiore ora è asciutto per sei mesi. E questo non può essere definito un problema locale di una sola Cina. Le tempeste di polvere da lì finiscono non solo nella vicina Corea e Giappone, ma anche negli Stati Uniti. Ora i meteorologi nazionali stanno valutando se la "tempesta cinese del decennio" andrà in Russia.

Con tutto questo è impossibile dire che Pechino non stia facendo nulla per combattere la desertificazione, anzi. Il Celestial Empire ha portato avanti un programma per creare la Grande Muraglia Verde da diversi decenni. Entro il 2050, i cinesi intendono piantare la vegetazione nel loro paese in un'area delle dimensioni più o meno della Germania. La deforestazione è stata fermata (ma, a proposito, è aumentata in Russia). Attraverso le 13 province più problematiche viene piantato un vero e proprio muro di alberi e arbusti, lungo più di 4500 km e largo circa 100 km. L'impianto di alberi è incentivato a livello legislativo: ogni cinese deve piantare da 3 a 5 piantine all'anno o pagare una tassa al tesoro. Allo stesso tempo, è considerato il proprietario degli alberi che ha piantato personalmente. Anche su scala industriale, le dune di sabbia vengono abbattute e livellate con l'aiuto di una costruzione speciale attrezzaturaei semi vengono fatti cadere sull'area preparata dagli aerei.

In generale, Pechino sta portando avanti un programma piuttosto serio e ambizioso per rendere più verde il suo paese. Le foreste piantate dovrebbero rafforzare il suolo per combattere l'erosione, oltre a prevenire la formazione di forti venti. E, nonostante tutte queste misure prese, i deserti continuano ad avanzare e le tempeste si intensificano. Questa è una tendenza estremamente inquietante. Vale la pena porre la domanda, quanto è pronto il nostro paese per un tale sviluppo della situazione? Le nostre foreste vengono demolite su scala industriale, in gran parte nell'interesse di quella stessa Cina. Milioni di ettari di taiga vengono bruciati ogni anno. I fiumi si prosciugano. Lo scorso autunno, una tempesta di sabbia ha colpito le regioni meridionali della Russia, la regione di Rostov e il territorio di Stavropol.

Forse è ora che pensiamo a possibili prospettive cupe e iniziamo a fare qualcosa in modo preventivo, senza aspettare che il problema si trasformi in un vero disastro ecologico? Dopo tutto, l'URSS una volta ha attuato il proprio piano per trasformare la natura per creare grandi cinture forestali nelle regioni della steppa e della steppa forestale per prevenire siccità, tempeste di polvere e sabbia, e ha dato risultati eccellenti. Purtroppo, dopo la morte del suo autore, I.V. Stalin, questo piano è stato ridotto e molte piantagioni sono state abbattute.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 16 March 2021 12: 44
    -4
    Sono completamente d'accordo. Guarda il video su YouTube.
    http://https://www.youtube.com/watch?v=bABrc9JD240&ab_channel
    Orrore, ma i fan ora ci spiegheranno che Putin non c'entra, questo è un ladro "boiardo"!
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 16 March 2021 14: 42
      +6
      Orrore, ma i fan ora ci spiegheranno che Putin non c'entra, questo è un ladro "boiardo"!

      Davvero orrore assicurare Ma cosa c'era prima no Niente cinesi, niente ladri, niente disboscamento richiesta tutto è decoroso, nobile sì Ho cercato Putin nel filmato, non l'ho trovato. richiesta Puoi aiutare?



      Le foreste sul fondo del fiume sono state così "accatastate" che ora vengono estratte su scala industriale.

  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 16 March 2021 13: 06
    +4
    La deforestazione è stata fermata (ma, a proposito, è aumentata in Russia).

    Ciottoli oltre l'orto richiesta Il più grande fornitore di legname in Cina sono gli Stati Uniti sentire

    Le nostre foreste vengono demolite su scala industriale, in gran parte nell'interesse di quella stessa Cina.

    Cosa c'entrano gli interessi della Cina? La foresta viene abbattuta a scopo di lucro e l'industria è in ordine. Non è così?

    Milioni di ettari di taiga vengono bruciati ogni anno.

    In California e in Australia non c'è taiga, ma non c'è meno sfolgorante. La foresta brucia, brucia e brucerà per sempre e in tutto il pianeta.

    Lo scorso autunno, una tempesta di sabbia ha colpito le regioni meridionali della Russia, la regione di Rostov e il territorio di Stavropol.

    Anche la foresta è tagliata laggiù? Sicuramente negli "interessi della Cina"?
    Lo sviluppo dell'agricoltura nelle regioni meridionali è la ragione principale del verificarsi di tempeste di sabbia sul territorio del nostro paese. Questo non ha nulla a che fare con la deforestazione e gli incendi boschivi. hi

    "In Russia, il confine settentrionale della diffusione delle tempeste di sabbia passa attraverso Saratov, Samara, Ufa, Orenburg e ai piedi dell'Altai. Le tempeste di polvere sono più diffuse nel sud della parte europea della Russia, così come nella parte centrale e Distretti del Volga. Tempeste di polvere e sabbia nel Caucaso settentrionale e nella regione del Basso Volga furono notate dai ricercatori alla fine del XVIII secolo. Nel XIX secolo, secondo la sintesi di KS Kalyanov (1976), furono osservate forti tempeste di polvere in questa regione 9 volte.

    Aratura negli anni '60 XX secolo. 110 mila ettari di terre sabbiose vergini in Kalmykia hanno successivamente formato i nuclei principali della formazione di tempeste di sabbia nella repubblica e le più grandi distese (più di 150 ettari) di sabbia mobile. Tempeste di polvere particolarmente attive sono esposte sul territorio della Calmucchia Komsomolsky, Utta, Naryn-Khuduk, ecc.

    Sul territorio della regione di Rostov, soprattutto nella sua parte orientale, si osservano spesso tempeste di sabbia. Sono piuttosto lunghi (fino a diverse settimane) e coprono vaste aree. Il periodo più pericoloso è considerato la fine di marzo - la fine di aprile. Il numero di giorni con tempeste di sabbia diminuisce naturalmente quando ci si sposta verso ovest: da 19 giorni all'anno nel villaggio. Apprezzato fino a 8 giorni a Rostov sul Don. Le più grandi tempeste di polvere, che avevano il carattere di processi catastrofici, furono osservate nella regione di Rostov nel 1837, 1885, 1892, 1928, 1939, 1947, 1948, 1949, 1952, 1957, 1960, 1969, 1984, 1999. Le tempeste di polvere sono state particolarmente forti e prolungate nel periodo gennaio-febbraio 1969.
    Nella regione di Volgograd, le tempeste di sabbia sono più frequenti nel Trans-Volga e nelle regioni settentrionali della regione. La loro durata totale è di almeno 10-15 giorni all'anno. A volte si verificano tempeste di sabbia particolarmente violente. Ad esempio, nel febbraio 1969 e all'inizio di maggio 1972.
    tali tempeste hanno causato la morte dei raccolti su vaste aree.
    Nella regione di Astrakhan nell'aprile 1988, le tempeste di sabbia hanno coperto il 60% del territorio, sono durate diverse ore con una velocità del vento di 18-20 m / s. La conseguenza di questo disastro naturale è stata la morte di raccolti su centinaia di ettari.

    http://method.meteorf.ru/publ/tr/tr378/05.pdf
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 16 March 2021 14: 20
      +1
      Citazione: 123
      Cosa c'entrano gli interessi della Cina? La foresta viene abbattuta a scopo di lucro.

      Il legname viene tagliato come profitto per essere venduto alla Cina. Quindi sarà più accurato. hi
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 16 March 2021 15: 11
        +2
        Il legname viene tagliato come profitto per essere venduto alla Cina. Quindi sarà più accurato

        Il legname viene venduto non solo in Cina. Perché viene individuato?
        Ci viene detto che è un peccato commerciare petrolio e gas con l'Europa, o che vendiamo legname ai cinesi. E ciò che è tipico, dove dovremmo vergognarci, gli americani con calma e senza arrossire cercano di salire e prendere il nostro posto sì
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 March 2021 13: 14
    +1
    Preserva urgentemente i letti dei fiumi e inizia a piantare cinture forestali!
  4. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 16 March 2021 14: 01
    0
    Citazione: 123
    Anche la foresta è tagliata laggiù? Sicuramente negli "interessi della Cina"?
    Lo sviluppo dell'agricoltura nelle regioni meridionali è la ragione principale della comparsa di bocce polverose sul territorio del nostro paese. Questo non ha nulla a che fare con la deforestazione e gli incendi boschivi.

    A proposito di questo nel secondo articolo. Aspettare hi
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 16 March 2021 15: 13
      +2
      A proposito di questo nel secondo articolo. Aspettare

      Nessun dubbio. Mi aspettavo una spruzzata di articoli sul tema ambientale. Ci scusiamo per essere immodesto - citazione automatica tre giorni fa dopo un articolo sulla siccità in California hi

      Così presto l'intero spazio informativo sarà pieno di messaggi sull'incendio della taiga in Russia.
  5. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 16 March 2021 14: 22
    +4
    La deforestazione di foreste e alberi è un grosso problema per la Federazione Russa. A Voronezh, gli alberi vengono massicciamente abbattuti per il bene delle imprese di costruzione, che non si preoccupano di ciò che la gente respirerà.I funzionari con doppia e tripla cittadinanza, che consentono questa illegalità, non si preoccupano nemmeno della Federazione Russa e della sua popolazione indigena.
  6. FrankyStein Офлайн FrankyStein
    FrankyStein (Franky Stein) 16 March 2021 23: 44
    +1
    Il clima si fa più caldo, i deserti si dilatano, i venti si fanno più forti. Le cinture forestali, ad esempio a Volgograd, non vengono abbattute, semplicemente si seccano e si bruciano.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 17 March 2021 19: 29
      0
      Ciao a tutti! All'inizio degli anni '70, c'era un programma copiato dalla nostra striscia forestale stalinista in tutto il paese nell'ANDR, chiamato Barrage vert.
  7. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 17 March 2021 20: 21
    +2
    Il tuono non colpirà, l'uomo non si farà il segno della croce. Ed è tutto su di noi