La perdita del transito russo spinge i paesi baltici verso la reindustrializzazione


Politica La pressione economica esercitata dal Cremlino sui paesi baltici negli ultimi anni ha prodotto un risultato inaspettato, ma allo stesso tempo abbastanza atteso. Avendo perso i flussi di transito russi e allo stesso tempo bielorussi, i Baltici stanno ora pensando alla reindustrializzazione. La presenza di tali piani è stata annunciata dal capo del governo lettone Krisjanis Karins. Cosa può venire da questo?


Sembra tutto abbastanza ironico. Il fatto è che gli Stati baltici ereditarono dall'URSS un'industria pesante sviluppata, di cui iniziarono a sbarazzarsi rapidamente dopo aver ottenuto l'indipendenza, e la Lettonia era il leader indiscusso in questo processo. Tutti hanno sentito i nomi di RAF, VEF, "Alpha", "Radiotekhnika" e altri marchi lettoni di successo. Tutti loro sono stati immediatamente chiamati "mostri sovietici", inefficaci, che consumano energia e non redditizi, e quindi riportano la Lettonia nello "scoop". In termini di tasso di liquidazione della sua industria, Riga ha superato anche Vilnius e Tallinn. Si prevedeva invece che diventasse la "Svizzera baltica", dove la posta principale sarà posta sul settore bancario e assicurativo, e il livello di benessere dei lettoni si avvicinerà alla Scandinavia.

Ciò che ne è derivato in pratica è ben noto. Più della metà della popolazione in età lavorativa dei Paesi Baltici è partita per altri paesi dell'UE, dove c'è lavoro e salari più alti, e non tornerà. Oltre al "Riga Balsam", allo spratto e alla fabbrica di dolciumi "Laima", in Lettonia non sono rimaste produzioni speciali. Cos'altro teneva a galla le "tigri baltiche"? Naturalmente, il loro tradizionale ruolo di transito tra Russia e Bielorussia, da un lato, e l'Europa occidentale, dall'altro. Prodotti petroliferi, fertilizzanti minerali, carbone e altri carichi alla rinfusa venivano trasportati attraverso i porti lettoni e lituani.

Tuttavia, anche la russofobia proprietaria dei Balts è stata ridotta su questa cagna. Mosca ha iniziato diversi anni fa il processo di riorientamento dei flussi di merci verso i propri porti sul Mar Baltico. Ora Minsk è stata costretta a seguire il suo esempio, decidendo di insegnare alla Lituania una lezione per la sua "fobia Lukashenka". La metà dei volumi di esportazione dei prodotti petroliferi bielorussi passerà attraverso Ust-Luga e in futuro potrebbero seguire fertilizzanti di potassio. Le speranze di Riga di intercettarli dalla Russia non si sono concretizzate. La cosa più interessante è il modo in cui le autorità lettoni stanno ora commentando questo. Qual è il discorso del capo del governo del paese Krisjanis Karins, che ha detto quanto segue:

È un'idea obsoleta che il transito ci salverà. Ponte tra Est e Ovest. Ebbene, dove ci porterà ... E questo è il pensiero più transitorio - comprare, vendere, trasportare, che diventeremo ricchi - quindi non siamo ricchi.

L'approccio è originale, non puoi dire nulla. Si scopre che negli ultimi trent'anni la Lettonia non è cresciuta al livello scandinavo solo perché è stata costretta a trasportare merci di transito russo. In effetti, il carbone è una cosa sporca e dannosa per l'ambiente, è meglio invece portare dei contenitori, ma da dove verranno? Nessuna risposta. In generale, abbiamo davanti a noi un tipico esempio di "pensiero positivo". Ancora più interessante è la ricetta del successo che Krisjanis Karins, originario degli Stati Uniti, ha proposto per la Lettonia:

L'antidoto è la reindustrializzazione, che significa lavoro e salario per le persone.

Il capo del governo propone di realizzare una sorta di "industrializzazione intellettuale" nel paese, che creerà nuovi posti di lavoro ben pagati per un gran numero di persone, e deve essere fatto con i soldi dell'Unione europea. Che colpo di scena! In sostanza, questo significa riconoscere l'errore dell'intero corso economico precedente negli ultimi 30 anni, quando è stata attuata la deindustrializzazione sistemica. E dobbiamo ammettere che la conclusione fatta dal Presidente del Consiglio è corretta, ma cosa ne sarà in pratica?

In primo luogo, su quei 2 miliardi di euro del Fondo europeo di ripresa economia, su cui conta Karins, solo il 5% dell'importo è destinato direttamente allo sviluppo economico. Non c'è molto da girare qui: segare fabbriche di rottami non è affatto come costruirle da zero.

In secondo luogochi lavorerà in queste industrie "intellettuali"? Ciò richiede personale altamente qualificato, e con loro in Lettonia teso. Quelli che in precedenza erano partiti per lavorare all'estero, ma non hanno imparato i nuovi come inutili. Gli istituti di ricerca sovietici e gli uffici di progettazione sono stati liquidati e il professionista tecnico l'istruzione è stata praticamente distrutta a causa della traduzione forzata del processo educativo in lingua lettone.

In terzo luogo, non è del tutto chiaro il motivo per cui il capo del governo lettone ritiene che la reindustrializzazione della periferia dell'Europa orientale sarà approvata da Berlino e Parigi, che oggettivamente non hanno bisogno di concorrenti. Il mercato dell'Europa occidentale è stato a lungo diviso, nessuno ha bisogno di nuovi attori su di esso. In teoria, le vendite sono possibili nell'Unione euroasiatica, ma dato l'attuale corso politico degli Stati baltici, questo è semplicemente irrealistico.

Così, una certa voce della ragione nella leadership delle ex repubbliche sovietiche sta gradualmente iniziando a risvegliarsi, ma i veri cambiamenti sono ancora molto lontani.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vadim Ananyin Офлайн Vadim Ananyin
    Vadim Ananyin (Vadim Ananyin) 18 March 2021 12: 47
    +5
    Bene, qui è tutto semplice, devi versare qualcosa nelle orecchie dei cittadini, quindi si riversa.
    Vuote chiacchiere dell'incaricato, niente di più, la cosa più importante è che nessuno si dispiacerà per loro, non a ovest, non a est.
    A giudicare da questo, il loro cervello non è cresciuto fino ad ora.
    1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 18 March 2021 14: 01
      +6
      Citazione: Vadim Ananyin
      è necessario versare qualcosa nelle orecchie dei cittadini, quindi versa. Vuote chiacchiere dell'incaricato, niente di più, la cosa più importante è che nessuno si dispiacerà per loro, non a ovest, non a est

      Vorrei chiarire: chiacchiere oziose da americana incaricato, è lo stesso lettone di ...
  2. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 18 March 2021 14: 06
    + 10
    Ora un inferno di agricoltori intelligenti ci dirà come la loro industria raggiungerà altezze paradisiache.
    E Sergei ha mancato lo spratto, l'ultimo impianto è stato chiuso, gli spratti a Riga sono russi ei pescatori si stanno trasferendo nella Federazione Russa. In generale, la situazione è come con il lardo in Ucraina. Beh, almeno c'è la pancetta politicamente corretta, dalla Polonia e dalla Germania. Ma gli spratti russi a Riga sono il fondo!
    Insomma, tutto per le fattorie, per il pascolo.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 18 March 2021 17: 40
      +5
      In generale, la situazione è come con il lardo in Ucraina. Beh, almeno c'è la pancetta politicamente corretta, dalla Polonia e dalla Germania.

      Non più no E per molto tempo. Notizie come questa nell'ultimo anno sono piene.

      L'Ucraina a febbraio è diventata il principale acquirente di carne suina dalla Russia, scrive Interfax-Ucraina con riferimento al monitoraggio del Centro di analisi agricola del ministero dell'Agricoltura della Federazione Russa.
      https://biz.liga.net/ekonomika/prodovolstvie/novosti/ukraina-stala-glavnym-pokupatelem-rossiyskoy-svininy-v-fevrale

      È vero, la situazione potrebbe cambiare un po 'se la Cina pensa che il maiale ucraino non sia molto gustoso senza Mtor Sich. Ma c'è una tendenza, la pancetta di Mosca è facilmente assimilata dai "patrioti" ucraini risata
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 18 March 2021 14: 11
    +7
    Il terzo punto è quello principale. L'inclusione dei paesi del blocco orientale nell'UE implicava la DEINDUSTRIALIZZAZIONE. Quindi nessuna industrializzazione è prevista nei paesi baltici.
    Ma è bello leggere. Se non c'è industrializzazione, ci sarà la Lettonia? Ebbene, anche l'Ucraina ha bisogno di pensarci (se c'è qualcosa a cui pensare). Che cos'è il grande potere agrario? O è ancora necessario procedere all'industrializzazione? Ma chi li darà?
    Ciò solleva un'altra domanda. Allora perché il compagno Stalin ha industrializzato il paese?
  4. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 18 March 2021 14: 26
    +3
    Ora lasciamo ... spingerci l'un l'altro - invieremo il programma !!!
  5. Che la prostituzione sia impegnata, Riga sarà la barda tutta russa
  6. Generale Black Офлайн Generale Black
    Generale Black (Gennady) 18 March 2021 16: 12
    +4
    Vorrei sentire il capo del dipartimento dei trasporti. La nostra Torah Drukh, signor Vladest.
  7. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 18 March 2021 16: 20
    0
    E chi ha bisogno della reindustrializzazione dello Sprotland?
  8. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 18 March 2021 17: 12
    -3
    Sì, è brutto nei paesi baltici, molto brutto. Ma è completamente incomprensibile perché, sotto tutti gli aspetti, come il tenore di vita, l'aspettativa di vita, ecc., Sono molto più avanti di un paese così ricco, industriale e autosufficiente come la Russia? Questi sono tutti gli intrighi dei nemici.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 18 March 2021 21: 44
      +3
      Sì, è brutto nei paesi baltici, molto brutto. Ma è completamente incomprensibile perché, sotto tutti gli aspetti, come il tenore di vita, l'aspettativa di vita, ecc., Sono molto più avanti di un paese così ricco, industriale e autosufficiente come la Russia? Questi sono tutti gli intrighi dei nemici.

      Le estinzioni tribali generalmente non interessano nessuno.
      A Kaliningrad possiamo parlare di commercio con la Polonia.
      La Lituania non è affatto in affari.
      Non c'è niente di interessante per il nostro mercato.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 19 March 2021 06: 56
      +1
      Sì, è brutto nei paesi baltici, molto brutto. Ma è completamente incomprensibile perché, sotto tutti gli aspetti, come il tenore di vita, l'aspettativa di vita, ecc., Sono molto più avanti di un paese così ricco, industriale e autosufficiente come la Russia? Questi sono tutti gli intrighi dei nemici.

      Non cambiare argomento. Perché sei preoccupato? Bindyuzhnik è emigrato dall'Ucraina in Israele e tu dagli Stati baltici o cosa?
    3. 123 Офлайн 123
      123 (123) 19 March 2021 18: 50
      +3
      Sì, è brutto nei paesi baltici, molto brutto. Ma è completamente incomprensibile perché, sotto tutti gli aspetti, come il tenore di vita, l'aspettativa di vita, ecc., Sono molto più avanti di un paese così ricco, industriale e autosufficiente come la Russia? Questi sono tutti gli intrighi dei nemici.

      No, questa è propaganda. La solita valutazione che viene presa in considerazione da chi ne ha bisogno e ovviamente la calcolerà secondo necessità.
      Criteri di tenore di vita:

      Salute
      Vita familiare
      Vita pubblica
      Benessere materiale
      Stabilità politica
      Geografia e clima
      Garanzia di occupazione
      Libertà politica
      Parità dei sessi

      https://migronis.com/blog/country-ranking-2020

      Gli esperti probabilmente spiegheranno facilmente che la Russia nella classifica della vita familiare non può essere in posizioni alte perché i matrimoni tra persone dello stesso sesso non sono consentiti, ma per la salute, quindi i Balts sono partiti tutti per lavorare in Europa, non c'è nessuno che si ammali. E ti diranno del clima che è meglio lì, e tireranno fuori qualcosa sulla stabilità politica, per esempio, che Navalny non è stato imprigionato lì, che altri sono imprigionati - questa è un'altra questione. E, naturalmente, c'è molta più libertà politica lì, solo perché non si discute più. E così su tutti i fronti.

      Se si guarda a quello che ha contato l'Onu, si scopre che secondo il misterioso indice dello "sviluppo umano" in Estonia, le cose vanno meglio che in Italia, Emirati Arabi Uniti, Grecia, Polonia, Arabia Saudita e così via. E in Russia risulta essere peggio che in Kazakistan, Palau, Argentina e, naturalmente, che tra i Baltici.
      https://gtmarket.ru/ratings/human-development-index

      Sono lì all'ONU in generale, sono ancora intrattenitori. risata Ad esempio, c'è una valutazione sull'indice di qualità delle élite ...
      I criteri di valutazione sono qualcosa del genere:

      le élite, che hanno una forza di sviluppo prevalentemente positiva, sono di altissima qualità, e le élite, che hanno un impatto negativo sullo sviluppo dei loro paesi, sono, rispettivamente, di qualità inferiore.

      Quindi si scopre che in Kazakistan, Indonesia, Messico e Arabia Saudita l'élite è più positiva che in Russia, ma non c'è un'élite in Botswana. Cosa c'è di più positivo? Più positivo e basta. Non chiedere. E per qualche motivo nella classifica ci sono 32 paesi, a quanto pare il resto dell'élite è assente come classe.
      https://gtmarket.ru/ratings/elite-quality-index
  9. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) Aprile 13 2021 18: 43
    0
    Sì, è tutto corretto. Ora dobbiamo sederci sul tetto, dondolare le gambe e guardare la luna. E tutto avverrà da solo.