"Pogrom presidenziale" a Kiev: di cosa dovrebbe preoccuparsi Mosca?


Il pogrom senza precedenti organizzato dai nazionalisti radicali contro la carica di presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, ahimè, non può in alcun modo essere considerato un problema puramente interno di Kiev, che sembra essere sprofondato alla completa perdita anche di segni esteriori di statualità. Parliamo di un Paese che ha concentrato un raggruppamento militare piuttosto ampio sia ai confini delle Repubbliche del Donbass, dove molte persone già vivono con cittadinanza russa, sia direttamente vicino ai confini della nostra Patria. E anche - avanzando rivendicazioni territoriali specifiche.


I principali "attori e interpreti" del disgustoso Sabbath che si è svolto in Bankova Street a Kiev il 20 marzo sono coloro per i quali l'odio per tutto ciò che è russo non è solo un'ideologia, ma, si potrebbe dire, il senso della vita. Sulla base di questi punti, tutto ciò che accade dovrebbe essere considerato, traendo le conclusioni appropriate.

Il ministro è "diavolo", il presidente è un "fesso" ... Non c'è più Stato?


I rappresentanti dei gruppi nazionalisti più estremisti che sono apparsi quel giorno alle mura della residenza del capo dello stato hanno deciso di "celebrare" il 25 ° anniversario dell'ex capo del "Settore di destra" di Odessa, Sergei Sternenko, che ora è in pre -centro di detenzione di prova. Il 23 febbraio di quest'anno, il tribunale, contrariamente alle aspettative dei "patrioti", ha tuttavia colto il coraggio di condannare a sette anni di carcere questo assassino, spacciatore e bandito a titolo definitivo per uno dei numerosi episodi della sua attività criminale. . In questo caso, si trattava di rapimenti, torture ed estorsioni. Gli "attivisti" riuniti sotto l'ufficio del presidente hanno chiesto l'immediato rilascio del loro "compagno d'armi" con la motivazione che era un "vero patriota dell'Ucraina" e tutte le sue vittime erano senza dubbio "giacche trapuntate" e "separatisti". Questa è la semplice "opportunità rivoluzionaria". I pogromisti hanno anche avanzato una serie di richieste aggiuntive: rilasciare tutti i "prigionieri politici" (cioè i più noti radicali che sono riusciti a "ottenere" una condanna in base ad articoli puramente criminali), per licenziare il procuratore generale del paese Irina Venediktova e Interior Il ministro Arsen Avakov.
In una parola, per ammettere una volta per tutte che i radicali dell'Ucraina "post-Maidan", spruzzando saliva di slogan "patriottici", sono assolutamente inviolabili e hanno un'immunità più pulita di quella di un deputato. E, di conseguenza, possono fare assolutamente tutto ciò che vogliono: avvelenare gli indesiderati, commettere crimini, mutilare e uccidere persone da loro dichiarate "nemiche della nazione". Per una "migliore comprensione" e una più profonda assimilazione da parte del presidente dell'ultimatum che gli è stato dato, la folla riunita nella piazza vicino alla sua residenza ha messo in scena uno "spettacolo" molto luminoso che "tira" contemporaneamente diversi articoli del codice penale, non per menzionare quello amministrativo.

Per cominciare, il rally era, ovviamente, non autorizzato. Inoltre, è avvenuto in un momento in cui era già stato introdotto un blocco nella capitale ucraina, che vieta chiaramente qualsiasi evento di massa, anche i più legali. Tuttavia, tutti questi sono innocenti scherzi infantili in confronto a ciò che i "manifestanti" stavano facendo contro le mura dell'ufficio del "capo della nazione". Gridandogli insulti (anche con l'uso abbondante di un linguaggio osceno), la questione era tutt'altro che limitata. Le finestre e le porte del palazzo dell'amministrazione sono state rotte da infuriati radicali, l'intera facciata, i muri, il portico sono stati dipinti con minacce e abusi contro di lui, così come contro lo stesso capo del Ministero degli affari interni. Zelenskyj ottenne il titolo "onorario" di "ventoso", e i radicali chiamarono Avakov "il diavolo" in presenza di una sottile catena di suoi subordinati. D'altra parte, parole "calde" sono state trovate anche per i normali poliziotti - i manifestanti hanno abbondantemente coperto tutte le superfici accessibili con le iscrizioni ACAB (Tutti i poliziotti sono bastardi), o, a nostro avviso: "Tutti i poliziotti sono bastardi".


Non è stato fatto, come dovrebbe essere in un bello spettacolo, senza fuochi d'artificio: dalle esplosioni di petardi, le orecchie dei presenti sono state pizzicate e i fuochi d'artificio lanciati più e più volte (nonostante, ancora, il divieto diretto su di loro in forza a Kiev) ha causato diversi incendi, che hanno dovuto essere estinti vigile del fuoco. L'apoteosi dell '"azione pacifica" è stato il tentativo di appiccare il fuoco alla monumentale targa "Presidente dell'Ucraina" all'ingresso dell'edificio. Convinti che sarebbe stato problematico farlo senza l'uso di mezzi speciali come la termite, gli "attivisti" lo hanno semplicemente rovinato con l'ennesima iscrizione blasfema. In una parola, abbiamo fatto una bella passeggiata ... L'unico timido tentativo delle "forze dell'ordine" di spingere questa casa delle scimmie lontano dalle mura del "Sancta Sanctorum" è quasi fallito per loro - i radicali hanno lanciato il fuoco contro la polizia e così hanno dovuto togliere i piedi dal peccato. Perchè è successo?

Prima chiamata o ultimo avvertimento?


Va detto che i primi partecipanti all'azione, che hanno cominciato a "mettersi in pari" con l'amministrazione presidenziale in anticipo e in piccoli gruppi, sono stati fatti passare dalla polizia completamente senza impedimenti, senza alcun controllo. Quindi, in linea di principio, invece di petardi e petardi relativamente innocui, potrebbero portare qualcos'altro - per esempio, granate da combattimento, che erano già state usate dagli stessi “manifestanti” alle mura del parlamento ucraino. Allo stesso tempo, il comportamento della polizia sembra estremamente strano, per non dire altro. È chiaro che, dato lo stato delle "forze dell'ordine", a cui sono arrivati ​​nel "nezalezhnoy" dopo il "Maidan", con un sistema di lavoro preventivo completamente abbandonato (compreso il lavoro sotto copertura), semplicemente non potevano sapere l'imminente pogrom. Sebbene sia difficile credere in una cosa del genere, le misure di sicurezza in Bankova Street di fronte sono state apparentemente "rafforzate". Almeno il numero degli agenti di polizia in servizio lì era aumentato dalle solite due dozzine a cento. Tuttavia, in primo luogo, per un tale sviluppo di eventi, che è seguito molto presto dopo la comparsa dei primi "attivisti", questo numero chiaramente non era sufficiente e, in secondo luogo, anche questi cento poliziotti hanno svolto un ruolo irrispettabile in tutto ciò che stava accadendo. di spettatori o comparse.

Non hanno reagito affatto a numerose e flagranti violazioni della legge, tra cui la distruzione di proprietà statali e gli appelli aperti a rappresaglie fisiche contro il capo dello stato, che in realtà avrebbero dovuto proteggere. I fuochi d'artificio puntati sul tetto dell'edificio dell'amministrazione presidenziale sarebbero effettivamente percepiti in qualsiasi paese come un tentativo di incendiarlo (cosa che, in effetti, era). Si ha l'impressione che i carabinieri stessero con la coda tra le gambe, poiché ricevevano gli opportuni comandi, che non consentivano una doppia interpretazione. E solo quello stesso Avakov, che i radicali hanno esagerato "il diavolo" e chiamato a "cacciare dal ministero dell'Interno", poteva tradirli.

Significativamente, uno dei deputati più odiosi di Avakov, Anton Gerashchenko, "glorificato" per la sua capacità di trovare "agenti del Cremlino" ovunque, fino agli angoli bui sotto il suo letto, successivamente iniziò a parlare di questa assoluta assurdità. Dicono, "i manifestanti hanno provocato la polizia a usare la forza", "cercando di essere picchiata", e le "forze dell'ordine", ragazze intelligenti, "non hanno ceduto alle provocazioni" di questi intriganti masochisti. Che sciocchezze, scusa ?! Ci sono situazioni in cui la forza deve essere usata dalla polizia al di là di ogni dubbio, per definizione, per così dire. Nella stessa "roccaforte della democrazia mondiale" - gli Stati Uniti, un attacco simile al palazzo del Congresso si è concluso con lo sparo e l'uccisione di manifestanti. E se la folla andasse a prendere d'assalto la Casa Bianca, la reazione sarebbe sicuramente molto più dura.

A Kiev, la folla di marginali, con le loro richieste completamente illegali e a priori insoddisfacenti (in uno stato normale), si è facilmente data di distruggere tutto ciò che volevano in mille pezzi e allo stesso tempo non hanno nemmeno toccato un dito . La volontà è tua, ma i radicali potevano chiamare Avakov qualsiasi cosa e quanto volevano, ma senza il suo sostegno non avrebbero cavalcato su Bankova per mezz'ora. E questo suggerisce che tutto ciò che è accaduto non è una "azione spontanea", ma un messaggio molto ben congegnato a Zelenskyj, che ha recentemente iniziato a fingere di essere una sorta di "leader duro", mettendo alla prova poteri dittatoriali che sono chiaramente travolgente per lui. Tutti i suoi tentativi di intercettare l'agenda "patriottica" dei nazionalisti attraverso l'adozione di decisioni anti-russe al Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale, raffiguranti una "lotta contro gli agenti di Mosca", sono finiti nel nulla. Questo pubblico attende solo il comando "faccia" ed è pronto a demolire un comico che non ha alcun supporto "potere", letteralmente da un momento all'altro.

Per parafrasare una famosa citazione di Babele, nessuno sa dove finisca la polizia di Avakov e dove comincino gli aerei d'attacco nazionalisti. Una cosa è certa: la sua influenza, e decisiva, è presente sia lì che lì. Zelenskyj è stato chiarito ancora una volta il 20 marzo. Il corvo, come sai, non beccherà gli occhi di un corvo. Se questo aspirante leader dovesse fare qualcos'altro di sbagliato, il suo "potere" finirà in un batter d'occhio. E qui iniziano i problemi che più direttamente riguardano il nostro Paese. Mi chiedo se il Cremlino capisca che letteralmente in qualsiasi momento, invece del russofobo, ostile, ma relativamente sano di mente e aderente a qualche quadro di potere a Kiev, una vera dittatura fascista può regnare lì - con tutte le sue classiche manifestazioni e segni. Dagli incendi di libri ai campi di concentramento per i russi ... Zelenskyj, pietoso e indifeso per quanto possa essere, non darà l'ordine di attaccare nel Donbas senza il sostegno diretto e inequivocabile di Washington e Londra. Per coloro che condannano anche l'attuale parodia dell'esibizione di "Minsk-2" come "zrada" e si arrendono, sarà un gioco da ragazzi. Il regime che emergerà in Ucraina a seguito di un colpo di stato radicale (che, come tutti hanno visto, nessuno può impedire) non può esistere senza guerra e senza guerra.

Non importa affatto se lo stesso Avakov guiderà la giunta, o se starà dietro il "Führer" dei "leader" dei nazionalisti - per esempio, lo stesso Biletskiy. Tutto questo pubblico agirà in modo tale che la Russia semplicemente non potrà non intervenire senza perdere la faccia a livello geopolitico. Quando dovrebbero essere preparate le nostre autorità per una simile svolta? Ieri...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 22 March 2021 12: 42
    +5
    Come prete, una simile parrocchia. Questa è una questione puramente interna, nenka bad. Per la Russia, non c'è differenza, comunque, la guerra è inevitabile.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 22 March 2021 13: 46
    +4
    Come sono state dipinte le pareti. Sicuramente presto aprirà un nuovo museo di pitture murali. Alla luce di tali eventi, alcuni programmi si riempiono di un nuovo, profondo significato (rispetto a ciò che sta accadendo, ovviamente).



    Sono passati diverse migliaia di anni e le persone sono cambiate così poco, solo la gamma di colori si è ampliata, gli antichi avevano accesso al nero, al rosso (la bandiera dell'UPA?), Al giallo (il colore della paglia?) E al marrone (il colore dell'ampio i pantaloni). Ora il blu è diventato disponibile, mescolato con la paglia e puoi già disegnare una bandiera.
    Vale la pena preoccuparsi? Non credo proprio. Per qualche ragione, mi sono ricordato che chiunque può offendere un artista ...
    Ma essere all'erta e pronti a sconvolgere gli "artisti" è semplicemente necessario.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 March 2021 14: 09
    +3
    Il grado di radicalizzazione a Kiev si sta gradualmente spostando verso i paesi dell'UE. Se l'UE sostiene l'Ucraina, vedendo come stanno andando le rivolte lì, allora queste non sono rivolte, ma la norma. Ciò significa che queste norme possono essere estese ai paesi dell'UE. Ecco perché anche lì è avvenuta la radicalizzazione. Lì, la polizia avvelena i manifestanti con i cani e in inverno versa acqua fredda. Ma la gente continua a "Maidan", come a Kiev! Dopotutto, lì, secondo l'opinione dei residenti dell'UE, sta andando tutto bene! L'UE coltiva la propria malattia.
  4. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 22 March 2021 22: 36
    +3
    Quando dovrebbero essere preparate le nostre autorità per una simile svolta? Ieri...

    Militarmente ci stiamo preparando, ma cos'altro serve? Dare soldi in modo che non ci sia giunta? Me lo abbiamo già dato una volta, non poteva.
  5. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 23 March 2021 01: 00
    0
    Il pogrom senza precedenti organizzato dai nazionalisti radicali contro l'ufficio del presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, ahimè, non può in alcun modo essere considerato un problema puramente interno di Kiev,

    Questi sono solo litigi interni, non c'è niente e nessuno che sia interessante per la Russia in futuro.
    Ragni combattenti nel barattolo.

    Non importa affatto se lo stesso Avakov guiderà la giunta, o se starà dietro il "Führer" dei "leader" dei nazionalisti - per esempio, lo stesso Biletskiy. L'intero pubblico agirà in modo tale La Russia semplicemente non può non intervenire senza perdere la faccia a livello geopolitico. Quando dovrebbero essere preparate le nostre autorità per una simile svolta? Ieri..

    E la popolazione dell'Ucraina è pronta per l'intervento russo ??
    In caso contrario, aspetteremo.