La Russia si prepara a vincere la guerra sul mercato dei metalli delle terre rare


Gli Stati Uniti e la Cina sono in una battaglia senza compromessi sui metalli delle terre rare e rare. La Russia sta ancora osservando con pazienza e nel frattempo sta preparando una "carta vincente", che verrà presentata nel momento più cruciale.


Oggi il mondo è sull'orlo di una guerra globale contro i metalli delle terre rare e rare. I primi sono necessari per la transizione del pianeta all '"energia verde", i secondi sono utilizzati nella microelettronica, da cui dipende non solo la sfera civile, ma anche quella militare. In condizioni moderne di totale de-globalizzazione, il paese che possiede questa preziosa risorsa ha l'opportunità di guidare tecnologico gara.

Al momento, le cose sono le seguenti. A partire dal 2020, la Cina rappresentava fino al 90% della produzione mondiale di terre rare. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti devono importare fino all'80% di questi metalli.

Naturalmente, tale dipendenza dal Celeste Impero non si addice in alcun modo a Washington, specialmente nel contesto dell'attuale guerra commerciale. A questo proposito, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha già ordinato un audit completo di tutti i prodotti critici forniti dall'estero, al fine di sviluppare poi misure per la sua completa sostituzione delle importazioni.

Va notato che nel 2011 c'era già un precedente quando la Cina crollò i prezzi dei metalli delle terre rare e "seppellì" la miniera strategica americana Mountain Pass, rendendola non redditizia. Ora, il Partito Comunista della RPC sta discutendo un divieto di fornitura di metalli delle terre rare all'industria della difesa statunitense. In generale, è in arrivo un serio confronto.

E la Russia? Anche il nostro paese non se ne sta a guardare. Nonostante ora acquistiamo anche preziose materie prime dalla Cina (finora più economiche), i nostri depositi saranno sufficienti sia per i nostri bisogni che per la vendita.

Ovviamente, i prezzi dei metalli delle terre rare e rare, che inevitabilmente diventeranno scarsi, saliranno molto presto. E mentre gli Stati Uniti risolveranno le cose con la Cina, il nostro Paese potrà occupare una propria nicchia nel promettente mercato.

È già stato preparato un programma governativo per la costruzione di nuove imprese, che renderà la Russia uno dei maggiori fornitori mondiali di metalli delle terre rare e rare entro il 2030. Inoltre, Rosatom è stata coinvolta, investendo non solo in depositi nazionali, ma anche nei più grandi progetti africani e sudamericani.

  • Foto utilizzate: https://www.piqsels.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 23 March 2021 16: 09
    0
    che renderà la Russia uno dei maggiori fornitori al mondo di metalli delle terre rare e rare entro il 2030.

    Anche solo per scambiare la Patria! Elettronica, ingegneria meccanica, aviazione, ma perché ne abbiamo bisogno? E dove e per chi?
    1. bobba94 Офлайн bobba94
      bobba94 (Vladimir) 23 March 2021 16: 49
      +2
      Si dice a voce troppo alta che commerci in patria, ma la situazione può rivelarsi piuttosto disgustosa. La Cina e gli Stati Uniti stanno sistemando le loro relazioni, gli Stati Uniti stanno cercando freneticamente un sostituto per i fornitori cinesi di metalli delle terre rare, e poi compaiono i nostri fornitori - ciao cari fratelli americani, siamo venuti in vostro aiuto nei vostri guai ...
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 March 2021 12: 41
    +1
    Ho guardato questa mappa in modo più dettagliato. 5 progetti (tra cui Cile e Argentina) sono l'estrazione di litio. Molto probabilmente, la Bolivia verrà aggiunta in futuro. A quanto pare ci saranno batterie al litio russe. E la presenza in Congo probabilmente si espanderà. Per molto tempo ci sono stati piani per lo sviluppo dell'energia idroelettrica lì perché il volume d'acqua nel fiume è colossale, in confronto ad esso, il Volga è un tranquillo rivolo. Sono stati costruiti in sordina da chiunque tranne i russi. Probabilmente la situazione cambierà.
    Per gli pseudo-patrioti pungenti, Congo, Cile, Argentina non fanno parte della Federazione Russa, qui è impossibile gridare al "commercio in Patria".

  3. Wanderer Polente Офлайн Wanderer Polente
    Wanderer Polente Aprile 9 2021 16: 52
    0
    il paese che possiede questa preziosa risorsa ha l'opportunità di guidare la corsa tecnologica

    Condurremo la corsa tecnologica o come venderemo stupidamente risorse = "tesoro nazionale" e ne saremo orgogliosi?
  4. Persone in nero Офлайн Persone in nero
    Persone in nero (Uomini in nero) 21 può 2021 11: 43
    0
    E non vedo niente di sbagliato in questo, i cinesi si spaventano solo, non lavoreranno al magazzino ed è improbabile che smettano di fornire gli articoli agli americani, non c'è nessuno che possa sostituire un tale acquirente. Ma sull'interruttore che spegne gli articoli di amer, oltre a quello cinese, dovrebbe esserci anche la nostra mano, quindi saranno più cedevoli.