Gli Stati Uniti mirano a interrompere importanti contratti di armi per la Russia


Gli Stati Uniti, dimostrando ancora una volta la verità che certe cose non cambiano mai, con rinnovato vigore hanno cominciato a cercare di estromettere il nostro Paese dal mercato mondiale delle armi, che, per qualche ignoto motivo, continuano a considerare esclusivamente il proprio feudo.


Al momento, diversi grandi contratti conclusi da rappresentanti del complesso militare-industriale nazionale con partner stranieri sono stati subito sotto il "colpo" di Washington. Tuttavia, non dimenticano i "vecchi peccati" di coloro che hanno osato agire contrariamente alle "preziose istruzioni" americane. Proviamo a capire cosa sta succedendo esattamente ora.

"Indian Cinema" del Pentagono


Senza dubbio, una delle aree più prioritarie per gli Stati Uniti in termini di sviluppo della cooperazione internazionale in campo militare e militaretecnico l'area oggi è l'India. La risposta al motivo per cui questo accade è letteralmente in superficie. Questo paese è visto dagli americani, così come sognano sempre di fare guerre con i propri avversari dalle mani sbagliate, candidato ideale per usarlo contro la Cina. Pechino e Nuova Delhi hanno molte questioni controverse riguardo ai territori adiacenti. Questo, inoltre, si sovrappone alla crescente rivalità tra di loro ogni anno, come tra i paesi con i tassi di sviluppo economico più rapidi, i cui interessi si scontrano inevitabilmente in una gamma abbastanza ampia di questioni. Non un singolo stato nella regione indo-pacifica può nemmeno avvicinarsi al confronto con il Celeste Impero sia in termini di base di risorse industriali che di dimensioni delle forze armate, ad eccezione dell'India.

Gli Stati Uniti, come dimostrano i recenti avvenimenti (in particolare, il mancato incontro dei rappresentanti dei due Paesi in Alaska, sfociato in uno scandalo), non intendono affatto instaurare rapporti con la Cina sui principi del rispetto reciproco e dell'osservanza interessi reciproci. Tuttavia, sarebbero molto felici di affrontarlo fino all'ultimo abitante dell'India, e non da soli. È per questo che il nuovo capo del Pentagono, Lloyd Austin, nominato da Joe Biden, ha fatto la sua prima visita straniera a Nuova Delhi. Va detto che il primo tentativo degli Stati Uniti di includere direttamente l'India nella propria orbita militare, intrapreso lo scorso anno, non è stato coronato dal successo. In ogni caso, i precedenti rappresentanti del dipartimento della difesa americano hanno ammesso di essersi rifiutati categoricamente di firmare un "trattato di mutua difesa" con Washington a Nuova Delhi, chiarendo che non intendevano discutere di passi così seri nel prossimo futuro.

Ciò non sorprende: dopotutto, il concetto di "difesa reciproca" implica la partecipazione diretta alle ostilità nel caso in cui vi sia coinvolta l'altra parte dell'accordo. Gli americani prenderanno e organizzeranno un'altra provocazione anti-cinese, e poi gli indiani combatteranno ... Il massimo che gli Stati Uniti sono riusciti a ottenere è concludere con loro un accordo di base sullo scambio e la cooperazione nel campo dei satelliti dati (BECA). Ciò è vantaggioso per l'India: dopotutto, i dati degli oggetti spaziali statunitensi consentiranno ai suoi militari di controllare meglio i movimenti del PLA e della Marina cinese. Tuttavia, ovviamente, questo non è sufficiente per gli Stati Uniti. Lloyd Austin non nasconde che lo scopo del suo viaggio è formare un'alleanza anti-cinese politico-militare, dove Washington suonerà il primo violino. Questa volta, il capo del Pentagono sembra aver cercato di convincere la sua controparte indiana, Rajnath Singh, dipingendogli un quadro strabiliante della modernizzazione delle forze armate di Nuova Delhi con l'aiuto di nuovi alleati d'oltremare.

Quanto bene ci sia riuscito è ancora una questione aperta. Le frasi comuni sull '"approfondimento della cooperazione per la difesa" con un'enfasi sulla logistica e sulla condivisione dell'intelligence hanno poca somiglianza con la vittoria. Così ha fatto l'elogio sontuoso di Austin per i suoi partner negoziali e il suo annuncio dell'India come "il pilastro centrale dell'approccio americano all'Indo-Pacifico". Rajnath Singh è stato un po 'più specifico, dichiarando la sua "determinazione a realizzare il potenziale di una partnership strategica globale con gli Stati Uniti" ed esortando "i rappresentanti dell'industria americana a investire generosamente nel complesso militare-industriale indiano". Sì, nel campo della cooperazione tecnico-militare tra Washington e Nuova Delhi, ultimamente ci sono stati cambiamenti seri. Tuttavia, allo stesso tempo, rimane un "ostacolo" tra di loro, che Austin si è affrettato a ricordare al suo interlocutore nella forma più semplice: i piani dell'India di acquistare i sistemi di difesa aerea S-400 Triumph russi, che infastidiscono gli americani.

"Tutti dovrebbero rinunciare alle armi russe!"


Questa è stata la chiamata fatta dal signor Austin al termine dei negoziati con Singh. Ha detto che gli Stati Uniti "chiedono incondizionatamente a tutti i suoi partner e alleati di abbandonare qualsiasi acquisto di armi in Russia", aggiungendo che il mancato rispetto di questo requisito "porterà a sanzioni statunitensi". Nuova Delhi ha ricevuto lo stesso avvertimento, al quale Austin nella forma più categorica "consigliava" di terminare l'accordo con Mosca. Per evitare, come si suol dire ... Ricordo a me stesso che dal 2016 sono in corso i negoziati indiano-russo sulla fornitura di Triumph a questo Paese. Nel 2019, per quanto è noto, la parte indiana ha trasferito il primo pagamento per i nostri sistemi di difesa aerea per un importo di 800 milioni di dollari. Alla fine di quest'anno, sono previste le consegne delle prime divisioni S-400 in questo paese. Quale decisione verrà presa alla fine a Nuova Delhi? Da un lato, la cooperazione tecnico-militare con il nostro paese è familiare agli indiani e ha una lunga storia. D'altra parte, come si è saputo, durante la visita di Austin, si discuteva, in particolare, di possibili consegne per l'Air Force e la Marina indiana di un numero molto consistente di aerei da combattimento (almeno un centinaio di unità), così come UAV da combattimento di vario tipo. Tutto questo, secondo il parere dei militari indiani, dovrebbe contribuire a ridurre il loro ritardo nel campo dell'aviazione con il PLA. In un modo o nell'altro, ma Nuova Delhi dovrà fare una scelta - e non solo tra l'S-400 e gli aerei americani, ma anche cose relativamente molto più globali. Quello che sarà sarà dimostrato di sicuro nel prossimo futuro. Tuttavia, gli Stati Uniti continuano a opporsi disperatamente a qualsiasi acquisizione delle nostre armi, ben lungi dall'essere solo sul "fronte indiano". Il segretario di Stato americano Edward Blinken, durante una conversazione telefonica avuta il 23 febbraio di quest'anno con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukri, rigorosamente "messo in mostra" al suo interlocutore per le intenzioni del governo di questo paese di acquistare caccia Su-35 russi. .

Blinken ha chiarito che un simile atto sarebbe stato percepito da Washington come apertamente ostile - con le corrispondenti "conclusioni organizzative" sotto forma di sanzioni. Allo stesso tempo, il capo del Dipartimento di Stato ha accennato in modo trasparente che il Cairo non sta bene con il "rispetto dei diritti umani" - dicono, ci sarebbe un desiderio, ma Washington troverà sempre un motivo per perseguitare e imporre restrizioni al "ottuso". Non si sa per certo cosa abbia risposto il signor Shukri a tali tentativi di torcere le braccia. Fino a poco tempo, l'Egitto era determinato a diventare il secondo paese al mondo e il primo paese del Medio Oriente a possedere uno dei più nuovi esempi di aerei da combattimento domestici. Il contratto per la fornitura di un lotto piuttosto ampio di 26 Sukikh è stato firmato nel maggio 2020. Da un lato, il Cairo è spinto a un tale passo dalla situazione instabile nella regione e nel vicinato con Israele, che, essendo da lungo tempo nemico militare e politico dell'Egitto, ha già acquisito gli F-35 americani.

D'altra parte, il Paese sta compiendo ogni sforzo per normalizzare le relazioni con Mosca, che sono state gravemente compromesse dopo l'atto terroristico del 2015. Poi l'esplosione sulla nave passeggeri del Sinai "Kogalymavia" ha causato la morte di 217 russi. Gli esplosivi sono stati piantati nell'aereo all'aeroporto egiziano e questo ha posto fine al flusso turistico dalla Russia alle località egiziane precedentemente estremamente popolari. Per quanto si sa, il Cairo attende con impazienza la visita di Vladimir Putin, il quale, si spera, "resetterà" i rapporti un po 'raffreddati tra i paesi e riprenderà aree di cooperazione "sospese" importanti per la parte egiziana. È improbabile che in questa situazione, il rifiuto di una transazione così importante e su larga scala come l'acquisizione dei nostri combattenti diventi uno "sfondo positivo" per la comunicazione e le decisioni che verranno prese nel suo processo.

Tuttavia, gli americani, che sono guidati in tutte le questioni riguardanti il ​​nostro paese solo da un principio: "il peggio, il meglio", questo, ovviamente, non dà fastidio. Attualmente, hanno rinnovato i loro "attacchi" anche ad Ankara, che, sembrerebbe, esprimesse chiaramente e chiaramente una categorica riluttanza a separarsi dai sistemi missilistici antiaerei russi già pagati e ricevuti. Douglas Jones, responsabile degli Stati Uniti Douglas Jones, ha dichiarato che gli Stati Uniti sono determinati a continuare a chiedere che la Turchia abbandoni il funzionamento dell'S-400 "sia a livello di contatti bilaterali tra paesi sia attraverso canali di cooperazione nel quadro del Alleanza Nord Atlantica. "... Qualche tempo prima, un passo simile è stato seguito dall'ambasciatore americano ad Ankara David Satterfield, che durante il suo incontro con il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha nuovamente sollevato lo stesso argomento e ha insistito sul fatto che la parte turca, che non ha voluto "ascoltare la voce di motivo ”,“ almeno si è astenuto dall'acquisizione di nuove divisioni dei sistemi di difesa aerea russi ”. Altrimenti, come ha minacciato Satterfield, "seguiranno nuove sanzioni aggiuntive da Washington".

Queste minacce e persuasioni riusciranno a penetrare Recep Erdogan, che mostra pochissima inclinazione a seguire i consigli degli altri? Questa opzione sembra essere piuttosto dubbia. Quanto al resto dei Paesi, che oggi sono soggetti al "ricatto delle armi" da parte degli Stati Uniti, ognuno di loro, come detto sopra, dovrà fare una scelta autonoma. Per gli americani, che l'anno scorso hanno cercato di dichiarare "arrugginite" le armi russe (ricordo che l'allora assistente del capo del Dipartimento di Stato per gli affari militari e politici Clark Cooper si concedeva un epiteto così dispregiativo), il problema è davvero grave. E consiste nel fatto che al momento non hanno davvero nulla da offrire agli Stati in cui vogliono vedere potenziali clienti del loro complesso militare-industriale. Le armi prodotte negli Stati Uniti sono follemente costose e la loro efficacia è sempre più seriamente messa in discussione, principalmente a causa della mancanza di dati affidabili sui risultati del suo uso in combattimento. Allo stesso tempo, grazie alle azioni di successo delle forze aerospaziali russe in Siria, pochissime persone credono all '"arma arrugginita". L'unica cosa che resta a Washington in questa situazione sono minacce dirette e ricatti.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 23 March 2021 13: 38
    +1
    L'alto costo delle armi americane rispetto a quelle russe non è l'unico inconveniente. Nel momento più cruciale, gli americani possono spegnere il lavoro delle loro armi ad alta precisione e poi si congelano prima che il nemico colpisca. I membri della NATO sono generalmente fornitori di armi inaffidabili. Ci sono già stati casi in Medio Oriente di arresto e "congelamento" delle loro armi durante le ostilità. Quindi l'India e l'Egitto devono riflettere attentamente prima di acquistare a caro prezzo ciò che si trasforma in rottami metallici importati in un momento cruciale.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 24 March 2021 14: 47
    0
    Le armi americane sono molto costose e inaffidabili. In un momento cruciale, può essere spento e trasformato in un mucchio di ferro. Questo è già successo con le armi della NATO in Medio Oriente.
  3. Vanya Pupkin Офлайн Vanya Pupkin
    Vanya Pupkin (vanya pupkin) Aprile 24 2021 12: 18
    0
    pin to take off si imbatte in un attacco nucleare