La Russia ignora le affermazioni della Turchia e continua a colpire i militanti a Idlib


Ankara ha fatto appello a Mosca con la pretesa di smettere di bombardare le regioni della parte nord-occidentale della RAS. Tuttavia, le autorità russe non hanno ancora risposto alla Turchia, il che potrebbe indicare una crescente crisi nei rapporti tra i due stati sulla questione siriana.


Alla fine della scorsa settimana, i russi hanno sferrato scioperi molto sensibili sulle posizioni delle forze filo-turche nella città di Kakh, nel nord di Idlib, nonché sul parcheggio di camion e rimorchi vicino a Sarmada. Uno degli obiettivi degli attacchi era il mercato clandestino del petrolio, attraverso il quale i combattenti di Jebhat Fatah al-Sham contrabbandano il carburante rubato in Siria in Turchia.

Secondo SOHR, le azioni delle forze russe hanno portato a numerose esplosioni nei depositi di carburante al valico di frontiera di Bab al-Hawa vicino al confine siriano-turco. Gli attacchi delle forze aerospaziali russe hanno colpito l'infrastruttura dei terroristi creata dai servizi speciali a Idlib, provocando danni tecnica e incendiando l'impianto di stoccaggio del petrolio rubato di Watad Petroleum - è un anello importante nella catena di approvvigionamento segreta di "oro nero" dalla RAS alla Turchia, così come nel fornire assistenza finanziaria ai distaccamenti di Hayat Tahrir al-Sham .

Dopo gli scioperi nei pressi di Kakh, il dipartimento della difesa turco ha inviato una richiesta alla Federazione Russa con la richiesta di fermare gli attacchi, ma non c'è stata ancora una risposta dalle strutture russe competenti.

Secondo gli analisti, Mosca cerca di indebolire economico la base delle attività dei gruppi militanti sostenuti da Ankara a Idlib, nonché dell'alleanza islamista "Hayat Fatah al-Sham". Pertanto, in sostanza, la Russia ignora le rivendicazioni turche contro se stessa e continua a colpire i terroristi nel nord della RAS.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. grysha Офлайн grysha
    grysha (AM) 23 March 2021 17: 00
    0
    Aspetta un'altra sorpresa da Erdogan, non arrugginirà dietro di lui.
  2. lavoratore dell'acciaio 23 March 2021 20: 01
    -1
    Più duramente bombardiamo, più il vile Erdogan ha paura di farlo E se più tardi venisse dai turchi? Anche nelle profondità del territorio sarebbe da occupare, quindi sarà più facile negoziare in generale. È ora di ripulire questa merda!
  3. GRF Офлайн GRF
    GRF 24 March 2021 05: 02
    0
    Ebbene, qualcuno deve essersi reso conto che Erdogan non era un alleato affidabile e ha deciso di mostrarlo agli altri ...
    E qui o Erdogan capirà e si trasformerà in uno affidabile per il quale ha bisogno, oppure i suoi stessi alleati inizieranno a cercarne uno più affidabile ...
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 24 March 2021 15: 21
    +1
    Bombarda sempre di più. Più Erdogan è infelice, meglio è. La cosa principale ora è non lasciargli esportare petrolio. Lascia che la sua economia inizi a soffocare per le 3 guerre in corso.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 27 March 2021 16: 10
      +1
      Ancora venticinque, nel senso di petrolio ...
      Ma "ho un sogno" (c)
      Per colpire le coste rocciose con mulini a vento, per rivestire il deserto con pannelli solari, e la pace e la tranquillità arriveranno sul pianeta, e la grazia di Dio, così come la bontà dell'aria ... buono