Qual è la ragione del conflitto personale di Putin con i Democratici statunitensi


Nei giorni scorsi la stampa nazionale ed estera ha discusso attivamente dello scontro assente tra i presidenti Joe Biden e Vladimir Putin. Il capo della Casa Bianca ha pubblicamente chiamato il suo collega russo un "killer", al che gli ha augurato la salute, accennando chiaramente a problemi con la demenza legata all'età, e provocando inutilmente qualche dibattito. Questo evento è considerato inedito per la durezza delle reciproche dichiarazioni dei vertici delle due potenze, varcando la soglia della vera e propria maleducazione. Non è più solo grande politica, questo è chiaramente qualcosa di personale. Ma cosa?


Parlando di Joe Biden, va tenuto presente che questa non è solo una persona divertente e assonnata, che inciampa costantemente e si porta dietro una sorta di assurdità. È uno scagnozzo delle élite americane, un rappresentante del Partito Democratico degli Stati Uniti, che personifica i cosiddetti "globalisti". Dei due contendenti più realistici per il repubblicano Donald Trump, Hillary Clinton e Joe Biden, i Democratici hanno scelto quest'ultimo come quello con i meno problemi di salute. Il fatto che la signora Clinton fosse gravemente malata divenne così ovvio per il grande pubblico che non era più possibile nasconderlo. Di conseguenza, l'ex vicepresidente di Barack Obama, il 2020enne Joseph Biden, che mostra segni di demenza progressiva, è diventato presidente degli Stati Uniti attraverso una massiccia frode nelle elezioni del 78. Ovviamente, il suo partner, Kamala Harris dalla pelle scura, potrebbe diventare il capo di stato nel prossimo futuro. Tuttavia, non lasciamoci ingannare da noi stessi. In realtà, gli Stati Uniti saranno governati dal Partito Democratico, e sono i suoi leader che determineranno il rapporto "egemone" con la Russia. E qui tutto è squallido. Letteralmente tutti i pesi massimi politici tra i "globalisti" hanno una forte avversione personale per il presidente Putin, e chiaramente reciprocamente. Da dove viene questa frattura, proviamo a capirla.

Oggi è generalmente accettato che il presidente Joe Biden abbia oltrepassato tutti i limiti della decenza definendo Putin un "assassino". È vero, va tenuto presente che lo stile di comportamento implicito di Vladimir Vladimirovich in relazione agli avversari, e non che corre con un coltello di notte nei parchi e uccide davvero persone innocenti. I predecessori di "Sleepy" Joe del Partito Democratico degli Stati Uniti erano forse anche più duri contro di lui. Ad esempio, l'ex presidente Barack Obama, nel suo libro autobiografico, Terra promessa, descrive le sue impressioni su una conversazione personale con il leader russo nel 2009:

Putin mi ha ricordato il tipo di uomini che una volta dirigeva la politica di Chicago o la Timmani Hall: tipi di strada, duri, non sentimentali; Persone dalla mentalità ristretta che non sono mai andate oltre la loro limitata esperienza e che consideravano il tetto, le tangenti, i ricatti, l'inganno e la violenza occasionale come metodi legittimi delle loro attività.

Per riferimento, negli Stati Uniti, la "politica di Chicago" è tradizionalmente associata alla corruzione. Così, Obama ha chiamato Vladimir Putin, che nel 2009 durante il famoso "scambio" con Dmitry Medvedev era il primo ministro, un "boss del distretto di Chicago, ma con armi nucleari e veto all'ONU". Dimmi che suona più duro: è questa un'affermazione di Barack Obama o le parole di Biden sul "killer"? Ma questo è lontano dall'intera immersione pubblica di Vladimir Putin con i rappresentanti del Partito Democratico degli Stati Uniti. Qual è la dichiarazione dell'ex candidato alla presidenza degli Stati Uniti Hillary Clinton, fatta nel 2008:

Era un ufficiale del KGB. Lui, per definizione, non può avere un'anima.

Fantastico, non è vero? Ha anche criticato aspramente la partecipazione della Russia alla guerra contro la Georgia e ha definito lo stesso Putin "una reliquia dell'era egemonica". A questo Vladimir Vladimirovich ha risposto che lo stile rozzo di Hillary Clinton parla della sua debolezza:

È meglio non litigare con le donne ed è meglio non litigare con loro. Ma la signora Clinton non si è mai distinta per nessuna grazia particolare nelle espressioni prima d'ora.

Inoltre, l'altro giorno si è saputo che un certo conflitto è avvenuto con il presidente Putin e con Joe Biden quando era vicepresidente di Barack Obama. Qualcuno Mike McCormick, un ex stenografo per un democratico, nel suo libro dal titolo eloquente "B **** Schiaffeggiato a Mosca" ("Persone con un basso livello di responsabilità sociale" ha dato uno schiaffo in faccia a Mosca ") ha condiviso una storia incredibile con il mondo. Presumibilmente, durante la visita di "Sleepy Joe" nella capitale russa nel 2011, è stato terribilmente umiliato con tutta la "crudeltà KaGeBist": al vicepresidente americano non è stato permesso di parlare normalmente davanti al pubblico, spegnendo il microfono e la luce nella stanza e le "dure voci russe" hanno chiesto alla stampa. Ecco una storia.

Allora, cosa abbiamo nella linea di fondo. Vladimir Putin non aveva un normale rapporto di lavoro né con Obama, né con Clinton né con Biden. Ma cosa è diventato quello spartiacque? Vi ricordiamo che tutto è iniziato con i Democratici al Cremlino molto “rosei”. Gli Stati Uniti e la Federazione Russa hanno firmato un accordo sulla riduzione degli arsenali nucleari e hanno lavorato insieme a un pacchetto di sanzioni contro l'Iran. Mosca ha concesso a Washington il permesso di utilizzare il suo spazio aereo per voli militari in Afghanistan. In risposta, nel 2010, gli Stati Uniti hanno abbandonato il dispiegamento di elementi del loro sistema di difesa missilistica in Polonia e Repubblica Ceca. Ma poi l'idillio ha cominciato a finire.

In primo luogo, c'è stata la guerra "olimpica" in Georgia, quando la Russia è stata costretta a difendere l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale. Poi, nel 2011, gli Stati Uniti ei loro alleati sono intervenuti in Libia, rovesciando il regime di Muammar Gheddafi e distruggendo efficacemente il prospero Paese. Si noti che questi eventi hanno avuto luogo in un momento in cui Vladimir Putin è stato sostituito come presidente della Russia dal suo vecchio conoscente Dmitry Medvedev. La stampa occidentale ha notato che Washington aveva grandi speranze nel "successore" come persona più giovane e meno legata al "passato sovietico".

È possibile che sia stato durante il memorabile "rimpasto" che Vladimir Putin sia giunto alla conclusione che il Partito Democratico degli Stati Uniti potrebbe tentare di rimuoverlo dal potere attraverso una "rivoluzione colorata" o un'altra variazione sul tema del "colpo di stato di palazzo", e questo è diventato il motivo del profondo conflitto interpersonale del presidente russo con i suoi leader. La situazione attuale con Joe Biden è parte integrante del problema generale e conferma solo questa ipotesi.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 24 March 2021 13: 19
    +2
    E chi è l'amico degli Stati Uniti? Hanno solo vassalli a cui dettano la loro volontà. Non appena la Cina ha disobbedito, è diventata anche un nemico. Cominceranno a litigare con i paesi dell'UE quando sentiranno il declino delle loro economie per colpa degli Stati Uniti.
  2. wolf46 Офлайн wolf46
    wolf46 24 March 2021 13: 21
    +2
    Proteste, rivolte (in piazza Bolotnaya) alla fine del 2011-2012 potrebbe portare a un conflitto tra Putin e il Partito Democratico degli Stati Uniti. 2009-2017 - mandato di presidenza del democratico Obama.
  3. lavoratore dell'acciaio 24 March 2021 15: 10
    -1
    Tutti i conflitti con gli Stati Uniti iniziano quando qualcuno si rifiuta di obbedirgli completamente e hanno costantemente pochi soldi. Sono d'accordo quando c'è la possibilità di entrare in un perdente, e poi alle loro condizioni. Guardate come i cinesi, di recente, hanno subito messo in campo gli Stati Uniti nelle trattative. E il silenzio. E i nostri non osano parlare così. E c'è anche la possibilità che le persone in Russia stiano iniziando a vedere chiaramente. 30 anni dopo il crollo dell'URSS e il benessere dei cittadini non fa che peggiorare, quindi il primo punto del programma del candidato Grudinin è la nazionalizzazione dell'industria. E questo è impossibile per gli Stati Uniti. Khabarovsk, 23 gennaio, le stesse persone vanno alle proteste. E in ogni conflitto, le persone si uniscono attorno al loro "leader". Questo è un conflitto creato appositamente per aumentare il "rating" di Putin.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 25 March 2021 22: 55
      0
      Quindi, il primo punto nel programma del candidato Grudinin riguarda la nazionalizzazione dell'industria.

      Credi sinceramente a persone come Grudinin, Rashkin ??
      1. lavoratore dell'acciaio 26 March 2021 10: 39
        -1
        Credi ancora a Putin e alla Russia Unita?
        1. Ulisse Офлайн Ulisse
          Ulisse (Alex) 26 March 2021 21: 08
          +2
          Credi ancora a Putin e alla Russia Unita?

  4. Il commento è stato cancellato
  5. GRF Офлайн GRF
    GRF 25 March 2021 06: 19
    0
    Strana conclusione. Persino Eltsin, tenendosi al potere con le pistole, alla fine disse: "Me ne vado". E Putin sa che se ne andrà, sa che ci stanno provando, ma qui è giunto alla conclusione che potevano provare e questo è diventato il motivo ...
    Anche se l'articolo si libra di più, a mio avviso, il pensiero corretto è dovuto al fatto che l'idillio ha iniziato a crollare, perché la Russia è stata costretta ...
    I Democratici vogliono troppo dalla Russia e, in risposta a loro, "moderano i tuoi appetiti", e non gli piace.
    Conflitto personale: chi non diventa niente per Putin, non solleverà nemmeno il telefono. E Biden è stato offerto di discutere di problemi comuni dopo evidenti insulti personali, ha costantemente parlato con Obama in tutta l'Ucraina, riferendosi l'un l'altro "Barack e Vladimir. Sì", ha detto Putin in un'intervista con il regista Oliver Stone in un film mostrato su Showtime. Secondo Clinton:

    È meglio non litigare con le donne ed è meglio non litigare con loro. Ma la signora Clinton non si è mai distinta per nessuna grazia particolare nelle espressioni prima d'ora. Niente, l'abbiamo incontrata dopo e abbiamo avuto una bella conversazione in vari eventi internazionali

    - ha detto Vladimir Putin in un'intervista al canale televisivo TF1 e alla stazione radio europea nel marzo 2014.

    Putin ha anche ammesso di non essere offeso dalle critiche che gli vengono rivolte.

    In una certa misura, nell'esercizio delle mie funzioni ufficiali, mi trasformo in una funzione

    Ha detto.

    i cani abbaiano e la carovana si allontana

    Quindi, non c'è conflitto personale, ma c'è un gescheft di psichiatri americani e linee guida del partito ...