Russia e Cina inizieranno uno scontro con gli Stati Uniti lasciando SWIFT?


Con tutta l'attenzione riservata dai media nazionali e mondiali alla visita del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in Cina, sembra che questo evento sia stato fino ad ora significativo e tutt'altro che pienamente apprezzato. È del tutto possibile che sia stato durante i colloqui tenuti a Pechino tra il capo della nostra diplomazia e il suo omologo cinese Wang Yi che sia stata lanciata la “nuova era”, l'anticipazione di cui vive oggi il mondo intero. O almeno, è stato fatto l'ultimo passo verso il suo inizio. In ogni caso, il documento adottato in seguito a loro parla direttamente di "governance globale". Ed è perfettamente comprensibile che sia la parte russa che quella cinese non vedano affatto tali centri a Washington o Bruxelles.


Inoltre, durante la conferenza stampa finale dalle labbra di Lavrov sono suonate non solo le consuete e perfino obbligatorie per tali eventi, rassicurazioni di cordiale amicizia al Paese ospitante e parole su "enormi prospettive di collaborazione" con lei. È stato detto qualcosa di molto specifico e molto importante. Vale a dire, è stata annunciata la direzione in cui Mosca e Pechino intendono dare agli Stati Uniti la prima seria "battaglia".

SWIFT sembra solo orgoglioso?


In questo caso, ovviamente, si tratta della dichiarazione di Sergei Viktorovich, dove indica direttamente "la necessità di ridurre i rischi di sanzioni abbandonando il dollaro negli accordi interstatali ed evitando l'uso di sistemi di pagamento controllati dall'Occidente". In questo caso, potrebbe esserci un solo sistema di questo tipo: SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication). Ci sono stati così tanti colloqui negli ultimi anni che la "scomunica" o, semplicemente, la disconnessione del nostro paese da essa diventerà "l'atto finale delle sanzioni occidentali" negli ultimi anni. Sfortunatamente, molti di loro erano apertamente speculativi e miravano a generare panico per un simile passo da parte dei nostri "amici giurati". Alcuni hanno cercato di presentare la disconnessione della Russia da SWIFT come quasi la fine del mondo, almeno in termini economici. In effetti, non è affatto così.

Prima di tutto, non stiamo parlando di "completo isolamento finanziario del nostro paese da tutto il mondo", come affermano alcune "persone intelligenti", ma semplicemente di privarlo dell'opportunità di utilizzare il sistema di scambio più sviluppato e generalmente accettato informazioni bancarie e pagamenti. Sì, è considerato il più sicuro, il più affidabile, il più veloce ... Ma - tra molti altri. SWIFT non è affatto uno strumento unico, che in linea di principio non può essere sostituito. Sì, il colpo al sistema finanziario interno sarà abbastanza tangibile. Tuttavia, non è affatto fatale. Oggi l'unico Paese al mondo contro il quale la "comunità mondiale" ha fatto un passo del genere è l'Iran. E anche allora, nel suo caso, solo la metà delle banche è stata “tagliata fuori” da SWIFT. Solo in Iran a quel tempo ce n'erano tre dozzine e nel nostro paese il numero supera gli ottocento.

Un altro punto estremamente significativo è che bloccare l'accesso a questo sistema sarà, di fatto, l'ultimo passo che l '"occidente collettivo" può compiere contro la Russia senza dichiararle ufficialmente guerra. Pertanto, l'arsenale di "leve di influenza" su Mosca sarà esaurito, perché il prossimo punto nell'elenco dei metodi di "coercizione verso la democrazia" è la consegna di missili e attacchi con bombe. È dubbio che avrebbero optato per una cosa del genere anche nelle condizioni dell'attuale aggravamento. Un'altra cosa importante è che SWIFT ha la più forte dipendenza dagli Stati Uniti unicamente per il fatto che la stragrande maggioranza degli accordi in esso sono effettuati in dollari USA. In realtà, questo è un sistema europeo con sede in Belgio. Cioè, Washington non può de jure ordinare direttamente la sua leadership. E ad essere onesti, solo per i paesi dell'Unione Europea un passo del genere non sarebbe nemmeno il famigerato "colpo alla gamba", ma un puro suicidio.

Supponiamo che un giorno, lungi dall'essere una bella giornata, la decisione di bloccare l'accesso della Russia a SWIFT sarà ancora presa. E cosa vuoi fare con i pagamenti per gli stessi vettori energetici ?! Non saranno forniti all'Unione europea per niente o in debito con l'Unione europea, che "ha gettato dentro" i suoi partner in modo così brusco. Non pagare in "contanti" con le valigie! In tal caso, quei paesi del Vecchio Mondo che non hanno un desiderio suicida di morire congelati in nome del trionfo della democrazia mondiale dovranno pagare le nostre consegne utilizzando il Russian Financial Messaging System (SPFS). Non in dollari, ma in euro: è ancora meglio. L'SPFS è stato sviluppato e implementato all'inizio della "furia delle sanzioni" che ha travolto l'Occidente, nel 2014 e sta funzionando abbastanza bene. Finora vi sono collegati principalmente i paesi membri della EAEU. Tuttavia, collaborano anche banche in Germania e Svizzera, più di 11mila organizzazioni finanziarie in totale. Dall'inizio di quest'anno, SPFS in Russia ha già raggiunto un volume di un quinto del traffico SWIFT. Se l'alternativa al suo utilizzo è sotto forma di un rifiuto totale economico legami con il nostro Paese, anche gli europei "raggiungeranno". Fortunatamente, questo non è un problema.

È giunto il momento?


In effetti, disconnettere la Russia da SWIFT non significherà affatto "isolamento". Le transazioni richiederanno più tempo, aumenteranno di prezzo, le catene finanziarie diventeranno più lunghe e complesse, ma il mondo non crollerà. Tuttavia, questo è nel caso in cui l'iniziativa in questa materia provenga dai nostri "partner" occidentali. E se dal nostro paese? Se ci rifiutassimo noi stessi di utilizzare il sistema controllato dagli Stati de facto ostili? Questo non sarà certamente facile. Le discussioni sull'urgente necessità di "de-dollarizzare" l'economia mondiale sono state ascoltate da molto tempo, e non solo nel nostro Paese. Allo stesso tempo, in precedenza tutti gli esperti finanziari hanno convenuto che se un tale processo dovesse continuare, allora tutto nel suo quadro sarà molto "lento".

Ora la situazione è cambiata radicalmente e non si tratta tanto delle intenzioni di Mosca quanto di un gravissimo aggiustamento della posizione di Pechino. Non siamo furbi: la Russia da sola non è ancora in grado di combattere l'egemonia del dollaro. E anche un'alleanza con Iran, Turchia e altri paesi che non possono vivere delle sanzioni americane, e che dormono e vedono come sbarazzarsene una volta per tutte, non cambierà in modo significativo l'equilibrio di potere in questo confronto. La Cina è una questione completamente diversa. L'economia più forte del mondo, il più grande partner commerciale della maggioranza assoluta degli stati del pianeta (compresi gli Stati Uniti). Con un forte desiderio, il Celeste Impero potrebbe porre fine all '"era del dollaro". Un'altra domanda è che i suoi leader non hanno avuto un simile desiderio fino ad ora. I cinesi sono un popolo non conflittuale, abituato a professare il principio di morbidezza e lentezza e, allo stesso tempo, mi scusi, sforzandosi di sedersi contemporaneamente neppure su due, ma su quante più sedie possibile.

Ma proprio ora queste sedie hanno cominciato a diffondersi rapidamente ai lati, comportando il rischio di una caduta piuttosto dura e dolorosa per i compagni cinesi. Pechino sperava che con il cambio del proprietario della Casa Bianca finisse la “guerra commerciale” con gli Stati Uniti, insensata ed estenuante per le economie di entrambi i paesi. L'incontro di Anchorage, che ha suscitato scalpore in tutto il mondo, ha dimostrato che sotto Biden gli americani non solo non rinunceranno ai loro tentativi di schiacciare la Repubblica Popolare Cinese con l'aiuto delle sanzioni, ma intendono anche "insegnarle la democrazia". , diffamando pubblicamente e rimproverando, come i ragazzi, i rappresentanti delle alte sfere del corpo diplomatico di questo paese. Il forte scoppio di emozioni dei diplomatici cinesi, solitamente estremamente sobri, durante il vertice che si è concluso in un completo fiasco in Alaska mostra che una svolta del genere è stata per loro una sorpresa e molto spiacevole.

La prossima "sorpresa" dello stesso tipo può essere considerata l'introduzione da parte dell'Unione Europea di sanzioni contro alcuni funzionari di Pechino per presunte azioni "sbagliate" nella regione autonoma uigura dello Xinjiang. Seguendo ciecamente la scia di Washington, Bruxelles è entrata così in modo sgarbato e imprudente negli affari puramente interni cinesi, il che ha suscitato la comprensibile rabbia del Celeste Impero, che sperava che almeno tra gli europei il pragmatismo avrebbe prevalso sull'agenda loro imposta da tutto il mondo. oceano, che non aveva nulla a che fare con i loro interessi. Come si è scoperto, invano. Anche un paese con le visioni più pacifiste può essere persuaso che non ha senso risolvere pacificamente le cose. Il "Collective West" in relazione alla Cina ha compiuto enormi sforzi in questa direzione. Congratulazioni, tutto ha funzionato. Pechino oggi è molto bellicosa e non è più propensa a concessioni e compromessi.

Non sovraccaricherò la mia storia con calcoli statistici e altre cifre. Inoltre, chiunque può facilmente trovare dati su quale quota del commercio globale rappresenta le operazioni con la partecipazione del Celeste Impero. Non ha bisogno di fare gesti drammatici per sottolineare la sua "rottura con le istituzioni finanziarie occidentali" - dichiara solo la sua riluttanza a vendere o comprare qualcosa per dollari. Pensa che questo fermerà fortemente l'Arabia Saudita, che sogna di fornire il suo petrolio alla Cina con milioni di barili, o il Qatar, che ha recentemente firmato un accordo con Pechino per la fornitura di 2 milioni di tonnellate di GNL all'anno? Scambieranno per yuan, che carino. L'Europa si opporrà? Bene, vediamo come lo fanno. Ricordo che proprio all'inizio della pandemia di coronavirus, quando la malattia è stata combattuta nella stessa Cina, le fabbriche di automobili si sono alzate in piedi in tutto il mondo - mancava qualcosa lì. O qualche cablaggio, o un relè, o qualcos'altro che viene fatto esclusivamente nel Regno di Mezzo. Lo stesso Occidente ha creato per decenni la sua dipendenza dalla Cina - tecnologico, commercio e successivamente finanziario. Senza le forniture cinesi di un'ampia varietà di cose - dai componenti e gli assiemi per le proprie apparecchiature ai beni di consumo più comuni, la stessa Europa non sarà in grado di vivere allo stesso modo senza le risorse energetiche russe.

In linea di principio, lo stesso SWIFT non può essere abbandonato - sarà sufficiente solo per "cancellare" la maggior parte delle transazioni effettuate attraverso di esso dall'essere vincolate a carta americana tagliata. Le parole di Sergei Lavrov possono essere interpretate in questo senso. D'altra parte, se prendiamo sul serio i colloqui sulla "governance globale in condizioni moderne" condotti a Pechino con la sua partecipazione, allora anche il nuovo mondo, che Mosca e Pechino possono e dovrebbero iniziare a plasmare in questo momento, avrà bisogno di nuovo sistemi globali. Finanziario - compreso.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Caro esperto di divani. 26 March 2021 12: 08
    +6
    Nessuno disconnetterà mai Cina e Russia da SWIFT.

    Oggi SWIFT è il numero 1 dei sistemi di pagamento al mondo.

    In primo luogo, i flussi di cassa attraverso SWIFT sono controllati dagli americani. Escludere giocatori così grandi da questo sistema significherebbe automaticamente la perdita di questo controllo.
    Non a caso gli europei sono passati dal 2016 alla propria SEPA per ridurre la loro dipendenza dagli americani.

    In secondo luogo, il sistema SWIFT difficilmente riuscirà a trattenere questo “palmo” se altri sistemi di pagamento di garanzia saranno costretti alla corsa (ea giudicare dai “sentimenti” ciò sta già accadendo). Ad esempio, russo: sistema per il trasferimento di messaggi finanziari (SPFS) o cinese: sistema di pagamento interbancario transfrontaliero (CIPS), che sono abbastanza compatibili con qualsiasi altro sistema (con la stessa SEPA).

    Ebbene, e come la "Spada di Damocle" aleggiava su SWIFT, le cosiddette tecnologie blockchain, che in generale, a quanto pare, diventeranno un "colpo di controllo" nella testa dei sistemi bancari in linea di principio.

    Tutto va a questo.
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 March 2021 23: 49
      +1
      1. Allo stesso tempo, la RPC e la Federazione Russa non saranno disconnesse da SWIFT, ma anche il primo candidato, la Federazione Russa, si occuperà di ciascuna, viste le magre relazioni commerciali con gli Stati Uniti.
      2. Il controllo su SWIFT non andrà perso a nessuno, solo il volume e l'importo delle transazioni diminuiranno in modo acritico.
      3. Il trasferimento degli insediamenti dall'UE al sistema russo di trasferimento dei messaggi finanziari o dalla Federazione Russa al sistema europeo è il massimo dell'immaginazione, soprattutto sullo sfondo di una rottura completa dei rapporti, come affermato l'altro giorno dal capo del ministero degli Esteri russo Sergey Lavrov.
      4. Le tecnologie blockchain vengono introdotte ovunque: in Cina, negli Stati Uniti, nell'UE, nella Federazione Russa e questa tecnologia non è una panacea, come sembra alla gente comune. Non molto tempo fa, Vladimir Putin ha affermato che la Federazione Russa dispone di tecnologie per controllare le operazioni blockchain, il che significa che altri ne hanno o ne avranno di simili.
      5. Il renminbi digitale è stato testato con successo in diverse province e aree metropolitane della RPC e dopo le Olimpiadi sarà la valuta ufficiale. La Banca Centrale della Federazione Russa, la BCE, la US Federal Reserve Joint Stock Company stanno lavorando su questo tema e non ci sono dubbi su una decisione positiva.
      1. Caro esperto di divani. 27 March 2021 01: 34
        +3
        1. Allo stesso tempo, la RPC e la Federazione Russa non saranno disconnesse da SWIFT, ma anche il primo candidato, la Federazione Russa, si occuperà di ciascuna, viste le magre relazioni commerciali con gli Stati Uniti.

        Inoltre, non è redditizio per gli americani. La Russia (a causa della "scarsa") sarà come un grano di elefante. E con l'Europa, la Russia condurrà gli insediamenti attraverso la propria SEPA. Solo gli americani non saranno più in grado di controllarlo.

        2. Il controllo su SWIFT non andrà perso a nessuno, solo il volume e l'importo delle transazioni diminuiranno in modo acritico.

        Il controllo su "SWIFT" non è necessario. È attraverso SWIFT che esercitano questo controllo.

        3. La transizione degli insediamenti dall'UE al sistema russo per la trasmissione di messaggi finanziari o dalla Federazione Russa al sistema europeo è al culmine dell'immaginazione, soprattutto sullo sfondo di una completa interruzione delle relazioni, che il capo del ministero degli Affari Esteri ha detto l'altro giorno

        Come si fanno i calcoli? Con l'Europa, il volume degli scambi non è piccolo. Sì, e ci sono abbastanza risorse reciproche da entrambe le parti.

        4. Le tecnologie blockchain vengono introdotte ovunque: nella RPC, negli Stati Uniti, nell'UE, nella Federazione Russa e questa tecnologia non è una panacea come sembra alla gente comune. Non molto tempo fa, Vladimir Putin ha affermato che la Federazione Russa dispone di tecnologie per controllare le operazioni blockchain, il che significa che altri ne hanno o ne avranno di simili.

        Vorrei sapere che tipo di tecnologie di controllo Blockchain esistono?)

        Blockchain è un sistema di autocontrollo. Solo se nei sistemi bancari i servizi di mutua garanzia sono eseguiti da persone giuridiche molto specifiche (banche), allora nella "blockchain" ciò viene fatto da una rete di computer anonimi.
        1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
          Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 27 March 2021 11: 14
          +1
          La dichiarazione ufficiale della Federazione Russa come nemico strategico implica il compito di distruggerla e ogni mezzo è adatto a questo.
          A differenza della RPC, il magro giro d'affari con gli Stati Uniti scioglie le mani e non causa molti danni. L'elefante non noterà nemmeno questa pallina.
          Ci sono molte e diverse opzioni. Ad esempio, sequestreranno riserve in oro e valuta estera e altre attività della Federazione Russa all'estero e ne detrarranno la loro quota con gli interessi.
          Se, in risposta, la Federazione Russa blocca l'approvvigionamento di materie prime di petrolio e gas, la base del commercio con l'UE, gli Stati Uniti e l'OPEC saranno solo contenti di questo, e chiederanno anche una sanzione per violazione degli obblighi. , danni subiti, mancati profitti, ecc.
          Il rublo cadrà a volte, inflazione galoppante, fuga di capitali, investimenti - zero, la NWF si scioglierà come la neve estiva, l'economia è in rosso e tutto il fascino che l'accompagna.
          L'UE è al guinzaglio corto e quindi gli USA non permetteranno azioni non coordinate, questo è chiaro. Blockchain è stata menzionata tra le altre cose, non posso dire a quale evento, ma più recentemente, quest'anno.
          1. Caro esperto di divani. 27 March 2021 11: 59
            +5
            Ci sono molte e diverse opzioni. Ad esempio, sequestreranno riserve in oro e valuta estera e altre attività della Federazione Russa all'estero e ne detrarranno la loro quota con gli interessi.

            La riserva di oro e valuta estera della Russia si trova in Russia. Chi e cosa "verrà detratta la quota con gli interessi"?

            Gli “altri beni” (si intendono quelli situati all'estero) possono essere arrestati, ma con il rischio che i beni stranieri in Russia subiscano la stessa sorte. E ce ne sono di più in Russia rispetto a quelli russi all'estero. L'Occidente comprende che la Russia ha il diritto di ritorsioni se i suoi beni vengono sequestrati all'estero per decisione dei tribunali internazionali. A. Medvedev lo ha affermato direttamente nel 2015. E poiché l'Occidente valuta i suoi beni (in Russia), nessuno avrà fretta di toccare nemmeno quelli russi.

            Se, in risposta, la Federazione Russa blocca l'approvvigionamento di materie prime di petrolio e gas, la base del commercio con l'UE, gli Stati Uniti e l'OPEC saranno solo contenti di questo, e chiederanno anche una sanzione per violazione degli obblighi. , danni subiti, mancati profitti, ecc.

            Qual è la penalità ??? Alla fine decidi: sei già "in guerra", o sei ancora nel "campo legale"?)

            L'UE è al guinzaglio corto e quindi gli USA non permetteranno azioni non coordinate, questo è chiaro.

            Non così breve da iniziare una guerra aperta contro la Russia per compiacere gli americani. Resistere come meglio possono.
            E gli americani, a loro volta, non sono così stupidi da restare con la Russia "naso a naso". L'intestino è sottile.

            Blockchain è stata menzionata tra le altre cose, non posso dire a quale evento, ma più recentemente, quest'anno.

            Bene qui
            1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
              Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 27 March 2021 18: 56
              +1
              Le riserve di zio, oro e valuta estera sono costituite da valuta estera, diritti speciali di prelievo (fondi nel FMI), oro metallico e sono destinate alla spesa di emergenza, coprendo il deficit di bilancio, mantenendo il tasso di cambio del rublo, obiettivi di inflazione, ecc.
              È immagazzinato in via Pravda e in custodia, possibilmente in depositi stranieri.
              Iran, Venezuela, Libia sono esempi di come arrestare le riserve auree e detrarne le spese per stabilire la "democrazia" in questi paesi, mentre il congelamento dei conti è una cosa comune, praticata in tutto il mondo.
              1. Caro esperto di divani. 27 March 2021 19: 39
                +5
                un esempio del sequestro delle riserve auree e della detrazione da parte degli Sshasoviti delle loro spese per l'istituzione della "democrazia" in questi paesi, ma il congelamento dei conti è una cosa comune, praticata in tutto il mondo.

                A tal proposito ho già risposto. Io ripeto:

                L'Occidente comprende che la Russia ha il diritto di ritorsioni se i suoi beni vengono sequestrati all'estero per decisione dei tribunali internazionali. A. Medvedev lo ha affermato direttamente nel 2015.

                Anche la Russia ha qualcosa da arrestare. Se non americani, le risorse europee in Russia sono più che sufficienti.

                Le riserve di zio, oro e valuta estera sono costituite da valuta estera, diritti speciali di prelievo (fondi nel FMI), oro metallico e sono destinate alla spesa di emergenza, coprendo il deficit di bilancio, mantenendo il tasso di cambio del rublo, obiettivi di inflazione, ecc.

                Zia, io google e posso leggere Wikipedia così come la tua, quindi non preoccuparti così spietatamente.)
  2. lavoratore dell'acciaio 26 March 2021 13: 26
    0
    Credo che gli Stati Uniti non accetteranno questo. Perderanno di più e gli americani non saranno d'accordo.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 March 2021 13: 56
    0
    1. Una lotta con gli Stati Uniti per il ritiro da SWIFT e l'abbandono della principale valuta mondiale oggi non è nell'interesse né della RPC né della Federazione Russa, perché circa il 70% dei pagamenti viene effettuato in dollari e passa attraverso SWIFT.
    2. Se gli Stati Uniti adottano misure estreme e avviano la disconnessione della RPC e della Federazione Russa dallo SWIFT, ciò assesterà un colpo tangibile agli Stati Uniti stessi e in particolare ai suoi alleati.
    3. Stimola il passaggio alle valute di riserva: l'euro e il renminbi, il sistema di messaggistica finanziaria russo (RFMS) e il sistema di pagamento interbancario transfrontaliero cinese (CIPS). La loro interconnessione e trasferimento a un sistema unificato, prima di insediamenti bilaterali, e poi EAEU, SCO, NShP, con la probabile adesione di molti altri stati che sognano di liberarsi dal diktat sshasiano e dalle sanzioni.
    4. La dichiarazione di SV Lavrov sulla necessità di ridurre i rischi di sanzioni include non solo e non tanto SWIFT, ma l'intero complesso: riserve di valuta, oro e valuta estera, titoli, banche, borse, agenzie di rating e altri strumenti finanziari che compongono il sistema finanziario globale e senza il quale qualsiasi discorso su un mondo multipolare è un vuoto scuotimento dell'aria.
  4. Tektor Офлайн Tektor
    Tektor (Tettore) 26 March 2021 14: 25
    0
    Lo zar Pietro il Grande ha pagato 2 milioni di Efimok per Ingermanlandia, Estlandia, parte della Carelia e altri, che ammontavano a circa 56 tonnellate d'argento. Oggi, al tasso di cambio attuale, 1 miliardo di dollari equivale a circa 1244 tonnellate di argento. Ebbene, 100 miliardi di dollari - 124 mila tonnellate d'argento. Devo dire che Peter ha comprato la terra a buon mercato. Ma l'argento è denaro e può essere ottenuto con i fondi della NWF. Nuovo denaro può essere emesso per questo argento.
  5. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 27 March 2021 04: 53
    +3
    La disconnessione dalla rapida Russia e / o Cina è possibile solo in un caso, un conflitto militare diretto. Quindi tutta questa verbosità e le storie dell'orrore per gli analfabeti. Anche durante la seconda guerra mondiale, le banche alleate attraverso la Svizzera, l'Argentina e il Brasile hanno condotto operazioni commerciali con il I nazisti odiano ricordare molto.
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 28 March 2021 13: 23
    0
    Scollegare la Federazione Russa dallo SWIFT, con il possibile successivo sequestro di riserve auree, titoli e l'uso di altri strumenti finanziari, equivarrà al passaggio delle ostilità dall'uso di armi convenzionali a quelle nucleari.
    Ciò interesserà non solo la Federazione Russa e quindi non è possibile calcolare tutte le conseguenze. I danni alla Federazione Russa saranno enormi, ma tutti subiranno perdite.
    A giudicare dalla riduzione del rapporto tra il dollaro e gli obblighi di debito degli Stati Uniti, un aumento della quota di euro, yen, renminbi, un aumento del volume dell'oro monetario nelle riserve auree e in valuta estera, suggerisce che un tale sviluppo di eventi nella Federazione Russa non esclude e, se possibile, stanno prendendo alcune misure.
    La domanda è se gli Sshasoviti decideranno di scatenare una guerra finanziaria su vasta scala e come si comporterà il resto del mondo.
    Dato che la guerra sul fronte finanziario sta prendendo slancio ed è tutt'altro che finita, sembra ragionevole includere nel Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa e il capo della Banca Centrale della Federazione Russa, E.S. Nabiullina.
  7. margo Офлайн margo
    margo (margo) Aprile 2 2021 16: 53
    0
    disconnettere la Russia da SWIFT non significherà "isolamento"

    - Sì, ho già esperienza. Tutti ricordano come, dopo che un bombardiere russo è stato abbattuto su un caccia turco e l'imposizione di sanzioni da parte della Russia contro i pomodori turchi, l'aeroporto di Minsk è stato sovraccarico di turisti russi che volevano volare in Turchia in vacanza.
    Come, dopo l'imposizione di sanzioni da parte della Russia contro i paesi occidentali, la cosiddetta sostituzione delle importazioni, gamberetti bielorussi, cozze, olive, parmigiano dal Kazakistan, ecc. Ha iniziato a essere fornita in modo massiccio al paese.
  8. Ben Latin Офлайн Ben Latin
    Ben Latin (Valentino latino) Aprile 7 2021 12: 21
    0
    ... Gli americani stanno cercando di non affrontare la verità: il sistema russo per il trasferimento dei messaggi finanziari (SPFS) (STFM), creato dalla Federazione Russa nel 2014, ha già superato in popolarità lo SWIFT americano. Ora, ad esempio, la Russia sta conducendo intensi negoziati per coordinare il funzionamento del suo sistema con le autorità di regolamentazione in Cina, Turchia, Siria e Iran. Le conseguenze dirette della disconnessione dal sistema SWIFT interesseranno solo coloro che trasferiscono denaro all'estero direttamente da un conto bancario, o viceversa, accettano denaro dall'estero. Qualunque cosa. Gli Stati Uniti non hanno nulla di più in magazzino di quanto possano violare la Russia ("il topo si blocca da solo nel frigorifero") ... In futuro, non è necessario in nessuna circostanza consentire transazioni in dollari nel nuovo sistema ...