La Russia ha ottenuto il massimo dalla "rivoluzione dello scisto" americana


Le sanzioni petrolifere statunitensi contro Iran e Venezuela hanno paradossalmente influenzato negativamente lo stesso "egemone". americano economia una maggiore dipendenza dalle forniture di "oro nero" russo, e il petrolio saudita ha preferito il mercato "trasparente" statunitense a quello "opaco" cinese.


Nell'ultimo 2020, la Russia è salita al secondo posto tra i maggiori esportatori di petrolio e olio combustibile negli Stati Uniti, spingendo l'Arabia Saudita al terzo posto. In numeri sembra così: ogni giorno gli americani hanno comprato da noi una media di 538mila barili contro i 514 di Riyadh. Solo il vicino Canada è fuori concorrenza con i suoi 3,2 milioni di barili al giorno. Ciò significa che Washington sta prendendo materie prime da Mosca a livello "pre-Maid". Come è successo?

Si scopre che gli Stati Uniti si sono creati questi problemi, o meglio, lo ha fatto il presidente Donald Trump. Da un lato, grazie alla "rivoluzione dello scisto", l '"egemone" si è rapidamente trasformato in un importante produttore ed esportatore di petrolio leggero. D'altra parte, molte raffinerie americane sono ancora fortemente dipendenti dalle importazioni di petrolio pesante. L'economia delle raffinerie di petrolio negli Stati Uniti è progettata in modo tale che sia più redditizio per loro elaborare non la propria luce, che almeno le riempie, ma petrolio pesante. E poi il presidente repubblicano ha sparato ai suoi stessi industriali ai piedi, imponendo sanzioni al Venezuela, da dove proveniva tradizionalmente il petrolio pesante viscoso.

Quindi le raffinerie americane sarebbero rimaste senza le solite materie prime, ma Mosca è intervenuta in loro aiuto. Valero ed Exxon sono i maggiori importatori di petrolio greggio e olio combustibile russi. È interessante notare che l'olio combustibile, un prodotto di un basso livello di lavorazione, è molto richiesto. Gli acquirenti lo mescolano con i loro oli grezzi leggeri e ottengono la materia prima ottimale per un'ulteriore distillazione. C'è molto olio combustibile in Russia a causa del fatto che la nostra raffineria non è completamente modernizzata, quindi possiamo fornirlo in quantità commerciabili. Come dice il proverbio, ogni nuvola ha un rivestimento d'argento.

Per quanto riguarda i sauditi, negli ultimi anni Riyadh ha scommesso sulla conquista del promettente mercato cinese. Una combinazione di diversi fattori ha contribuito a questo. In primo luogo, un aumento della produzione di petrolio di scisto negli Stati Uniti, che ha portato a una diminuzione delle importazioni di qualità leggere. In secondo luogo, le sanzioni americane contro Teheran hanno fatto il loro lavoro, eliminando "oro nero" dall'Iran dal mercato. Ciò ha costretto i paesi asiatici in via di sviluppo attivo, in primo luogo la Cina, a cercare fornitori alternativi. E l'Arabia Saudita ha diretto i suoi flussi di esportazione verso il mercato più premium dell'Asia-Pacifico, che ha una capacità superiore a quella degli Stati Uniti. Riyadh compete attivamente con Mosca, offrendo agli acquirenti sconti significativi. Questo gli ha permesso di diventare il fornitore di petrolio numero 1 in Cina. I piani per prendere saldamente piede nel mercato indiano sono evidenziati anche dal desiderio dei sauditi di acquisire il 20% del conglomerato locale di materie prime Reliance Industries.

Nel frattempo, le compagnie russe stanno padroneggiando l'attività di fornire petrolio venezuelano "sanzionato". A causa del regime restrittivo, la società statale PDVSA è stata costretta a iniziare a fare affari con piccoli attori di origini piuttosto dubbie. Ricordate la superpetroliera venezuelana Ayacucho, che ha ricevuto un "permesso di soggiorno" russo ed è stata ribattezzata "Maxim Gorky"? Contrariamente a quanto suggerito secondo cui la nave cisterna sarà utilizzata solo come deposito galleggiante di materie prime, ha iniziato a funzionare. La nave è stata vista trasferire 2 milioni di barili di petrolio su un'altra nave vicino a Singapore lo scorso novembre. Questa è una pratica comune per aggirare le sanzioni statunitensi.

Inoltre, la petroliera Pavinospirit, di proprietà di Pavino-Tanker LLC, registrata a Vladivostok, è stata vista consegnare petrolio venezuelano. La petroliera Sierra ha volato due volte nel 2020 al porto di Jose in Venezuela. Si tratta di una petroliera classe Aframax, che nel 2019 è passata da panamense a russa. Prima era di proprietà di Novograin LLC, registrata a Rostov-on-Don, e ora di Rustanker LLC di Novorossiysk, che a sua volta appartiene alla società offshore Makandi Marine Inc. nelle Isole Marshall. Lo stesso ufficio possiede la petroliera Nostras, che corre regolarmente al largo delle coste del Venezuela. Secondo Reuters, OGX Trading di Mosca, fondata nel 2020, aiuta Caracas con l'esportazione di "oro nero". Il suo proprietario è la società Marlybone Trading con sede negli Emirati Arabi Uniti.

In generale, le strutture russe sono chiaramente coinvolte attivamente negli schemi per la fornitura di petrolio venezuelano. Nessuno, però, li ha presi direttamente per mano. Come hanno spiegato i rappresentanti della società TankerTrackers, ricevono fotografie satellitari di terminali e navi cisterna, che vengono utilizzate per calcolare quanto in profondità la nave è affondata nell'acqua dall'ombra sullo sfondo. Sulla base di ciò, gli osservatori determinano la quantità di petrolio a bordo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ck9999999 Офлайн ck9999999
    ck9999999 (C K) 27 March 2021 14: 17
    -2
    A un orso in un circo viene insegnato ad andare in bicicletta in un paio di mesi. Sono passati trent'anni dal crollo dell'URSS e l'entusiasmo per l'aumento delle esportazioni di olio combustibile è forse irrilevante.
    1. al2145133 Офлайн al2145133
      al2145133 (Alexey Gribalev) 17 può 2021 09: 05
      0
      Perché non fare soldi con gli sciocchi?