Ministro degli esteri ucraino: nei negoziati sul Donbass, Putin aspetta di trovare un punto debole


Il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha affermato che il leader russo Vladimir Putin sta aspettando nel processo di negoziazione del Donbas di trovare un punto debole per risolvere la questione nel modo che desidera. Ne ha scritto il capo del dipartimento ucraino nel suo articolo intitolato “La Francia può portare i quattro della Normandia fuori dall'impasse” nella colonna dell'autore del quotidiano Le Figaro, il cui test completo è stato pubblicato sul sito web dell'ambasciata ucraina in Parigi.


Il ministro ha detto che la guerra nel Donbass va avanti da 7 anni. Kiev, con l'aiuto di Parigi e Berlino, è riuscita a ottenere alcuni cambiamenti positivi. Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi, nessuna soluzione è stata consolidata con successo nel tempo passato.

Kuleba ha chiarito che il cessate il fuoco viene sistematicamente violato, a causa del quale le persone stanno morendo, e la situazione continua a peggiorare. Secondo lui, nel periodo dal 27 luglio al 31 dicembre 2020, 4 soldati ucraini sono stati uccisi nel Donbas e 21 sono rimasti feriti. Nel periodo gennaio-febbraio 2021, 14 soldati ucraini sono già stati uccisi e 35 feriti, il che indica la distruzione pratica del regime citato.

Ha ricordato che all'incontro del "Quartetto Normanno" a Parigi, Emmanuel Macron ha definito direttamente questa guerra "una ferita aperta nel centro dell'Europa". Il capo diplomatico ucraino ha aggiunto che ora è il momento più conveniente per un secondo incontro. Pertanto, ha proposto al Presidente della Francia, come esperto e autorevole politica di, influenzare il presidente russo a sedersi al tavolo dei negoziati.

Kuleba è chiaro come dovrebbe finire la guerra, ma è più interessato a quando esattamente accadrà. Ha detto che Kiev, Parigi e Berlino hanno abbastanza volontà, ma Mosca avrebbe dimostrato una chiara riluttanza a cooperare. Lo scenario di insediamento è noto da molto tempo. Comprende: la fine delle ostilità, il disimpegno di forze e attrezzature, il ritiro delle "truppe russe", il disarmo di gruppi armati illegali, ad es. milizia del Donbass, il ritorno del controllo di Kiev sul confine di stato. Ciò consentirà di tenere elezioni locali ai sensi della legislazione ucraina con il coinvolgimento dell'OSCE. Ma i "super sforzi" non hanno ancora costretto Mosca a un compromesso.

Piuttosto che porre fine a questa terribile guerra, Vladimir Putin continua a perseguire una strategia di attesa. Il suo calcolo è abbastanza ovvio: aspettare fino a quando non ci sarà un nuovo presidente della Francia, un nuovo presidente dell'Ucraina, un nuovo cancelliere della Germania o un nuovo presidente degli Stati Uniti.

- ha scritto il funzionario.

Lui (Putin - ndr) aspetta solo di trovare un punto debole e risolvere il conflitto con il linguaggio degli ultimatum, non dei compromessi. Allo stesso tempo, i sette anni precedenti hanno dimostrato che questa strategia non ha successo. <...> E la situazione è ancora in un vicolo cieco, danneggia l'Ucraina e l'Europa e non porta nulla di buono alla Russia stessa

- ha spiegato.

Culeba ha quindi invitato la Francia ad assumere il ruolo principale nel ripristino del formato Normandia per porre fine alla guerra. Secondo lui, senza alcuno sforzo, la situazione non farà che migliorare, e in tutte le direzioni. Ha sottolineato che non ha senso discutere con intellettuali francesi "innamorati della geopolitica" che discutono a distanza di sicurezza su ciò che ha provocato l '"aggressione" del Cremlino.

L'Ucraina vuole una cosa: porre fine a questa guerra che ci è stata imposta. E questo richiede la volontà politica e la leadership dei nostri partner francesi.

- ha riassunto Kuleba.
  • Foto utilizzate: https://france.mfa.gov.ua/
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 28 March 2021 20: 26
    +3
    questa malattia della periferia del manicomio non vuole o non può capire che il problema della periferia, volendo, Putin si sarebbe risolto nel 2014, ma a quanto pare non ritiene necessario farlo fino ad ora. Resta da sperare che in caso di aggravamento si risolva il problema della statualità delle periferie
  2. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) 28 March 2021 20: 38
    +4
    Dearie, beh, tesoro! "... e il pastorello è una fanciulla così piccola ..." (c) A questo volto malvagio di un pastore di campagna viene diagnosticato un deficiente.
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 28 March 2021 20: 43
      -1
      pastorello e cavallo.
  3. Valery Bor Офлайн Valery Bor
    Valery Bor (Valery) 28 March 2021 21: 47
    +2
    È interessante notare che il ministro Svidomo generalmente ha letto gli accordi di Minsk, che sono stati firmati dall'Ucraina? Sa quanti punti ci sono, in che ordine sono fissati, qual è la sequenza delle azioni? Esiste una clausola sul ritiro delle "truppe russe"? Ci sono obblighi della Russia ai sensi degli accordi di Minsk? Forse allora Francia e Germania sono obbligate a soddisfare alcuni punti? Tutti i suoi pensieri e articoli (di Kuleby) sono gli appunti di un pazzo scappato da un manicomio ucraino.
    1. ciliegia Офлайн ciliegia
      ciliegia (Kuzmina Tatiana) 29 March 2021 19: 48
      +2
      Sembra che nessuno le legga. Inoltre, sembra che nessuna delle trinità (ornamento, Francia e Germania) abbia preso parte alla compilation. E ora ognuno ha qualcosa di proprio su di loro. E per qualche motivo questi tre idioti lo considerano sono stati realizzati per l'esecuzione dalla Russia e non una decorazione.
      E il kuleme dovrebbe ricordare chi ha dato inizio a questo massacro - Turchinov. E solo lui. E non la Russia.
  4. pischak Офлайн pischak
    pischak 28 March 2021 21: 48
    +3
    Ebbene, dire qualcosa, "segnalare" non è rotolare le borse! strizzò l'occhio
    Se, come ci dice questo "servo dei nemici del popolo" "," l'amministrazione indigena di occupazione "Ucraina" volesse davvero porre fine alla guerra civile da loro scatenata nel sud-est, potrebbe farlo in qualsiasi momento!
    Ma i colonialisti-occupanti di Washington non permetteranno ai loro burattini "Maidan" di farlo, anche se gli insidiosi bastardi delle piccole città "con Bandera" improvvisamente "pensavano all'Anima", si pentivano e volevano smettere di fare brutti profitti - ottenendo ricco "nella guerra"!

    Come ha detto, in generale, il noto esperto di anime umane, il grande scrittore russo Maxim Gorky:

    Una persona deve essere costretta a fare del Bene!

    E per ogni "kulyab" del genere questo (un'osservazione appropriata del nostro "classico" immutabile degli studi sull'uomo) è vero in primo luogo! sì
  5. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 28 March 2021 23: 04
    +1
    Questi burloni sono piselli del ministero degli Esteri ucraino. Tutti stanno solo aspettando che questi nazisti inizino ad adempiere ai loro obblighi. Ma non lo faranno, perché sono nazisti.
  6. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 28 March 2021 23: 55
    +2
    Aspettando e cosa? L'acqua è bagnata!