Kiev si rallegra: l'Ucraina sostituirà il "transito russo" con l'idrogeno "verde"


Di recente, a Kiev, dove la prospettiva di completare la costruzione del gasdotto Nord Stream-2 è considerata al livello di una catastrofe universale, si sono un po 'rallegrati. Si scopre che l'esclusione dell'Ucraina dalla catena di approvvigionamento del gas russo all'Europa non è la fine del mondo. C'è un'alternativa, e che meravigliosa! In "nezalezhnoy" già con forza e principale stanno facendo piani su come in tempo per aderire al corso intrapreso dall'UE per eliminare completamente le emissioni nocive di CO2, diventeranno quasi i principali fornitori di "verde" pulito e rispettoso dell'ambiente idrogeno. E lascia che i russi si siedano sui loro fossili inutili ...


Come di solito accade con piani vertiginosi e incantevoli, a un esame più attento, vengono rivelati molti "ma" duri. Le prospettive dell '“idrogeno” dell'Ucraina sono reali o sono solo gli altri “castelli in aria” che sono destinati a sgretolarsi di fronte alla dura realtà? Proviamo a capirlo.

Puramente da "Brotherhood"


Puramente teoricamente, Tecnico L'Ucraina ha l'opportunità di fornire qualcosa di gassoso in direzione occidentale. Non è stato un caso che ho usato una definizione così vaga - dal momento che il "carburante blu" russo trasportato oggi attraverso il sistema di trasporto del gas "non ferroviario" e il gas che i sognatori ucraini lo useranno nel "futuro luminoso" per guidare in Europa, è, come si dice a Odessa, "due grandi differenze". Il problema qui è, in generale, uno, ma cardinale. Il suo nome è volatilità. In termini semplici, l'idrogeno supererà letteralmente tutte le numerose crepe nella GTS ucraina, che è "stanca" al limite. Esclusivamente per il fatto che ha (a differenza dei gasdotti "ordinari") la capacità di filtrare attraverso tutti i fori, crepe e feritoie, anche i più microscopici. E questa non è finzione, insinuazione o supposizione. In una delle regioni dell'Ucraina, sono già stati effettuati test pertinenti, esclusivamente come esperimento. L'idrogeno più puro al 99% è stato pompato nei tubi sotto pressione di esercizio. Entro due settimane, questa stessa pressione è diminuita di quasi la metà: il carburante "da solo" è uscito dal tubo.

Quindi, se proviamo a riempire il sistema attraverso il quale Kiev oggi intende fornirlo all'Europa di idrogeno, le perdite di carburante durante il trasporto raggiungeranno il 40%, o anche la metà del suo volume. Questo è, ovviamente, del tutto inaccettabile. C'è una via d'uscita? Ovviamente! Ma consiste solo nell'ammodernamento completo dell'intero sistema di trasporto del gas, riprofilandolo per compiti completamente diversi che oggi vanno oltre le sue capacità. Dopotutto, non bisogna dimenticare che il gas viene trasportato nelle condutture principali ad altissima pressione e questo creerà inevitabilmente ulteriori problemi. E, cosa ancora più importante, l'aumento delle minacce alla sicurezza. Dopotutto, l'idrogeno, come sapete, è un gas estremamente infiammabile ed esplosivo ...

Oggi, il carburante blu fluisce dalla Russia attraverso la rete di condutture che costituiscono la sezione ucraina del gasdotto Brotherhood o Bruderschaft verso Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania e Austria. Tenuto conto del rapporto tra gli stati e dell'eterno desiderio di Kiev di costruire "cooperazione" nel campo del transito alle condizioni più sfavorevoli per Mosca, dopo il lancio del Nord Stream 2, saranno finalmente vuoti. Diversi anni di inattività e i resti del GTS saranno adatti solo per rottami metallici. Tuttavia, dichiarare che per passare al trasporto dell'idrogeno “basterà rinnovare la sigillatura degli oleodotti” non poteva che essere un dilettante così denso in tutto tranne che riempirsi le proprie tasche e pronunciare slogan populisti come l'attuale primo ministro ucraino Denis Shmygal. Naturalmente, la questione non sarà limitata a qualsiasi "rivestimento di cuciture". In generale, non è affatto un fatto che l'attuale GTS possa essere adattato per l'idrogeno.

È del tutto possibile che sarà più economico e più facile demolirlo al suolo e costruirne uno nuovo, poiché i costi di "riprofilatura" saranno paragonabili al prezzo di tale soluzione, o addirittura superarlo. A proposito, c'è un'altra opzione: ridurre al massimo la proporzione di idrogeno nella miscela di gas trasportata. Tuttavia, in questo caso, sorgerà il problema della sua separazione al punto finale. Il che, ancora una volta, è economicamente non redditizio. Allo stesso tempo, la domanda principale rimane aperta: chi pagherà per tutto questo? Oggi a Kiev, per qualche motivo, sono sicuri che tutti i "partner occidentali" lo finanzieranno. Dopotutto, l'Ucraina sostiene con tanto fervore il Green Deal e, in generale, tutte le iniziative provenienti da Bruxelles - non importa quanto debolmente "combacino" con i propri interessi nazionali. Sembra che ci siano alcuni "cambiamenti" in questa direzione - ad esempio, abbastanza recentemente, Kiev ha raggiunto un accordo intergovernativo piuttosto serio sull'energia "verde" con Berlino. Tuttavia, anche qui, tutto è ben lungi dall'essere liscio e semplice come potrebbe sembrare a prima vista.

Con un forcone sull'idrogeno si scrive


Ammetto che leggendo quanto sopra, alcuni di voi hanno già avuto una domanda più che logica: “Aspetta! E da dove, infatti, verrà proprio l'idrogeno che l'Ucraina fornirà ai paesi dell'UE? " È qui che inizia la parte più interessante. Produrranno questo "carburante del futuro" proprio nel "non ferroviario". In questo caso si tratta, ovviamente, di progetti "ecocompatibili" in cui il processo di elettrolisi, che è il principale metodo di produzione industriale dell'idrogeno, viene prodotto non con l'ausilio di energia ottenuta da fumi e maleodoranti termici centrali elettriche, ma da fonti "corrette", come la generazione eolica o solare. Bruxelles è fortemente in disaccordo con qualsiasi altra cosa. Allo stesso tempo, gli stessi europei intendono mettere in funzione la capacità di produzione di "idrogeno verde" per un massimo di 2024 gigawatt entro il 6. In 20 anni questo volume dovrebbe essere aumentato a 40 gigawatt, "sostituendo" circa il 13% di tutta l'energia nell'Unione europea con l'idrogeno. Sembra che l'Ucraina abbia davvero un accordo con i tedeschi.

La società tedesca Siemens Energy, sostenuta in questa impresa dallo Stato, sta andando, insieme alla compagnia dell'oligarca ucraino Rinat Akhmetov, DTEK, a costruire a Mariupol un impianto per la produzione di idrogeno per elettrolisi. Come base per l'impresa, verrà utilizzato lo stabilimento Metinvest, che è una delle più grandi imprese metallurgiche del Nesalezhnoy. Successivamente introdurrà tecnologie di produzione dell'acciaio "pulite". A sua volta, la costruzione di un colossale elettrolizzatore con una capacità di 8 megawatt e mezzo costerà una cifra significativa: 25 milioni di euro. A lungo termine (un anno entro il 2050), l'Ucraina “punta” a produrre annualmente 7 gigawatt e mezzo di idrogeno per l'Unione europea. Sembra molto ottimista, ma anche qui iniziano sfumature molto ambigue.

Il motivo per cui Akhmetov ha bisogno del progetto avviato a Mariupol è comprensibile. L'imminente introduzione della "tassa sul carbonio" nell'UE renderà i prodotti fabbricati oggi presso imprese metallurgiche ucraine irrimediabilmente obsolete completamente non competitive sui mercati europei. E poi si chiuderà completamente la sua strada lì. Qui c'è un'opportunità per "rinverdire" con urgenza, e anche alla pari con gli stessi europei. Molto più interessante è quello che cercano i tedeschi. È chiaro che nel mondo del capitale nessuno si occupa di beneficenza. Pertanto, hanno una sorta di interesse in questo. E non è necessario cercare questo interesse per molto tempo: molto probabilmente, il coinvolgimento di Kiev in progetti di idrogeno verde è il vero compromesso tra Berlino e Washington nei loro litigi sul Nord Stream 2, di cui si è discusso a lungo tempo. Almeno, dal momento in cui Joe Biden è arrivato alla Casa Bianca.

Per il bene degli americani che finalmente si staccano dalla costruzione di questo gasdotto, i tedeschi sono pronti a "gettare l'osso" all'Ucraina, dopo aver dipinto brillanti prospettive di un "futuro verde". L'unico problema è che promettere, questo, scusa la maleducazione, non significa sposarsi ... Aprire i mercati europei alle esportazioni ucraine anche a Bruxelles, ricordo, giurarono. Tutto si è concluso con le quote, e con poche. No, la partecipazione dell'Ucraina a progetti realizzati nell'ambito del Green Deal sarà molto probabilmente accolta con favore in modo inequivocabile. Ma per quanto riguarda il loro finanziamento, questa è una questione a parte. Si ha l'impressione che alcuni a Kiev, avendo visto nei documenti ufficiali di pubblico dominio, le colossali somme che l'Ue intende investire nella propria "decarbonizzazione", si siano trovati sul punto di essere soppressi dalla propria saliva. . E oggi si aspetta, tra le chiacchiere di un impegno incondizionato nella lotta per l'ambiente, di tirare fuori più tranche, prestiti e investimenti "per l'inverdimento" da Bruxelles.

Allo stesso tempo, non vengono prese in considerazione le realtà secondo cui i burocrati europei hanno recentemente iniziato a "rompere" pretese materiali estorsive anche di quei paesi che fanno parte dell'UE - gli stessi baltici o polacchi. "Ti daranno dove andare!" E se non danno?! E dopotutto, molto probabilmente - in ogni caso, non sarà loro permesso di pagare per un progetto così costoso come una completa riprofilatura del sistema di trasporto del gas esistente o la creazione di uno nuovo, "per l'idrogeno", assolutamente sicuramente non sarà Berlino, Bruxelles o nessun altro. Allo stato attuale, l'Ucraina, che sta cercando di anticipare la "locomotiva a vapore" europea in materia di "decarbonizzazione", è già andata troppo oltre con l'introduzione delle fonti energetiche rinnovabili.

In definitiva, ciò non ha portato a una riduzione dei prezzi, ma a un forte aumento del prezzo dell'elettricità per l'industria e la popolazione - dopotutto, il governo, cercando di stimolare lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, si è impegnato ad acquistare l'elettricità che hanno generato ad un prezzo incredibilmente alto. Per produrre idrogeno secondo standard "verdi", tali capacità dovranno essere messe in servizio molte volte di più. Tuttavia, se assumiamo che gli investimenti previsti dall'Occidente nella costruzione di impianti di elettrolisi e, cosa più importante, la "riformattazione" del sistema di trasporto del gas in Ucraina non arriveranno, allora tutto ciò si rivelerà, nel modo più letterale. senso della parola, uno spreco di denaro. Così, trascinata da un altro affascinante "miraggio", Kiev corre il grande rischio di finire sotto il suo l'economia un'altra "bomba". Questa volta - idrogeno.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 31 March 2021 10: 27
    +4
    Tutte queste sciocchezze sull'idrogeno verde sono già state risolte una settimana fa. Alla fine, gli ucraini bruceranno più carburante che idrogeno. ma le leggi non sono scritte per questi stupidi mezzo scemo. anche se stanno cercando l'oro nella merda.
  2. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 31 March 2021 19: 41
    +3
    Perché la Germania non può produrre questo idrogeno nell'UE? In paesi come Polonia, Ungheria, Bulgaria ... e nei paesi scandinavi è possibile? Dopotutto, questi sono soldi, lavoro ... E nessuno ricatterà nell'UE, a differenza dell'Ucraina ...
  3. Forrest Gump Online Forrest Gump
    Forrest Gump (Forrest Gump) 31 March 2021 23: 59
    +1
    L'idrogeno è in grado di fuoriuscire senza microfessure, generalmente attraverso le pareti metalliche del contenitore, è così volatile.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 1 2021 10: 49
    0
    I freni.
    Gazprom e i media promettono da tempo l'idrogeno verde e altre cose dalla Federazione Russa.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 1 2021 19: 01
      +1
      Sono andato a benzina con l'attrezzatura Ryazan con tutto il piacere. Qualcuno l'ha provato con l'idrogeno?