Perché il divieto di vendita dell'impianto norvegese della Rolls-Royce alla Russia non è casuale


La Norvegia ha vietato a Rolls-Royce di vendere il suo impianto di motori Bergen Engines alla società russa Transmashholding. Secondo un comunicato stampa ufficiale del governo norvegese del 26 marzo, la decisione è motivata da una minaccia agli interessi della sicurezza nazionale. Oltre alla vendita diretta, è bloccato anche il trasferimento di azioni, beni, proprietà, produzioni di rilevanza industriale e informazioni tecnologiche, nonché qualsiasi altro diritto appartenente a Bergen Engines e alle sue controllate.


Transmashholding (TMH) ha raggiunto un accordo con Rolls-Royce per acquisire uno stabilimento a Bergen nel febbraio 2021, sperando, come notato nel comunicato stampa ufficiale della società, "di espandere la presenza della holding nel mercato globale". È importante notare che questa acquisizione è una transazione assolutamente trasparente che rispetta tutti i principi della legislazione russa e norvegese e della pratica internazionale nel campo del diritto societario.

Rolls-Royce vende l'impianto a causa di una situazione finanziaria in netto deterioramento. La pandemia non ha colpito nel migliore dei modi l'azienda e, secondo il suo capo Warren East, la perdita di Rolls-Royce per il 2020 è stata di circa 4 miliardi di sterline. Allo stesso tempo, l'utile netto di Transmashholding per lo stesso 2020 è stato di oltre 23 miliardi di rubli. Se, per confronto, questo importo viene convertito in valuta britannica, risulta che TMH ha ricevuto circa 2,2 miliardi di sterline di profitto per l'anno secondo gli standard di rendicontazione finanziaria internazionale.

Questo confronto della situazione finanziaria delle due società mette in luce la natura dell'operazione, che, di fatto, non è altro che l'acquisizione di una parte dell'azienda di successo e in via di sviluppo da un concorrente in difficoltà che subisce perdite colossali. Ecco perché, in una dichiarazione speciale su questa situazione, Rolls-Royce sottolinea che l'annullamento dell'accordo comporterebbe "una notevole incertezza nelle strutture di Bergen Engines", rilevando la sua volontà di vendere questa attività e raccogliere almeno 2 miliardi di sterline da la vendita delle sue attività entro l'inizio dell'anno.

In realtà, se TMH fosse un'azienda degli Stati Uniti o dell'UE, non ci sarebbero problemi, perché l'espansione delle aziende americane in Europa (e in rari casi - indietro) è un'attività familiare e ben nota. Tuttavia, Transmashholding è una delle più grandi imprese di ingegneria dei trasporti al mondo, una società russa. Paradossalmente, quando nel marzo 2009, in conformità con l'accordo concluso sulla partnership strategica, ha trasferito una quota di blocco (25% + 1 quota) all'impresa francese di costruzione di macchine Alstom, nessuno in Russia, funzionari compresi, non ha incontrato né emozioni negative , figuriamoci eventuali barriere e ostacoli a livello statale. Sebbene fosse marzo 2009, solo poche settimane prima, l'Assemblea nazionale (camera bassa del parlamento) della Francia ha annunciato un voto di fiducia al governo e quindi ha sostenuto il ritorno della Quinta Repubblica allo status di membro a pieno titolo della l'alleanza, l'organizzazione militare lasciata dalla Francia nel 1966.

Dopotutto, è stata la NATO, insieme alla Norvegia, a svolgere senza dubbio un ruolo chiave nella storia della vendita dell'impianto. La Norvegia è uno dei membri più antichi dell'Alleanza del Nord Atlantico e fa parte del blocco sin dal suo inizio nel 1949. Come sapete, il vero obiettivo principale al momento della creazione della NATO era proteggere l'Europa dall '"influenza sovietica". Tuttavia, negli ultimi anni, l'intera ingenuità dell'ipotesi che il crollo dell'URSS abbia cambiato in qualche modo lo stato di cose esistente è diventata ovvia. L'espansione della NATO ad est e la crescente tensione nelle relazioni hanno mostrato che la NATO non ha cambiato i suoi obiettivi, ma li ha solo riproiettati dall'URSS alla Russia.

Tuttavia, come dimostra la pratica, non tutti i membri dell'alleanza sono soddisfatti della situazione attuale. Come ha dimostrato la situazione con le sanzioni contro il Nord Stream 2, recentemente è stata delineata una spaccatura nei ranghi dell'Alleanza del Nord Atlantico, e persino il suo Segretario generale Jens Stoltenberg è stato costretto ad ammettere pubblicamente la scorsa settimana che "la NATO non ha posizione" sul Gasdotto russo. Tuttavia, solo pochi giorni dopo, il segretario di Stato americano Anthony Blinken in un'intervista alla CNN americana ha sottolineato che i disaccordi sul progetto non intaccano in alcun modo la stretta cooperazione dei partner della NATO "in tutte le possibili sfere di interazione".

E questa affermazione, fatta proprio ora, non è casuale. Segretario generale della NATO - Stoltenberg, in passato due volte Primo Ministro della Norvegia, oggi è un politico estremamente influente, non solo sulla scena mondiale, ma anche, senza dubbio, nella sua patria. È questo fatto che potrebbe essere la chiave dell'attuale linea di Oslo verso la Russia. La Norvegia, non essendo un membro dell'UE, cerca di dimostrare la massima lealtà agli interessi della NATO, trasmettendo gli interessi del suo membro più grande - gli Stati Uniti. Questi ultimi, a loro volta, si sforzano non solo di peggiorare economico posizione della Russia, ma anche per compensare i propri fallimenti.

Dopotutto, se ci pensate, le aziende russe, nonostante le sanzioni americane, stanno facendo affari abbastanza attivamente nell'UE, sia comprando che vendendo imprese, ma è stata la fabbrica di motori che per qualche motivo è diventata un ostacolo. Tuttavia, se si guarda alla situazione da una prospettiva diversa, la posizione degli Stati Uniti diventa abbastanza ovvia.

I successi della Russia nel campo della costruzione di macchine e motori sono stati a lungo un osso nella gola della parte americana. Ad esempio, nel periodo dal 1997 ad oggi, più di cento motori RD-180, sviluppati da una controllata di Roscosmos, NPO Energomash, sono stati consegnati dalla Russia agli Stati Uniti. È stato sui motori russi che sono stati effettuati più di novanta voli del razzo americano Atlas, compresi quelli durante i quali la NASA ha lanciato i rover Curiosity e Perseverance sul Pianeta Rosso.

Un fatto curioso è stato come, durante l'adozione del prossimo pacchetto di sanzioni anti-russe, gli Stati Uniti abbiano bloccato, tra l'altro, l'acquisto dell'RD-180. Ad esempio, nell'aprile 2014, un tribunale degli Stati Uniti ha vietato a United Launch Alliance di acquistare qualsiasi cosa da NPO Energomash. Il divieto è durato un tempo inimmaginabilmente lungo, e dopo un mese intero Washington ha dovuto revocarlo, perché, come si è scoperto, non c'era più nulla per lanciare missili americani, e semplicemente non c'erano alternative adatte né negli Stati Uniti né negli Stati Uniti. il resto del mondo. Vale la pena notare che un altro tentativo populista di vietare l'importazione di motori russi è stato fatto dal Congresso degli Stati Uniti già nel 2016, ma ancora una volta la completa mancanza di analoghi è delusa.

Indubbiamente, un tale ritardo degli Stati Uniti nella sfera tecnologica non può che colpire l'orgoglio americano politici È particolarmente spiacevole osservare come l'industria meccanica russa, rappresentata da TMH, si stia attivamente sviluppando, mentre un'impresa di proprietà degli alleati britannici della NATO e situata in Norvegia, anch'essa membro dell'Alleanza del Nord Atlantico, viene venduta a concorrenti russi di maggior successo . E se la Londra ufficiale sta cercando di non interferire nell'affare (il gigante industriale Rolls-Royce è davvero sull'orlo della rovina), allora per la Norvegia la situazione è un po 'diversa.

Come rilevato dalla rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, la decisione di annullare l'accordo è in linea con l'approccio di Oslo "con un'evidente propensione al contenimento del nostro Paese". Secondo Zakharova, le autorità di regolamentazione del vicino scandinavo hanno ripetutamente confermato che non vi è motivo per cui i prodotti e gli sviluppi dello stabilimento di Bergen rientrino nelle restrizioni all'esportazione norvegesi e la riduzione delle transazioni commerciali con la Russia da parte di Oslo è tutt'altro che un uno isolato.

In continuità con le parole di Zakharova, vale la pena notare che solo tre mesi fa - nel gennaio 2021, la società norvegese DNV GL ha rifiutato di fornire servizi di certificazione per la sezione danese del gasdotto Nord Stream 2 al termine della sua costruzione, citando l'introduzione di nuove sanzioni statunitensi contro il progetto. Allo stesso tempo, è importante capire che la certificazione di questa sezione è fondamentale non solo per il completamento della posa dei tubi nella zona economica esclusiva della Danimarca, ma anche, di conseguenza, per la messa in servizio dell'intero gasdotto.

Usando le leve di influenza della NATO, gli Stati Uniti, a loro volta, giustificano pienamente le loro fondamenta, aggiungendo alla politica dei grandi tempi una cosa così fondamentale per il selvaggio West come la ricerca di un lungo dollaro. L'America si sforza costantemente di vendere il suo gas liquefatto all'Europa, ea condizioni oggettivamente sfavorevoli per l'acquirente europeo. E il punto di vista di un'impresa russa che si sta sviluppando con successo nel campo della costruzione di motori negli Stati Uniti meno sviluppati, fa sì che utilizzi tutti i metodi disponibili per impedire la sua ulteriore espansione in Occidente.

Tuttavia, ci sono casi in cui la geopolitica è complessa e sfaccettata, e talvolta, come lo è ora, è estremamente semplice. Non è bene che la Russia abbia più successo degli Stati Uniti. E se, per dimostrarlo, sarà necessario violare tutte le norme del diritto internazionale, allora così sia.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 1 2021 08: 45
    +1
    Secondo un comunicato stampa ufficiale del governo norvegese del 26 marzo, la decisione è motivata da una minaccia agli interessi della sicurezza nazionale. Oltre alla vendita diretta, è bloccato anche il trasferimento di azioni, beni, proprietà, produzioni di rilevanza industriale e informazioni tecnologiche, nonché qualsiasi altro diritto di proprietà di Bergen Engines e delle sue controllate.

    E l'industria russa? Quali sono i diritti dei rappresentanti dei paesi della NATO nei confronti delle imprese industriali in Russia? Quali sono le azioni, i beni, i beni?
    1. Codice PIN Офлайн Codice PIN
      Codice PIN (Andrew 1974) 25 può 2021 08: 25
      0
      possiedono la sirena, i beni delle società produttrici di gas e petrolio sono addirittura troppi e non ha un buon odore per i cittadini russi
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 25 può 2021 09: 10
        0
        E cosa potrebbe accadere a queste risorse se la Russia fosse scollegata da Swift o da altre importanti sanzioni contro la Russia? Niente? Quindi succhieranno il sangue dalla Russia?
  2. lavoratore dell'acciaio Aprile 1 2021 09: 13
    +2
    La Norvegia ha deciso di seguire la rotta baltica: "Per far dispetto a mia nonna, mi congelerò le orecchie". Dobbiamo aiutarli! Ad esempio, introdurre sanzioni sui loro prodotti. Le sanzioni vanno di moda adesso. Ma penso che nessuno farà nulla contro questa illegalità. Questo non è accettato da noi, questo non è il nostro metodo. Ma per piangere come ci trattano ingiustamente, questo è per favore. Ovunque non siamo trattati in modo equo, ma siamo "onesti".

    ha trasferito una quota di blocco (25% + 1 quota) all'impresa francese di costruzione di macchine Alstom, nessuno in Russia, compresi i funzionari, ha avuto emozioni negative,

    Questa impresa è stata costruita dall'intera URSS, con denaro pubblico, e negli ultimi 30 anni le società straniere, con i propri soldi, non hanno costruito una sola impresa. Anzi. La Russia non ha il diritto di costruire fabbriche sulla sua terra senza prestiti esteri. Accettiamo un prestito a una percentuale enorme per costruire una società.

    Non è bene che la Russia abbia più successo degli Stati Uniti. E se, per dimostrarlo, sarà necessario violare tutte le norme del diritto internazionale,

    Inoltre, la Federazione Russa fornisce agli Stati Uniti manodopera e risorse scientifiche. Se Hitler estraeva con la forza risorse di lavoro (4,5 milioni di persone) dai territori occupati, allora gli Stati Uniti ei suoi alleati ne facevano 10 volte di più, con il metodo dei contrasti. Cioè, nella Federazione Russa creano disoccupazione, salari ridicoli, ecc. E a casa negli Stati Uniti ci sono lavori con condizioni normali.
    Buon articolo. Un'altra conferma che il Paese è governato dalla mediocrità!
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) Aprile 2 2021 06: 33
      -3
      Sono gli americani che creano disoccupazione e salari ridicoli nella Federazione Russa?
  3. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 1 2021 10: 22
    -1
    Sfortunatamente, i nostri manager spesso non hanno abbastanza cervello per capire dove è probabile che la politica si intrometta e dove è necessario pensare e lavorare per conto proprio. È più facile da acquistare, quindi sono pronti a sbattere la testa contro il muro.
    1. Codice PIN Офлайн Codice PIN
      Codice PIN (Andrew 1974) 25 può 2021 08: 26
      0
      la domanda è ... ce ne sono ...
  4. Mikhail Ezhikov Офлайн Mikhail Ezhikov
    Mikhail Ezhikov (Michael) Aprile 1 2021 17: 23
    +1
    RR ha due opzioni per chiudere la fabbrica o far pagare i coraggiosi vichinghi! Il secondo è più interessante.
  5. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) Aprile 2 2021 06: 38
    -3
    L'autore, a quanto pare, non sa che, oltre a ULA, ci sono altre organizzazioni impegnate nel missile negli Stati Uniti, inoltre, hanno avuto molto successo e hanno superato decentemente la Russia nei lanci commerciali. A proposito di Musk con il suo drago, semplicemente non ha sentito , oltre al fatto che questo Drago vola sui propri motori. Anche la tecnologia russa non ha bisogno di essere irragionevole.
    1. Codice PIN Офлайн Codice PIN
      Codice PIN (Andrew 1974) 25 può 2021 08: 28
      0
      e che tipo di motori usano queste aziende ?? Chevrolet, Ford o Mercedes importata? o RD-180 ???
  6. bear040 Офлайн bear040
    bear040 Aprile 2 2021 20: 56
    +4
    Con la Norvegia, impone un embargo completo al commercio e interrompe tutti i collegamenti di trasporto, e membri del governo russo, gridando che la Federazione Russa non ha bisogno dell'industria e che tutto può essere comprato all'estero, si dimette e perseguita come parassiti e nemici del popolo !
    1. Codice PIN Офлайн Codice PIN
      Codice PIN (Andrew 1974) 25 può 2021 08: 30
      0
      chi li prenderà a calci? - quelli inferiori non sono sostituibili ... anzi io e te saremo dichiarati nemici che manager difettosi. non siamo niente, sono il faro dello stato.
  7. Shavkat Kuvatov Офлайн Shavkat Kuvatov
    Shavkat Kuvatov (Shavkat Kuvatov) 1 June 2021 12: 00
    0
    È l'impianto di motori che è molto necessario per la Russia dopo che il non stato dell'Ucraina ha privato il nostro paese dell'opportunità di acquistare vari motori per aerei, navi e motori a turbina a gas per centrali elettriche. E nessuna delle affermazioni secondo cui la Federazione Russa riesce a costruire i propri prodotti simili mi convince. Siamo in un profondo fallimento in tutto.