Lo scioglimento del ghiaccio metterà in discussione la sovranità russa sulla rotta del Mare del Nord


Un periodo di inattività di una settimana sul Canale di Suez ha attirato maggiore attenzione sulla rotta del Mare del Nord come possibile alternativa al tradizionale corridoio di trasporto meridionale. Come vantaggio competitivo della NSR, è giustamente chiamata la sua lunghezza più breve nel tragitto dall'Asia all'Europa. Tuttavia, c'è anche una critica ben fondata nei suoi confronti per la complessità della navigazione tra i ghiacci polari e per i maggiori costi di trasporto. Una certa stima media suona così: la rotta del Mare del Nord ha un grande potenziale, ma ci vorrà più di una dozzina di anni per rivelare il suo potenziale e sarà molto costosa. La domanda chiave è: la Russia dovrebbe farlo da sola o sarebbe più opportuno creare una sorta di consorzio internazionale? Proviamo a capirlo.


Innanzitutto, riguardo al piacevole. La rotta del Mare del Nord ha ricevuto una nuova vita oggi. Il primo trasporto merci lungo di essa risale agli anni '30 del secolo scorso. Alla fine dell'era sovietica, il loro picco ha raggiunto un volume di 6,6 milioni di tonnellate all'anno e, dopo il crollo dell'URSS, sono scesi a un livello di 1,5 milioni di tonnellate. Circa 10 anni fa, è iniziata una ripresa attiva grazie all'attuazione dei progetti russi di petrolio e gas nell'Artico. Da 4 milioni di tonnellate nel 2014, il traffico merci è aumentato a 20 milioni nel 2018 e 31,5 milioni di tonnellate nel 2020. Entro il 2024, il presidente Vladimir Putin ha fissato l'obiettivo di portare questa cifra a 80 milioni di tonnellate, ma durante la pandemia di coronavirus e il calo della produzione e del consumo di petrolio, questi piani sono stati costretti a essere adeguati al ribasso. Nonostante ciò, il ritmo di sviluppo della Rotta del Mare del Nord è riconosciuto come "astronomico". Il superyard Zvezda è stato creato a Primorye, dove vengono attivamente costruite navi di classe ice e vengono installate gigantesche rompighiaccio di classe Leader.

Sembra che tutto vada bene e possiamo farcela da soli. Tuttavia, ci sono sfumature importanti. La maggior parte di questa crescita dirompente del traffico merci proviene dal trasporto di petrolio russo e GNL. Ma quando si parla della rotta del Mare del Nord come alternativa al Canale di Suez, si capisce che dovrebbero percorrerla non solo le petroliere con idrocarburi, ma anche le normali navi portarinfuse che trasportano container dall'Asia all'Europa. Per ulteriori informazioni sul motivo per cui è impossibile trasferire simultaneamente questi flussi di merci dalla rotta meridionale alla rotta settentrionale, noi detto prima. Elenchiamo in poche parole i principali problemi che devono affrontare i vettori: la difficile navigazione tra i ghiacci, la necessità di utilizzare navi di una classe speciale di ghiaccio, nonché accompagnarle con rompighiaccio. Inoltre, lungo la costa dell'Oceano Artico, dovrebbe esserci un'infrastruttura portuale sviluppata in cui le navi cisterna e le navi portarinfuse potrebbero attraccare, rifornire di carburante e cibo, ricevere riparazioni e il loro equipaggio potrebbe riposare. A parte Murmansk, la Russia non ha altri porti privi di ghiaccio in acque profonde. La costruzione di infrastrutture adeguate nelle dure condizioni artiche richiede enormi investimenti, con i quali oggi siamo sotto pressione.

Oggettivamente, sorge il problema della scelta: continuare a fare tutto da soli "silenziosamente" o attrarre partner stranieri e sviluppare insieme a loro la rotta del Mare del Nord nel quadro della cooperazione internazionale. Nonostante la sua apparente semplicità, questa scelta è tutt'altro che scontata. La questione chiave è lo status giuridico della NSR, che tutte le parti interessate interpretano in modi diversi. La posizione russa si basa sulla dottrina giuridica sovietica e Mosca considera la rotta del Mare del Nord come "una comunicazione di trasporto nazionale storicamente stabilita". In base a ciò, nelle Regole di navigazione per quest'area è indicato quanto segue:

L'organizzazione della navigazione delle navi nell'area acquatica della rotta del mare del Nord è effettuata dall'amministrazione della rotta del mare del nord, creata sotto forma di istituzione del governo federale. Nell'area acquatica della rotta del Mare del Nord, esiste una procedura di autorizzazione per la navigazione delle navi.

La Federazione Russa addebita alle navi straniere i servizi di pilotaggio e rompighiaccio, giustificando ciò con la necessità di mantenere l'infrastruttura della NSR, per proteggere l'ambiente marino e la sua biodiversità. Mosca si oppone fermamente all'uso di rompighiaccio appartenenti ad altri stati. Nonostante ciò, gli Stati Uniti e la Cina stanno attualmente costruendo attivamente la propria flotta rompighiaccio. Perché Pechino ha bisogno del suo Snow Dragon 2? Ma indovina tre volte.

È chiaro che la Cina è interessata alla regione artica, alle sue risorse naturali e alle opportunità fornite dalla NSR. Tuttavia, nel nostro paese ci sono molti oppositori all'attrazione di Pechino nella parte russa dell'Artico, sostenendo che presumibilmente "i cinesi verranno, porteranno via tutto e lo sporcheranno". In effetti, se dai loro la libertà, molti imprenditori della RPC possono comportarsi in modo simile. La domanda è diversa. Sia la Cina che gli Stati Uniti hanno chiare ambizioni artiche, risorse finanziarie e una solida base di produzione. Arriveranno comunque sulla rotta del Mare del Nord, è solo questione di tempo, ed ecco perché.

Passiamo al testo della Convenzione del 1982 sul diritto del mare, che è alla base della posizione russa sulla NSR, e in base alla quale Mosca scrive le regole per l'uso della sua area acquatica. L'articolo 234 di questo accordo internazionale afferma quanto segue:

Gli stati costieri hanno il diritto di emanare e applicare leggi e regolamenti non discriminatori per prevenire, ridurre e controllare l'inquinamento marino causato dalle navi nelle aree coperte di ghiaccio all'interno dell'esclusivo economico zone in cui condizioni climatiche particolarmente rigide e la presenza di ghiaccio che ricopre tali aree per la maggior parte dell'anno creano ostacoli o aumentano i pericoli per la navigazione, e l'inquinamento dell'ambiente marino potrebbe danneggiare gravemente l'equilibrio ecologico o perturbarlo irreversibilmente.

In "zone ricoperte di ghiaccio"? “La presenza di ghiaccio che impedisce la navigazione”? Quando questo testo è stato scritto, non si è tenuto conto del fatto che il ghiaccio polare si scioglierà a tale velocità. Questo processo naturale può fare uno scherzo crudele con il nostro paese. Da un lato, la radura naturale della rotta del Mare del Nord ci avvantaggia. D'altra parte, la liberazione della zona d'acqua dalla copertura di ghiaccio permanente mette in discussione l'esclusività del ruolo della Russia nel controllo su di essa. Pertanto, alla fine, altri giocatori arriveranno nell'Artico, che cercheranno insieme di cambiare lo status speciale della rotta del Mare del Nord in quello internazionale. È solo una questione di tempo.

Cosa dovremmo fare? Puoi fingere che tutto sia in ordine o puoi lavorare in modo proattivo. La Russia ha la costa più lunga e la più grande flotta rompighiaccio del mondo nell'Oceano Artico. Questi sono due dei nostri vantaggi intrinseci che possono essere utilizzati anche se i rompighiaccio di altre persone iniziano a camminare lungo la NSR. È già possibile creare un consorzio internazionale per invitare la Cina e altri paesi interessati, che saranno pronti a investire nella costruzione di infrastrutture portuali costiere sul nostro territorio, nonché creare una flotta mercantile di navi ice-class. Con il lancio di super-rompighiaccio della classe Leader, la Russia sarà in grado di fornire servizi di scorta di carovane in qualsiasi momento dell'anno, guadagnando denaro per il transito tramite SPM e servendo le navi di altre persone.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 2 2021 13: 00
    + 16
    A parte Murmansk, la Russia non ha altri porti privi di ghiaccio in acque profonde.

    Murmansk non è inclusa nel progetto Northern Sea Route.

    In "zone ricoperte di ghiaccio"? “La presenza di ghiaccio che impedisce la navigazione”? Quando questo testo è stato scritto, non si è tenuto conto del fatto che il ghiaccio polare si scioglierà a tale velocità. Questo processo naturale può fare uno scherzo crudele con il nostro paese.

    Le regioni di confine "vagano" insieme al ghiaccio? Una ricca immaginazione e un desiderio irrefrenabile di trovare guai futuri in qualsiasi cosa ti stanno giocando uno scherzo crudele.

    Cosa facciamo

    Smetti di predire l'apocalisse e di conseguenza ne leggiamo.
  2. Netyn Офлайн Netyn
    Netyn (Netin) Aprile 2 2021 19: 27
    +3
    Citazione: 123
    Smetti di predire l'apocalisse e di conseguenza ne leggiamo.

    E non c'è niente da aggiungere, tutto è correttamente motivato)
  3. Volder Офлайн Volder
    Volder Aprile 2 2021 23: 16
    +2
    I rompighiaccio stranieri non oseranno percorrere la lunga rotta del Mare del Nord senza la possibilità di utilizzare le infrastrutture costiere e insulari della Russia (basi navali), nonché senza servizi di pilotaggio (il fondo è stato esplorato dalla Russia, ma non da altri paesi) . Altri giocatori possono fare tutti i tentativi che vogliono per cambiare lo status speciale della rotta del Mare del Nord, ma senza la partecipazione della Russia in questa faccenda, non ci riusciranno. Tra 15 anni, quando la rotta del Mare del Nord inizierà a funzionare pienamente, la Russia avrà abbastanza armi e navi da guerra per difendere i suoi interessi nazionali nelle gelide acque dell'Artico.
    1. Panikovski Офлайн Panikovski
      Panikovski (Mikhail Samuelevich Panikovsky) Aprile 9 2021 19: 20
      0
      Giusto. Lascia che chiunque voglia attraversare il Polo Nord anche adesso. Lungo la rotta russa del Mare del Nord, solo secondo le nostre leggi e, naturalmente, a pagamento.
  4. Strannik039 Офлайн Strannik039
    Strannik039 Aprile 3 2021 01: 11
    +6
    1) L'ultimo inverno è stato freddo e diversi scienziati parlano dell'inizio di una piccola era glaciale sulla Terra 2) Tutto dipenderà dagli abitanti del Cremlino, che sotto l'URSS nessuno contestava i suoi possedimenti artici, ma come Shevardnadze e Medvedev iniziò a unire i possedimenti marittimi della Russia ai paesi vicini, quindi il casino andò e le rivendicazioni territoriali della Federazione Russa, persino le estinzioni dello spratto osano presentare
  5. ksa Офлайн ksa
    ksa Aprile 8 2021 22: 13
    0
    Il funzionamento attivo dell'NSR aumenterà notevolmente i costi di protezione del confine settentrionale della Russia. La sua lunghezza è di oltre 22 mila km. L'attività della flotta sottomarina della NATO in questa regione aumenterà. Ancora una volta, come sapete, ci sono lanciamissili da crociera alloggiati in container standard. Le condizioni di servizio nella zona sono critiche.