Il problema del Caspio separerà finalmente la Russia da Azerbaigian, Turchia e Turkmenistan


Nel prossimo futuro, la Russia rischia di ottenere un altro punto di tensione ai suoi confini meridionali. Può diventare il Mar Caspio, e i nostri avversari sono ancora la Turchia, così come l'Azerbaigian e il Turkmenistan che vi si sono uniti. Cosa dà motivo di crederlo?


Il problema dello status del Caspio è sorto nel 1991 dopo il crollo dell'URSS, quando invece di due paesi è stato improvvisamente necessario dividerlo in cinque. Inoltre non era del tutto chiaro come classificarlo come un lago o un mare e quali norme legali applicare in questo caso. Il crescente interesse per questo bacino è dovuto alla sua posizione geografica estremamente conveniente, nonché alle risorse naturali più ricche (idrocarburi e specie ittiche pregiate). Nel 2018 si è verificata una svolta nei negoziati a lungo termine e la questione è stata risolta nella Convenzione pertinente. Ma potrebbe essere meglio tenerlo sospeso a tempo indeterminato. Ed ecco perché.

In primo luogo, la determinazione dello status giuridico del Caspio ha aperto fondamentalmente la strada alla costruzione del gasdotto Transcaspico dal Turkmenistan all'Europa. Le riserve di gas naturale turkmeno sono stimate a 19,5 trilioni di metri cubi, ma le sue vendite sono limitate solo ai mercati asiatico e russo. Allo stesso tempo, la Cina acquista "carburante blu" a prezzi scontati come pagamento del prestito, che è stato utilizzato per costruire l'oleodotto. La repubblica dell'Asia centrale è estremamente interessata ad entrare nel ricco mercato europeo.

La capacità del proposto gasdotto Trans-Caspio dovrebbe raggiungere i 30 miliardi di metri cubi all'anno. Può passare lungo i fondali marini con accesso al territorio dell'Azerbaigian e della Turchia, e lì, attraverso il gasdotto Trans-Anatolico, unirsi al gasdotto Trans-Adriatico ed entrare nel mercato dell'Europa meridionale. Il costo stimato del progetto è di 5 miliardi di dollari. Il gasdotto è vantaggioso per tutti i suoi partecipanti, ad eccezione di Gazprom con il suo Turkish Stream, che, tra l'altro, utilizza esso stesso il gas dell'Asia centrale come base di risorse.

La Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio, firmata in Kazakistan nel 2018, ha aperto la strada alla costruzione di un gasdotto alternativo, poiché, in conformità con essa, il consenso della Russia non è più necessario. Solo i paesi vicini hanno bisogno del permesso, non tutti e cinque. Se guardi la stampa del resto delle repubbliche del Caspio, puoi vedere con quanta gioia si sfregano le mani, aspettando con impazienza che inizi un segnale. Perché il Cremlino abbia firmato una cosa del genere non è chiaro. Se ora Mosca dichiara che non intendeva affatto questo, ma qualcos'altro, allora il conflitto con Azerbaigian, Turkmenistan e Turchia non può essere evitato.

In secondo luogoIl Mar Caspio sta diventando un punto chiave nella realizzazione del progetto infrastrutturale su larga scala "Middle Corridor", che dovrebbe collegare Cina, Turkmenistan, Kazakistan e Azerbaigian attraverso quest'area d'acqua con un unico corridoio di trasporto. E ora, dopo la sconfitta dell'Armenia nel Nagorno-Karabakh e l'apertura forzata del corridoio di terra al Nakhichevan, direttamente alla Turchia. Ankara intende diventare "la finestra di Pechino sull'Europa", trasformando il suo Paese in una "superpotenza logistica". E ha già fatto molto per questo. La Turchia ha lanciato il tunnel sottomarino eurasiatico, che collegava le parti europee e asiatiche di Istanbul. Il viaggio è pagato e costa 15 lire. In questa città è stato aperto un nuovo aeroporto e un terzo ponte è stato costruito sul Bosforo. Il presidente Erdogan ha detto alla sua inaugurazione:

Costruiremo un ponte simile sui Dardanelli e accelereremo la costruzione del Canale di Istanbul, e seguiranno nuovi progetti.

"Sultan" sta promuovendo attivamente l'idea di costruire un'alternativa al Bosforo, il canale di Istanbul, attraverso il quale verrà pagato anche il passaggio. Ankara intende modernizzare le sue ferrovie e tre porti contemporaneamente: Mersin e Chandarli-on-te-Agean nel Mediterraneo orientale e Filyos nel Mar Nero. Ma tutto ciò richiede enormi investimenti dalla stessa Cina, e quindi il presidente Erdogan in Nagorno-Karabakh ha dimostrato la sua determinazione nel promuovere gli interessi nazionali della Turchia agli occhi dei partner. Cosa le darà esattamente Medium Corridor?

Innanzitutto, la partecipazione all'iniziativa Nuova Via della Seta significa l'arrivo degli investimenti cinesi in Turchia, di cui Pechino non è particolarmente avara. Il corridoio di trasporto dall'Asia all'Europa contribuirà allo sviluppo di quelle regioni del paese attraverso le quali passerà. L'implementazione del "Middle Corridor" consentirà ad Ankara di diventare un importante hub commerciale regionale e di diversificare il turco l'economiasottraendo parte dei flussi di transito dalla Russia con il suo Corridoio Nord. Perché Mosca non ha pensato a tutto questo, firmando con orgoglio la Convenzione sullo status giuridico del Caspio nel 2018, e guardare nel 2020 mentre l'Azerbaigian, con l'aiuto della Turchia, "srotola" l'Armenia in Nagorno-Karabakh, è del tutto incomprensibile . Ma ora abbiamo un altro problema causato dall'uomo sul fianco meridionale.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio Aprile 5 2021 12: 57
    -3
    Perché non hanno pensato a tutto questo a Mosca, nel 2018?

    E chi penserà? Putin ha raccolto la mediocrità intorno a lui e brilla contro il loro background! Una "sorpresa Kinder" vale qualcosa. Sono tutti per Putin come selezione. Tutto è come Chubais, solo loro sanno come piantare chiodi nel coperchio della bara.
    1. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
      Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) Aprile 5 2021 14: 37
      +2
      Che piccola mania ossessiva che hai.)
      Domani arriverà un meteorite, con i pinguini, che rompe uno sgabello nella tua cucina e rompe la tua bottiglia preferita ...
      - mediocrità! Putin non ha abbattuto questo meteorite! I pinguini hanno risucchiato tutta l'acqua! Vieni, Platoshken, metti le cose in ordine!
      Gloria agli idioti!
      1. Eugene Офлайн Eugene
        Eugene (Eugene) Aprile 7 2021 11: 53
        0
        Cosa devono fare i meteoriti nel Mar Caspio? E il fatto che le nostre teste d'uovo vivano un giorno quindi non andare dalla nonna Gloria ai pinguini!
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 5 2021 14: 46
    +9
    Che notizia interessante risata Anche in questo caso i tizi del Cremlino, senza pensarci, hanno firmato un pezzo di carta, praticamente senza guardare e naturalmente senza capire niente, ora la Turchia inizierà subito a costruire oleodotti, ponti, tunnel nel Mar Caspio. Erdagan andrà nel panico, Gazprom FSE, Putin singhiozza circondato, come ha giustamente notato uno dei commentatori, mediocrità e tradizionalmente si crea problemi lungo tutto il perimetro.
    Vero, rimangono domande non molto convenienti ...
    1) La Convenzione è stata firmata nel 2018. Se questa è l'unica cosa che trattiene la costruzione, allora dov'è il tubo? Il terzo anno sta arrivando ...
    2) Dal momento che non stanno ancora costruendo, forse ci sono delle circostanze per cui la costruzione è impossibile, ma l'autore tace modestamente su di loro? O lui stesso non li sospetta? Questo è probabilmente il motivo per cui le azioni del Cremlino rimangono misteriose per lui.

    Perché il Cremlino abbia firmato una cosa del genere non è chiaro.

    Secondo me, è bene capire prima l'essenza degli eventi e poi parlarne ai lettori e non condividere con loro i tuoi dubbi.
    3) Il gas turkmeno sul mercato europeo non ha gli stessi problemi di quello russo? C'è anche puro orrore per Gazprom. Presto passeranno alle turbine eoliche, rinunceranno al gas, espireranno anidride carbonica in un sacco e poi la smaltiranno. Ed ecco il gas turkmeno ... Questo in qualche modo non rientra nel quadro che si sta creando di "un nuovo meraviglioso mondo del futuro".

    In generale, i partner europei e turkmeni dovrebbero essere grati ai russi per la loro saggia posizione sul Caspio. Gli europei vengono salvati dall'afflusso di una discreta quantità di una potenziale fonte di anidride carbonica, ei turkmeni dai costi di costruzione di un tubo che non si adatta alle nuove tendenze di decarbonizzazione dell'economia.
    E i salovar possono inchiodare un fiocco sul cranio con un garofano, presto la prima vacanza strizzò l'occhio
  3. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
    Scharnhorst (Scharnhorst) Aprile 5 2021 14: 58
    +3
    Cos'è questo articolo di panico? L'ingresso del Turkmenistan nei mercati degli idrocarburi europei e turchi sarà una sorta di alternativa per attirare questo paese in un orientamento unilaterale verso la Cina. È vantaggioso per la Russia. La lunghezza del tubo sarà superiore a SP-2, più proprietari di transito, più costi di trasporto. Grazie alle sanzioni, la Federazione Russa è diventata proprietaria del monopolio della SP-2, ora non sarà necessario condividere con nessuno, e lasceremo l'Ucraina con transito dopo 24 anni. E quanti soldi, a quali condizioni e quando i partecipanti investiranno (se) nel nuovo tubo sarà molto interessante da guardare. E poiché non abbiamo bisogno di coordinarci con tutti i paesi costieri, siamo liberi di costruire un oleodotto dall'Iran. Prima o poi cadrà sotto sanzioni e faremo soldi come vendere carbone di Donetsk all'Ucraina! strizzò l'occhio
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) Aprile 5 2021 15: 11
    +5
    Tre piccoli dettagli vengono dimenticati.
    1. Cina. Non un solo metro cubo di gas turkmeno andrà in Europa. La Cina prenderà tutto.
    2. Iran. Questo paese ha una posizione di solidarietà con la Russia sul Mar Caspio. In questa situazione, l'opinione di Turchia, Azerbaigian, Turkmenistan può essere ignorata.
    3. Russia. La Russia guiderà la zona valutaria, nella quale entrerà la Turchia. Non farà il prepotente con la Russia. Semplicemente perché non può. L'economia non permetterà (ci sono casi - le cuciture), le forze armate (Erdogan è stato costretto a sconfiggere l'Air Force, liquidando il colpo di stato, ora ha preso la flotta). La "rivalità" di Erdogan con Putin è, in larga misura, la lotta dei ragazzi Nanai. Allestimento di una vetrina.
    I turkmeni non sono in grado di coprire il confine con l'Afghanistan. I banditi che sono accorsi lì sono pronti a organizzare il caos islamico in Asia centrale (ex Centrale) (commissionato dalla Gran Bretagna). Solo Russia e Cina possono aiutare i turkmeni. Quindi si siederanno in silenzio, come un topo sotto una scopa, e faranno come dicono.
  5. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 5 2021 17: 43
    -3
    Un altro esempio dell'incapacità del Cremlino di prevedere la situazione in due o due anni. Non ci sono analisti confusi, gradualmente questi posti vengono occupati da adulatori che dicono cose gradite all'orecchio del Supremo. È vero, allora tutto risulta storto. Ci sono molti esempi. Il più luminoso è SV-2.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 5 2021 18: 37
      +4
      Il più luminoso è SV-2

      Che tipo di attacco è questo ???
      triste triste triste
  6. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) Aprile 5 2021 23: 05
    +2
    Citazione: Scharnhorst
    Cos'è questo articolo di panico? L'ingresso del Turkmenistan nei mercati degli idrocarburi europei e turchi sarà una sorta di alternativa per attirare questo paese in un orientamento unilaterale verso la Cina. È vantaggioso per la Russia. La lunghezza del tubo sarà superiore a SP-2, più proprietari di transito, più costi di trasporto. Grazie alle sanzioni, la Federazione Russa è diventata proprietaria del monopolio della SP-2, ora non sarà necessario condividere con nessuno, e lasceremo l'Ucraina con transito dopo 24 anni. E quanti soldi, a quali condizioni e quando i partecipanti investiranno (se) nel nuovo tubo sarà molto interessante da guardare. E poiché non abbiamo bisogno di coordinarci con tutti i paesi costieri, siamo liberi di costruire un oleodotto dall'Iran. Prima o poi cadrà sotto sanzioni e faremo soldi come vendere carbone di Donetsk all'Ucraina! strizzò l'occhio

    Sì, sono i blogger ucraini che generano.
  7. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) Aprile 6 2021 22: 32
    +2
    Il problema è stato risucchiato da un altro dito del signor Marzhetsky.
  8. Alexey Rybalko Офлайн Alexey Rybalko
    Alexey Rybalko (Alexey Rybalko) Aprile 10 2021 10: 21
    -1
    Il Cremlino deve denunciare tutti i trattati nel mondo! Per dichiarare il globo un territorio primordialmente russo in modo che i Sechins-Miller potessero rapinare ovunque e tutto!
  9. Vitaly Ivanov_2 Офлайн Vitaly Ivanov_2
    Vitaly Ivanov_2 (Vitaly Ivanov) Aprile 16 2021 12: 49
    0
    dire che stavo ridendo è non dire niente! Signore, e da dove vengono questi "esperti"