Il Bosforo diventa superficiale: perché la Turchia ha bisogno di un nuovo canale per il Mar Nero


Ormai da diversi giorni la rete è agitata notizie su un nuovo scandalo scoppiato ad Ankara: 103 ammiragli in pensione hanno firmato una lettera collettiva esprimendo preoccupazione per le discussioni nella società turca sul ritiro dalla Convenzione di Montreux.


Di per sé dato politico l'incidente, forse, difficilmente può essere definito notevole: le idee e le azioni estremamente espressive del presidente della Repubblica, Recep Tayyip Erdogan, abbastanza spesso ricevono una reazione negativa e incontrano incomprensioni da parte di certi circoli della società. Interessante qui è la vera causa principale dell'incidente: le stesse controversie riguardanti il ​​ritiro dalla Convenzione di Montreux ...

Non ci sono eventi in politica che si verifichino spontaneamente, nascendo dal nulla - ha chiare interrelazioni che a volte non sono visibili a un laico inesperto. Ma cosa ha fatto nascere nei circoli del potere turco la necessità di sbarazzarsi dell'accordo, che per tanto tempo è servito da leva pesante di influenza e da mezzo per proteggere la Repubblica?

Canale di Istanbul


Varrebbe la pena iniziare dal fatto che questo progetto infrastrutturale non è affatto un'idea nuova e si è stabilito nei piani di Recep Erdogan molto tempo fa - già nel 2011, quando era allora primo ministro. È stato dichiarato con successo variabile negli anni successivi - ad esempio, nel 2018, diverse fonti di notizie hanno annunciato l'inizio della costruzione del canale - tuttavia, la Repubblica di Turchia è giunta alla sua reale implementazione solo ora.

Nella Federazione Russa, questo progetto è privo di attenzione, nonché alimentato da incomprensioni, voci e speculazioni. Sfortunatamente, il progetto del canale è principalmente associato esclusivamente a una minaccia militare, chiudendo completamente gli occhi sul fatto che può essere definito secondario: le realtà dei moderni scontri interstatali sono cambiate e ora non possono essere visualizzate solo sotto il prisma di eserciti di carri armati e squadroni di navi missilistiche: infrastrutture e economia ora gioca quasi più importanza del potere militare diretto. Nonostante la politica deliberatamente aggressiva, la leadership della Repubblica di Turchia non soffre di cecità o di riflessioni: Ankara sta compiendo grandi sforzi per sviluppare le sue capacità finanziarie e logistiche, una delle quali sarà il Canale di Istanbul ...

In effetti, questo progetto non è nato dal nulla: la realtà è che il Bosforo ... sta diventando superficiale. Già nel 1994, la Turchia, a causa di questa circostanza, fu costretta a introdurre una serie di restrizioni e regole aggiuntive per il passaggio delle navi mercantili lungo lo stretto - e con ogni nuovo decennio la situazione non fa che peggiorare. Questo, ovviamente, minaccia conseguenze estremamente spiacevoli per tutto il trasporto di merci nel Mar Nero e per l'economia di Ankara stessa. Le attuali complicazioni hanno un impatto piuttosto grave sulla navigazione nel Bosforo, ei turchi intendono correggere decisamente questa situazione.

La domanda, tuttavia, è diversa: come andrà a finire questa decisione per il resto?

Nel programma elettorale del 2011, Recep Erdogan ha fatto una dichiarazione del tutto inequivocabile e interessante, ma, ahimè, inosservata: al completamento della costruzione del Canale di Istanbul, le spedizioni nel Bosforo saranno completamente interrotte. Nessuno poi ha prestato la dovuta attenzione a queste parole: i candidati alla presidenza fanno spesso promesse che non intendono mantenere, e anche in quel momento Ankara non ha mostrato nessuna seria ambizione di politica estera che potesse indicare che un progetto di questa portata avrebbe ricevuto almeno un po 'quella promozione. Ma ora, dieci anni dopo, la situazione sta assumendo una svolta piuttosto cupa ...

Forse varrebbe la pena iniziare dal fatto che il canale non rientra nella Convenzione di Montreux, secondo la quale il Bosforo e i Dardanelli sono una zona internazionale di libera navigazione civile - la Turchia non ha il diritto di vietare il movimento di alcune navi su di loro . Il Canale di Istanbul, al contrario, diventerà un oggetto di proprietà statale con giurisdizione appropriata e tutte le conseguenze che ne derivano: la Repubblica controllerà completamente qualsiasi movimento dal Mar Nero al Mar di Marmara e ritorno.

Di conseguenza, questo percorso diventerà una leva molte volte più efficace del Bosforo: la Turchia avrà tutto il diritto di fermare il movimento delle navi dei paesi che hanno differenze politiche con Ankara.

Un altro fattore significativo - e senza dubbio benefico per la Turchia - sarà il passaggio a pagamento attraverso il Canale di Istanbul. Al momento, la navigazione nel Bosforo è soggetta solo a piccoli dazi (secondo i termini della stessa Convenzione di Montreux), ma questo cambierà entro la fine del decennio: così, Ankara non solo ripagherà il progetto infrastrutturale stesso, ma avrà anche l'opportunità di avere una fonte a lungo termine di afflusso passivo di fondi nel tesoro dello Stato. Considerando che in questo momento il Bosforo sta lavorando sull'orlo della sua transitabilità (e questo non è affatto il limite delle esigenze di trasporto marittimo nella regione), il canale sarà richiesto, anche se a pagamento .. .

Anche l'Ucraina è di particolare interesse qui - quindi, secondo la "Strategia della Marina-2035", i porti rimasti sotto il controllo di Kiev dovrebbero essere modernizzati e dotati di carico. Se aggiungiamo a questo fatto l'attiva espansione economica turca nello spazio post-sovietico e il fatto che nella "Strategia" la Turchia è definita uno degli alleati chiave di Kiev nella regione, la conclusione risulta essere piuttosto deludente - L'Ucraina può diventare non solo un mercato di vendita, ma anche un hub logistico per Ankara nell'Europa orientale.

Naturalmente, la fattibilità economica dello sviluppo di un'infrastruttura di trasporto di queste dimensioni non può essere scartata: secondo le stime, la costruzione di un solo canale (senza contare la costruzione di due città e un nuovo porto, che sono inclusi nel progetto) fornirà almeno 5000 posti di lavoro - questo è senza dubbio un fattore estremamente importante sullo sfondo della caduta dell'economia globale nel contesto della crisi generata dal Covid-19. Inoltre, l'attuazione di questa impresa è un'eccellente opportunità per dimostrare le capacità e il prestigio dello Stato, che è estremamente importante per Ankara, che sta rapidamente formando un'alleanza con altri paesi musulmani.

L'aspetto militare della costruzione del Canale di Istanbul, come detto sopra, in questo caso passa in secondo piano - certo, la Turchia metterà le mani sulle leve della pressione economica, ma non potrà condurre liberamente su larga scala navi del blocco NATO attraverso il canale - ciò richiederà ancora un'uscita dalle condizioni della Convenzione di Montreux, perché qualsiasi nave militare sarà comunque costretta ad attraversare i Dardanelli, che sono sotto la giurisdizione di un trattato internazionale.

Tuttavia, è improbabile che i paesi della NATO abbiano un bisogno urgente di questo: nelle condizioni del teatro delle operazioni militari del Mar Nero, questo sembrerà solo un atteggiamento: in caso di conflitto, qualsiasi nave da guerra più grande di fregate e cacciatorpediniere lo farà. lasciare la zona dell'acqua, che è troppo sotto il fuoco dei missili anti-nave e dell'aviazione tattica.

Pertanto, la principale minaccia alla costruzione del Canale di Istanbul è il rafforzamento dell'influenza politica di Ankara nella regione, nonché il rafforzamento dell'espansione economica turca nello spazio post-sovietico.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 11 2021 08: 37
    +4
    qualsiasi nave militare sarà comunque costretta ad attraversare i Dardanelli, che sono sotto la giurisdizione di un trattato internazionale.

    Mostra l'articolo al tuo collega, altrimenti si prepara all'invasione NATO del Mar Nero.
  2. lavoratore dell'acciaio Aprile 11 2021 08: 44
    -5
    La Turchia è già "indebitata come la seta". E chi sarà d'accordo, dare soldi per rendere la Turchia ancora più forte economicamente? E una volta per 10 anni ci sono state solo conversazioni, nessuno ha voluto.
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 11 2021 08: 51
    +1
    Non capisco del "superficiale" ...
    1. Dan Офлайн Dan
      Dan (Daniele) Aprile 11 2021 10: 31
      +2
      Citazione: Petr Vladimirovich
      Non capisco del "superficiale" ...

      Penso che questa sia una sciocchezza. Lo stretto è collegato all'Oceano Mondiale. Pertanto, il livello dell'acqua nel Bosforo dipenderà sempre direttamente dal livello dell'acqua nell'Atlantico. Secondo varie fonti, si dice che il livello dell'acqua nel Mar Nero sia stabile, che sia circa 20 cm più alto che nel Mediterraneo e corrisponda all'incirca al livello del Baltico. La modifica della profondità del fairway nel Bosforo è possibile solo quando polvere, fango e limo si depositano sul suo fondo. Ma per questo, vengono prese misure per mantenere i fairway.
      1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
        Kristallovich (Ruslan) Aprile 11 2021 13: 14
        0
        Penso che questa sia una sciocchezza.

        Cerca in Internet se sei interessato.
  4. Rinat Офлайн Rinat
    Rinat (Rinat) Aprile 11 2021 13: 14
    +3
    Per la prima volta ho letto che il Bosforo è poco profondo. È un fatto falso? Immagino sia un falso. Se fosse stato davvero minacciosamente superficiale di anno in anno, avremmo letto e sentito parlare. Per quanto è noto, ora c'è una tendenza all'innalzamento del livello dell'oceano, in cui è impossibile abbassare lo stretto. A meno che la terra non sorga in questo luogo. Ma i media non ne scrivono né ne parlano.
    1. Andrey V. Офлайн Andrey V.
      Andrey V. (Andrew) Aprile 11 2021 21: 11
      0
      Questo processo si svolge dagli anni '90.

      Questo non è un falso, puoi facilmente trovare informazioni a riguardo in rete.
  5. chemyurij Офлайн chemyurij
    chemyurij (chemyurij) Aprile 11 2021 15: 09
    0
    Quindi il Patto di Montreux, che inizia e consiste nella disposizione di base, che indica chiaramente il tonnellaggio e il periodo di permanenza delle navi da guerra degli stati non del Mar Nero e le norme per il passaggio delle navi attraverso lo stretto -

    La Convenzione di Montreux preserva la libertà di passaggio attraverso lo stretto per le navi mercantili di tutti i paesi, sia in tempo di pace che in tempo di guerra. Tuttavia, il regime di passaggio delle navi da guerra è diverso in relazione agli stati del Mar Nero e non del Mar Nero. Previa notifica alle autorità turche, le potenze del Mar Nero possono guidare le loro navi da guerra di qualsiasi classe in tempo di pace attraverso lo stretto. Per le navi da guerra delle potenze non del Mar Nero, sono state introdotte significative restrizioni di classe (passano solo piccole navi di superficie) e di tonnellaggio. Il tonnellaggio totale delle navi da guerra degli stati non del Mar Nero nel Mar Nero non dovrebbe superare le 30mila tonnellate (con la possibilità di aumentare questo massimo a 45mila tonnellate in caso di aumento delle forze navali dei paesi del Mar Nero) con un soggiorno di non più di 21 giorni. In caso di partecipazione della Turchia alla guerra, così come se la Turchia ritenga di essere direttamente minacciata dalla guerra, ha il diritto di autorizzare o vietare il passaggio di qualsiasi nave militare attraverso lo stretto. Durante una guerra a cui la Turchia non partecipa, lo stretto dovrebbe essere chiuso al passaggio di navi da guerra di qualsiasi potenza belligerante. La Convenzione ha abolito la Commissione internazionale sugli stretti prevista dalla Convenzione di Losanna e trasferito le sue funzioni al governo turco.

    Gli articoli del regolamento sono chiaramente legati alle restrizioni riflesse nel regolamento di base. Pertanto, anche se la Turchia sfonda almeno dieci canali, non può aggirare le restrizioni della disposizione di base, o dovrà violare la CONVENZIONE, che, di conseguenza, porterà al ritiro di tutti gli altri da essa. E poi bisogna capire che la Convenzione di Montreux, per la stessa Turchia, è uno strumento per tutelare i propri interessi e proteggere i propri confini sul Mar Nero.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 11 2021 17: 40
    0
    Sì. Frase - "La Turchia non ha il diritto di vietare il movimento di alcune navi su di esse"
    Chiaramente contraddice il resto dell'articolo.

    È chiaro che nulla è chiaro ..
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 11 2021 19: 44
    +1
    Lo stretto è congestionato e la tangenziale avrebbe dovuto essere sistemata molto tempo fa.
  8. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) Aprile 11 2021 20: 24
    -3
    - Personalmente, io ... - Considero tutto ciò che riguarda la Turchia esclusivamente dal punto di vista; che prima o poi tutti questi "Dardanelli" e le presunte terre turche dovranno prima o poi essere restituite alla Grecia; e una parte significativa di queste "presunte terre turche" dovrebbe andare in Russia ... - La questione di quando questo accadrà (ma cosa non è con il nostro garante - questo è certo) ... è un argomento completamente diverso .. .
    - Allora ... - questi sono i territori con cui Erdogan oggi "imbroglia" e andrà in Russia ... - Ebbene ... perché la Russia ha bisogno di tutti questi "esperimenti-innovazioni" territoriali che Erdogan sta per fare eseguire ... - Cosa siamo ... - riempiremo questi canali più tardi ??? - Hahah ...
    - In generale ... - La Turchia è già "seduta" da troppo tempo sul primordiale territorio cristiano; e poi iniziò a sequestrare le chiese cristiane, e persino a deturpare il loro territorio con alcuni canali ...
  9. Esplosione Офлайн Esplosione
    Esplosione (Vladimir) Aprile 16 2021 13: 27
    0
    Mi chiedo perché il Bosforo diventa poco profondo quando il livello dell'oceano mondiale si alza a causa del riscaldamento e dello scioglimento generale del ghiaccio ..?