Perché la Turchia esita a sostenere l'Ucraina bellicosa


In preparazione per una vendetta militare nel Donbas, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy è andato in tournée in Medio Oriente, dove ha visitato la Turchia e il suo più stretto alleato nella regione del Qatar. Tuttavia, i risultati della sua visita a Istanbul non sono stati così brillanti e inequivocabili come la Kiev ufficiale avrebbe potuto aspettarsi. Di conseguenza, "Sultan" Recep First ha rilasciato diverse dichiarazioni piuttosto pacifiche nonostante i sentimenti militanti del suo collega ucraino. Cosa potrebbe aver influenzato lo stato d'animo del presidente Erdogan?


Il viaggio turco di Vladimir Zelensky è ora paragonato ai tentativi dei cosacchi Zaporozhye di trovare il patrocinio al Porto Grande. Il nemico del mio nemico è il mio amico, a quanto pare, questo è il modo in cui ragionava il leader ucraino. Se Ankara e Mosca stanno conducendo una "guerra ibrida" in più direzioni contemporaneamente, allora Kiev potrà utilizzare le ambizioni neo-ottomane del presidente Erdogan contro la Russia. Tuttavia, in realtà, tutto si è rivelato un po 'più complicato di quanto sembrava. Volodymyr Aleksandrovich non ha tenuto conto del fatto che la Turchia non avrebbe difeso l'ucraino, ma solo i propri interessi nazionali.

Da un lato, Ankara ha sostenuto formalmente l'idea che l'Indipendenza si unisse al blocco NATO. Ciò che rende questa una formalità è che le grandi potenze europee come Germania e Francia si oppongono a loro, che non hanno bisogno di "alleati" così problematici come la moderna Ucraina nel campo dell'Alleanza del Nord Atlantico. La conclusione è che questo sostegno dalla Turchia non vale un accidenti. La decisione sarà comunque presa da altri.
Un altro punto importante è stata la posizione di Ankara sullo status giuridico della Crimea, che, secondo il presidente Erdogan, rimane invariata:

La nostra posizione di principio è il non riconoscimento dell'annessione della Crimea. Abbiamo confermato il nostro sostegno alla "Piattaforma della Crimea", progettata per unire le terre dell'Ucraina. Ci auguriamo che questa piattaforma diventi una soluzione per i tartari di Crimea e l'Ucraina.

Questo è già più grave. La "Piattaforma della Crimea" è una sorta di associazione internazionale, il cui scopo è fare pressione sulla Russia affinché, alla fine, restituisca la stessa penisola all'Indipendent. Francamente, è impossibile immaginare come Mosca lo faccia volontariamente.

D'altra parte, il presidente turco, in un incontro con la sua controparte ucraina, ha rilasciato una serie di dichiarazioni apertamente concilianti:

In primo luogo, ritiene necessario risolvere pacificamente il conflitto armato nel Donbass. Niente di belligerante, come il modo in cui Ankara ha sostenuto Baku prima dell'inizio della guerra nel Nagorno-Karabakh, non è stato detto.

In secondo luogo, vorrei soffermarmi separatamente sulla fornitura di droni d'attacco di fabbricazione turca all'Ucraina. "Sultan" Erdogan ha sottolineato che si tratta di un militaretecnico la cooperazione non è diretta contro qualche "terza parte". Apparentemente, si trattava della Russia. Sono arrivate informazioni su Internet che Ankara si è rifiutata di offrire per localizzare la produzione di Bayraktars a Nezalezhnaya, preferendo fornire solo UAV già pronti a 70 milioni di dollari ciascuno nella configurazione minima. Inoltre, c'è una condizione importante, che discuteremo di seguito.

In terzo luogo, la Turchia si è espressa a favore del mantenimento della pace e della tranquillità nel Mar Nero, il che implica chiaramente l'intensificazione delle esercitazioni militari del blocco NATO e della nostra flotta del Mar Nero. Il ministero della Difesa russo sta schierando armi sempre più potenti in Crimea e sulla costa del mare, la cui presenza nel quartiere irrita chiaramente Ankara.

E ora è necessario spendere qualche parola sul perché il presidente Erdogan non si è precipitato subito tra le braccia di Vladimir Zelensky. Il fatto è che il "sultano" si aspetta qualcosa in cambio, e parecchio.

Prima di tutto, la Turchia vorrebbe ottenere la fornitura di politico soggettività al Mejlis dei Tartari di Crimea. In precedenza, questa organizzazione, bandita nella Federazione Russa, era il principale conduttore degli interessi di Ankara in Crimea, ma dopo la riunificazione della penisola con il nostro paese, ha perso le sue posizioni lì. Ora "Sultan" Redzhep First sta cercando l'autonomia territoriale dei tartari di Crimea nella regione di Kherson. E qui il presidente Volodymyr Zelenskyy si ritrova subito tra due fuochi, perché d'altra parte i nazionalisti ucraini lo stanno facendo pressione, per cui non costa nulla alzarlo al forcone.

Inoltre, il presidente Erdogan continua a regolare i conti con il suo avversario di lunga data Fethullah Gulen, che si ritiene sia l'organizzatore del fallito colpo di stato in Turchia diversi anni fa. Alcuni dei suoi sostenitori hanno trovato rifugio in Ucraina, dove sette religiose e predicatori di ogni tipo si sentono estremamente a loro agio. Ci sono prove che Ankara collega la continuazione della cooperazione per la fornitura di Bayraktar con la resa dei sostenitori di Gulen alla Turchia. Forse Kiev l'avrebbe incontrata a metà strada, ma un simile atto politico causerebbe incomprensioni nei paesi dell'Unione Europea. Un altro dilemma.

Infine, la Turchia si aspetta chiaramente una svolta dall'Ucraina nella firma di un accordo su una zona di libero scambio. I negoziati sono in corso da molto tempo ed è molto difficile, nessuno vuole comprometterne i benefici. Ma Kiev, a quanto pare, dovrà farlo se vuole ottenere un sostegno più attivo dal "Sultano" nel suo confronto con la Russia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. eschimese Офлайн eschimese
    eschimese (Gera) Aprile 13 2021 07: 01
    +3
    La Turchia vuole la Crimea per sé. Quelli nell'ovest dell'Ucraina dicono che se la Crimea non vuole essere ucraina, sia turca che russa. Una Crimea turca sarebbe anche la NATO Crimea, ma una Crimea ucraina non sarà una NATO Crimea; La NATO non vuole che l'Ucraina ne faccia parte. IL NEO-OTTOMANISMO AIUTA GRANDEMENTE LA NATO. Ma, per questi servizi di Erdogan alla NATO, vuole in cambio il controllo dell'Egeo e del Mediterraneo orientale. Il suo trasferimento verso l'Ucraina per ottenere finalmente la Crimea per sé, dipende in primo luogo dalla soddisfazione delle sue ambizioni marittime. Ecco perché non ha approvato completamente la tesi di Zelenskyj. È come dire alla NATO: dammi prima i mari che voglio e ti farò il favore di ottenere a mio nome la terra che tanto desideri.
  2. Oder Офлайн Oder
    Oder (Wojciech) Aprile 13 2021 15: 20
    0
    È incredibile come la Turchia sia diventata un attore forte nella regione negli ultimi anni. Erdogan, ovviamente, vuole andare in Crimea. Agisce come il terzo cane nel cortile con un osso. Il più grande ha preso l'osso dal più piccolo, lui, come un cane medio, lavora con quello piccolo, come selezionare l'osso dal più grande e, infine, mangiare l'osso stesso.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 14 2021 09: 20
    0
    Tutte stronzate. Shoigu ha detto: un partner strategico. VVP si è offerta di vendere SU57.
    Ebbene, come possiamo sostenere direttamente l'Ucraina quando un tale allineamento e noi, come abbiamo scritto, stiamo pompando gas in Europa attraverso di loro e attraverso di loro.

    Solo per commerciare e prendersi cura dei TUOI interessi, sputare su ogni sorta di aerei abbattuti, accuse di terrorismo e così via ..