Perché quello che sta succedendo oggi non è una crisi caraibica 2.0


Di recente, molti media hanno cominciato a comparire l'attuale crisi intorno alla situazione nel Donbass con i lontani eventi del 1962, che sfociarono quasi nella terza guerra mondiale - la "crisi caraibica". Questa tesi sembra, per usare un eufemismo, inverosimile. E parlando francamente - e completamente inverosimile.


Certo, puoi trovare qualche somiglianza tra i due conflitti globali in questione, tuttavia le differenze, e quelle più cardinali, sono molto maggiori. Quali sono? Diamo uno sguardo più da vicino.

Due tempi diversi, due mondi diversi


Prima di tutto, stiamo parlando del fatto che questi confronti hanno background e "condizioni di partenza" completamente diversi. Negli anni '60 si formarono nel mondo due sistemi antagonisti: l'Occidente capitalista con la NATO, tutti suoi economico e attributi finanziari e di altro tipo, così come il "campo socialista", uniti nell'Organizzazione del Patto di Varsavia e nell'Unione per l'assistenza economica reciproca. A causa del rapido sviluppo del movimento anticoloniale sul pianeta, si formarono uno dopo l'altro nuovi stati indipendenti: fu per loro, in generale, che la lotta fu condotta tra i due "poli del potere", che erano approssimativamente uguale, almeno in termini militari. Ciascuna parte cercò di migliorare le proprie posizioni strategiche, il che alla fine portò alla "crisi missilistica cubana": non aveva senso attaccare missili a medio raggio in Turchia che avrebbero potuto raggiungere le città sovietiche in pochi minuti. I nostri missili a Cuba erano solo una risposta simmetrica. La situazione attuale nel mondo è completamente diversa, almeno dal punto di vista di Washington e dei suoi partner della NATO.

Dopo il crollo dell'URSS, con cui hanno dovuto fare i conti da pari a pari, la Russia non è mai stata considerata lì in tale veste. Il mondo è davvero diventato unipolare e il nostro Paese, secondo l '"occidente collettivo", non aveva diritto di votarvi. "Hegemon" ei suoi collaboratori senza fretta e senza problemi soggiogarono non solo l'intero "spazio post-sovietico", ma anche lo stesso Medio Oriente, usando "rivoluzioni colorate" e simili della tecnologia eliminazione dei governi e dei leader che non gli piacciono. La forza militare è stata usata solo in casi eccezionali, ma senza alcun riguardo per nessuno, per non parlare delle “istituzioni internazionali” come l'ONU che si erano trasformate in pura finzione. E aveva il diritto di applicarlo, ancora una volta, esclusivamente alla "comunità mondiale", che di fatto è diventata da tempo un club di obbedienti esecutori testamentari del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca ...

Pertanto, i primi tentativi della Russia di spezzare questo circolo vizioso e di dichiararsi un attore a pieno titolo nell'arena internazionale sono stati percepiti dall '"Occidente collettivo" piuttosto non tanto con indignazione quanto con sconcerto. Gli eventi dell'agosto 2008 sono stati considerati fastidiosi, ma un episodio isolato, il "discorso di Monaco" di Putin non è stato preso sul serio, borbottando solo qualcosa sulla "eterna aggressività dei russi". A quel tempo c'era ancora una possibilità per uno sviluppo più o meno pacifico della situazione, ma per questo dovevano accadere cose praticamente impossibili: l'Occidente avrebbe dovuto accettare il nostro paese come un avversario serio come l'Unione Sovietica e iniziare a prendere tenendo conto dei suoi interessi allo stesso modo. Nel 1962, John F. Kennedy non si mise in dubbio se Mosca possedesse armi nucleari o se fossero pronte a usarle. Questo è il motivo per cui i capi dei due stati, che stanno per unirsi in una battaglia mortale, sono stati in grado di mettersi d'accordo così rapidamente e in modo abbastanza amichevole.

Quando Vladimir Putin annunciò per la prima volta la creazione delle armi più recenti, molto superiori a quelle occidentali, iniziarono a ridacchiare scioccamente: “Cartoni animati! Cartoni animati! " Avendo organizzato un colpo di stato in Ucraina nel 2014, l'Occidente non ha percepito la salvezza dei residenti della Crimea da parte della Russia come una risposta completamente adeguata ed equa, ma ha iniziato a imporre sanzioni, chiedere l'impossibile e minacciare l'impossibile. La guerra civile scoppiata nell'Ucraina orientale non si è conclusa con una "guerra lampo" da parte del regime sostenuto dall'Occidente, ma si è trasformata in un conflitto sanguinoso senza fine. Poi c'è stata la Siria, i fallimenti delle "rivoluzioni colorate" in Venezuela e Bielorussia e molto altro ancora. All'occidente iniziò lentamente a rendersi conto che Mosca non si sarebbe affatto arresa, indipendentemente da quante restrizioni le fossero state imposte. Ognuno di loro ha solo aggiunto alla leadership della Russia la fiducia nella correttezza delle proprie azioni e ha rafforzato le proprie intenzioni di continuare il percorso intrapreso verso la massima indipendenza e indipendenza, sia internamente che esternamente. politica.

L'Ucraina non è la Turchia e il Donbass non è Cuba


In effetti, tutti gli eventi dalla primavera del 2014 sono stati tentativi disperati da parte dell '"Occidente collettivo" di non lavare, ma di costringere il Cremlino a tornare alle precedenti "regole del gioco" e di nuovo a "adattarsi" al famigerato "mondo comunità ”- come al solito," sui diritti degli uccelli "ea costo di perdere una buona parte della sovranità statale. Se non tutto per intero ... Oggi i nostri "amici giurati", infatti, sono in un vicolo cieco: alcuni passi più seri, come la rottura completa delle relazioni diplomatiche con Mosca, la sua disconnessione dallo SWIFT, la finale " siluramento "del" Northern stream-2 "o qualcos'altro equivalente, e allora rimarrà solo la guerra. E in realtà, non un solo politico sano di mente o militare in Occidente lo vuole. No, ci sono individui di talento alternativo che in tutta serietà sognano qualcosa di così piccolo e vittorioso, ma loro, fortunatamente, oggi non hanno diritto a un voto decisivo.

La principale differenza tra l'attuale crisi e la vecchia crisi "caraibica" sta proprio nel fatto che le contraddizioni tra le parti opposte sono molto più globali e più profonde. E, di conseguenza, sarà molto più difficile raggiungere un accordo e giungere a un compromesso di allora. Ancora una volta, la prospettiva di stabilire basi militari della NATO sul territorio dell'Ucraina è molto più pericolosa per la Russia rispetto all'apparizione dei missili americani in Turchia nel 1962. E il Donbass, sai, è Cuba non separata dal nostro paese dall'oceano, amichevole, ma comunque molto distante. Anche in un senso puramente strategico-militare, la posta in gioco è molto più alta, e cosa possiamo dire delle questioni geopolitiche globali. Dopo aver risolto la "crisi missilistica cubana", gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica per molti anni non hanno portato il loro confronto al punto da minacciare uno scontro militare diretto. Tuttavia, coloro che affermano che dopo che le due superpotenze hanno sostenuto la "pacifica convivenza" stanno peccando abbastanza bene contro la verità.

Sì, Cuba fu davvero lasciata sola (senza rinunciare, però, allo stesso tempo, a infiniti tentativi di eliminare Fidel Castro), ma nessun accordo con Krusciov impedì a Kennedy di scatenare una guerra in Vietnam, che chiaramente apparteneva alla sfera degli interessi di l'URSS. Gli americani erano così impazienti di combattere che solo quasi 60mila bare arrivate negli Stati Uniti nel corso dell'avventura vietnamita riuscirono a moderare questo inquietante prurito. È stata la sconfitta in quella guerra che ha indotto Washington ad abbandonare per lungo tempo le sue scappatelle militaristiche, e non solo il timore di un ripetersi della crisi caraibica. Inoltre, da un certo momento, i loro sforzi furono diretti non al confronto militare con l'Unione Sovietica, ma a distruggerla dall'interno, usando metodi e metodi completamente diversi. E su questa strada, l '"Occidente collettivo", ahimè, è riuscito. Cosa sto facendo?

E al punto che nelle condizioni attuali non c'è in qualche modo alcun paradigma nel quadro del quale Washington e Mosca potrebbero giungere a un accordo veramente reciprocamente accettabile, concludendo che nessuna delle due parti si trasformerebbe in un perdente e non "perderebbe la faccia". Alcuni analisti politici oggi, alla luce dell'appello che Joe Biden ha fatto il 13 aprile a Vladimir Putin, invitandolo ad alcuni "colloqui confidenziali su territorio neutrale", prevedono che nel processo, una sorta di "accordo del secolo" essere concluso. Dicono che gli Stati Uniti concederanno in qualche modo, la Russia in qualche modo - e tutti saranno felici. È in qualche modo difficile credere in una prospettiva così meravigliosa. Cosa ha da offrire Washington? Rifiuto di sostenere l'Ucraina? Non dovresti nemmeno pensarci. Il massimo che si può discutere è il rifiuto di introdurre nuove sanzioni anti-russe o qualche indebolimento di quelle esistenti. Anche se, in verità, anche quest'ultimo è improbabile - gli "alleati" non capiranno. Tuttavia, la domanda principale è: cosa verrà richiesto in cambio da Mosca? Donbass si arrende? Fortemente inaccettabile. Il ritorno della Crimea - ancora di più. Sembra che sia sempre lo stesso vicolo cieco ...

Nell'attuale sistema di coordinate, la versione del 1962 è impossibile: "Stiamo rimuovendo missili nucleari dall'Isola della Libertà, e voi state smantellando i vostri in Turchia e non pensate nemmeno all'intervento militare a Cuba". In linea di principio, non è applicabile alle realtà odierne. Il fatto che i due leader mondiali possano incontrarsi faccia a faccia è un positivo incondizionato che può alleviare la tensione in questo caso particolare. Tuttavia, la cosa più importante è questa: la risoluzione della "crisi missilistica cubana" ha significato non solo una riduzione dell'escalation di un momento specifico del conflitto, ma un "ritorno" a una situazione in cui entrambe le parti non hanno cercato di risolvere i loro problemi metodi "forzati". Perché tornare indietro adesso? Alla situazione prima del 2014? Fino al 2008 ?! Questo è completamente irrealistico. Inoltre, gli Stati Uniti non hanno nascosto le loro vere intenzioni e priorità.

L'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki, nel suo discorso al briefing di ieri, si è espressa in modo molto specifico: gli Stati Uniti non cercano affatto di stabilire "rapporti di fiducia" con la Russia. Hanno bisogno di qualcosa di completamente diverso: la "prevedibilità" del comportamento del nostro paese. Bene, secondo gli standard americani, le azioni di qualsiasi soggetto sono più facili da prevedere se viene precedentemente messo in ginocchio, legato mani e piedi, e una Colt armata di calibro 45 gli viene messa alla testa ... e c'è. Secondo Psaki, il suo mecenate, Joe Biden vorrebbe "concentrarsi su" altre minacce e opportunità nel mondo "piuttosto che" inimicizia con la Russia ". Sembra interessante, ma non si tratta certo di risolvere la crisi intorno al Donbass (e, di fatto, la “questione ucraina” in quanto tale) a condizioni accettabili per il nostro Paese.

Se le cose fossero andate diversamente, il Comandante supremo delle Forze armate alleate della NATO in Europa Tod Walters non avrebbe annunciato il giorno prima durante le udienze tenutesi nel comitato "militare" del Congresso USA sulla ferma intenzione del Pentagono proprio nel prossimo futuro per iniziare una massiccia ridistribuzione di combattenti multiruolo nel Vecchio Mondo. Gli Stati Uniti avevano urgente bisogno di loro nelle immediate vicinanze dei nostri confini per "ottenere un vantaggio competitivo" sull'esercito russo. Ciò dimostra ancora una volta che il confronto in atto è molto più grave della "crisi caraibica", che viene ora ricordata con orrore, ed è improbabile che possa essere risolta anche nel corso di trattative dirette tra i presidenti dei due paesi. . In ogni caso, nel prossimo prevedibile futuro.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) Aprile 15 2021 10: 09
    +2
    Oh beh, non c'è niente con cui contrattare. Ora gli Yankees hanno il principale popabor China, che hanno creato per loro stessi. E se VVP e Xi decidono che "È ora", allora Joe non avrà scelta. È così, per un momento . La questione iraniana Non è andata da nessuna parte, non è cresciuta insieme al rovesciamento del Sultano proprio a causa delle azioni delle nostre forze speciali. E molte cose che non possiamo sapere. Tutti questi movimenti dimostrativi delle forze NATO sono nient'altro che un bluff, ma non appena la Federazione Russa finse di credere, mosse l'esercito, iniziò il lamento.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 15 2021 10: 44
    +2
    La stessa Russia sostiene l'Ucraina con risorse energetiche. L'Occidente stesso non potrebbe estrarre il suo contenuto a proprie spese. Pertanto, non ha senso che la Russia accusi l'Occidente del fatto che la Russia stessa sostiene l'Ucraina con risorse. Ora inizierà la campagna di semina, e dove andrà il carburante in Ucraina e per quali scopi?
  3. lavoratore dell'acciaio Aprile 15 2021 10: 46
    +3
    - nel prossimo prevedibile futuro.

    È necessario risolvere un problema come l'Ucraina con qualsiasi mezzo. Se non verrà deciso nel prossimo futuro, gli Stati Uniti creeranno le proprie basi e basta. L'autore ha ragione, niente può essere risolto con i negoziati - solo con la forza! Toli vigliaccheria, toli stupidità di Putin nel 2014, ma questo è il risultato a cui siamo arrivati. Le truppe sono in piedi e aspettano il comando. E mentre il problema può essere risolto con poco sangue. Tra due settimane sarà troppo tardi per decidere qualcosa. Gli Stati Uniti ci raggiungeranno, se non l'hanno già raggiunto. L'Azerbaigian ha preso il suo e noi dobbiamo prendere il nostro, tanto più va nelle nostre mani! E non ci sarà alcuna guerra civile. Gli stessi Bendera correranno nelle loro foreste e lì li finiremo!
    1. Mykola Onishchenko Офлайн Mykola Onishchenko
      Mykola Onishchenko (Mykola Onishchenko) Aprile 15 2021 11: 21
      -1
      Ehi, "produttore di acciaio", proponi alla Russia di iniziare una guerra contro l'Ucraina? Andrai a combattere da solo o commenterai la guerra dal divano?
      1. lavoratore dell'acciaio Aprile 15 2021 12: 51
        0
        E la Russia non ha bisogno di iniziare una guerra. La stessa Ucraina afferma di aver frenato l'aggressione della Russia da 7 anni. La Russia ha solo bisogno di presentarsi a questa guerra e schiaffeggiare questa faccia dura e bugiarda! E come uccidere impunemente cittadini russi e bambini nel Donbass si chiama "frenare l'aggressione", ma come rispondere e combattere seriamente, quindi immediatamente "aiutare". Quindi è ora di riportare l'Ucraina ai confini del 1654 !!!
        1. Il commento è stato cancellato
        2. Mykola Onishchenko Офлайн Mykola Onishchenko
          Mykola Onishchenko (Mykola Onishchenko) Aprile 15 2021 17: 42
          -2
          Vieni, vieni e ritorna Solo allora non piangere per l'aneto malvagio e crudele.
  4. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 15 2021 11: 56
    0
    I nostri missili a Cuba erano solo una risposta simmetrica. La situazione attuale nel mondo è completamente diversa, almeno dal punto di vista di Washington e dei suoi partner della NATO.

    Non certo in quel modo. Inoltre, a quel tempo, l'URSS era molto indietro rispetto agli Stati Uniti nelle armi nucleari e, soprattutto, nei veicoli per le consegne. Gli Stati Uniti si sentivano relativamente al sicuro, l'Unione Sovietica, in generale, non poteva reagire attraverso l'oceano. C'era P7, ma erano pochi e avevano un basso grado di prontezza al combattimento, c'erano i Tu95, ma il potente sistema di difesa aerea statunitense metteva in discussione la possibilità di raggiungere il territorio di un potenziale nemico con un numero significativo di questi velivoli .
    E di conseguenza, il dispiegamento di missili a medio raggio a Cuba ha dato una reale possibilità di rappresaglia contro gli Stati Uniti, e si potrebbe già parlare di almeno una sorta di parità.
  5. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 15 2021 12: 11
    0
    La principale differenza tra l'attuale crisi e la vecchia crisi "caraibica" sta proprio nel fatto che le contraddizioni tra le parti opposte sono molto più globali e più profonde. E, di conseguenza, sarà molto più difficile raggiungere un accordo e giungere a un compromesso rispetto a allora.

    Questo è molto controverso. Poi ci fu uno scontro tra i sistemi, il comunista romantico Krusciov promise di distruggere il sistema capitalista, la lotta fu, in generale, combattuta per il mondo intero e c'era una reale minaccia di guerra. Ora la domanda riguarda solo lo spazio post-sovietico, e anche meno i paesi baltici, la leadership russa non sta cercando di cambiare il mondo, ma vuole solo entrare in questo mondo capitalista "occidentale" alle sue condizioni. In generale, penso che tutto questo espediente con l'Ucraina sia solo per aumentare la posizione negoziale. C'è già successo, Biden ha invitato Putin ai negoziati.
    1. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 15 2021 17: 56
      0
      Caro Oleg!
      Adesso scriverò in maniera personale, darò a Votsap, ci scambierò le foto della nostra vita. O è indurito?
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 15 2021 21: 25
        0
        Hmm. Che offerta inaspettata. Per quale scopo vuoi comunicare con me su WhatsApp? Sei uno di quei ... fan dei Queen? Quindi non mi occupo di queste cose. Sono felicemente sposato.
        1. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 15 2021 22: 53
          +2
          Alcuni strani emigranti. Parlano costantemente di come vivono le persone cattive in Russia. Proponi di scambiare foto di appartamenti, cottage estivi, case, automobili, oops, in negazione ...
          E c'è solo una ragione, vivono male, ma brutalmente ...
          1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
            Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 16 2021 08: 24
            0
            Non so voi in Ucraina, i nostri cittadini nella Federazione Russa non hanno mai vissuto così bene nella storia. Per quale scopo vuoi chattare con me su WhatsApp? Puoi articolarlo chiaramente? Perché hai bisogno di una foto del mio appartamento in macchina? Non mi interessa il tuo.
  6. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) Aprile 15 2021 17: 43
    0
    La Federazione Russa è troppo piccola per misurare la crisi dei missili cubani. L'URSS aveva i paesi del Trattato di Varsavia e circa tre dozzine di altri alleati.
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 15 2021 20: 29
    +1
    Perché a quel tempo nessuno imponeva un arresto sulla proprietà dell'URSS, sulle riserve di oro e valuta estera e non si disconnetteva dal sistema di pagamento interbancario internazionale.
    NS Krusciov non si piegò piazzando missili a Cuba e pose l'assedio all'aggressione degli Sshasoviti, costringendoli a rimuovere il Pershing dalla Turchia.
  8. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) Aprile 15 2021 20: 50
    0
    La crisi dei missili cubani e la crisi ucraina sono di natura diversa. Come gli scacchi.
    Nei Caraibi, una pedina è stata spostata e si è rivelata quasi una regina. Quasi, ma deve ancora raggiungere la casella richiesta per diventare una regina. E l'hanno picchiata da tutte le direzioni.
    In ucraino ora, un pedone viene sacrificato per attirare la regina in un luogo dove può essere attaccata.
  9. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) Aprile 15 2021 23: 45
    +1
    Alla luce delle nuove sanzioni, molto probabilmente non si può parlare di alcun incontro.