Generale Vatutin: tre segreti della morte del comandante russo


Il 16 aprile 1944, uno dei comandanti di spicco della Grande Guerra Patriottica, il generale dell'esercito Nikolai Fedorovich Vatutin, morì a Kiev. Il suo nome è associato alle vittorie dell'Armata Rossa a Stalingrado, sul Kursk Bulge, la liberazione della capitale dell'Ucraina e molti altri gloriosi episodi di quella guerra, riflessi in modo sufficientemente dettagliato nella storiografia russa.


Ma la tragica morte del generale fino ad oggi è avvolta da un velo, se non da una completa segretezza, quindi da molte riserve e ambiguità, che danno luogo a ogni sorta di ipotesi, congetture e persino a vere e proprie speculazioni. Comunque sia, con la morte di Vatutin, tutto è molto, molto ambiguo. Bene, proviamo e facciamo la nostra opinione su questo caso difficile, i suoi momenti noti e misteriosi che rimangono fino ad oggi.

Lewdness o tradimento?


Per cominciare, ricordiamo quegli eventi specifici che, di fatto, si sono conclusi con la morte del generale. Facciamo subito una prenotazione: ci sono così tante opzioni per la loro presentazione che anche la più breve rivisitazione andrebbe ben oltre il volume di un articolo. Pertanto, ci limiteremo solo ai punti principali, isolando lungo il percorso evidenti incongruenze e stranezze. Quindi ... Prima di tutto, bisogna ammettere che per molto tempo il fatto che il proiettile che ha inflitto una ferita mortale a Vatutin sia stato sparato non dai nazisti, ma dai loro nefandi scagnozzi tra i nazionalisti ucraini, è stato messo a tacere nel modo più attento. "È caduto da un colpo nemico ..." - così scrivevano anche le edizioni più rispettabili delle sue memorie. La morte del generale si è riflessa anche nel cinema sovietico, ad esempio nell'epica "Liberazione". Sì, c'è stato un periodo stupido in cui l'argomento dei tirapiedi nazisti, specialmente con la menzione delle loro specifiche nazionalità, era un tabù assoluto, per il quale il paese in seguito ha pagato molto caro ...

Tuttavia, siamo distratti. In un modo o nell'altro, ma tutti i ricercatori, ad eccezione dei più ostinati teorici della cospirazione, concordano sul fatto che il 29 febbraio 1944, trasferendosi da Rovno, dove il quartier generale della 13a Armata del tenente generale Nikolai Pukhov fu schierato a Slavuta, dove il quartier generale del tenente generale Ivan Chernyakhovsky della 60a armata, il comandante del primo fronte ucraino, generale dell'esercito Nikolai Vatutin, è stato teso un'imboscata dai militanti dell'UPA, durante la battaglia con la quale è stato gravemente ferito alla coscia. Questa è, per così dire, una sinossi. Inoltre, iniziano i particolari, in cui sono nascosti gli indovinelli.

Prima di tutto, il percorso del viaggio è stato cambiato dallo stesso Vatutin. Inizialmente, avrebbe dovuto percorrere l'autostrada attraverso gli insediamenti di Rovno - Zdolbunov - Ostrog - Slavuta. In questa direzione, una parte delle guardie del comandante fu inviata per la ricognizione e il controllo del terreno. Tuttavia, il generale, dopo aver ascoltato il consiglio del comandante della 13a armata, Pukhov, ha deciso di non fare una deviazione, per spostarsi lungo la breve rotta Goshcha - Milyatin - Slavuta. E sarebbe andato tutto bene, il problema era che questo sentiero si trovava su strade di campagna (fortunatamente era inverno) e in luoghi estremamente comodi per organizzare imboscate. Era sicuramente noto che questa zona pullulava di feccia Bandera, come un vecchio divano con insetti sporchi. Ciò è stato ripetutamente segnalato dagli organi competenti del controspionaggio militare - SMERSH. Pukhov sapeva, Vatutin lo sapeva, tutti quelli che avevano preso parte al viaggio lo sapevano.

In teoria, Pukhov avrebbe dovuto sdraiarsi con le sue ossa, dissuadendo il comandante del fronte da una simile scappatella - dopotutto, stava andando, per usare un eufemismo, su una strada estremamente dubbia, anche guardando la notte (hanno lasciato Rovno alle 16.30, ea febbraio era già il tardo crepuscolo). Come minimo, il generale Pukhov avrebbe dovuto imporre almeno con la forza a Vatutin le guardie su cui avrebbe fatto affidamento in questo caso - con auto blindate, un paio di camion di fanteria e mitragliatrici. Tuttavia, il comandante del fronte partì in una notte ostile in diverse "macchine" con una dozzina di soldati. Inoltre, per qualche motivo, il capo del dipartimento SMERSH della 13a armata, il colonnello Semikov, non ha insistito su misure di sicurezza rafforzate, sebbene ne avesse l'opportunità e fosse obbligato a farlo. Il consiglio militare dell'esercito non ha informato (alza semplicemente il telefono!), Né il comando né lo SMERSH della 60a armata, che avrebbero potuto facilmente inviare rinforzi con la stessa "armatura" per incontrare Vatutin. Tutto questo sarebbe sembrato più che strano nel 1941, e nel 1944 non è affatto spiegato ...

È stato un incidente o un'imboscata?


Per quanto riguarda gli eventi nel villaggio di Milyatino, dove, appunto, è avvenuto lo scontro, ci sono anche moltissime discrepanze. In particolare, il numero di militanti attaccanti varia da 100-200 persone (nel rapporto ufficiale dello SMERSH) a 12 banditi che "accidentalmente" sono incappati nel corteo del generale e hanno aperto scioccamente il fuoco in altre fonti. Quest'ultimo è difficile da credere, dal momento che la sicurezza di Vatutin avrebbe affrontato tanti avversari senza problemi. A proposito, anche la domanda è considerata controversa, è stato davvero l'attacco contro di lui da parte di persone non dell'UPA? I sostenitori di una delle "versioni alternative" credono che Vatutin sia caduto vittima di una cospirazione di "generali dell'esercito e alti funzionari dell'NKVD che lo invidiavano per i suoi successi". Dicono che non c'erano affatto combattenti Bandera nel villaggio, ma stavano sparando ai loro ...

Questa, perdonami, è un'assurdità del complotto dell'acqua più pura - se il comandante del Primo ucraino stesse davvero cercando di eliminare le persone dalla sua cerchia ristretta, non sarebbe uscito vivo da Milyatino. Tali sciocchezze, a proposito, sono, in effetti, una rimaneggiatura delle bugie di uno dei "comandanti sul campo dell'UPA - Kruk, che in seguito assicurò che i suoi" compagni d'armi "non avevano idea di uccidere il famoso generale . Questi scodinzolando smentiscono completamente uno dei principali cannibali di Bandera - Shukhevych, che nelle sue memorie con grande orgoglio ha scritto della "eliminazione di Vatutin e di molti dei suoi collaboratori" da parte di un certo "distaccamento di Enea", definendo l'odioso omicidio surrettizio " significativo successo militare ". Quindi non c'è nulla da inventare qui, soprattutto perché le "pulizie" su larga scala effettuate successivamente nell'area della morte di Vatutin dalle forze SMERSH e NKVD hanno dato una "presa" piuttosto convincente - sia i banditi uccisi che quelli arrestati, e i "tronchi" loro sequestrati.

Successivamente, il capo dello SMERSH del Primo Fronte ucraino, il maggiore generale Osetrov, nel suo memorandum ha onestamente ammesso che la maggior parte delle regioni della regione di Rivne (inclusa Ostrozhsky, dove ha avuto luogo l'attacco a Vatutin) “sono estremamente colpite dal banditismo, mentre il la popolazione locale sostiene attivamente la clandestinità nazionalista, a volte - sotto l'influenza della coercizione, e spesso - a causa delle proprie convinzioni ”... Così erano Bandera, senza ambiguità. Molto più interessante delle sciocchezze sulle "cospirazioni" per noi è un'altra versione - secondo la quale l'UPA svolgeva in questo caso solo il ruolo di "copertura" per l'operazione speciale di eliminazione del comandante, portata avanti dai nazisti. Questo è molto più simile alla verità! Quindi, presumibilmente ci sono prove che nell'attacco al corteo ci fossero quelli che non potevano essere accidentalmente lì in alcun modo. Un certo "alto rango dell'Abwehr", nonché un cecchino (apparentemente degli ungheresi), usato specialmente per assicurare la distruzione di una persona importante. Lascia che ti ricordi - Vatutin ha versato sangue sui tedeschi, oh, quanti - sia letteralmente che figurativamente. Per le sue brillanti vittorie, specialmente nelle operazioni offensive, i nazisti chiamarono il generale un "gran maestro". Allora perché non dovrebbero organizzare l'eliminazione di un nemico così pericoloso, affidandosi alla marmaglia di Bandera? Tuttavia, questa è solo una delle versioni.

Ma ora avrai una sensazione, quella vera. In un libro molto solido: memorie "Memories and Reflections", appartenenti alla penna di Georgy Konstantinovich Zhukov (APN Publishing House, Mosca, 1969. Edizione 487 (prima parte) c'era un frammento in cui era scritto in bianco e nero: "Durante il viaggio il generale Vatutin in un'unità della 1a armata in una delle auto del corteo di automobili, che è stata attaccata a Milyavtsy, era ... Nikita Khrushchev!" Due delle quattro auto di quel convoglio appartenevano a lui e alle sue guardie .

L'ombra minacciosa di Krusciov


Significativamente, né nelle precedenti edizioni delle memorie di Zhukov, né in quelle successive, questo episodio può essere trovato. È comprensibile: il maresciallo non è stato uno sciocco a scrivere su questo durante il regno di Kukuruznik. Ma poi ... Ovviamente, c'era qualcuno molto autorevole che gli consigliò più urgentemente di cancellare questo dettaglio sbalorditivo, rompendo completamente tutte le versioni ufficiali (e più ufficiose) della morte di Vatutin, dal libro. Forse i censori sono stati rimossi. Il punto è che se ciò che è scritto è vero (e dopotutto, Zhukov non soffriva di marasma senile o di una speciale brama di favole durante la creazione di "Ricordi e riflessioni"), allora è l'ultimo pezzo del puzzle, che è solo Perfetto. E dopo averlo risolto, siamo finalmente convinti che il colpevole della morte di Nikolai Vatutin non debba essere considerato un militante di Bandera e nemmeno un mitico "cecchino ungherese", ovvero Nikita Khrushchev. Tutto è già molto chiaramente allineato in un'unica riga che sembra estremamente logica.

La ferita di Vatutin era, ovviamente, grave, come si suol dire "sul davanti", "schifosa", ma in ogni caso non fu assolutamente fatale. Ma con il suo trattamento assistiamo a "stranezze" e minacciosi "malintesi" davanti ai quali svanisce anche la negligenza criminale del comandante della 13a Armata, che ha liberato Vatutin di notte su un pericoloso percorso senza alcuna protezione. A proposito, l'ipotetica presenza di Krusciov nel corteo spiega pienamente questo punto: era completamente inutile contraddirlo e cercare di ragionare. Tuttavia, torniamo a come Vatutin è stato "salvato". Era necessario portarlo fuori dal campo di battaglia su una slitta da contadino: tutte le auto erano state colpite o bloccate. Bene, diciamo ... (Anche se, come ricordiamo, c'erano quattro macchine). Le condizioni dei feriti hanno iniziato a deteriorarsi già con un trasporto così traballante, il che non sorprende.

Il primo soccorso al comandante del fronte (!) È stato fornito o dal battaglione medico dell'unità carri armati, o da qualche "medico militare accidentale" che "è stato trovato in un'unità militare acquartierata in uno dei villaggi". Comunque sia, è successo sei ore intere dopo l'infortunio. Il comandante ha ricevuto la prima assistenza qualificata nell'ospedale di prima linea di Rovno, dove è stato possibile portarlo con la forza. Anche qui, volenti o nolenti, sorge la domanda: “Come mai ?! Ebbene, non 41 con il suo caos e il suo orrore! E questo non è solo un comandante di alto rango, ma uno dei migliori comandanti dell'Armata Rossa! " E con tutto questo, tutti - una tale sbadataggine incredibile ... O è qualcos'altro? Nessuna disattenzione o sconsideratezza può spiegare le azioni di Krusciov, che insistette affinché Vatutin da Rovno invece di essere evacuato in aereo a Mosca (com'era, ovviamente, originariamente previsto) fosse inviato in treno a Kiev! Calvo per qualche motivo non voleva davvero che il comandante del Primo ucraino fosse nella capitale, ed era ancora più spaventato dalla prospettiva che Vatutin sarebbe sopravvissuto. Dimostra, almeno, il diritto alla vita di un tale assunto è il tragico fatto che sia stato a Kiev, sotto la "guida sensibile" di Nikita Sergeevich Vatutin, che inizialmente era fiducioso che sarebbe tornato al comando del fronte in tre settimane. al massimo, solo "guarito" a morte. Né i luminari medici della classe più alta che arrivarono frettolosamente da Mosca da Mosca (il chirurgo capo dell'Armata Rossa Nikolai Burdenko e un'intera galassia di altri famosi medici hanno preso parte personalmente alla salvezza del generale), né l'uso della penicillina, che era appena apparso allora in URSS, considerato una "cura miracolosa", né l'amputazione tardiva dell'arto ferito, su cui Burdenko insisteva. Il tempo era perso irreparabilmente e il 15 aprile 1944 il cuore di Nikolai Vatutin smise di battere ...

"Il movente di Krusciov ?!" - tu chiedi? È più che ovvio. La guerra proseguì inesorabilmente verso la sua fine. Piuttosto, si stava muovendo verso la vittoria. Nikolai Vatutin non era solo uno dei migliori comandanti di quella guerra: la gloria del liberatore e salvatore dell'Ucraina era per sempre radicata in lui. Successivamente, fu lui, e non Krusciov, che fallì in tutti i settori del fronte con completa disgrazia, ovunque fosse inviato, che poteva benissimo dirigere questa repubblica. Inoltre, poteva semplicemente sapere qualcosa su Nikita che avrebbe completamente rovinato la sua carriera in seguito - non dimentichiamo che nel corso della stessa battaglia di Stalingrado, è stato Vatutin a essere costretto a correggere tutto ciò che il "genio" calvo ha rotto. E in generale, si incrociavano troppo spesso su strade militari ... Inoltre, se ricordiamo lo zelo e lo zelo con cui Krusciov, preso il potere, iniziò a salvare gli stessi "guerrieri dell'UPA", i sospetti cominciano a suggerire se stessi e sono completamente male ... E se l'imboscata a Milyatino non fosse stata davvero casuale, ma dietro non ci fossero proprio i tedeschi ?! Tuttavia, per uno sviluppo dettagliato e ben fondato di questa versione dei fatti, non è ancora sufficiente, e quindi lascio a voi, cari lettori, il compito di giudicarne la plausibilità da soli.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) Aprile 17 2021 08: 34
    +1
    tre segreti della morte del comandante russo

    A mio parere, Vatutin era un comandante sovietico e non solo un russo.
    Quando lo leggi, l'odio dell'autore per il "mais calvo" è troppo eclatante, e questo odio non consente all'autore di essere obiettivo.
    E se, nel complesso, a mio modesto parere, ora non è più così importante, cosa c'era e come? Quella guerra è stata vinta, quel paese è andato perduto 30 anni fa, gli archivi più interessanti fino al 2042 sono classificati ... e che tipo di "scoperta" si può fare qui? E personalmente, non vedo alcun senso in questa possibile "scoperta".
  2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 17 2021 10: 46
    -4
    Sì, c'è stato un periodo stupido in cui l'argomento dei tirapiedi nazisti, specialmente con la menzione delle loro specifiche nazionalità, era un tabù assoluto, per il quale il paese in seguito ha pagato molto caro ...

    L'autore significa che la maggior parte dei colobrasionisti tra i cittadini dell'URSS erano russi? Quindi questa non è certo una caratteristica dei russi, costituivano solo la maggioranza dei cittadini dell'URSS. In generale, gli argomenti sull'argomento che ci sono nazionalità inclini al tradimento sono nazisti.
    L'autore ha iniziato sostenendo che non si dovrebbero credere alle teorie del complotto e diffuse immediatamente la sua teoria basata sul nulla.
  3. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) Aprile 17 2021 15: 36
    0
    Krusciov è ancora SVO. Era sposato con una zapadenka di nome Kukharchuk, anch'essa accuratamente nascosta alla gente. Scrissero apertamente della moglie dello stesso Breznev, indicando il suo nome da nubile, ma Krusciov e Khreshchev scrissero dei Krusciov, come se Nikitka fosse sposato con sua sorella ... Fu Krusciov che non lasciò marcire tutta questa Bandera SVO Siberia, non l'ha lasciata finire nei nascondigli ... Krusciov è un nemico della Russia e del popolo russo!
    1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
      Capitano Stoner (Capitano Stoner) Aprile 17 2021 17: 32
      -4
      E Krusciov qui è generalmente "inverosimile" sulla base di alcune pubblicazioni delle memorie di Zhukov.
      In quale altro luogo e chi altro ha scritto (detto) che Krusciov era nel corteo di Vatutin? È possibile verificare questo "fatto" da altre fonti? Improbabile.
      1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Sapsan136) Aprile 17 2021 17: 43
        0
        Krusciov dovette essere impiccato per la morte del gruppo di truppe sovietiche di Kiev e per lo sbarco di Kerch, insieme a Mekhlis, perché la colpa è più grave del giustiziato Pavlov ...
      2. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
        Capitano Stoner (Capitano Stoner) Aprile 17 2021 19: 13
        -1
        Nel febbraio 1968, Zhukov era diventato abbastanza forte da fare appello a Leonid Brezhnev e Alexei Kosygin con una denuncia per un inspiegabile ritardo nella pubblicazione delle sue memorie. Zhukov ... ha chiarito che Breznev vuole essere menzionato nel libro. Ahimè, durante la guerra non si sono incontrati. Da quando Zhukov visitò Novorossijsk nel 1943, fu trovata una via d'uscita: dovette scrivere che, essendo lì, voleva consultarsi con il colonnello Breznev, ma in quel momento Breznev era solo in prima linea. Zhukov acconsentì a questa inserzione e disse con un sorriso amaro: "Chi è intelligente capirà".
  4. lavoratore dell'acciaio Aprile 17 2021 18: 29
    -1
    In guerra, tutto può essere. Ma il fatto che l'aiuto sia stato fornito solo dopo 6 ore e sia stato preso in treno con una tale ferita è già un crimine, non una negligenza. E il fatto che nessuno sia stato punito per questo parla già degli alti mecenati e del desiderio della morte di Vatutin. Krusciov personalmente avrebbe potuto salvare Vatutin, ma lo ha mandato in treno. Pertanto, è più probabile che l'autore abbia ragione, e qui c'era una cospirazione di Krusciov.
    1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
      Capitano Stoner (Capitano Stoner) Aprile 17 2021 19: 28
      -3
      Krusciov personalmente avrebbe potuto salvare Vatutin, ma lo ha mandato in treno

      Krusciov? L'hai spedito in treno? O forse era qualcuno come Krusciov? Oppure lo spirito di questa persona non sanguinante era presente personalmente lì?

      Il comandante gravemente ferito è stato portato in auto all'ospedale della 13a armata (Rovno), dove è stato visitato dal maggiore generale del servizio medico I. N. Ishchenko, e il 2 marzo è stato portato in treno all'ospedale di Kiev. I migliori medici militari A. N. Bakulev, M. S. Vovsi, V. N. Shamov e S. S. Yudin, l'ematologo A. A. Bogomolets furono convocati a Kiev e in seguito il chirurgo capo dell'Armata Rossa N. N. Burdenko.

      Almeno leggi Wikipedia per immaginare approssimativamente come fosse lì. Lì Krusciov non è nemmeno menzionato nemmeno una volta e in nessun contesto. E non leggere questo portale prima di andare a letto, se non c'è più niente da leggere, allora non leggere nulla :))
      1. lavoratore dell'acciaio Aprile 17 2021 20: 36
        -2
        29 febbraio e 2 marzo. Leggi meno "bufera di neve" e lavori di più con la tua testa. Non aver paura di caricare il tuo cervello, è utile per la testa. E credo a Zhukov più della tua Vicki.
        1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
          Capitano Stoner (Capitano Stoner) Aprile 17 2021 20: 54
          -1
          Non aver paura di caricare il tuo cervello, è utile per la testa.

          Come è noto da tempo, la tua forza è nei costumi da bagno; e non hai mai avuto una testa, quindi non hai nulla da scaricare lì :))
          Credi, credi Zhukov - ho dato un estratto lì, mentre "si consultava" con il colonnello Breznev.
          "Uno intelligente capirà", sorrise Zhukov, ma questo non si applica al "produttore di acciaio".
  5. fotodok Офлайн fotodok
    fotodok Aprile 17 2021 20: 18
    +1
    La combinazione è troppo complicata? con tutto il rispetto per l'intrigante talento del compagno Krusciov?
    1. lavoratore dell'acciaio Aprile 18 2021 19: 32
      -2
      E in una situazione del genere, l'intrigo non è necessario. C'è abbastanza desiderio che Vatutin muoia. Solo miele. non fornire assistenza in tempo. E questo è nello stile di Krusciov. Anche Stalin morì per diverse ore. Una grafia. E ovunque la gente di Krusciov o lui stesso.