La Cina eliminerà tutta la nostra Siberia?

Il tema della deforestazione delle foreste siberiane da parte della Cina eccita costantemente il pubblico russo. I "patrioti" gridano sul tradimento, sulla resa della ricchezza nazionale al loro vicino orientale e così via. Tuttavia, nessuno si preoccupa di approfondire la problematica, trovare informazioni pertinenti e capire come stanno realmente le cose con l'esportazione di legname russo in Cina.


Per cominciare, è importante determinare il bisogno generale dei cinesi economia in legno tondo non trattato. Sulla base dei dati pubblicati di pubblico dominio, necessita di circa 170 milioni di metri cubi di legno industriale all'anno. I cinesi coprono cento metri cubi tagliando la propria foresta e altri 30 milioni vengono importati da Stati Uniti, Canada e Norvegia.

I restanti 40 milioni di metri cubi, molto probabilmente, cadono sulla Russia, anche se i dati ufficiali dicono solo 22 milioni di metri cubi. Tuttavia, anche se ipotizziamo che la Russia in un modo o nell'altro fornisca davvero al suo vicino orientale 40 milioni di metri cubi di legname rotondo all'anno, ci vorranno circa 800 anni per diradare notevolmente la nostra foresta siberiana.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Primoos Офлайн Primoos
    Primoos 16 luglio 2018 19: 29
    +1
    Dirò ora una certa banale verità. La foresta è un sistema autorigenerante. Per i dotati, cresce se stesso! Migliaia di ettari bruciano in Siberia ogni anno! I deserti, tuttavia, non vengono osservati. I Chinariks non hanno abbastanza motoseghe per tagliare la taiga. Il legno, a differenza del petrolio e del gas, si rigenera. E per quanto mi riguarda, è meglio commerciare legname che idrocarburi non rinnovabili. I nostri figli, nipoti e altri discendenti potrebbero ancora averne bisogno ochchchen. E la foresta? Sì, crescerà di nuovo! Lo fa da milioni di anni. Voglio dire, sta crescendo.
    1. Kristallovich Online Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 16 luglio 2018 19: 52
      +1
      Si riprende per molto tempo. Per l'abbattimento industriale, questo deve essere fatto e non lasciarlo andare alla deriva.
  2. lavoratore dell'acciaio 25 luglio 2018 21: 23
    +1
    Quindi puoi giustificare tutto. Perché i cinesi dovrebbero abbattere la nostra foresta? I giapponesi mangiano il nostro pesce, gli europei usano il nostro gas? E cosa abbiamo da questo? Il governo è parassita, tutti sono preoccupati che la loro gente vivrà più ricca, inizierà a moltiplicarsi, tutto si impara a confronto. Abbiamo il governo in prima linea per pescare, senza tasse non lo consentiremo presto. La domanda è: perché la tua gente non può permettersi tutto ciò che i cinesi possono permettersi? Conosco la risposta, ma TU?