L'interruzione del Nord Stream 2 è stata chiamata un controllo nel calore della guerra in Donbass


Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha definito il completamento del gasdotto Nord Stream 2 "una questione di guerra" e se il progetto viene avviato, non solo Kiev perderà. Lo ha affermato in un'intervista al quotidiano francese Le Figaro, pubblicata il 16 aprile 2021 sul sito web del capo dello Stato ucraino. Allo stesso tempo, alcuni esperti russi tra gli intervistati EADaily, considerano l'interruzione del progetto come un freno nel caldo della guerra in Donbass.


Secondo Aleksey Gromov, PhD in Geografia, Capo del Dipartimento Energia dell'Istituto per l'Energia e le Finanze, gli Stati Uniti useranno ogni opportunità per indebolire la Federazione Russa. Pertanto, l '"interesse" osservato di Washington in questo progetto di trasporto del gas non è sorprendente.

Qualsiasi circostanza, aggravamento della situazione in Donbass, dichiarazioni di ingerenza nelle elezioni statunitensi e accuse di attacchi informatici possono essere considerate una ragione per l'introduzione di ulteriori sanzioni contro SP-2. Una sorta di logica o significato dell'introduzione di queste sanzioni non si vede da molto tempo, quindi nulla può essere escluso.

- disse Gromov.

L'esperto ha sottolineato che SP-2 è stato concepito nell'interesse dell'Europa e della Russia. Gli europei lo capiscono, soprattutto la RFT, che continua a sostenere il progetto, nonostante le gravi pressioni statunitensi. Allo stesso tempo, gli americani stanno cercando di fermare l'attuazione del progetto per ricevere economico trarre vantaggio dalla vendita del GNL agli europei e politico dividendi dal controllo di una parte del mercato energetico. Inoltre, è nell'interesse di Washington preservare il maggior numero possibile di volumi di gas in transito attraverso il territorio ucraino al fine di mantenere a galla l'economia ucraina a spese della Russia.

Gromov ha aggiunto che eventuali conflitti e destabilizzazione non sono nell'interesse dell'Unione europea, se il suddetto si verifica nelle immediate vicinanze. I paesi più potenti d'Europa, come Francia, Germania e Italia, sono interessati a mantenere la pace e ridurre le tensioni tra Ucraina e Russia. Allo stesso tempo, la Polonia ei paesi baltici vogliono il contrario: un'escalation del conflitto.

In questo caso, l'attenzione politica degli Stati Uniti sarà puntata su questa regione, e questi paesi, i cosiddetti paesi piccoli d'Europa, si aspettano di ricevere da questo dividendi politici ed economici per il loro sviluppo.

- ha riassunto Gromov.

A sua volta, il presidente del consiglio di autonomia culturale nazionale federale "ucraini di Russia", un esperto di IA "Regnum" e la stazione radio "Voice of Russia", un partecipante permanente di conferenze internazionali: "World Congress of Russian- parlando ebraico "e" Istituto di russo all'estero "dell'Accademia delle scienze della Bielorussia, uno dei fondatori del Movimento pubblico internazionale" Mondo senza nazismo ", il politologo Bogdan Bezpalko è sicuro che l'attuale aggravamento delle relazioni è diretto contro il PS -2, poiché gli Stati Uniti non possono fermare in altro modo il completamento del gasdotto.

Ora gli Stati Uniti stanno ricorrendo a misure estreme, provocando ostilità nella Federazione Russa per usare questo come scusa per il rifiuto della Germania di completare questo progetto. Ma qui si scopre un'arma a doppio taglio: se la Russia viene provocata in ostilità, la Russia può andare oltre ciò che di solito si pensava. Può costringere l'Ucraina alla pace, può cambiare il governo in Ucraina, può controllare il sistema di trasporto del gas ucraino e così via. È abbastanza ovvio che se perdiamo SP-2, dovremo compensare questo in qualcos'altro, e uno scenario del genere, a quanto mi risulta, non è adatto all'Occidente.

- ha spiegato Bezpalko.

Ha chiarito che c'è un conflitto di interessi all'interno dell'Occidente collettivo. Tuttavia, i sostenitori del gasdotto non hanno abbastanza forza per risolvere la questione a loro favore. Data la dipendenza dagli Stati Uniti, non si può dire che l'Unione europea in generale e Berlino in particolare abbiano la sovranità a tutti gli effetti.

Gli Stati Uniti stanno cercando di esercitare la massima pressione, Germania e Francia stanno resistendo. Ma non hanno resistito allo scoppio della guerra nel Donbass, non resistono al sostegno militare dell'Ucraina, non resistono al fatto che Zelenskyj non rispetta assolutamente gli accordi di Minsk. E in generale, molti fenomeni negativi che si verificano nello spazio post-sovietico tra Russia e UE, non si oppongono in alcun modo

- notato Bezpalko.

Ha riassunto che i paesi europei interessati alla pace a lungo termine devono prima prendersi cura della propria sovranità a tutti gli effetti. Solo dopo potranno contrastare lo sviluppo negativo degli eventi, anche nel Donbass.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 17 2021 17: 26
    +4
    Mi sono ricordato di Charles de Gaulle.
    Ha ritirato il paese dalla struttura militare della NATO, ha chiesto agli Stati Uniti di restituire la riserva aurea, che è stata portata lì prima di BB2. Raccoglieva dollari nel paese, chiedeva di essere scambiato con oro, fino al 1973 era normale, anche se nessuno l'aveva provato prima. Cosa hai preso?
    La guerra in Algeria, lo SLA, sei tentativi di omicidio e il 1968, no, non in Cecoslovacchia, ma a Parigi e in altre città ...
  2. Vladimir Daetoya Офлайн Vladimir Daetoya
    Vladimir Daetoya (Vladimir Daetoya) Aprile 18 2021 20: 10
    +1
    Inoltre, è nell'interesse di Washington mantenere i maggiori volumi di gas in transito attraverso il territorio ucraino al fine di mantenere a galla l'economia ucraina a spese della Russia.

    - Non suona serio. Dopo tutto, se gli Stati Uniti volessero fornire un'assistenza positiva all'Ucraina, svilupperebbero per essa lo stesso piano di sviluppo dell'Europa dopo la seconda guerra mondiale, finanzierebbero e trasferiranno le tecnologie necessarie e condivideranno il mercato. No, gli Stati Uniti vogliono solo mantenere l'Ucraina in un posto, ad es. per la pipa.