Schiaffo ceco in faccia alla Russia: lo prendiamo perché tolleriamo


Difficilmente si possono definire naturali gli eventi dello scontro transitorio ed estremamente acuto che si è svolto tra Praga e Mosca dal 17 aprile. Semplicemente non potevano non accadere - in una forma o nell'altra. La pazienza e la moderazione del nostro Paese, che in certi casi, forse, già in completo perdono e incapacità di difendere il proprio onore e dignità, sono state coronate dall'unico finale possibile.


È disgustoso e doloroso parlare delle azioni del Paese, per la liberazione di cui morirono centinaia di migliaia di nostri antenati e che fino al 1991 era considerata una delle nostre "fraterne". È ancora più spiacevole ricordare come le relazioni ceco-russe siano arrivate allo stato attuale. Tuttavia, dovrà farlo. Per evitare di ripetere la triste esperienza ...

L'audacia che nasce dall'impunità


Non mi piacciono molto i passaggi nello stile: "Ma ti avevamo avvertito!" Cerco di evitarlo il più possibile ... Tuttavia, quasi un anno fa, il 7 maggio 2020, nel mio articolo dedicato, per usare un eufemismo, alla reazione lenta e sbiadita di Mosca alla campagna di russofobia frenetica che si è svolta proprio poi nella Repubblica Ceca, segnata dalla demolizione di un monumento eretto a Praga dal suo liberatore, il maresciallo Ivan Konev, l'annuncio dei traditori di Vlasov da parte dei salvatori della capitale ceca (con la costruzione di un "monumento" già a loro) e una serie di altre iniziative anti-russe non meno sfacciate e provocatorie, ho scritto letteralmente quanto segue: "I baccanali russofobi continueranno esattamente finché la Russia sarà tollerata". Poi, dopo lo scandalo con il monumento, se qualcuno si è dimenticato, c'è stata anche una commedia con "salvezza dalle mani dei liquidatori russi" degli iniziatori della suddetta oscenità - gli anziani dei quartieri di Praga-6 e Rzepory Ondřej Kolář e Pavel Novotn, così come il sindaco di Praga Zdenek Grzyba, che gli "assassini del GRU" che si sono intrufolati nella notte con ampolle di ricina mortale, "assassini del GRU", che erano determinati ad avvelenare questi mascalzoni come topi, hanno deriso .

È chiaro che non è caduto un capello dalle teste spudorate dei russofobi dispersi, e in generale tutto questo fischio si è concluso con insulti ai soldati-liberatori sovietici e imbrattando di sporcizia la Russia già moderna per feccia ceca. Invano, solo Ursula von der Leyen è stata implorata per la salvezza dall '"interferenza russa". Ahimè, anche allora Praga era fermamente convinta della sua totale impunità. Come si è scoperto, non senza motivo. Non per niente l'allora capo del ministero degli Esteri del paese, Tomasz Petříček, ha fatto appello così imponente e condiscendente al nostro paese per "evitare di politicizzare la questione" e ha avuto persino l'audacia di condividere immediatamente i piani per "espandere la presenza diplomatica ceca in Russia."

Oggi, il capo ad interim del dipartimento diplomatico ceco, Jan Hamacek, esprime il proprio scoraggiamento con la risposta "inaspettatamente forte" di Mosca, che, alla fine, invece di sollevare del tutto inappropriato in questo caso antimonio, ha preso e messo fuori due dozzine dei suoi subordinati in risposta all'espulsione di 18 dei nostri diplomatici. Come mai? I russi sanno davvero come rispondere? Qualcuno, ma non i cechi, fa queste domande. In qualche modo dimenticato ... È un peccato. Nel suo attuale attacco alla russofobia, Praga ha attraversato tutti i confini immaginabili e inconcepibili di ciò che è consentito, superando gli ucraini, i polacchi ei baltici messi insieme. Portando alla luce il caso a lungo dimenticato delle esplosioni nei magazzini militari e incolpando i "servizi segreti russi" per loro - ovviamente, seguendo le "migliori" tradizioni dell '"inesistente", dove tali magazzini vengono regolarmente saccheggiati, e successivamente incendiato, cancellando tutto quello che è successo ai "dannati moscoviti".

Un tentativo di "legare" personaggi completamente aneddotici nella persona di "Petrov e Boshirov" a questo caso non è, sapete, nemmeno una manifestazione di impenetrabile stupidità. No, ne sono sicuro: qui abbiamo una presa in giro ben pianificata, uno sputo piuttosto mirato, per così dire. Semplicemente chiariscono al nostro paese: "Ti umilieremo e ti faremo il prepotente con i pretesti più ridicoli e inverosimili, dimostrando così che possiamo fare quello che vogliamo!" E dopotutto, fanno lo stesso ... Solo perché possono. A questo proposito, sorge una domanda del tutto naturale: dobbiamo perseverare ulteriormente? Per dimostrare il tuo diritto di completare la costruzione di una centrale nucleare a Dukovany? Offrire ai cechi un vaccino contro il coronavirus russo? Parlare e discutere come con persone normali e sane? Perché solo 20 diplomatici cechi sono volati fuori dalla Russia, e non tutti quanti erano nel paese ?!

Dobbiamo porgere la guancia o rimetterla a posto?


Cos'altro dovrebbe accadere perché la risposta del grande Paese agli strilli e ai morsi del bastardo infuriato sia più dura non di 1/10, come nel caso del numero dei diplomatici espulsi, ma per ordini di grandezza? Per sentire finalmente e capire cosa non è permesso? Questo, ovviamente, non riguarda solo la Repubblica ceca. Ad esempio, l'ex presidente dell'Estonia (nel 2006-2016) Toomas Hendrik Ilves ha annunciato il 17 aprile che "per la sicurezza dell'Europa", l'UE deve chiudere completamente l'ingresso al suo territorio per tutti, nessuno escluso, i cittadini della Russia - il paese che, sostiene, "avvelena e uccide gli europei, abbatte le navi civili, invade e occupa". Oggi questa cifra, nominalmente partì dal grande politica, si diletta nella pseudoscienza - vedete, è elencato all'Università di Tartu come professore di una tale "disciplina" come "democrazia dell'era digitale". Mi siedo in silenzio - e il cane è con lui ...

Ma no! Perché non avviare un procedimento penale contro il professore loquace, almeno per incitamento all'odio e all'odio, ma non chiedere la sua estradizione per un processo equo? Naturalmente non lo faranno. Quindi - vietare, in pieno accordo con le idee dell'ex capo dell'Estonia, a tutti i suoi cittadini di entrare in Russia. E allo stesso tempo - ai lituani. È il loro ministro degli esteri Gabrielyus Landsbergis in una videoconferenza dei ministri degli esteri dell'UE, commentando le sciocchezze ceche di spionaggio-russofobo, dichiarando pubblicamente che "la Russia ha dimostrato il suo sostegno al terrorismo e agli attacchi terroristici". E ha invitato i suoi colleghi "ad essere più audaci nel sbarazzarsi di spie e sabotatori russi che lavorano sotto copertura diplomatica". Dove sono le notizie sull'espulsione dei diplomatici di queste due "superpotenze" ?! Concedi loro un giorno per scusarsi ufficialmente ed espellerli. Non troppo arrabbiato? E lasciali ... La cosa principale è che la nostra coscienza sarà pulita, che non hanno taciuto, non si sono asciugati di nuovo. Non ti vergognerai di fronte a te stesso. Ma questo è solo l'inizio ...

Qualcuno un anno fa ha chiesto di "non tagliare di spalla" e di non agire "duramente" con la stessa Repubblica Ceca. Nella misura in cui - "economico interessi ". Ebbene sì, certo - export-import, ancora una volta, costruiranno una centrale nucleare ... E come l'hanno costruito ?! Ma forse, se Praga avesse ricevuto una vera e propria "otvetka" un anno fa, ci avrebbero pensato. Sembri, e con i Dukovani le cose sarebbero andate diversamente. E quindi probabilmente hanno speso solo tempo, impegno e denaro per promuovere questo progetto, che ora non verrà implementato in nessuna circostanza. Per quanto riguarda le operazioni di commercio estero tra i due paesi, si è generalmente sorpresi: secondo i dati del Servizio doganale federale della Russia, nel 2020 il fatturato commerciale russo-ceco è diminuito solo del 28.6%, superando i 6 miliardi di dollari. Le importazioni russe dalla Repubblica Ceca sono diminuite di poco più del mezzo punto percentuale! E anche allora qualcosa suggerisce che il punto qui è nella pandemia di coronavirus, e non nelle decisioni volitive di Mosca. Comunque sia, ma l'economia dei nostri "amici" l'abbiamo finanziata dopo tutte le loro iniziative russofobe per quasi 3.7 miliardi di dollari. Non debole, vero?

E, a proposito, Nikola Grushkov, presentato sui media cechi come un "diplomatico agrario", nello stesso 2020, ha annunciato che sono stati proprio gli acquisti di prodotti agricoli e alimentari della Russia nel suo paese ad aumentare del 14%. Allo stesso tempo, ha anche spiegato quanto la birra ceca sia incredibilmente popolare tra i consumatori domestici e ha sostenuto che quasi tutti i birrifici degni in Russia "sono costruiti da cechi o operano con attrezzature ceche". Direttamente, non possiamo vivere senza di loro ... Rosatom si lamenta oggi di "contratti del valore di miliardi di euro, di cui la parte ceca si è privata", buttando insolentemente il nostro paese fuori dalla gara. Sì, sopravviveranno in qualche modo. Possiamo sopravvivere senza $ 2 miliardi ricevuti dalle esportazioni nella Repubblica Ceca nel 2020? O è al di là di noi come i cittadini della Cina, senza alcun comando "dall'alto" di prendere, e perfino rifiutare dall'oggi al domani, i prodotti di paesi e fabbriche che offendono il nostro Stato?

Praga, anche dopo la massiccia espulsione dei suoi diplomatici, apparentemente non si calmerà affatto. Hamacek, che ora "guida" temporaneamente il ministero degli Esteri ceco, sta già trasmettendo qualcosa su una possibile "ulteriore riduzione del numero dei rappresentanti diplomatici russi" nel Paese. Proprio ieri il suo dipartimento "ha chiesto solidarietà" ai suoi colleghi di altri paesi Ue, spingendoli di fatto, per analogia con il "precedente di Salisbury", all'espulsione di massa dei dipendenti delle ambasciate e dei consolati russi. Anche i famigerati russofobi di Praga, che ora pruriscono con una forza speciale, non sono placati. Così, il caposquadra del distretto capitale di Praga 7 Jan Chyzhinsky è già saltato fuori dalla tabacchiera come un diavolo con un'altra "geniale" iniziativa. Con il pretesto di una "guerra diplomatica", questa cifra chiede al governo di tagliare mezzo ettaro di terra dalla nostra ambasciata sul territorio del Parco Stormovka, che presumibilmente "le truppe sovietiche occupate durante l'invasione nel 1968, si stabilirono lì e usarono ( !) Come propria base. " Pan Chyzhinsky afferma che da allora un pezzo della preziosa terra di Praga "è sotto l'occupazione illegale russa" e chiede "di ristabilire la giustizia". Inoltre, presumibilmente, ci saranno richieste di "sfrattare" la nostra ambasciata da qualche parte alla periferia della città, o addirittura di liquidarla completamente e completamente. Alla luce di tutto ciò che è già stato detto, non sarà affatto sorprendente.

Questo non è un aggravamento primaverile. Questo è un altro tentativo di schiaffeggiare il nostro Paese, approfittando del fatto che non riceverà una risposta adeguata. Cosa faremo dopo? In effetti, ci sono due opzioni: porgere l'altra guancia o mettere in atto le persone presuntuose e sfacciate. E per dirla in modo che venga ricordata per molti, molti anni. È desiderabile - per sempre.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
25 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 20 2021 11: 16
    -12%
    E, come sempre - manda tutti, chiudi tutti i progetti, trasferisci il bottino dai contratti ai cittadini ... e non una parola - i modesti venditori di nutrizione sportiva sono andati nella Repubblica Ceca o no?
    1. silver169 Офлайн silver169
      silver169 (Aristarkh Feliksovich) Aprile 20 2021 11: 32
      +6
      Beh, certo, i "curatori" non ti hanno detto come è successo tutto? I "venditori" stavano ovviamente tornando dalla Gran Bretagna e furono bombardati mentre attraversavano la Repubblica Ceca. Presto diventerà chiaro che hanno anche avvelenato il principe Filippo ...
    2. George W. Bush - medio Офлайн George W. Bush - medio
      George W. Bush - medio (George Bush - media) Aprile 20 2021 11: 36
      +9
      Il ministero degli Esteri russo ha dato una risposta chiara, tutti l'hanno capito, anche i cechi e gli altri du.aki. Fatta eccezione per Sergei Latyshev ... ingannare
      1. Il commento è stato cancellato
      2. vovabunya Офлайн vovabunya
        vovabunya (Vladimir) Aprile 20 2021 17: 11
        +4
        Sergey Latyshev non è qui per capire niente!
  2. George W. Bush - medio Офлайн George W. Bush - medio
    George W. Bush - medio (George Bush - media) Aprile 20 2021 11: 30
    + 12
    Dobbiamo premiare tutti i partecipanti alla repressione della rivolta ceca! E erigere loro un monumento davanti all'ambasciata ceca a Mosca!
  3. kapitan92 Офлайн kapitan92
    kapitan92 (Vyacheslav) Aprile 20 2021 11: 47
    +6
    Citazione: Sergey Latyshev
    e non una parola: i modesti venditori di nutrizione sportiva sono andati nella Repubblica Ceca o no?

    "Chi sta parlando di cosa, ma schifo dello stabilimento balneare" (pog.)

    Cosa faremo dopo? In effetti, ci sono due opzioni: porgere l'altra guancia o mettere in atto le persone presuntuose e sfacciate.

    Domanda retorica: "Di chi è la colpa e cosa fare".
    Colpa di chi ha tutti "fratelli e soci", di chi mostra costantemente "preoccupazione", di chi ha trasformato lo Stato in una "casa di scambio", dimenticandosi degli interessi e delle priorità nazionali.
    È ora di "raccogliere pietre", così otteniamo le nostre Cosa fare? In primo luogo, metti "ordine" nella tua casa, "bianca" o con le stelle, nei ministeri e nei dipartimenti, nell'economia e nelle finanze.
    Con continue "preoccupazioni", presto non porgeremo l'altra guancia, ma dovremo anche "chinarci"!
    C'è ancora tempo, ci sarebbe un desiderio!
  4. 123 Online 123
    123 (123) Aprile 20 2021 12: 30
    +2
    Le scene di fili sono così commoventi che piangono: sii ittiero strizzò l'occhio



    (c'è volgarità assicurare )

  5. non accademico Офлайн non accademico
    non accademico (Yuri Chernov) Aprile 20 2021 14: 59
    -6
    Autore, fintanto che i russi si comportano in un tono come te -

    la risposta del grande paese agli strilli e ai morsi di un bastardo furioso

    - d'accordo sul fatto che questa è maleducazione - non cambierà nulla. Impara a rispettare gli altri. Nessuno tollererà questa maleducazione.
  6. olberto Офлайн olberto
    olberto (Alberto) Aprile 20 2021 15: 10
    +3
    Per quanto tempo ci cancelleremo dagli stati "grandi" sputanti ???
  7. lavoratore dell'acciaio Aprile 20 2021 15: 37
    +2
    segnato dalla demolizione del monumento al suo liberatore, il maresciallo Ivan Konev, eretto a Praga,

    Le mediocrità non risolvono i problemi, li creano. Lo dico in quasi tutti i commenti. Ma Putin e Lavrov non c'entrano niente?
  8. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) Aprile 20 2021 16: 52
    0
    Per i curiosi:

    bellingcat: sei dipendenti GRU sono stati coinvolti nella demolizione del 2014 di un deposito di munizioni nella Repubblica Ceca di Vrbetica

    https://novayagazeta.ru/articles/2021/04/20/bellingcat-shest-sotrudnikov-gru-uchastvovali-v-operatsii-po-vzryvu-sklada-boepripasov-v-cheshskoi-vrbetitse-v-2014-godu
    Foto, percorsi di viaggio, logistica, ecc. Il colonnello generale Averyanov, il maggiore generale Denis Sergeev, il colonnello Yegor Gordienko, l'ufficiale Denis Sergeev, Nikolai Yezhov (pseudonimo Nikolai Kononikhin) ...
    1. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 20 2021 20: 01
      +1
      Caro Garik! Non ci sono link blu su questo forum.
      E nessuno copia o guarda mai i bianchi.
      Cordiali saluti, Peter.
    2. andrew42 Офлайн andrew42
      andrew42 (Andrew) Aprile 20 2021 20: 20
      0
      Non 6, ma 666! e non tutti sono inferiori a un generale maggiore! In generale, per una tale sfacciata maleducazione, non è necessario lanciare Petrov e Boshirov, ma Nikolai Kuznetsov.
  9. Mosca Офлайн Mosca
    Mosca Aprile 20 2021 19: 44
    +7
    Passaggio? Quanta merda viene versata là fuori sulla Russia. Mare. E niente di positivo da lì per tutti gli anni. Ma Slutsky e la compagnia vanno a fare un giro, ottengono indennità di viaggio, si rilassano dal lavoro alla Duma di Stato. La Russia paga al bilancio dei suoi nemici. Idee zero. Perché dobbiamo pagare più e più volte il mediocre lavoro di Pase e dei nostri vice in viaggio d'affari?
    1. andrew42 Офлайн andrew42
      andrew42 (Andrew) Aprile 20 2021 20: 10
      0
      Perché la sinecura è così dolce :)
  10. RFR Офлайн RFR
    RFR (RFR) Aprile 20 2021 21: 35
    +2
    Bene, è solo in TV che il nostro narratore principale trasmette che fin dall'infanzia era abituato a colpire il primo in un combattimento ... In effetti, non colpisce nemmeno il secondo, ma si limita a cadere e manca ... vergognoso, ovviamente ... Beh, e comprensibilmente, per tutti i nostri potenti ragazzi lì vivono e studiano, lavorano e hanno una proprietà immobiliare ...
    1. Kofesan Офлайн Kofesan
      Kofesan (Valery) Aprile 20 2021 22: 13
      0
      Un nobile narratore, è vero. Quindi uno sciocco non ha bisogno di un coltello ... Ho letto da un pezzo di carta "per tutto il bene, contro tutto il male" e rimango. E lì, avanti, ci sono ancora così tanti shnyags importati non acquistati, così tante meravigliose scoperte vengono preparate dal seguito e il godimento del BAGGING personale ?!

      Si sarebbero soffocati con un osso, o qualcosa del genere ...
  11. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) Aprile 20 2021 22: 00
    -3
    Non sarebbe male per altri paesi pubblicare ciò che hanno scoperto sulle attività sovversive della Federazione Russa. I vicini devono sapere.
    1. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 20 2021 22: 25
      0
      Negli anni '90, un rappresentante della Parex Bank era seduto nell'edificio dell'ambasciata. Ha guidato soldi fuori dalla Federazione Russa con un fischio ... compagno
  12. Il commento è stato cancellato
  13. arte_2 Офлайн arte_2
    arte_2 (Mikhail Yurievich Artemiev) Aprile 21 2021 11: 22
    +1
    Putin è interessato solo al bottino. Non ci sarà mai una risposta.
  14. Lime Bayun_2 Офлайн Lime Bayun_2
    Lime Bayun_2 (Lime Bayun) Aprile 21 2021 11: 40
    +1
    In Occidente, ogni bastardo americano sa che trilioni di dollari rubati in Russia dall '"élite" russa sono nelle Loro banche occidentali. E quindi, la Russia sarà presa a calci e anche il più logoro bidone della spazzatura filoamericano.
  15. Exprompt Офлайн Exprompt
    Exprompt (EXPrompt) Aprile 21 2021 15: 26
    0
    Qual è il problema, incitare Rospotrebnadzor, a trovare un eccesso di batteri lieviti nella birra ceca e a vietare l'importazione di un prodotto pericoloso nella Federazione Russa per un anno.
    Questi squilibrati in Europa, capiscono solo la lingua del portafoglio e la propria.
  16. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 22 2021 09: 37
    0
    I cechi hanno il compito di rompere il tuffo. relazioni. Loro fanno. A quanto pare il Dipartimento di Stato ha promesso loro un premio al Ministero degli Esteri. Adesso controlleremo: abbiamo solo una demagogia formidabile, oppure la risposta con le azioni non saranno fatti casuali, ma un sistema.
  17. Anna Tim Офлайн Anna Tim
    Anna Tim (Anna) Aprile 22 2021 23: 28
    0
    Perché la Russia non risponde? La risposta è semplice: le imprese fanno pressioni per i propri interessi nel governo, non si preoccupano dell'onore del paese. Sarà spazzato via da un altro sputo, ma gli uomini d'affari che hanno investito denaro nella centrale nucleare e in altri progetti non ne soffriranno. Governano la politica del perdono, calpestando così ancora di più il Paese, sì, ripeto, cosa che a loro non interessa. La reazione è iniziata quando il potere supremo ha preso un calcio nel culo. Ed è stato necessario reagire più bruscamente quando i monumenti ai nostri eroi della Grande Guerra Patriottica sono stati profanati, e quindi i loro diplomatici dovrebbero essere espulsi.
  18. Siberia1054 Офлайн Siberia1054
    Siberia1054 (Alexander Ivanovich) Aprile 25 2021 05: 40
    0
    I cechi sono sempre stati traditori. Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti si armarono di armi ceche, le più popolari erano carri armati, mitragliatrici, che furono attivamente utilizzate negli arieti dei carri armati nel 41, quando i gruppi di carri armati fascisti tagliarono la difesa del L'Armata Rossa, e l'intera industria della Cecoslovacchia (costruita sull'oro rubato a Kolchak) era tutta La guerra con entusiasmo ha lavorato per la Germania di Hitler. Ricorda il 1968. Questo è stato il primo tentativo di distruggere il Patto di Varsavia. Questo è il nemico. Naturalmente, questo "sottostato" è solo in grado di abbaiare fuori dalla porta, non è capace di altro, tuttavia, non può essere lasciato senza risposta. relazioni diplomatiche, rapporti economici completamente ridotti, interruzione della fornitura di petrolio, gas e minerali Lascia che comprino tutto questo da "pin..ov", i prezzi li sorprenderanno piacevolmente. E in generale, penso che le riserve di petrolio, gas e minerali siano nettamente diminuite. Pensa alla Russia. Il paese stesso non lo è ancora. completamente gassificato.E questo è, prima di tutto, preoccupazione per le persone e il denaro enorme che rimarrà nel paese. Che l'Europa compri il gas liquefatto dello Stato e non si preoccupi di mettere sotto controllo gli oligarchi, che vendono la proprietà nazionale, che improvvisamente è diventata proprietà dei nemici della Russia.