La Repubblica Ceca ha ammesso l'innocenza della Russia nelle esplosioni al deposito di armi


Il 25 aprile 2021, il presidente ceco Milos Zeman, in un discorso di emergenza alla nazione, ha affermato che non vi era alcuna conferma nei rapporti del Servizio di sicurezza e informazione (BIS) che "agenti russi" fossero al deposito di munizioni nel villaggio di Vrbetice nel 2014. Il discorso del capo di stato è stato trasmesso da diversi canali televisivi cechi.


Zeman ha osservato che dopo le esplosioni a Vrbetica, il controspionaggio non ha nemmeno una volta in sei anni, in nessuno dei suoi rapporti, compresi quelli chiusi, accennato al possibile coinvolgimento della Russia nell'incidente.

Sottolineo che non ci sono prove e prove che questi due agenti fossero a Vrbetica. Quando sono stati esaminati i locali del secondo magazzino, immediatamente prima dell'esplosione, non è stato trovato alcun ordigno esplosivo.

Ha specificato.

Zeman ha notato che si stanno prendendo in considerazione due versioni. Una ad una, le esplosioni sono state causate da un incauto trattamento delle munizioni. D'altra parte, gli agenti dei servizi speciali stranieri sono responsabili della tragedia. Ha esortato ad attendere con calma i risultati delle indagini.

Io, in qualità di comandante in capo delle forze armate ceche, a cui appartiene anche la polizia, desidero che il massimo delle forze fosse indirizzato a questa indagine, e quando è stata completata, i cittadini cechi sono stati pienamente informati e nulla è classificato

Ha sottolineato.

Zeman non ha escluso che quanto sta accadendo intorno all'incidente nei magazzini di Vrbetica sia un gioco dei servizi speciali, che potrebbe avere conseguenze spiacevoli per la Repubblica Ceca. Ha aggiunto che è stato stabilito un collegamento tra un uomo d'affari bulgaro, Emilian Gebrev, con le esplosioni che hanno causato due vittime. Ha riassunto che ci sono un gran numero di macchie bianche in questa materia, che vengono eliminate da specialisti di cui il capo dello stato si fida pienamente.

Così, Praga ha ammesso l'innocenza di Mosca nelle esplosioni nei depositi di armi. Prima di allora, il quotidiano americano The New York Times ha stabilitoche la compagnia di munizioni, di proprietà di Gebrev, impegnata nell'esportazione di beni militari in Ucraina, immagazzinava munizioni nei magazzini.

Vi ricordiamo che il 17 aprile le autorità ceche hanno organizzato demarche, incolpando pubblicamente la Russia per l'incidente di 7 anni fa. Successivamente, le tensioni sono aumentate nelle già difficili relazioni russo-ceche.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 25 2021 21: 03
    -3
    Praga ha ammesso l'innocenza di Mosca nelle esplosioni nei depositi di armi

    Oh grazie signore! E poi nel SNT cani e gatti hanno mangiato, i ricci non si sono ancora svegliati, cos'è, come si vive ... !!! compagno
  2. Caro esperto di divani. Aprile 25 2021 21: 32
    +1
    I cechi fanno schifo in pieno.
    Anche nel "caso dei casi", perché espellere i diplomatici russi, che personalmente non avrebbero potuto essere coinvolti nei presunti eventi di 7 anni fa?
    L'asino sa che la durata del servizio di un diplomatico è stimata in 3-4 anni.
  3. RFR Офлайн RFR
    RFR (RFR) Aprile 25 2021 21: 41
    -1
    Bene, questo è tutto ... La fine è vecchia per te ... Petrov e Bashirov ti avveleneranno con "Novichok" ...
  4. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) Aprile 26 2021 03: 38
    0
    Questo si chiama - perché la parte posteriore non si accende bene !!!
  5. GRF Офлайн GRF
    GRF Aprile 26 2021 04: 54
    0
    Hanno detto qualcosa sulla parità lì ...
    Forse vogliono anche essere calunniati, presi a calci e poi gli hanno detto accidentalmente che - probabilmente non hai niente a che fare con questo, ma lo stiamo ancora cercando di capire, quindi aspetta ...

    Com'è con Verka Serduchka - "e non posso rifiutare, quando me lo chiedono - l'ho fatto".