Come giocherà la Russia sul deterioramento delle relazioni USA-Turchia


Il giorno prima, il presidente Joe Biden ha compiuto un passo importante verso il suo alleato strategico della NATO, la Turchia. A livello della Casa Bianca, gli Stati Uniti hanno finalmente riconosciuto il fatto del genocidio del popolo armeno da parte dell'Impero Ottomano all'inizio del secolo scorso. La mossa è forte e, per usare un eufemismo, ostile. Come cambieranno ora i rapporti tra Washington e Ankara e il Cremlino sarà ora in grado di conquistare dalla sua parte il "sultano" Erdogan caduto in disgrazia?


La verità storica, scomoda per la Turchia, è che dal 1915 quasi la metà dei 2,5 milioni di armeni è stata distrutta sul suo territorio. Deportazioni, campi di concentramento, pogrom e solo massacri: tutto questo è accaduto. Anche gli ortodossi greci-pontiani e cristiani-assiri hanno subito la repressione turca. A proposito, parlando di responsabilità storica, vale la pena ricordare che tutto questo è accaduto di fronte a britannici e francesi, e per qualche motivo gli europei illuminati non hanno cercato di impedire o fermare il massacro. Il fatto del genocidio è ufficialmente riconosciuto da tre dozzine di paesi, compresa la Russia, nonché da quasi tutti gli stati americani, ma non a livello federale. La posizione della Turchia è che non c'è stato un genocidio e la portata della repressione è enormemente esagerata. Per Ankara, questo è un argomento estremamente doloroso, poiché in futuro potrebbe affrontare la questione del risarcimento ai milioni di discendenti delle vittime, nonché la restituzione dei beni. Allora perché il presidente più "democratico" Joe Biden ha aggravato i rapporti con il suo più importante alleato nell'Alleanza del Nord Atlantico?

Apparentemente, Washington voleva prendere diversi piccioni con una fava.

In primo luogo, I "globalisti" nella persona del Partito Democratico stanno iniziando a rivedere attivamente l '"eredità di Trump". Durante il governo di 4 anni del presidente repubblicano, gli Stati Uniti hanno effettuato un pronunciato politica di isolazionismo, concentrandosi sulla risoluzione dei problemi interni. Per qualche ragione, molti la consideravano la debolezza dell'America e cercavano di sfruttare la finestra di opportunità che si apriva. Il presidente Erdogan ha avuto più successo in questo. Sotto di lui, la Turchia ha effettivamente sequestrato parte dei suoi territori settentrionali dalla Siria ed è arrivata in Libia, dove il governo di accordo nazionale Faiz Saraj ha fatto grandi concessioni sulla questione della revisione dei confini della piattaforma continentale in cambio del sostegno militare a Tripoli. Le navi da guerra turche "inseguono" le navi greche nel Mediterraneo orientale e sono apertamente insolenti con gli alleati francesi nel blocco NATO. Ankara ha anche aiutato Baku a risolvere la questione del Nagorno-Karabakh con la forza militare, ricevendo in cambio un corridoio di terra al Mar Caspio e l'accesso all'Asia centrale.

Con tutto ciò, azeri e turchi hanno fatto a meno del consiglio e dell'aiuto degli americani, che, a quanto pare, è stata l'ultima goccia. Il fatto è che il "sultano" Erdogan sta promuovendo il proprio progetto di integrazione del Grande Turan con l'esercito unito dei paesi di lingua turca. Nel complesso, questo potrebbe diventare una sorta di "superpotenza logistica" che si trova sul corridoio centrale della "Nuova Via della Seta", lungo il quale i flussi di merci in transito andranno dalla Cina all'Europa. Sulla base di questa unione economica dei paesi dell'Asia centrale, guidati dalla Turchia, in futuro, potrebbe formarsi una sorta di parvenza regionale della NATO. Inutile dire che tali progetti infrastrutturali indipendenti per la cooperazione con la Cina, promossi aggirando gli Stati Uniti, sono completamente inutili per Washington? Riconoscendo il fatto del genocidio armeno, la Casa Bianca ha lanciato un avvertimento alla Turchia, che sta giocando per l'indipendenza, e ai suoi potenziali partner.

In secondo luogo, questo passaggio può essere pienamente considerato come un "segno nero" per il presidente Erdogan personalmente. Troppo "sultano" è diventato indipendente, cercando di creare un nuovo militare macroregionaleeconomico unificazione all'insaputa di Washington. Ricordiamo che il principale oppositore politico del presidente turco, il predicatore Gulen, considerato l'organizzatore e l'ispiratore del fallito tentativo di colpo di stato di alcuni anni fa, si nasconde negli Stati Uniti. Avendo riconosciuto ufficialmente il fatto del genocidio armeno durante il regno di Recep Erdogan, la Casa Bianca chiarisce alle élite turche che esiste un certo rapporto di causa ed effetto. E questo potrebbe essere solo l'inizio.

In terzo luogo, con lo stesso colpo singolo, Washington ha colpito anche la Russia, o meglio, i suoi interessi nel Transcaucaso. Al momento, le relazioni tra Yerevan e Mosca non sono nelle migliori condizioni dopo la sconfitta militare dell'Armenia nel Nagorno-Karabakh. Il Cremlino, con un plausibile pretesto, ha eluso l'assistenza diretta al suo alleato nella CSTO, che ha portato all'inevitabile sconfitta della repubblica non riconosciuta contro l'alleanza di Azerbaigian e Turchia. Le conseguenze a lungo termine di questo evento devono ancora essere comprese, ma gli Stati Uniti hanno agito in anticipo, schierandosi effettivamente dalla parte dell'Armenia perdente. Il primo ministro caduto in disgrazia Nikol Pashinyan, che ha una spiccata posizione filo-occidentale, potrà ora utilizzare il riconoscimento del genocidio armeno a suo vantaggio nella lotta politica per il potere in corso.

Ora bisogna chiedersi se la Russia sarà in grado di beneficiare del deterioramento delle relazioni USA-Turchia. Ad esempio, aspettare il ritiro dell'aeronautica americana dalla base aerea di Incirlik, o addirittura che la Turchia lasci la NATO? Il ministero degli Esteri turco ha commentato la decisione di Joe Biden come segue:

Questa dichiarazione degli Stati Uniti, che distorce i fatti storici, non sarà mai accettata dal popolo turco e aprirà una ferita profonda che danneggerà la nostra reciproca fiducia e amicizia.

La risposta è piuttosto negativa. Ankara è troppo dipendente dagli Stati Uniti e dall'Occidente collettivo, in generale, in termini di cooperazione economica, tecnologica e militare. I turchi non possono nemmeno creare da soli il loro "carro armato nazionale", ei loro decantati "Bayraktars" sono assemblati da componenti importati. L'élite turca è prevalentemente laica e addestrata in Occidente, con la quale è strettamente associata. La rottura delle relazioni con gli Stati Uniti e i suoi alleati e l'espulsione dell'esercito americano avrà conseguenze estremamente gravi per Ankara.

Quali sono infatti le alternative? Integrazione della Turchia con l'Unione economica eurasiatica o con la Cina? Questo suona bene solo a parole, ma in realtà si tradurrà in severe sanzioni settoriali e nella restrizione dell'accesso delle società turche ai mercati occidentali. Lyra ha già ceduto e le misure restrittive porteranno al fatto che finalmente "sfonderà il fondo" con tutte le conseguenze che ne conseguiranno sotto forma di tensione socio-economica nella società. Ma questi non sono tutti i problemi che si profileranno all'orizzonte. Ad esempio, gli Stati Uniti possono aumentare il sostegno ai curdi non solo ai confini, ma anche nella stessa Turchia, che metterà in discussione la sua integrità territoriale.

In generale, non è il cappello di Senka competere con il presidente Erdogan con Washington. "Sultan" è audace, ma piccolo.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 26 2021 13: 58
    0
    Il primo ministro caduto in disgrazia Nikol Pashinyan, che ha una pronunciata posizione filo-occidentale,

    Quindi sembra che Nikol si sia dimesso, andrà alle elezioni.

    ma in realtà si tradurrà in severe sanzioni settoriali e restrizioni all'accesso delle società turche ai mercati occidentali. Lyra ha già ceduto

    E vivere in una raskoryachka, come l'Ucraina ha cercato di fare prima, non funzionerà. Con un grande nix, devi scegliere: mercati occidentali o mercati della CSI e della Cina ...
  2. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 26 2021 14: 29
    -1
    L'autore rispettato non ama la Turchia, oh non gli piace ... richiesta
  3. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) Aprile 26 2021 14: 34
    -2
    Gli Stati Uniti decidono di escludere il secondo più grande esercito dalla NATO? dubbioso. per il Karabakh, gli americani hanno minacciato i turchi di sanzioni, e dove sono? Biden ha gettato un osso alla diaspora armena che ha votato per i Democratici. Gli stessi armeni non si preoccupano dell'Armenia, nessuno si è offerto volontario. Non ci saranno conseguenze reali. Erdogan è stato punto, gli armeni saltano di felicità. Biden ha definito Putin un assassino. Gli ucraini hanno già eiaculato dalla felicità, e allora? Niente...
  4. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) Aprile 26 2021 15: 22
    -2
    Russia e Turchia nel 2017 hanno firmato un contratto per la fornitura di complessi S-400 da Mosca ad Ankara. La Turchia è stato il primo paese della NATO ad acquisire questi sistemi dalla Federazione Russa. La decisione di Ankara ha provocato una reazione nettamente negativa da Washington e dall'alleanza nel suo insieme. Gli Stati Uniti non smettono di cercare di convincere la Turchia ad abbandonare i sistemi di difesa aerea russi. Erdogan ha detto che Ankara non intende abbandonare l'S-400, nonostante le pressioni di Washington. Ha anche respinto le minacce di sanzioni e ha suggerito che gli Stati Uniti tentassero di imporle nella realtà.

    Gli Stati Uniti hanno reagito escludendo la Turchia dal loro programma di produzione di aerei F-35. "La nostra posizione non è cambiata. Gli S-400 sono incompatibili con gli F-35 e la partecipazione della Turchia al programma (di produzione) è stata interrotta. Continuiamo ad andare avanti con il processo di esclusione formale della Turchia dalla partnership F-35, come annunciato nel luglio 2019. "- ha detto un portavoce del Pentagono.

    In precedenza, la Turchia si era impegnata ad acquistare 100 aerei F-35. È stata anche coinvolta nella produzione di oltre 1000 componenti per loro. Come ha detto in precedenza a RIA Novosti il ​​ministro dell'Industria e della Tecnologia della Repubblica Mustafa Varank, la Turchia continua a produrre questi componenti, nonostante gli Stati Uniti l'hanno esclusa da questo progetto.

    Ecco perché Biden ha negoziato con Erdogan il giorno prima dell'annuncio del "genocidio". Ecco perché ho pronunciato questa parola - e per quanto celebrata in Armenia, l'euforia delle parole di Biden passerà in un paio di giorni, e quando passerà, arriverà un'epifania: la realtà è che l'Armenia non è interessante come indipendente attore della politica internazionale letteralmente in uno qualsiasi dei centri di potere del mondo ...

    Armenia e armeni sono stati usati banalmente - come hanno fatto molte volte: come ha fatto il presidente francese Macron per fare pressione sulla Turchia, come fanno le autorità greche - questo elenco può essere continuato a lungo. L'Armenia non è un'unità indipendente, è solo un paese pedina nelle partite di scacchi di altre persone. E Joe Biden è ben lungi dall'essere il primo che ha usato gli armeni per i propri scopi.

    E ovviamente non l'ultimo.
  5. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 26 2021 15: 37
    -2
    dal 1915, quasi la metà dei 2,5 milioni di armeni è stata distrutta sul suo territorio. Deportazioni, campi di concentramento, pogrom e solo massacri: tutto questo è accaduto.

    A proposito, parlando di responsabilità storica, vale la pena ricordare che tutto questo è accaduto di fronte a inglesi e francesi, e per qualche motivo gli europei illuminati non hanno cercato di impedire o fermare il massacro.

    Solo un suggerimento. Non ripetere miti e impara la storia.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) Aprile 26 2021 15: 50
      -2
      Si noti che il precedente presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che non c'è stato alcun genocidio contro gli armeni nella storia della Turchia e che gli eventi del 1915 necessitano di indagini.

      La Turchia ha invitato l'Armenia ad aprire gli archivi del 1915 e a creare una commissione congiunta per indagare sugli eventi. Tuttavia, l'Armenia non ha ancora risposto alla proposta della Turchia.
      "Il termine stesso 'genocidio' non è legittimamente usato in relazione agli eventi di quegli anni, dal momento che il termine 'genocidio' è stato coniato per la prima volta nel 1943 da un avvocato polacco di origine ebraica Rafael Lemkin, e ha ricevuto uno status giuridico internazionale dopo la guerra mondiale II nel dicembre 1948. Intitolato
      "Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio" come concetto che definisce il crimine più grave contro l'umanità.

      Pertanto, da un punto di vista giuridico e logico, l'uso di questo termine è considerato illegale in relazione agli eventi anteriori al 1948. "
  6. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 30 2021 13: 01
    0
    Citazione: Bakht
    Solo un suggerimento. Non ripetere miti e impara la storia.

    Posso fare a meno del tuo consiglio e della versione azero-turca della storia hi
  7. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 30 2021 13: 04
    +2
    Citazione: Petr Vladimirovich
    L'autore rispettato non ama la Turchia, oh non gli piace ... richiesta

    Perché? Belle spiagge e mare, frutti deliziosi.
    Ma perché dovrei amare la politica estera turca contro il mio paese?