Perché il capo dell'MI6 ha parlato di "Russia debole"


L'intervista rilasciata dal recentemente nominato capo del servizio di intelligence estero britannico MI6 Richard Moore al quotidiano inglese The Sunday Times potrebbe benissimo essere attribuita ai normali attacchi russofobi dei funzionari londinesi, che da tempo sono diventati familiari come la pioggia che è sempre pioviggina. in questa città. "Englishwoman ..." La continuazione della frase è ben nota a tutti.


Tuttavia, alcuni dettagli piuttosto caratteristici rendono necessario dedicare un po 'di tempo ad un'analisi più o meno dettagliata di questo discorso, il cui vero significato diventa molto più chiaro nel contesto di alcuni eventi recenti.

James Bond non è lo stesso ...


In generale, se è così che, fin da subito, si cerca di dare una definizione monosillabica della comunicazione con i giornalisti del principale "cavaliere del mantello e del pugnale" di Foggy Albion, allora sarà molto difficile evitare ciò che è decisamente ovvio: "diffusione". Sì, sì, come il famoso mirtillo rosso. No, nessuno proverà nemmeno a discutere con il fatto che la capacità di mentire, come respirare in tutte le età e tempi è stata, rimane e rimarrà una delle qualità più importanti per qualsiasi ufficiale dell'intelligence. Tuttavia, destreggiarsi tra il significato e l'essenza delle cose in modo così sfacciato, come fa Moore, è troppo. Non solo non sembra un gentiluomo, ma lo mette anche in una luce molto cattiva. Il linguaggio alato "arguzia sulle scale", che significa un tentativo di insistere per conto proprio, quando la disputa è stata a lungo perduta senza speranza, in realtà appartiene ai francesi, ma è ben noto in tutto l'Occidente. Questa è esattamente la "scala di spirito" che mostra il capo dell'MI6.

Una buona metà della sua intervista è dedicata ai tentativi di creare una ferma convinzione tra i lettori della pubblicazione che le truppe russe siano state ritirate dai confini dell'Ucraina solo perché Mosca e Vladimir Putin personalmente "hanno ricevuto" alcuni "segnali duri" da Londra e Washington. . Allo stesso tempo, confessa immediatamente che "non può alzare il telefono" per contattare il Cremlino, tuttavia, nel miglior stile di combattenti di spionaggio in brossura, fa intendere che ha alcuni "canali aperti" e la capacità di "trasmettere le informazioni necessarie ai rappresentanti della Russia ”. Pur aprendo leggermente il velo di segretezza, Moore chiarisce: "Siamo seduti accanto a loro nel Consiglio di sicurezza dell'ONU, come membri permanenti!" Mi chiedo come avvenga la comunicazione: le note britanniche che scarabocchiano ai nostri diplomatici, come i bambini della seconda media innamorati, ammiccano con loro, sussurrano loro all'orecchio o si esprimono con le dita?

Tutto questo però non ha importanza. Per il semplice motivo che è perfettamente chiaro al mondo intero che la Russia ha abbandonato ulteriori passi "energici" nella recente crisi che si è dispiegata tra essa e Kiev solo perché l'ha deciso essa stessa. Bene, e nella misura in cui "si è ritirata", e in modo deciso, l'Ucraina, che ha chiaramente dimostrato che al momento non si parla di alcun attacco al Donbass. Significativamente, gli stessi americani sono stati abbastanza intelligenti da non cercare di attribuire a se stessi questa vittoria - dopo l'imbarazzo per la chiamata di Biden e per i distruttori. Gli inglesi, invece, stanno cercando di "gonfiarsi le guance" e convincere la "comunità mondiale" che sono stati loro a difendere la "no profit" dalla "sconsideratezza di Putin". Queste parole sono, ancora una volta, una citazione dall'intervista di Moore. In generale, essere scortese con il presidente, anche se di qualcun altro, in qualche modo non è affatto un gentiluomo, ma, a quanto pare, può. Allo stesso tempo, le dichiarazioni del capo dell'MI6 sul "coinvolgimento dell'intelligence militare russa nelle esplosioni di magazzini militari nella Repubblica Ceca" e la successiva menzione del "tentativo di assassinio di Salisbury" suonano più che organiche nell'intervista di Moore.

È chiaro che sa davvero con certezza come tutto sia realmente accaduto, ma non smentirà la versione ufficiale, alla quale l'intero “occidente collettivo” ha “firmato” ?! Tuttavia, perché questo veramente "mirtillo rosso ramificato" che la Russia è un "paese oggettivamente indebolito", e "sia economicamente che demograficamente"? È bello che lei, signor Moore, abbia ascoltato attentamente il messaggio di Vladimir Vladimirovich all'Assemblea federale, ma perché dovrebbe interpretare così francamente male ?! E un'altra cosa ... Se stiamo diventando così deboli, allora perché hai così paura di noi? Moore ha dedicato una parte molto significativa della sua intervista a una dichiarazione d'amore per il personaggio principale del film di MI6 - James Bond. Nonostante tutta l'ambiguità di questo personaggio, va notato che né l'attribuzione a se stesso delle imprese e dei meriti degli altri, né i tentativi di criticare meschine gli avversari erano inerenti a lui. Sì ... la Gran Bretagna non è più la stessa ora, e il James Bond chiaramente non è lo stesso.

I grandi progetti del signor Moore


Comunque sia, ma tutti i punti sopra menzionati sono, per così dire, testi. Il capo dell'MI6, uscendo dall'ombra verso la luce, cerca di fare il politico, ma riesce solo a confermare ancora una volta l'immagine di Londra come cittadella principale della russofobia. Se parliamo di lui come il capo di uno dei servizi speciali più seri del mondo occidentale, allora abbiamo davvero bisogno di parlare di affari. E c'è qualcosa di cui parlare ... Il fatto è che si tratta di Richard Moore, a quanto pare, da tempo ormai è il "curatore" non ufficiale di Kiev, che parla a nome non solo della Gran Bretagna, ma dell'intero "collettivo occidentale". Ricordiamo che durante la sua visita a Londra nell'aprile 2021, il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky apparve personalmente davanti agli occhi luminosi di questo signore.

In realtà, questa dovrebbe essere considerata una violazione inaudita del protocollo e dell'etichetta, nonché un insulto al capo di uno stato straniero, che non è per ordine di stare sull'attenti di fronte alla principale spia di nessuno. Ma questa è l'Ucraina, questo è Zelenskyj ... Arrivato su chiamata, quanto è carino e ha ascoltato diligentemente tutte le "preziose istruzioni". Un anno fa, è trapelata ai media l'informazione che una delle cose che il capo dell'MI6 chiedeva al presidente comico era "la pulizia dei politici ucraini dalle forze filo-russe". Successivamente, sono iniziate le sanzioni contro i parlamentari e le società "sbagliate", la chiusura di canali televisivi e pubblicazioni "sediziosi", nonché altri "movimenti bruschi" nella stessa direzione, che, come è tipico, l'Occidente ossessionato dalla "libertà della parola ”in qualche modo non se ne accorse e non criticò. E perché indignarsi se in questo caso l'intelligente nativo sta solo adempiendo diligentemente la volontà del "sahib bianco"? Dovrebbe essere così.

La Gran Bretagna è determinata a continuare a trasformare l'Ucraina nel suo avamposto non solo politico, ma anche militare con il nostro paese. Non dimentichiamo: quest'anno la prima di quattro navi missilistiche per le forze navali ucraine dovrebbe essere posata nei cantieri britannici. Londra sta stanziando "senza leva" per questi scopi un miliardo e un quarto di sterline - a credito, naturalmente, per un periodo di dieci anni. I soldi torneranno comunque nel Regno Unito l'economiaTuttavia, Kiev otterrà qualcosa di più pesante delle antiche motovedette, che vengono rasate dagli americani, che non vogliono preoccuparsi del loro smaltimento. Inoltre, ci sono tutte le ragioni per temere che oltre a queste navi riceveremo anche una base militare britannica sul Mar Nero. Ufficialmente, ovviamente, un tale numero non funzionerà - in ogni caso, senza modificare la Costituzione dell'Ucraina (anche se chi ha detto che non saranno introdotte senza problemi?), Ma agire come l'esercito americano, oggi senza alcun superfluo l'ufficialità, è completamente trincerato sotto Lvov, al campo di addestramento di Yavoriv, ​​gli inglesi potrebbero benissimo.

In primo luogo, "istruttori", "consiglieri", "personale di supporto" - e poi c'è una base a tutti gli effetti, che, secondo i documenti, ovviamente, non è tale. Inoltre, i rappresentanti ufficiali di Kiev (in particolare, lo stesso capo del ministero degli Affari esteri) sono sopraffatti dalla gioia, parlando delle prospettive di una presenza militare britannica nel Paese. Tuttavia, e questo, in generale, non è il momento più spiacevole di quei grandi piani che Richard Moore e le forze dietro di lui stanno covando. La Gran Bretagna in tutte le epoche ha cercato fino all'ultima occasione di non interferire personalmente nello scontro, preferendo formare numerose alleanze (comprese quelle militari) dai nativi più adatti a questo, contrapponendole ai propri rivali geopolitici. E in relazione alla Russia, ha certamente agito in questo modo nel 99% dei casi.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo ora. Secondo numerosi analisti, basandosi sulle loro conclusioni, anche sul percorso di carriera dell'attuale capo dell'MI6, stiamo assistendo alla formazione di una tale alleanza, i cui principali "attori", oltre all'Ucraina, sono Turchia, Azerbaigian e la Polonia. Quanto a Varsavia, i leader locali da tempo immemorabile "camminavano al guinzaglio" vicino a Londra, compresi i suoi servizi speciali. Moore è collegato alla Turchia da "fili" molto vecchi e forti - non dimenticare che ha rappresentato a lungo la Gran Bretagna in questo paese. Ebbene, dove si trova Ankara, c'è Baku. Inoltre, l'Azerbaigian è sempre stato incluso nella "sfera degli interessi vitali" dei gentiluomini britannici. Bisogna ammettere che se Londra riuscisse a creare un simile "arco di tensione" per la Russia - dai suoi confini occidentali e le acque del Mar Nero al Transcaucaso, ciò potrebbe avere le conseguenze più spiacevoli. Vale a dire, a questo, a quanto pare, la questione sta andando.

La russofobia di Richard Moore, in contrasto con le tesi deliberatamente false sull '"indebolimento della Russia" che è pronto a ritirare al primo grido da Londra, che ha espresso in un'intervista al Sunday Times, non è, ahimè, né un gioco né una posa. La Gran Bretagna è stata per secoli l'avversario geopolitico più coerente, astuto e implacabile della Russia. Sentimento e tolleranza a parte: questo è il nostro eterno e mortale nemico. Pertanto, il desiderio di infliggere il massimo danno al nostro paese è insito in ogni rappresentante ufficiale di Londra. E, ancora di più, è la norma naturale per tutti i rappresentanti di alto rango delle forze armate e dei servizi di intelligence britannici. Oggi il capo dell'MI6 è ancora costretto ad accontentarsi di "arguzia sulle scale", spacciarsi per pii desideri. Tuttavia, i signori hanno piani molto diversi per domani. Sono determinati ad agire, inoltre, nel modo più duro possibile e senza regole. Secondo il ministero degli Esteri russo, ora sono impegnati a compilare un elenco ufficiale di stati "ostili" alla Russia, la prima riga in cui è stata adottata dagli Stati Uniti. Bene, con il secondo elemento di questo elenco di domande, sembra che non sorgerà nemmeno ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 27 2021 15: 15
    +1
    Moore, insieme a Erdogan e al grande comandante in reggiseno Zelenskyj, lo considerano già quasi sconfitto la Russia, sconfiggendo il suo inutile esercito e facendo a pezzi la sua economia. Per una vittoria completa, resta solo da catturare Petrov e Bashirov, che sta dirigendo una cotta non solo per la Gran Bretagna, ma anche per tutta l'Europa.
  2. istruttore di trampolino (Bazil Bazil) Aprile 27 2021 22: 10
    0
    Richard Moore ritiene che "la Russia sia un paese oggettivamente indebolito in termini economici e demografici, e questo è un periodo difficile".

    Sia lo stesso Putin che il suo addetto stampa, Peskov, hanno recentemente parlato della triste situazione nella demografia russa.
    Nell'economia - "coronavirus preferito", è bene che almeno possa essere messo da parte i "successi" dell'economia russa.
    Allora dov'era sbagliato questo Moore?
    E lascia che i pagliacci locali facciano smorfie, pagliacci e si facciano beffe quanto vogliono. Persino un gentiluomo competente come Moore ignora la loro esistenza.