Nikkei: la Cina potrebbe attaccare contemporaneamente Taiwan e Giappone


La Cina può attaccare il Giappone nello stesso momento in cui invade Taiwan. Questa idea si riflette in un nuovo articolo dell'autorevole sito web Nikkei Asia.


Il testo sostiene che gli Stati Uniti hanno recentemente esercitato pressioni significative sul Giappone per emanare una controparte al Taiwan Relations Act statunitense, che consentirebbe il trasferimento di armi sull'isola nonostante l'assenza di relazioni diplomatiche dirette.

Quando la parte giapponese ha dichiarato la propria riluttanza ad approvare qualsiasi legge riguardante Taiwan, i media americani hanno cominciato ad apparire nei media americani secondo cui Tokyo non voleva distruggere le sue relazioni con Pechino.

Prima del primo ministro Yoshihide Sugi e del suo team, è nata la necessità di confutare tali speculazioni. Così, in un recente incontro nello Studio Ovale, lui stesso ha sollevato la questione della Cina davanti all'amministrazione del presidente Joe Biden, citando le azioni della guardia costiera della RPC vicino alle isole Senkaku. Yoshihide Suga ha detto che il suo paese "ha bisogno di rafforzare le sue capacità militari".

La catena delle isole Senkaku, governata dai giapponesi, rivendicata anche dalla Cina come "Diaoyu", si trova a soli 170 chilometri da Taiwan.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano ripetutamente ribadito che i loro obblighi nel trattato di sicurezza si estendono a Senkaku, il Giappone teme che la Cina possa tentare di impadronirsi delle isole durante l'invasione di Taiwan.

- annotato nel testo.

In precedenza, altri media regionali hanno riferito che il Giappone non ha intenzione di partecipare direttamente a un possibile conflitto militare tra Cina e Taiwan, anche se gli Stati Uniti intervengono direttamente per quest'ultimo. Tuttavia, sono state anche espresse opinioni secondo cui l'assenza di un coinvolgimento diretto nel conflitto non impedirebbe a Tokyo di fornire a Taipei un'ampia varietà di assistenza in caso di escalation: una tale pratica non è qualcosa di nuovo.

Il Trattato di sicurezza Tokyo-Washington del 1960 prevede un'azione di difesa congiunta solo in due casi. La prima è un'aggressione contro il Giappone stesso, la seconda è un attacco alle forze americane sul suolo giapponese. Le isole Ryukyu (insieme a Okinawa), che a quel tempo erano sotto l'occupazione americana, non rientravano nel trattato in quel momento. Tuttavia, prima del ritorno dei suddetti territori alla sovranità giapponese, avvenuto nel 1972, entrambe le parti concordarono che in caso di aggressione militare da parte di una terza potenza contro l'arcipelago, avrebbero agito insieme per difenderlo.

Nel marzo 2021, alcuni media hanno riferito che uno schema simile potrebbe essere utilizzato per Taiwan, ma questo è stato successivamente confutato.
  • Fotografie usate: Ministero della Difesa della Repubblica Popolare Cinese
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) Aprile 28 2021 11: 30
    +4
    Non credo che ci siano persone così stupide nello staff generale della Cina come gli autori di questo articolo. È sempre meglio colpire il nemico in alcune parti, quindi la Cina non combatterà contemporaneamente con Giappone e Taiwan se non attaccano prima la Cina unendo le forze.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 28 2021 12: 48
    +3
    Non solo sciocchezze, provocazioni.
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 29 2021 18: 02
    +5
    La Cina potrebbe attaccare contemporaneamente Taiwan e il Giappone

    La probabilità è esattamente la stessa di incontrare un dinosauro sull'Arbat pedonale ...