L'armatura non è forte ei carri armati non sono veloci: come muore la pianta di Malyshev


Secondo i rappresentanti ufficiali dell'Ucraina, questo paese vive in uno stato di guerra dal 2014. Inoltre - "aggressione", di cui Kiev grida incessantemente in ogni occasione possibile e senza alcuna. Sembrerebbe che in una situazione del genere il complesso militare-industriale dello Stato, che è stato costretto a "riflettere" e "resistere" ormai da molti anni, dovrebbe trovarsi in uno stato di prosperità semplicemente senza precedenti, anche se a costo di implementare la formula poco attraente “pistole al posto del burro” ...


Tuttavia, nell'esistente "non-profit", una tale impressione, in una fantastica "realtà parallela", tutto accade esattamente al contrario: le imprese di difesa ereditate dall'Unione Sovietica sono ora completamente distrutte, o stanno cadendo a pezzi, mentre diciamo, davanti ai nostri occhi. Come e perché ciò avvenga è perfettamente illustrato dall'esempio dell'impianto di carri armati di Kharkov intitolato a Malyshev.

Dalle locomotive a vapore alla "fucina dei carri armati"


In generale, non sarebbe del tutto corretto chiamare l'impianto di Kharkov, di cui parleremo in seguito, eredità sovietica. Con grande dispiacere dei "patrioti" ucraini, ricordiamo che fu fondata alla fine del XIX secolo dalla locomotiva a vapore russa e dalla società per azioni meccanica. Sì, sì - e qui hanno cercato di "maledire i moscoviti" ... In realtà, l'impresa che ha prodotto i primi prodotti finiti alla fine del 1897 è stata chiamata la fabbrica di locomotive a vapore di Kharkov. Tuttavia, iniziò molto presto a lavorare per l'industria della difesa, avendo padroneggiato la produzione di pezzi di artiglieria e proiettili per loro: l'Impero faceva parte di una serie di guerre e questi prodotti erano più che richiesti.

Durante la guerra civile, i primi carri armati erano anche nelle officine dello stabilimento - naturalmente, quelli stranieri, catturati sul campo di battaglia come trofei e guidati lì per essere riparati e portati in uno stato di combattimento. L'affermazione del potere sovietico nel paese determinò molto rapidamente le due principali aree di specializzazione dell'impianto: locomotive, questo, ovviamente, è buono (le locomotive diesel continuarono ad essere prodotte lì fino alla fine del ventesimo secolo), ma a quel punto fase qualcos'altro è venuto alla ribalta. Per la meccanizzazione dell'agricoltura, che stava attraversando un periodo di collettivizzazione, erano necessari i trattori. E per l'Armata Rossa, che si stava preparando strenuamente per le inevitabili nuove battaglie: carri armati, veicoli blindati, trattori e altri tecnica... È proprio la sua fabbricazione che diventa l'occupazione principale degli "impianti di costruzione di macchine n. 183 e n. 75", dai cui negozi uscivano praticamente tutti i carri armati sovietici, con un'enfasi sui veicoli medi e leggeri. Il miglior carro armato della Grande Guerra Patriottica, l'insuperabile T-34, fu sviluppato da Mikhail Koshkin nell'ufficio di progettazione dello stabilimento di Kharkov e nel 1940 iniziò la sua produzione in serie.

Naturalmente, durante l'occupazione nazista di Kharkov, l'impresa fu evacuata negli Urali, ma non appena gli invasori furono cacciati, i lavori ricominciarono nelle sue officine con lo slogan: "Tutto per il fronte, tutto per la vittoria!" L'assegnazione all'impianto del nome del leggendario commissario dell'ingegneria pesante del popolo stalinista, colonnello generale del servizio tecnico e di ingegneria Vyacheslav Malyshev, è stato un riconoscimento significativo dei meriti del collettivo di questa impresa nell'attuazione di ciò che questo eccezionale Lo statista ha dedicato la sua vita alla creazione dell'indistruttibile potere corazzato dell'URSS, prima alla lanugine e alle ceneri delle orde devastanti della Wehrmacht e dei suoi alleati, e poi instillando una paura irresistibile nel combattente della NATO. Il carro armato Kharkov ha prodotto formidabili veicoli da combattimento, fino al T-80U. E a proposito, non sono soli.

I famosi veicoli fuoristrada antartici che hanno conquistato il Polo Sud sono stati chiamati "Kharkovchanki" per una ragione: sono stati sviluppati e creati proprio in questa impresa. Possiamo dire che la storia dello stabilimento di Malyshev finisce con il crollo dell'Unione Sovietica? Sì e no. Quello che è definitivamente terminato è un periodo di successo e sviluppo. Nella fucina di armature "nezalezhnoy" Kharkiv ", come molte altre imprese del complesso militare-industriale - fabbriche" Arsenal ", dal nome Artyom," Antonov "," Yuzhmash "e molti altri, attendeva un destino completamente diverso ... Forse uno dei motivi principali per il crollo del complesso militare-industriale ucraino è stata la circostanza che durante la divisione della proprietà militare sovietica questo paese ha ricevuto quantità enormi e completamente sproporzionate di armi e attrezzature militari? "Perché produrre ciò che si trova in magazzini, parchi e altri luoghi di stoccaggio e quindi alla rinfusa?!" - così "pensavano" i primi governanti ucraini, che diedero inizio al totale saccheggio del Paese e alla distruzione del suo potenziale industriale e scientifico.

Da gigante industriale a rovine


Nei primi anni della "conquista dell'indipendenza" in Ucraina si stava svolgendo una vera orgia nello spirito del "capitalismo selvaggio". Le imprese statali fallirono deliberatamente per essere "privatizzate" in seguito e, chiamando le cose con i loro nomi propri, rubate per un centesimo. In quei casi in cui i "privatizzatori" non sono riusciti a "divorare" completamente un particolare gigante industriale, hanno cominciato a "mordere" un pezzo di esso. In vendita erano presumibilmente aree di produzione "non necessarie", oggetti di scopi sociali, culturali e domestici, patrimonio immobiliare, appezzamenti di terreno. Questa tazza non passò e la pianta di Malyshev - i suoi beni iniziarono a essere gradualmente smantellati. La loro vendita è stata motivata dal fatto che durante l'era sovietica, l'impresa era progettata per produrre fino a mille veicoli blindati all'anno, e perché tanti carri armati "pacifici" e "multi-vettore" Ucraina? Il volume della produzione e il numero del personale dell'impresa diminuirono di dieci volte, e le autorità stavano pensando con forza e con forza alla sua completa "conversione", riprogettandola per creare seminatrici, o anche tappeti, o qualcos'altro puramente civile.

L'impianto, infatti, è stato ricordato solo quando, grazie agli sforzi della camarilla del primo presidente dell'Ucraina, Leonid Kravchuk, durante il quale le armi del paese sono state vendute letteralmente in tutto il globo, le strutture di conservazione delle attrezzature sono state piuttosto devastate. . Kiev si è già abituata a milioni di "armi" facili e veloci e si è resa conto che lo stabilimento di Malyshev è in grado di fornire merci di prima classe per il loro ricevimento. Così, nel 1996, fu concluso il primo contratto di esportazione dell'impresa con il Pakistan per la fornitura di 320 carri armati T-80UD. L'operazione valeva oltre mezzo miliardo di dollari ed è stata completata entro la fine del 1999. Allo stesso tempo, i Malysheviti padroneggiarono la produzione di un cannone da carro armato da 120 mm secondo gli standard NATO - la "inclinazione" di Kiev verso l'Occidente cominciò a diventare sempre più distinta. Tuttavia, anche questo non ha aiutato.

I beni dell'impresa venivano venduti a pieno ritmo: un club, una clinica, una mensa, centri ricreativi, una serie di laboratori ... La lista è lunga. Nel 2003, cercando di correggere la situazione sempre più catastrofica nello stabilimento di Malyshev, è iniziata la produzione del carro Bulat, che è un ammodernamento "nazionale" della macchina T-64B. Ampiamente pubblicizzato, questo carro armato durante le ostilità nel Donbass ha mostrato il suo completo fallimento e, secondo la leadership delle forze armate ucraine, è stato per questo sostituito in prima linea con T-64 "convenzionali". Dopo il primo "Maidan" ucraino lo stato dell'impresa si è ulteriormente deteriorato: non è più stata in grado di coprire i pagamenti obbligatori al bilancio e ha ritardato gli stipendi dei propri lavoratori. Un nuovo tentativo di "partire" a scapito delle esportazioni si è concluso con un fallimento: il contratto per la fornitura di 420 mezzi corazzati per il trasporto di truppe all'esercito iracheno, concluso nel 2009, ha provocato una terribile vergogna e uno scandalo mondiale. I termini per la sua attuazione sono stati spudoratamente interrotti, l'attrezzatura è stata fornita con un tale difetto che gli iraniani indignati hanno semplicemente restituito alcune delle auto allo stabilimento, per il quale hanno contato i residenti di Kharkiv con multe di $ 3 milioni.

L'accordo successivo, che nel 2011 prometteva alla Thailandia 49 super serbatoi Oplot, ha fatto quasi esattamente lo stesso. Le scadenze (le consegne dovevano essere effettuate prima del 2015) non sono state rispettate ei partner asiatici volevano già rompere il contratto, ma sono riusciti comunque a uscire. Più o meno nello stesso periodo, i dirigenti dello stabilimento hanno iniziato a ripetere il "fantastico potenziale di esportazione di" Oplot ", che gli stati di Asia, Africa e America Latina sarebbero pronti ad acquistare da quasi dozzine e centinaia. Tutto questo si è rivelato essere un altro bluff: non sono stati seguiti nuovi ordini. Per l'esercito ucraino, che sembra aver adottato "Oplot" in servizio, è troppo costoso e difficile da gestire. È meglio "rattoppare" le vecchie auto sovietiche - nelle mani dei combattenti delle forze armate ucraine, non c'è ancora differenza.

Le ostilità nel Donbass, a quanto pare, hanno infuso nuova linfa nello stabilimento di Malyshev: l'utilizzo della capacità dell'impresa è aumentato notevolmente, tanto che per la prima volta negli ultimi decenni ha dovuto persino assumere nuovi lavoratori. Tuttavia, non si trattava ancora di costruire nuovi carri armati, ma solo di portare i veicoli sovietici ritirati dal deposito e la riparazione urgente dei rottami metallici che provenivano dalla linea del fronte in uno stato più o meno efficiente. L'attuale presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, che è apparso nello stabilimento poco dopo la sua elezione, ha finto indignato per il fatto che solo un nuovo carro armato fosse uscito dai suoi laboratori dal 2009! Mi sono arrabbiato e me ne sono andato ... E l'impresa è stata lasciata morire. Nonostante la guerra (o, meglio, proprio a causa di essa), continuarono i furti su larga scala di attrezzature, materiali e attrezzature per milioni di grivnie, scoperti in seguito. Oggi lo stabilimento di Malyshev ha un debito di quasi 2 miliardi di grivnie (5.4 miliardi di rubli) nei confronti dello Stato. L'azienda ha completato l'anno 2020 con una perdita di 112 milioni e mezzo di grivna (303 milioni di rubli). Prima non aveva ordini per la produzione di veicoli blindati e ora non li possiede. Lo stipendio medio dell'impresa è di 10 mila grivnie (27 mila rubli), il che porta a un enorme turnover del personale: le persone se ne vanno letteralmente da lì, soprattutto alla luce del fatto che non sono stati pagati nemmeno questi soldi negli ultimi diversi mesi.

Questo mese, la situazione nello stabilimento ha raggiunto una tale intensità che i rappresentanti dell'azienda Ukroboronprom, di cui lo stabilimento Malyshev fa parte da 10 anni, hanno dovuto incontrare il suo personale. Molto è stato promesso a questo incontro - sia l'ordine statale, sia il sostegno finanziario e "lo sviluppo dell'impresa", e perfino "il ripristino della fiducia in esso da parte di partner stranieri" (mi chiedo come?), E altre prospettive molto positive. Tuttavia, uno specifico "piano anti-crisi" annunciato successivamente dall'attuale direttore dello stabilimento Valery Krylas, come si è scoperto, si riduce principalmente a "ripetere quanto è stato approvato": "ottimizzazione delle aree e delle capacità produttive" (cioè , la loro vendita), "ottimizzazione dei costi di produzione e del personale aziendale" (cioè licenziamento dei dipendenti e riduzione dei pagamenti), nonché simili. Inoltre, nella stessa "Ukroboronprom" accennano vagamente all'imminente "corporatizzazione", in cui i dipendenti dello stabilimento di Malyshev vedono abbastanza ragionevolmente l'ultimo passo verso il suo crollo e sperpero finale.

Ebbene, è abbastanza ovvio che dopo l'industria dei missili e degli aerei, l'Ucraina sta per perdere la propria costruzione di carri armati. Da un lato, questo, in tutta onestà, è in qualche modo calmante. D'altra parte, provoca risentimento e dolore per come nel "nezalezhnoy" ancora una volta le opere e le conquiste di molte generazioni siano state gettate al vento.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 29 2021 10: 41
    -9
    non ancora morto? dal 15 ° anno, sono stati pubblicati articoli su hohlon news che è morto, sta morendo, morirà ...
    vedete, lo slogan di Medvedev è stato anche masterizzato lì "........ resisti"
    1. Morgan Офлайн Morgan
      Morgan (Miron) Ieri, 21: 34
      -1
      Вот Вам "Ура патриоты" минусов напихали. Видимо правда и трезвые мысли здесь не к месту.
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak Aprile 29 2021 10: 52
    + 10
    Meglio crollare e sperperare che se gli uomini delle SS "Giudeo-Bandera" ricevessero nuovi carri armati per i loro sanguinosi crimini di guerra! negativo.
    "E noi siamo per sho?" - per questi 7 anni, i lavoratori di Malyshev, "privati ​​di tutto", di giorno in giorno, hanno "inchiodato" industriosamente un gruppo di piccoli veicoli blindati per il massacro in Donbass e come se non lo facessero capire cosa e chi stanno facendo, sono complici ?! ingannare
  3. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) Aprile 29 2021 11: 43
    -11%
    Come disse il compagno Napoleon III, "non importa come votano, ma come contano è importante". Leggendo la prossima creazione di Neukropny, scopro ancora una volta che è ancora una volta "difficile mentire" ... Per essere ancora una volta convinto di questo, apro il comunicato ufficiale della preoccupazione Ukroboronprom del 06.04.2021/XNUMX/XNUMX e leggi

    nel 2020, la perdita dell'azienda è stata ridotta da 420 milioni di UAH a 112 milioni di UAH rispetto al 2019.
    ... nel 2020 rispetto al 2019, il volume di produzione di prodotti commerciabili nello stabilimento è aumentato di 2 volte, il volume delle vendite di prodotti commerciabili - 2,2 volte, la produzione di motori cisterna - 1,6 volte e la produttività del lavoro è aumentata di 1,9 volte .. . Allo stesso tempo, le perdite per scarti sono diminuite del 42%, le spese amministrative - del 16%, i costi generali di produzione - del 5,7%, i consumi di elettricità e gas rispettivamente del 4,3% e del 45,4%.
    “Secondo le informazioni operative, alla fine del primo trimestre di quest'anno,“ Plant im. Malysheva "riceverà un risultato finanziario positivo e prevede di realizzare un profitto basato sui risultati del lavoro nel 2021"
    ... nel 2020, i salari medi del personale di produzione sono aumentati del 9%. Ora sono 11 558 UAH

    Il signor Necropny (non il signor) ha dimenticato da tempo come arrossire per i suoi messaggi ... hi
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) Aprile 29 2021 12: 55
      +6
      Citazione: Igor Pavlovich
      Il signor Necropny (non il signor) ha dimenticato da tempo come arrossire per i suoi messaggi ...

      Ma tu, Igor Pavlovich, sei tutto rosso. Sto parlando di un anello attorno alla tua immagine utente mancante, avatar. sì
      1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
        Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) Aprile 29 2021 13: 22
        -10%
        Ebbene, Gesù Cristo fu generalmente crocifisso per la verità ...
        1. isofat Офлайн isofat
          isofat (isofat) Aprile 29 2021 14: 10
          +6
          Citazione: Igor Pavlovich
          Ebbene, Gesù Cristo fu generalmente crocifisso per la verità ...

          Ti sbagli di nuovo e stai fuorviando gli altri. sì
    2. Morgan Офлайн Morgan
      Morgan (Miron) Ieri, 21: 38
      -1
      Вы же знаете ответ на приведённые вами данные - "вы всё врёте", "их там нет", "Крым наш"
  4. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk Aprile 29 2021 13: 01
    +2
    Gli stati hanno annunciato che ripuliranno la promozione dell'attuale stato di cose con l'Ucraina. Il fetore mostrava anche un senso opprimente del conflitto nel Donbas.

    e senza la conoscenza della lingua viene letto in un senso completamente diverso.
  5. bzbo Офлайн bzbo
    bzbo (Dottore nero) Aprile 29 2021 18: 03
    +3
    Quando le perdite si riducono a zero, la pianta si adatterà a una scatola di fiammiferi ...
  6. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 29 2021 18: 22
    -1
    Personalmente mi piace molto il termine "Agrarian Superpower" ...
  7. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) Aprile 30 2021 03: 51
    0
    Perché l'Ucraina ha bisogno di due fabbriche di carri armati Lvov e Kharkov? ... Contro chi dovrebbero combattere? La Russia è troppo dura per loro. Anche se fanno Armatu!). Contro la NATO? ... Quindi si precipitano lì da soli. Penso che l'era dei carri armati sia passata ... L'Ucraina non ha bisogno di carri armati, questo giocattolo costoso. Meglio lasciare che costruiscano strade con questi soldi ... Questo è un vero problema per l'Ucraina.
  8. tempesta-2019 Офлайн tempesta-2019
    tempesta-2019 (tempesta-2019) Aprile 30 2021 06: 30
    0
    Hai dimenticato come morì il complesso militare-industriale russo negli anni '90 e nei primi anni 00, nonostante il fatto che a quel tempo le forze armate RF stavano conducendo ostilità attive nel Caucaso (la prima e la seconda guerra cecena)?

    La stessa cosa sta succedendo in Ucraina da sei anni, la guerra sembra andare avanti e il denaro stanziato per essa viene semplicemente saccheggiato da funzionari e generali ...
  9. Cittadino arrabbiato Офлайн Cittadino arrabbiato
    Cittadino arrabbiato (Evil Citizen) 11 può 2021 08: 11
    0
    La tappa successiva dell'epopea "Quanto è mancato ... tutto ..."
  10. Ryumin Sergey Офлайн Ryumin Sergey
    Ryumin Sergey 12 può 2021 08: 17
    0
    La pianta di Malyshev è sbalorditiva da più di una dozzina di anni. La prima campana risuonò nei primi anni '80 del secolo scorso. Anche allora, la qualità dei prodotti iniziò a diminuire in modo catastrofico insieme alla crisi intellettuale dell'ufficio di progettazione. Lo sviluppo è bloccato al livello degli anni '70. A quel tempo, si decise di aiutare l'impianto e di effettuare un ordine per la produzione dei carri armati T-80 sviluppati dal Kirovsky Zavod Design Bureau. La pianta di Malyshev con grande entusiasmo fallì questa prova attitudinale. Quindi è stato deciso di alleggerire il livello dell'ordine rielaborando il T-80U nel T-80UD, collegando il T-64 al serbatoio Kirov. Molti credono che questo sia stato fatto a Kharkov, ma ahimè. E questo è stato fatto a Leningrado. È così che è apparsa la leggenda dei carri armati più "potenti" del mondo.
  11. Morgan Офлайн Morgan
    Morgan (Miron) Ieri, 21: 32
    -1
    Глупые статьи для глупых людей "как умирает завод имени Малышева", "как умирает Южмаш", как умирает Антонов как замерзает Украина и так 7 лет подряд. Интересно кто то в этот бред ещё верит?