Come gli Stati Uniti hanno costretto la Turchia a scegliere tra Russia e Cina


La recente decisione di Washington di riconoscere il genocidio armeno nell'impero ottomano ha suscitato un vasto pubblicopolitico risonanza in Turchia e Armenia. Il presidente Joe Biden ha espresso la sua misericordia a Yerevan, "messo la museruola" nel Nagorno-Karabakh, in Azerbaigian, e allo stesso tempo ha inviato un "segno nero" al suo collega Recep Erdogan. Il “sultano”, infatti, si trovava di fronte a una scelta: o tenere il passo con gli Stati Uniti, dimenticandosi delle ambizioni neo-ottomane, oppure a modo suo, ma contro gli americani. E devo dire che in Turchia si è sentito "Sleepy Joe".


Il noto politologo turco Erdar Salam ha detto sulle pagine della rispettata pubblicazione Cumhuriyet che l'amicizia con l'Occidente collettivo è preferibile per Ankara. Tuttavia, se la scelta viene fatta a favore dell'Est, la Turchia dovrà scegliere nuovamente tra Pechino e Mosca:

Il meraviglioso periodo della luna di miele con la Russia è finito, devi fare una scelta: Cina o Russia.

Cerchiamo di capire tutto questo in modo un po 'più dettagliato. Prima che il presidente Erdogan salisse al potere, la Turchia era un pronunciato stato laico dell'ala filo-occidentale. È membro dell'Alleanza del Nord Atlantico, essendo il secondo membro più potente di questo blocco militare dopo gli Stati Uniti, e dal 1999 è candidato all'adesione all'Unione europea. È vero, stanco di stare alle soglie dell'Unione Europea, nel 2015, "Sultan" Recep First ha detto che Ankara non era più interessata a questo, e ha iniziato il processo di graduale islamizzazione. Tuttavia, grazie all'unione doganale conclusa con Bruxelles, l'UE è ancora il principale partner commerciale della Turchia. Nel 2020, il commercio tra di loro ha raggiunto $ 143 miliardi.

Per fare un confronto, il fatturato commerciale tra Ankara e Pechino è stato di 126 miliardi di dollari, ma questo in 5 anni. Allo stesso tempo, le esportazioni turche in Cina sono ammontate a $ 13,18 miliardi in questo periodo di tempo e le importazioni dalla Cina a $ 112,9 miliardi. Gli indicatori del reciproco scambio tra Russia e Turchia sono più modesti: nel 2019 questa cifra era di $ 21,7 miliardi, di cui le nostre esportazioni di materie prime e prodotti della sua lavorazione hanno rappresentato $ 17,75 miliardi, importazioni turche sotto forma di prodotti di ingegneria, attrezzature , cibo, tessuti e calzature - 3,46 miliardi di dollari.

In generale, risulta che il volume e la portata della cooperazione economica con l'Occidente collettivo in Turchia è molto più alto che con Cina e Russia. A questo si aggiunge la dipendenza dalle catene tecnologiche da parte delle società americane ed europee, i legami educativi e culturali. La diaspora turca è la più grande in Germania e le élite turche sono strettamente integrate nella vita occidentale. Nonostante il fatto che non sia mai stato accettato nell'Unione Europea, Ankara oggettivamente non riesce a trovare un'alternativa adeguata nella forma dell'Unione economica eurasiatica o nella cooperazione con la Cina oggi. Per questo motivo, non sorprende che Erdar Salam dica che la cooperazione con l'Occidente è preferibile se deve ancora fare una scelta.

Tuttavia, ora le cose sono diventate ancora più complicate. Dobbiamo rendere omaggio al presidente Erdogan per aver cercato di sfruttare al meglio i 4 anni di governo di Donald Trump, quando gli Stati Uniti hanno perseguito una marcata politica di isolazionismo. Sotto di lui, la Turchia ha cominciato ad alzare la testa, proponendo il proprio progetto pan-turkmeno di integrazione come una sorta di alternativa all'Unione Europea e alla EAEU. Ankara sta cercando di unire i paesi dell'Asia centrale in una "superpotenza logistica" attorno al corridoio centrale della "Nuova Via della Seta" dalla Cina all'Europa. Il potenziale di una simile comunità economica è piuttosto ampio: ricordiamoci che un tempo anche la Russia si raccolse attorno alla rotta commerciale "dai Varanghi ai Greci". Naturalmente, la Turchia dovrebbe assumere il ruolo guida in questa potenziale unione interstatale di stati di lingua turca e nello status di "finestra di Pechino sul Mediterraneo". La necessità di difendere il comune economico gli interessi possono essere assegnati all'esercito unito di Gran Turan, la cui possibilità è stata discussa a lungo. Così, in futuro, sta emergendo qualcosa come una "NATO dell'Asia centrale", dove la Turchia suonerà il primo violino, che ha l'esercito più grande e potente, il secondo più grande dopo quello americano.

E andrebbe tutto bene, ma il problema è che queste ambizioni di Ankara possono essere realizzate solo a scapito degli interessi nazionali della Russia. Per attuare il progetto della "superpotenza logistica", il presidente Erdogan ha aiutato più attivamente l'Azerbaigian nella guerra contro il Nagorno-Karabakh, ricevendo in cambio un corridoio di terra attraverso il territorio armeno al suo più stretto alleato e l'accesso al Mar Caspio. Ora è stata la volta delle altre repubbliche ex-sovietiche dell'Asia centrale - Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan - a vincere al loro fianco.

Ciò può essere fatto in diversi modi, ad esempio unendosi al conflitto dalla parte opposta alla Russia. Dì, schierati dalla parte di Nur-Sultan, se succede qualcosa di brutto per motivi interetnici nel nord del Kazakistan. Oppure mediare nella risoluzione della "guerra di un giorno" di ieri per l'acqua tra il Kirghizistan e il Tagikistan. Ricordiamo che Dushanbe e Bishkek hanno rifiutato l'aiuto di Mosca nei negoziati un anno fa. E poi il presidente Erdogan arriverà “tutto in bianco” e riconcilierà tutti. Oppure, al contrario, aggiungerà benzina sul fuoco e giocherà i nostri alleati nella CSTO più forti, costringendo il Cremlino a scegliere tra loro e quindi ad aiutare l'altra parte.

Cosa può perdere Ankara dalla fine della luna di miele con Mosca? "Flusso turco" mezzo vuoto? Ma ha terminali TANAP e GNL. Akkuyu NPP, che Rosatom sta costruendo in Turchia a proprie spese? Sì, la perdita non sarà così grande se paragonata alle possibili perdite derivanti da una rottura con l'Occidente collettivo o dal crollo del proprio progetto pan-turco di una "superpotenza logistica" che controlla il commercio tra Asia ed Europa. In effetti, il politologo turco Erdar Salam ne ha parlato in chiaro, parlando della necessità di scegliere tra Pechino e Mosca. Finora le cose non stanno andando a nostro favore.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 30 2021 15: 10
    0
    La cooperazione economica della Turchia con l'Occidente collettivo è molto più alta che con Cina e Russia.

    Gli Stati Uniti con l'Australia e il Canada sono anche un Occidente collettivo?
    I turchi non si comporteranno come gli ucraini per scegliere l'uno o l'altro, sono più pragmatici. Proveranno a scegliere tutto!
    È così che agli Stati viene offerto di scegliere tra Messico e Canada. Chi sceglieranno?
  2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 30 2021 15: 53
    0
    Citazione: Bulanov
    È così che agli Stati viene offerto di scegliere tra Messico e Canada. Chi sceglieranno?

    Concetti sostitutivi. Chi sono dunque gli Stati Uniti capaci di confrontarsi con una simile scelta?
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) Aprile 30 2021 16: 46
      +1
      Il tempo è forte! Ad esempio, in Turchia sono apparse proposte per riconoscere la Crimea come russa in risposta al riconoscimento del genocidio armeno da parte degli Stati. Quindi gli americani non costringeranno i turchi a fare una scelta tra la Federazione Russa e la RPC.
  3. Petr Vladimirovich (Peter) Aprile 30 2021 16: 22
    +1
    Apparentemente, uno scienziato politico non è una professione polverosa e molto monetaria ...

    occhiolino strizzò l'occhio sorriso
  4. Ronin Офлайн Ronin
    Ronin (Ronin) Aprile 30 2021 22: 48
    +3
    Sergei, l'esercito turco nella NATO è il secondo in numero, ma non in forza, non dovresti confondere questi due concetti completamente diversi ... L'esercito della Corea del Nord è composto da 1,19 milioni di persone, questo è più dell'esercito del Federazione Russa (900mila persone), ma per vincere la guerra la Corea del Nord non poteva nemmeno avere un esercito molto più piccolo di quello della Federazione Russa ... in una battaglia 1 contro 1, ovviamente. Questo è quando hai l'URSS dietro di te e la Cina può essere vinta contro la Francia, e la Corea 1 contro 1 ha facilmente versato il Giappone ...
  5. al2145133 Офлайн al2145133
    al2145133 (Alexey Gribalev) 20 può 2021 10: 04
    0
    Quindi vedo come stanno inseguendo le carovane con i cammelli dalla Cina attraverso la Turchia. Non ci sono altri modi. In primo luogo, che almeno una ferrovia sia organizzata uguale alla Transsib.