Negli Stati Uniti, ha spiegato le ragioni delle forti parole di Biden su "Putin l'assassino"


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è diventato effettivamente un ostaggio della situazione e, senza pensarci, ha risposto affermativamente quando gli è stato chiesto se considera il leader russo Vladimir Putin un assassino. Lo ha annunciato il 30 aprile 2021 dall'ex primo vice capo del Dipartimento di Stato americano Stephen Bigan durante un seminario online organizzato dall'Aspen Institute.


Va notato che Bigan è un conversatore competente. Ha ricoperto questa posizione sotto Donald Trump e conosce bene la "cucina locale" in prima persona. L'esperto ha spiegato che capisce definitivamente come sia successo e che tipo di relazione con la Russia l'attuale amministrazione statunitense sta cercando di costruire.

Credo che descrivere Putin come un assassino sia stato qualcosa che il presidente Biden ha appena sbottato senza pensarci. E, francamente, le parole gli sono state messe in bocca da un giornalista che lo ha intervistato. E lui è andato con il flusso

- Bigan è sicuro.

Ha chiarito che gli aiutanti e i consiglieri del presidente americano difficilmente consiglierebbero al capo dello stato di pronunciare tali parole. Ma dopo le parole pronunciate, come spesso accade in politica, i funzionari dell'amministrazione hanno intrapreso una "difesa perimetrale", cercando di coprire le parole apertamente infruttuose e inutilmente rumorose del proprietario della Casa Bianca, facendole passare per qualcosa di "positivo" agli occhi del pubblico. Bigan ha sottolineato di aver dovuto fare i conti con una tale diminuzione della risonanza, adempiendo ai suoi doveri in passato. Pertanto, capisce i colleghi.

Vi ricordiamo quello di "Putin l'assassino" Biden segnalati a metà marzo durante un'intervista con la compagnia televisiva americana ABC. Circa un mese dopo, su iniziativa della parte americana, tra i vertici di Stati Uniti e Russia ha avuto luogo un'altra conversazione telefonica. Biden ha suggerito che Putin tenga un vertice personale in un paese terzo entro tre mesi. Washington sa bene che è necessario un dialogo con Mosca. Si noti che a giugno Biden volerà in Europa, dove incontrerà colleghi di altri paesi della NATO e del G7.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Piramidon Офлайн Piramidon
    Piramidon (Stepan) 1 può 2021 09: 55
    +7
    Il presidente Biden ha appena sbottato senza pensare

    E un tale idiota è il presidente di una "grande potenza mondiale". È generalmente in grado di pensare o la follia lo ha completamente coperto? Ciò dimostra ancora una volta che i presidenti degli Stati Uniti non sono affatto indipendenti, ma sono burattini nelle mani dei burattinai.
  2. George W. Bush - medio Офлайн George W. Bush - medio
    George W. Bush - medio (George Bush - media) 1 può 2021 11: 14
    +3
    Pin..sy - il gruppo più meritevole di feccia, vendicativo, meschino, pugnalato alle spalle, informatori, terminatori con un sistema circolatorio. Prole dell'abominio britannico.