Il Cremlino scambierà Nord Stream 2 con il gasdotto Trans-Caspio?


Tre anni fa, dopo 22 anni di difficili negoziati, è stata finalmente firmata la Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio. Le risorse della sua piattaforma ricca di idrocarburi sono state suddivise tra cinque stati rivali del Caspio, uno dei quali è la Russia. Sembrerebbe che tutti i problemi legali e territoriali siano stati risolti con successo e possiamo tranquillamente andare avanti nel nostro costante sviluppo. Tuttavia, ci sono sempre più timori che nell'agosto 2018 la sicurezza nel Mar Caspio sia stata posta, come è ormai di moda dire, una "bomba atomica".


Durante il periodo sovietico, lo status legale di questo corpo idrico interno unico, che non ha uno sbocco diretto nell'Oceano Mondiale, era regolato da accordi bilaterali tra Mosca e Teheran. I problemi sono sorti dopo il crollo dell'URSS, quando invece di due giocatori ce ne sono stati improvvisamente cinque: Russia, Iran, Azerbaigian, Kazakistan e Turkmenistan. La situazione è diventata più complicata dopo che le compagnie di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Paesi Bassi hanno iniziato a sviluppare giacimenti petroliferi kazaki, e il Pentagono ha chiaramente messo gli occhi su come ottenere una base navale sulla costa del Caspio, da dove potrebbe aumentare la pressione su Iran. La questione territoriale irrisolta è stata ulteriormente aggravata dal desiderio dell'UE di costruire un gasdotto Transcaspico attraverso il quale poter accedere ai ricchi giacimenti di "carburante blu" in Turkmenistan. Ebbene, negli ultimi anni, le ambizioni pan-turche della Turchia, che intende creare una sorta di associazione sovranazionale, una "superpotenza logistica", hanno iniziato a rappresentare un grosso problema per la Russia, unendo le ex repubbliche sovietiche dell'Asia centrale sotto i suoi auspici. Dopo la sconfitta militare di Yerevan nel Nagorno-Karabakh, Ankara ha realizzato l'apertura di un corridoio di trasporto terrestre attraverso il territorio armeno fino all'unione Azerbaigian, che ha un accesso diretto al Mar Caspio.

Un groviglio geopolitico così complesso si è ormai avvolto intorno all'area acquatica di questo mare interno, ricco di risorse naturali e di grande importanza strategica per il transito di idrocarburi e flussi di merci dall'Asia all'Europa. Il Cremlino ha cercato di abbatterlo nel 2018, ma i risultati intermedi non sono stati del tutto inequivocabili. Qualcosa ha funzionato, ma qualcosa è solo peggiorato. Diamo uno sguardo a tutti i principali pro e contro dell'adozione della Convenzione.

Da una parteLa Russia ha assicurato la chiusura del Mar Caspio alle navi da guerra straniere, il che può essere considerato un risultato importante. Le flottiglie potranno navigare nelle sue acque solo sotto le bandiere dei cinque paesi del Caspio. Pertanto, la US Navy non ha nulla a che fare lì. È vero, non è del tutto chiaro cosa succederà se improvvisamente l'Azerbaigian decidesse in futuro di diventare un membro della NATO dopo la Turchia o un partner dell'Alleanza del Nord Atlantico. Gli esperti notano anche formulazioni molto vaghe riguardo al divieto di fornire il proprio territorio da parte dei paesi del Caspio a basi militari straniere. È indicato che non dovrebbero essere finalizzate all'aggressione militare o ad altre azioni contro il resto degli Stati membri della Convenzione. Secondo la logica formale, non vi è alcun divieto alla creazione di basi militari nel Caspio contro i paesi non caspici. Ricordi come gli Stati Uniti, ai tempi della nostra "amicizia" con loro, promossero l'idea di schierare il loro sistema di difesa missilistica in Europa, sostenendo che era necessario contenere l'Iran, ma alla fine si è scoperto che questo è stato fatto contro la Russia?

D'altronde, la firma della Convenzione nel 2018 ha dato un nuovo impulso all'attuazione del progetto del gasdotto Trans-Caspio. Si presume che un gasdotto lungo 300 chilometri che collega la città di Turkmenbashi con Baku, attraverso il quale il Turkmenistan potrebbe esportare in Europa fino a 32 miliardi di metri cubi di gas all'anno, dovrebbe passare lungo il fondo del mare. Tutte le infrastrutture necessarie per il trasporto del gas in Azerbaigian e Turchia sono già state costruite nell'ambito del corridoio meridionale. Il principale ostacolo sono state le posizioni di Russia e Iran. Per ovvie ragioni, Mosca era contraria all'ingresso del Turkmenistan nel mercato dell'Europa meridionale; la stessa Gazprom acquista gas dell'Asia centrale. L'Iran ha anche le sue ambizioni di diventare un fornitore di "carburante blu" per l'UE. È impossibile realizzare il gasdotto Trans-Caspio senza il loro consenso. O meglio, era impossibile. L'articolo 14 di detta Convenzione contiene due parti, che i paesi del Caspio interpretano diversamente.

Ecco il testo della parte 2 dell'articolo 14:

Le parti possono posare condotte sottomarine lungo il fondo del Mar Caspio, a condizione che i loro progetti siano conformi ai requisiti e agli standard ambientali sanciti nei trattati internazionali di cui sono parti, inclusa la Convenzione quadro per la protezione dell'ambiente marino del Mar Caspio e i relativi protocolli.

E la parte 3 dell'articolo 14:

La determinazione del percorso per la posa di cavi e condotte sottomarini viene effettuata di comune accordo con la Parte, attraverso il settore del fondo del quale deve essere posato il cavo sottomarino o la condotta.

Dalla prova di questo accordo internazionale risulta che ora i principali gasdotti possono essere posati lungo il fondo del Mar Caspio. Allo stesso tempo, in Azerbaigian e Turkmenistan sottolineano in particolare la parte 3, che afferma direttamente che è sufficiente essere d'accordo con una sola parte, e non con tutte e cinque. In altre parole, per Baku e Ashgabat basterà un accordo bilaterale per avviare la costruzione. Tuttavia, gli avvocati russi indicano una clausola della Parte 2, che afferma la necessità che i progetti rispettino gli standard ambientali sanciti nei trattati internazionali, in particolare la Convenzione quadro di Teheran del 2003 e i suoi protocolli. Nell'ambito del protocollo sulla valutazione dell'impatto ambientale, ciascuno dei cinque paesi del Caspio ha il diritto di partecipare a una valutazione dell'impatto ambientale obbligatoria.

Si ritiene che in questo modo il Cremlino abbia di nuovo superato tutti. Ma vale la pena essere così categorici? Il diritto e il diritto internazionale non sono affatto qualcosa di immutabile, gli atti normativi possono essere trasformati a causa dei cambiamenti nei rapporti giuridici che regolano. (Ricordi come è stata presa e riscritta la Costituzione in Russia l'anno scorso?) Ad esempio, se si registra un cambiamento nella situazione ecologica nel Caspio, l'Azerbaigian e il Turkmenistan potrebbero sollevare la questione di aggiungere aggiunte alla Convenzione di "Teheran" e ai suoi protocolli, o addirittura ritirarsi da essa poiché non è più rilevante. Si noti che il tema dell'ecologia del Mar Caspio è ora uno dei più clamorosi tra una vasta gamma di parti interessate. In alternativa, i partner europei possono offrire al Cremlino di "sventolare" consentendo il lancio del Nord Stream 2 in cambio del fatto che la Russia non creerà ostacoli ambientali al gasdotto Trans-Caspio.

Molto è diventato possibile dalla firma di tale convenzione nel 2018. Allo stesso tempo, l'idea di prendere in giro l'Azerbaigian e il Turkmenistan con la possibilità di costruire un gasdotto non sembra ragionevole.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 3 può 2021 14: 36
    0
    Ancora non ho capito dove, in questo caso, il Cremlino "ha nuovamente battuto tutti", dato che tutte queste disposizioni della Convenzione sono controverse e sono interpretate da tutti a proprio favore, e inoltre, l'unica cosa che la Russia può "spingere" contro è per "competenza ecologica" (come l'ora dell'insaccamento / come i belgi giocavano il permesso per l'SP-2).
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 3 può 2021 15: 11
      +2
      come i belgi hanno giocato il permesso per l'SP-2

      Questa è una novità ... compagno
      1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
        Monster_Fat (Qual è la differenza) 3 può 2021 16: 14
        +1
        Scusa Danimarca. Sputato hi
        1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
          Petr Vladimirovich (Peter) 3 può 2021 16: 31
          0
          Non è il punto. "Sono entrambi peggio" ... risata
  2. Il commento è stato cancellato
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 3 può 2021 19: 21
      0
      Alessio! Compagno! Bene, sarà già per te. Sergey Evgenievich scrive e porta un piccolo centesimo in casa, discutiamo e ci divertiamo ...
      "Avanti e indietro, io e te siamo contenti" (c)
      compagno
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 3 può 2021 17: 41
    +9
    Che tipo di fantasie?
    Nessuno cambierà nulla. Il Cremlino finirà di costruire la SP-2, con calma, in modo dimostrativo. Cosa possono offrire in cambio al Cremlino? Autorizzazione a lanciare un gasdotto? È qui che le aziende europee hanno investito più di Gazprom? La Germania lo tiene così ostinatamente che semplicemente non sarebbe stato lanciato?
    Continui a trovare una sorta di combinazione in cui qualcuno necessariamente piegherà Gazprom, costringendo il Cremlino e così via. Una solida sezione di finzione.

    Perché è necessario il gasdotto Transkasky? L'Europa sta per passare all'energia verde. Quindi lascialo passare.
    E lascia che i turkmeni portino e tirino fuori qualsiasi cosa. Chi ha detto che le sue proposte sarebbero state accettate? Uscire dalla convention? Bandiera in mano. Torniamo allo stato prima che fosse firmato risata Questa canzone è buona, ricominciare.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 3 può 2021 19: 17
      0
      Ragazzi! E l'ultima volta chi era in Turkmenistan? Ebbene, non da Internet, ma con i tuoi occhi?
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 può 2021 20: 59
    -2
    1) il Cremlino ha battuto tutti
    2) Tutti e 5 i paesi hanno ricevuto l'opportunità teorica di guidare direttamente in Europa. Che è logico.
    Bypassare l'intermediario Russia.
    3) Il Cremlino cambierà Nord Stream 2. Perché?

    Peremoga?
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 3 può 2021 21: 03
    +3
    Ovviamente il gasdotto può essere costruito. Inoltre, il rapporto tra Azerbaigian e Turkmenistan si è spostato da un punto morto (campo Dostlug).
    Il problema è diverso. Il Turkmenistan esporta praticamente tutto il suo gas in Cina. Il progetto TAPI (Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India) non è ancora stato interrato. Anche se sembra utopistico per ragioni politiche.
    I giacimenti di gas del Turkmenistan si trovano nella parte orientale del paese, più vicino alla Cina, e il gasdotto verrà tirato a ovest verso l'Europa. È strano.
    In generale, è strano leggere alcuni articoli del sito. Scrivono che Gazprom è un kirdyk, perché l'Europa rifiuta completamente il gas. Scrivono che Gazprom è un kirdyk, perché l'Europa non comprerà gas russo, ma turkmeno. Ciò che questi articoli hanno in comune è che Gazprom è comunque un kirdyk.
    Il gas dal Turkmenistan sarà sempre più costoso a causa della logistica. Confrontiamo le forniture tramite SP-2 senza intermediari o il gas dal Turkmenistan attraverso i paesi di transito (Azerbaigian-Georgia-Turchia) e questa è l'Europa meridionale, non la Germania (la locomotiva dell'Europa). E tutti i paesi di transito vorranno la loro parte del profitto. Non parlo nemmeno della distanza.
    È a causa dei 5 o 10 miliardi in più per costruire un gasdotto sottomarino? Hanno detto che SP-2 con 55 miliardi di metri cubi all'anno non sarebbe mai stato ripagato. Il Trans-Caspio ripagherà immediatamente? E chi porterà Fortuna nel Caspio?
    Ci sono più domande che risposte. Il gasdotto può essere costruito se tecnicamente trainato da Azerbaigian e Turkmenistan. E se c'è una nave posatubi (e tutte le strade per il Caspio passano attraverso la Russia). Ma difficilmente ...
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 3 può 2021 22: 11
      -1
      Vuoi ragazzi per scherzare? Una volta che sono volato ad Astrakhan, l'aereo a Sheremetyevo è stato ritardato, una persona anziana cammina con un distintivo Volontario. Noioso, perché non chattare in inglese? La sua espressione è malinconica, calda, ci sono solo libbre e nel buffet solo rubli. Ok, che problema, gli ho portato dell'acqua. Al pensionamento, sto volando ad Astrakhan, insegnerò alle persone a costruire un'impresa. Abbiamo chiacchierato.
      E anche sull'aereo è normale, il ragazzo al posto accanto, amico, non puoi spostare la valigia? Non capisce, è passato all'inglese, ha risposto, è del Sud Africa - un gruista, lavoro all'oleodotto Tengiz-Novorossiysk, uno stipendio di $ 4000 al mese, più un volo per qualsiasi paese in vacanza . Il volontario è stato portato in macchina proprio allo svincolo, senza dogana e controllo passaporti.
      Se sei ad Astrakhan, ti consiglio una bistecca di storione in un ristorante vicino al Cremlino, questo è qualcosa !!!
  6. ombra Офлайн ombra
    ombra 4 può 2021 02: 02
    0
    L'invenzione di un altro qualcuno.
  7. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 4 può 2021 07: 55
    0
    Citazione: Monster_Fat
    Ancora non ho capito dove, in questo caso, il Cremlino "ha nuovamente battuto tutti", dato che tutte queste disposizioni della Convenzione sono controverse e sono interpretate da tutti a proprio favore, e inoltre, l'unica cosa che la Russia può "spingere" contro è per "competenza ecologica" (come l'ora dell'insaccamento / come i belgi giocavano il permesso per l'SP-2).

    Quello era il sarcasmo ...
  8. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 4 può 2021 07: 59
    0
    Citazione: 123
    Perché è necessario il gasdotto Transkasky? L'Europa sta per passare all'energia verde. Quindi lascialo passare.

    Il processo richiederà decenni. Per il periodo di transizione, prendono tutto il gas che è possibile prendere.
  9. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 4 può 2021 08: 12
    0
    Citazione: Bakht
    Ci sono più domande che risposte. Il gasdotto può essere costruito se tecnicamente trainato da Azerbaigian e Turkmenistan. E se c'è una nave posatubi (e tutte le strade per il Caspio passano attraverso la Russia). Ma difficilmente ...

    https://neftegaz.ru/news/transport-and-storage/480357-konsortsium-evropeyskikh-i-kitayskikh-kompaniy-gotov-postroit-transkaspiyskiy-gazoprovod/
    Coloro che desiderano sono lì senza alcuna fortuna, che è russa.
    P.S. Le prestazioni a lungo termine di Gazprom non sembrano davvero buone. Non sarei sorpreso se la sua storia si concludesse con la divisione in più società e la privatizzazione di quelle che portano qualche tipo di profitto, e il liquido illiquido verrà impiccato al bilancio ...
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 4 può 2021 14: 21
      0
      Il tuo collegamento non contiene una base di risorse per il gasdotto. Tutto il gas viene contrattato e venduto. Inoltre, il Turkmenistan sta costruendo i propri impianti di polipropilene.
      Costruire un gasdotto senza una base di risorse? Non è stato per questo che GazProm è stato rimproverato?
      Ovviamente ci sono navi posatubi nel Caspio. Ma non hanno fatto progetti su larga scala. Inoltre trucchi occidentali con certificazione e così via.
      Al momento, Gazprom sta andando bene. Grazie agli sforzi dei parlamentari europei e delle "persone intelligenti" di Ucraina, Polonia e Bulgaria, GazProm sta gradualmente passando alla tariffazione presso l'hub olandese. E se secondo la formula precedente (ancorata al petrolio) mille metri cubi per la Germania costa 170-200 dollari, allora per altri il prezzo sull'hub ha superato i 300 dollari per gli stessi mille metri cubi. E se Gazprom prevedeva un prezzo medio di $ 2021 per il 170, ora lo ha rivisto al rialzo a $ 210. L'anno scorso Gazprom ha subito perdite per 700 miliardi di rubli, ma quest'anno si prevede di realizzare un profitto di 500 miliardi di rubli. E le sue azioni sono aumentate di prezzo sullo sfondo delle piccole riserve di gas in Europa.
      Certo, possono dividere l'azienda. Non vado al Cremlino. Per qualche motivo, non sono invitati. Ma non credo che sarà fatto a breve termine.
  10. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 5 può 2021 09: 07
    0
    Citazione: Bakht
    Il tuo collegamento non contiene una base di risorse per il gasdotto. Tutto il gas viene contrattato e venduto. Inoltre, il Turkmenistan sta costruendo i propri impianti di polipropilene.
    Costruire un gasdotto senza una base di risorse? Non è stato per questo che GazProm è stato rimproverato?

    Questo non è il mio collegamento. Per quanto riguarda la base di risorse, penso che in Europa non ci siano persone cattive sedute e non avvieranno progetti del genere senza una base. A proposito, che tipo di gas passa attraverso il Turkish Stream? Da dove proviene? Viene dall'Asia centrale? Il filo del pensiero è chiaro?
  11. Il commento è stato cancellato