Il rifiuto dell'Ucraina dello Sputnik V lo rende pericoloso per la Russia


La situazione con la diffusione dell'infezione da coronavirus in Ucraina, nonostante le dichiarazioni ottimistiche dei rappresentanti delle sue autorità ufficiali, continua a rimanere difficile e presenta gravi tendenze a un ulteriore deterioramento. Ciò non è da ultimo dovuto al fatto che la vaccinazione della popolazione viene effettuata nel Paese non solo in quantità del tutto insufficienti, ma piuttosto in scarsi volumi, e anche a passo "da lumaca". Gli enormi problemi con la disponibilità di farmaci per la campagna di vaccinazione sono riconosciuti a tutti i livelli, fino al capo dello Stato.


Tuttavia, il capo del ministero della Salute ucraino continua a rilasciare dichiarazioni secondo cui il vaccino Sputnik V, così come qualsiasi altro farmaco di fabbricazione russa, non sarà utilizzato in nessuna circostanza e in nessuna circostanza. Inoltre, dalle sue labbra si sentono affermazioni e accuse assolutamente selvagge contro il nostro paese. In che modo una tale posizione al limite della follia minaccia gli ucraini e perché è importante per la Russia? Proviamo a capirlo.

Da una testa dolorante ...


In verità, il recente post del ministro della Salute ucraino Maksim Stepanov nella tanto amata da tutti i massimi funzionari "no profit" di Facebook, che nella sua forma, che appunto, assomiglia molto più a un'isteria che a un discorso equilibrato. di uno "statista". Più forte di tutti, questo "grido dal cuore" assomiglia a un banale tentativo, come dice la gente, di "passare da una testa malata a una sana". Per qualche motivo, il capo del dipartimento medico, per qualche motivo, invece di una franca storia sui grandi "successi" dei suoi stessi subordinati nella lotta al coronavirus, si accetta di citare un "rapporto del Servizio europeo per l'azione esterna". (SEAE) sulla campagna per screditare vari vaccini ". E chiarisce subito: tutto questo discredito è opera di "maligni del Cremlino", che "non sono abituati a fare il lavaggio del cervello alle grandi masse". Allo stesso tempo, Stepanov fa riferimento a un certo "database EUvsDisinfo" (ovviamente europeo), dove dall'inizio di quest'anno "sono già stati registrati più di 100 casi di disinformazione pro-Cremlino sulla vaccinazione".

Che tipo di casi sono questi, in quello che il loro carattere "pro-Cremlino" è così chiaramente espresso, il funzionario ucraino, naturalmente, tace. A meno che non si permetta l'affermazione delirante che il nostro Paese "abbia versato fango sul farmaco AstraZeneca" (i dubbi più seri sulla cui sicurezza sono stati espressi dai medici di molti Paesi del mondo). Tuttavia, fa immediatamente la conclusione principale: "La Russia sta spingendo il proprio" Sputnik ", promuovendo menzogne ​​su altri vaccini". E mette fine alla domanda: "Non ci sarà mai uno" Sputnik "in Ucraina e senza motivo!" Perché, vedi, questa è la sua "posizione di principio", quella di Stepanov. E tale "rimarrà invariato" nonostante le circostanze.

Alle "circostanze" di fronte alle quali il capo del ministero della Salute "nezalezhnoy" intende fermamente mostrare la stessa "determinazione indistruttibile" sono decine di migliaia di morti dei suoi connazionali, le cui vite sono state reclamate dal coronavirus. E anche il fatto che queste decine di migliaia in un brevissimo, molto presto potrebbero trasformarsi in centinaia. Tuttavia, forse in Ucraina tutto non è così male come sembra? Affatto. Il presidente del paese, Volodymyr Zelenskyy, al suo ritorno da un altro "viaggio europeo" (era vero, a Varsavia, ma a chi e alla Polonia - Europa), iniziò a gemere che l'Ucraina "non avesse ricevuto i vaccini promessi da Partner occidentali ", e dopotutto in questo momento lei" ne ha più bisogno ". È chiaro di cosa c'è bisogno: la campagna di vaccinazione è stata lanciata ufficialmente nel Paese il 24 febbraio, ma in realtà - molto più tardi. Comunque sia, durante tutto questo tempo, secondo i dati ufficiali, sono stati vaccinati poco più di 750mila cittadini. Questo è con una popolazione di 40 milioni, di cui parla Kiev. La vaccinazione viene effettuata principalmente con il farmaco indiano CoviShield. Alla luce dell'attuale quadro di una pandemia nella stessa India, sembra "rassicurante" quanto una "cura spagnola per l'influenza" sarebbe suonata un secolo fa.

A proposito, secondo dati assolutamente accurati, ai dipendenti della stessa polizia ucraina non viene iniettato questo siero dubbio: il CoronaVac cinese viene utilizzato per vaccinarli. Tenendo conto delle realtà ucraine, questo la dice lunga. Si parla anche della presenza nel Paese di un certo numero di dosi di AstraZeneca-SKBio sudcoreana (350-370mila circa) e addirittura di Comirnaty prodotta da Pfizer / BioNTech. Ma questo è già tutto - dal campo delle voci e delle ipotesi. Di regola, meno di mille persone ricevono le vaccinazioni al giorno, in alcuni giorni non vengono somministrate affatto e il numero di coloro che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino non arriva nemmeno a un centinaio e mezzo in tutto il paese!

Invece di un vaccino efficace - "Svidomo"


Solo il 30 aprile nel Paese sono stati rilevati più di 8mila nuovi casi di coronavirus - e allo stesso tempo, il 2 maggio, durante l'intero weekend di Pasqua, sono state effettuate solo 177 vaccinazioni - meno di mille. In 10 regioni del paese, non è stata vaccinata nemmeno una persona. Fantastica disattenzione, al limite del crimine. Da sempre, secondo dati ufficiali, più di 2 milioni di persone sono state ammalate di coronavirus in Ucraina, circa 45mila ucraini sono morti per infezione. Tuttavia, queste cifre possono corrispondere alla verità in misura molto piccola: i dati di un sondaggio condotto dall'Istituto internazionale di sociologia di Kiev ci consentono di concludere che il numero reale di persone infette (comprese quelle che portano la malattia in modo asintomatico o che non cercare assistenza medica) può essere raddoppiato e quindi tre volte di più. Tuttavia, anche la situazione attuale può sembrare ancora abbastanza favorevole rispetto a ciò che attende l'Ucraina nel prossimo futuro. Ci sono diverse ragioni per questo.

In primo luogo, i suoi cittadini in numero abbastanza elevato si sono precipitati alle vacanze di maggio in Turchia, che è estremamente sfavorevole in termini di epidemiologia, a differenza dei russi, per i quali questo percorso è stato prudentemente chiuso. In secondo luogo, i problemi con il più pericoloso ad oggi, il ceppo "indiano" di coronavirus, il Paese è garantito, anzi, nemmeno dai turisti, ma da centinaia di migliaia di "lavoratori migranti" che fanno continuamente il giro dell'Europa dell'Est (in primis la Polonia) e le loro terre native. Le epidemie "indiane" sono già state registrate ufficialmente in almeno due città polacche: Varsavia e Katowice. La sua apparizione in massa nel "nezalezhnoy" è solo questione di tempo. A confermarlo sono i dati ufficiali del Servizio di frontiera statale dell'Ucraina, secondo cui, solo nei primi 3 mesi di quest'anno, un milione e mezzo di ucraini ha attraversato il confine polacco in entrambe le direzioni. Ora, con l'inizio dei lavori agricoli, questo flusso è aumentato in modo significativo.

Il ceppo “indiano” del coronavirus, tra l'altro, “bypassa” gli anticorpi acquisiti da chi aveva avuto la malattia in precedenza. Indian CoviShield non è efficace contro di lui. E cosa stanno facendo le autorità ucraine sullo sfondo di tutto questo? Invece di una vera soluzione ai problemi della vaccinazione dei propri cittadini con farmaci normali, stanno cercando di calmarli con storie "spiritualmente edificanti" e "patriottiche" sulla creazione di "droghe nazionali"! È stato con una tale dichiarazione che il segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell'Ucraina Oleksiy Danilov, noto per le sue idee, per usare un eufemismo, controverse (come l'introduzione del "non fiscale" come lingua inglese dello stato ), è uscito l'altro giorno. Secondo lui, "esistono già tre prototipi di vaccini anti-coronavirus sviluppati da diversi gruppi di scienziati ucraini". Per un completo successo, non c'è abbastanza "mera sciocchezza" - un laboratorio con una classe di protezione di almeno BSL-3, in cui sarebbe possibile iniziare e terminare le sperimentazioni cliniche di questi farmaci.

Sai, questi discorsi sui "prototipi" ricordano molto il caso in cui a una delle fiere internazionali di armi la preoccupazione "Ukroboronprom" collocava al suo stand ... "un modello di missile ipersonico ucraino". Mahhhhhhhhhh, cartone. Ma ipersonico! Non molto tempo fa, lo stesso ministro della Salute Stepanov ha onestamente ammesso che oggi l'Ucraina è completamente incapace di organizzare la produzione del proprio vaccino - almeno a causa dell'assenza di tutti gli stessi laboratori, ma, soprattutto, a causa del fatto che la sua intera industria farmacologica è da tempo situata in mani private. Secondo lui, "il governo prevede di stanziare 100 milioni di grivnie al bilancio per il prossimo anno" (270 milioni di rubli) per la creazione di un "bio-cluster" - la modernizzazione dei laboratori, la formazione del personale scientifico, che sarà un passo verso lo sviluppo e la produzione dei propri vaccini. Finora solo pianificazione ...

Per confronto - lo sviluppo di un solo "Sputnik V" (in presenza di laboratori e scienziati di altissima classe), secondo il direttore del Centro scientifico. Gamaleya di Alexander Gintsburg è costata un miliardo e mezzo (!) Di rubli. Le parole di Stepanov secondo cui "con un po 'di fortuna" l'Ucraina potrà iniziare a produrre i propri vaccini contro il coronavirus "tra un anno e mezzo o due" non sono altro che un altro chiacchiericcio "patriottico", irresponsabile e immorale - sullo sfondo dei suoi attacchi a La Russia e il rifiuto categorico dei farmaci che produce. Il numero di paesi che si sono registrati ufficialmente e utilizzano in modo massiccio lo Sputnik V russo cresce quasi ogni giorno. E se Kiev non è convinta dall'esempio della stessa India o delle Filippine, allora potrebbero ascoltare l'opinione di un'Europa tanto adorata. In Ungheria, ad esempio, il nostro farmaco è stato riconosciuto come il più efficace e più sicuro - e questo si basa proprio sui risultati della vaccinazione di massa con loro. Tuttavia, la Kiev ufficiale preferisce implorare umilmente una medicina salvavita dai "partner occidentali" che non se ne accorgono, dimostrando la sua disponibilità a sacrificare un numero qualsiasi di vite ucraine per il bene della propria russofobia e seguendo gli ordini dall'altra parte dell'oceano.

Va ricordato che secondo i dati del Servizio di frontiera statale ucraino, che ho citato in precedenza, circa 320mila cittadini della “non ferrovia” da gennaio a marzo 2021 hanno attraversato anche il confine russo - in entrambe, ancora, le direzioni . Per l'ingresso in massa nel nostro Paese di portatori dei ceppi più aggressivi di coronavirus importati dall'Europa o dalla stessa Turchia, una quantità molto inferiore è più che sufficiente. Spero che Kiev riacquisti i sensi, veda la luce e metta la vita e la salute dei suoi cittadini al di sopra di ogni meschino politico gli interessi non sono necessari. Di conseguenza, è probabile che la situazione epidemiologica nel paese possa solo peggiorare. Con questo in mente, le autorità e le strutture russe competenti devono prendere le misure appropriate oggi.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Online Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 6 può 2021 10: 30
    -1
    Gli ucraini non sono locuste, quindi in assenza di elaborazione, si moltiplicano e volano oltre il confine. chiuderà il messaggio per la durata della quarantena.
  2. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 6 può 2021 11: 32
    0
    1) In qualche modo strano qui si sono allarmati.
    L'anno scorso, durante la sua stagione calda - da maggio a ottobre, i cittadini russi hanno visitato massicciamente la Crimea, che è stata annessa alla Russia nel 2014; lì, in Crimea, sono arrivati ​​i cittadini dell'Ucraina, che considera la penisola come se fosse la sua. Lì, questi "cittadini internazionali" avevano contatti di ogni tipo, scambiandosi covid, e poi sono tornati ai loro appartamenti sovrani, aumentando l'incidenza.
    E cosa hanno pensato tutti i consumatori russi e le altre ispezioni? Popova, Golikova, aahuuuuuu!

    2) Nella mia umile convinzione, tutte queste misure come le vaccinazioni, per non parlare di museruole e guanti, non danno assolutamente nulla per fermare l'epidemia. La mandria dovrebbe ammalarsi (qualunque cosa, asintomatica, in una forma da lieve a moderata, ecc.), I vecchi e i deboli moriranno (possa Dio lenire le loro anime!), I più forti sfonderanno ... e dopo un mentre il covid si trasformerà in una normale malattia stagionale ...

    3)
    Per confronto - lo sviluppo di un solo "Sputnik V" (in presenza di laboratori e scienziati di altissima classe), secondo il direttore del Centro scientifico. Gamaleya di Alexander Gintsburg è costata un miliardo e mezzo (!) Di rubli.

    Sì Sì esattamente. E ho anche sentito che un certo fondo di private equity era coinvolto nello sviluppo del vaccino Sputnik B, in cui lavora una certa Katerina Tikhonova. Questo può spiegare una registrazione così rapida (per gli standard russi) dello Sputnik nell'ospite degli organi di ispezione e controllo russi.
    Finalmente, ora, all'inizio di maggio, solo lo Sputnik B è vaccinato in tutte le cliniche pubbliche e private russe. I restanti due vaccini di fabbricazione russa sono semplicemente bloccati e non arriveranno in quantità limitate molto presto, quando la stragrande maggioranza di coloro che desiderano essere vaccinati, così come i gruppi a rischio (medici, persone di età superiore ai 60 anni), l'esercito, la polizia, il Ministero delle situazioni di emergenza, la Guardia nazionale e altri UFSin saranno già vaccinati dallo Sputnik.

    4) "Cari russi" non hanno praticamente scelta di vaccini. Puoi leggere solo su vari pfizer moderni e altri zenec su Internet.

    5) Una cosa piace: contrariamente alla millenaria tradizione russa, non puoi vaccinarti affatto e con calma, arroganza, sputare su questo pasticcio covido-demoniaco: ((.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 può 2021 11: 42
    +1
    Ancora una volta, c'è qualcosa in Ucraina ...
    Belarusia ha sputato sulla corona per un anno intero, in India bruciano falò e non statue ...
    Dai all'Ucraina ...
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 6 può 2021 14: 02
      -1
      Cittadino! È necessario adottare un approccio differenziato e completo a questo argomento!

      1) Di recente, il signor Peskov (l'addetto stampa di una persona troppo nota per essere chiamata invano) è stato completamente vittima di bullismo da parte di giornalisti disonesti: non crede, signor Good, che lo stipendio medio in Russia sia 51 mille rubli (~ $ 700) troppo poco per una vita normale? Dopotutto, ex amici sovietici e persino 4 membri dell'Unione (Repubblica Ceca, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia) hanno uno stipendio medio di $ 1200-1400! Il signor Peskov ha risposto che quest'anno la Russia lavorerà sulla questione dell'aumento del suo stipendio medio.
      E poi ha annuito in modo significativo, il che in molti paesi è anche peggio che in Russia. E gli credo volentieri. Perché so che in Algeria lo stipendio medio è di 273 dollari, quindi la Russia "ha spazio per crescere".

      2) Bielorussia, Bielorussia ...

      Questo, ovviamente, è il figlio del cane, ma questo è il figlio del nostro cane.

      Dal 1933 al 1945, il 32 ° presidente è stato negli Stati Uniti: Franklin Delano Roosevelt. E alcuni memorialisti americani sottolineano che è così che ha parlato del dittatore del Nicaragua, Anastasio Somoza Sr.

      3) India, l'India è un bellissimo paese ...
      E con gli indiani è necessario stare molto attenti: a volte comprano armi russe; anche se lo ammetto, lo affittano a rate dal KGBE, e la Russia poi cancella silenziosamente questi debiti di miliardi di dollari nei loro confronti. Ma l'India è come un nostro amico, come la Cina. Come in URSS, lo era Cuba, ma ora sputano su Cuba. Ma l'India è contro i maledetti colonialisti britannici e gli imperialisti americani tre volte maledetti! Pertanto, è generalmente impossibile scrivere sugli incendi della congrega indiana, in alcun modo. Infine, ce ne sono circa un miliardo e mezzo. Immagina: sulla Terra, ogni quinto è indiano e ogni quarto è cinese.
      Ma abbiamo le parentesi graffe. Ma non puoi nemmeno guardare con sospetto gli indiani e i cinesi, poi lo capiranno male, Zakharova scuserà per sei mesi.

      Questa è la sottigliezza diplomatica.
  4. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 6 può 2021 15: 07
    +2
    i suoi cittadini in numero sufficientemente elevato si sono precipitati per le vacanze di maggio in Turchia, cosa estremamente sfavorevole dal punto di vista epidemiologico, a differenza dei russi, per i quali questo percorso è stato prudentemente chiuso.

    aaaaaahhhhhhhhaaaaaaahhhhhhhhhaaaaaaaaaaaaahhhhhhhaaaaaahhhhaaaa .................................

    Il XNUMX ° agosto dello scorso ventesimo anno, la Russia ha aperto le comunicazioni aeree con ben tre paesi: Gran Bretagna, Turchia e Tanzania.

    V. La Gran Bretagna è stata scelta "su richiesta" di alcuni cittadini russi, che i loro poveri concittadini chiamano "sacchi di denaro". I "sacchi" - nella nebbiosa Albion, la loro cara proprietà immobiliare, acquistata con "sciocchezze" rubata ai "cari russi" negli ultimi 30 anni.

    Quello che spiega la scelta della Tanzania, lo trovo difficile da spiegare. Probabilmente la presenza di tali malattie esotiche che non vengono trattate in Russia. Dalla parola "in generale".

    E con la Turchia, l'anno scorso è successo tutto meravigliosamente: con l'amico Recep hanno macinato tutto, quasi in modo correlato. E decine di aerei volarono per il covid turco.
    Ma ora "l'amico Recep" è completamente peggiorato: ha incontrato il clown clown Ze e ha detto che la Crimea non sarebbe mai stata riconosciuta come russa, e l'Ucraina sarebbe molto più sicura se aderisse alla NATO.
    Questa è la sua essenza: ha risposto con uno spregevole! E ancora: un coltello nella schiena! Là, sul retro e in basso, non c'è più spazio da vivere! E posso vedere come il presidente russo appena annullato dia l'ordine di punire l'irragionevole Recep dall'assenza di turisti russi.
    Solo a me sembra che nell'arco di tempo saranno soprattutto le agenzie di viaggio russe, a raccogliere molti soldi "in Turchia". E attraverso Minsk, probabilmente puoi ancora volare in tutti gli angoli del mondo, nella stessa covida Turchia, e da Mosca a Minsk, come a San Pietroburgo, più o meno 700 km.
    Ma per i ricchi, che sono disponibili in Russia, ci sono charter dove puoi scaricare assolutamente tutto, fino a dozzine di ragazze escort. Ancora una volta, i jet da lavoro personali sono salpati per molto tempo.
    Pertanto, la "chiusura della Turchia" mi ricorda personalmente uno sputo in direzione di un forte vento.
  5. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 8 può 2021 13: 40
    +1
    sviluppo di un solo "Sputnik V" (in presenza di laboratori e scienziati della classe più alta), secondo il direttore del Centro Scientifico. Gamalei di Alexander Gunzburg, costa un miliardo e mezzo (!) di rubli.

    Ho letto la biografia dell'accademico Gunzburg: è nato nel 1951, si è laureato alla Facoltà di Biologia e Suolo (!!!), è diventato microbiologo, uno scienziato di fama mondiale, a capo di un centro scientifico che ha creato un vaccino che salva vite.
    Sarebbe uno scherzo se il compagno Stalin, così ardentemente adorato dall'autore dell'opera Neukropny, con il pretesto di combattere cosmopoliti senza radici e dottori-parassiti-avvelenatori, bagnasse chiunque il cui cognome finisse in -burg, -man e -stein . E il futuro accademico Gunzburg, il futuro salvatore del popolo russo dal maledetto Covid-1951, non sarebbe nato nel 19.
    Di cosa scriverebbe quindi Necropny con un simile tocco?

    PS A mio modesto parere, tutti gli articoli qui sono inventati proprio secondo questo principio: "se solo, se solo", e anche ipoteticamente, e anche al futuro o in una forma imperfetta del verbo. E suppongo di poter anche scrivere qualcosa in uno stile simile.