Perché il Giorno della Vittoria è nostro e solo nostro


Il 9 maggio, come di consueto, insieme a pubblicazioni più che opportune nel prossimo anniversario della Grande Vittoria, dedicate all'impresa compiuta dal popolo sovietico e ai colossali sacrifici che furono da loro portati sull'altare per salvare l'umanità dall'orribile male del nazismo, appariranno sicuramente nello spazio informativo russo - straniero), spettacoli di un tipo completamente diverso.


Uno degli argomenti più amati da chi alza la mano al sacro è la questione che la celebrazione del Giorno della Vittoria a Mosca negli ultimi anni ha raccolto sempre meno "ospiti stranieri" tra i nostri presunti "alleati" in quella guerra. Si traggono, quindi, conclusioni di ampia portata - riguardo all '"isolamento internazionale della Russia", al punto che i "rappresentanti della comunità mondiale" non desiderano più condividere con essa le celebrazioni, che sono senza dubbio le principali e più significative per il nostro Paese. . E qui sorge la domanda: "Dovremmo condividere il nostro Giorno della Vittoria con qualcuno ?!" C'è anche il minimo motivo per questo? E non è ora, finalmente, di porre fine a questa domanda, per privare una volta per tutte i calunniatori e i provocatori delle ragioni della calunnia?

La vittoria ha mille padri ...


Le conversazioni più diplomaticamente e trattenute possono essere chiamate una goccia di veleno, che alcuni individui e forze semplicemente non possono fare a meno di provare a riversare nelle menti e nei cuori dei nostri compatrioti in questa vera festa nazionale. Tuttavia, Vladimir Putin, senza osare, ha definito tali tentativi "speculazioni disgustose sulla vittoria" e qui non si può descrivere meglio. Secondo le informazioni disponibili, è già stato presentato alla Duma di Stato un disegno di legge che introduce il divieto di negare il ruolo decisivo dell'Unione Sovietica nella vittoria sulla Germania nazista. Bene, meglio più tardi che mai.

Tuttavia, per comprendere tutta la giustizia e la necessità di questa decisione, prima è necessario sbarazzarsi di un intero mucchio di miti storici e assurdità accumulati nella coscienza pubblica. Compresi, ahimè, e gli sforzi di storici domestici e figure culturali abbastanza coscienziosi, principalmente del periodo sovietico. E, prima di tutto, abbandonare il postulato che la Grande Guerra Patriottica sia stata uno scontro tra URSS e Germania nazista, instillato in noi, come si suol dire, "fin da piccoli". Bene, o se prendiamo un po 'più in là - gli stati che facevano parte della coalizione anti-Hitler e i "paesi dell'Asse - cioè i satelliti del Terzo Reich". Fino a quando l'amara e vergognosa verità su chi era veramente il cui alleato e compagno d'armi in quella grande guerra non sarà annunciata al mondo intero, continueremo a vagare nel labirinto dei cliché muschiosi e delle delusioni, benefiche, in primo luogo, nemici del nostro paese. Stiamo già pagando troppo per la nostra adesione a questa "spazzatura storica" ​​- forse è ora di sbarazzarcene completamente.

È grazie alla percezione estremamente primitiva della Seconda Guerra Mondiale e della Grande Guerra Patriottica, comprimendole in squallidi schemi che raggiungono il puerile "nostro contro i tedeschi" in Occidente oggi che stanno cercando di cambiare le cose in modo tale che è l'Europa "che ha combattuto non risparmiandosi contro le orde naziste" per tutto questo tempo è stato quasi un alleato dei nazisti, concludendo ogni sorta di "patti Ribbentrop-Molotov" e solo allora, avendo pagato duramente i propri errori, è stato costretto a entrare in guerra con il Terzo Reich. E se è così, allora entrambi questi stati possono essere facilmente "messi sullo stesso livello", trasformandoli nei colpevoli della seconda guerra mondiale e cancellandoli dal numero dei suoi vincitori. Ebbene, giustamente, era necessario ascoltare con favore i racconti sugli "alleati", "il ruolo del Secondo Fronte", la "resistenza" europea e gli "antifascisti" più a lungo, e persino sostenerli in ogni modo possibile. Solo ora stiamo arrivando a valutare finalmente veramente e oggettivamente tutte queste cose. Bene, veniamo al punto ...


Parliamo prima di tutto della Coalizione. Al momento della sua creazione, il blocco anti-hitler comprendeva 26 stati. Hanno effettivamente combattuto contro il Terzo Reich ... due di loro: l'URSS e la Gran Bretagna! Sì, la Coalizione comprendeva anche Stati Uniti, Cina, domini britannici (come India, Australia, Nuova Zelanda e altri), un certo numero di paesi in Africa e Sud America ... Tuttavia, alla fine della seconda guerra mondiale, il I tedeschi erano “contrari” (cioè dichiararono ufficialmente guerra alla Germania) già 53 paesi! Da dove viene così tanto? Tutto è molto semplice: i suoi alleati di ieri, come Finlandia, Bulgaria, Ungheria, Romania e persino Italia, si sono rivoltati contro il Terzo Reich. Li classificheremo come "vincitori del nazismo" e li inviteremo alla parata ?! La frase "La vittoria ha mille padri e solo la sconfitta è sempre orfana" è attribuita al presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy, ma qualcosa di simile fu pronunciato da Tacito ai tempi dell'antica Roma. Le persone non cambiano…

La vera guerra è iniziata in Russia


Parlando di "resistenza disperata ai nazisti", gli storici europei mentono semplicemente senza arrossire. Solo la Norvegia, con la quale la Wehrmacht aveva trascorso due mesi prima della sua resa definitiva, ha cercato di raffigurare qualcosa di più o meno simile a quello. Tuttavia, ciò era dovuto esclusivamente al fatto che gli inglesi intervennero lì e alle specificità geografiche di questo paese settentrionale. Le principali "forze" dell'esercito norvegese, secondo la valutazione oggettiva degli storici, la Wehrmacht sconfisse in 24 ore ... la Francia "resistette" per un mese, che, vista la presenza delle sue forze armate più forti del continente a quella volta, era generalmente una pura vergogna. Non c'è bisogno di parlare del resto dei "guerrieri": la Polonia è stata sconfitta in 27 giorni, la Grecia si è arresa in 24 giorni, la Jugoslavia - in 11. E questi sono ancora "campioni". I belgi "resistettero" all'invasione per 8 giorni, gli olandesi - 7. Il Lussemburgo si arrese in un giorno, la Danimarca "combatté" per 6 ore ... Ebbene, c'erano anche i cechi che non hanno nemmeno scosso la barca davanti a Hitler.

Gli avamposti di confine dell'URSS, la cui soppressione in "Barbarossa" era di 40 minuti, resistettero alcuni per settimane, altri addirittura per mesi. Cioè, più lungo di interi paesi europei. Sì, la Wehrmacht ha subito perdite durante tutte le operazioni di cui sopra. Ma cosa erano? Possiamo ricavare i dati esatti dalle statistiche tenute dall'Ufficio centrale per la registrazione delle perdite delle forze armate, che operava sotto lo Stato maggiore dell'Alto Comando supremo delle forze armate tedesche. L'intera "guerra" in Europa, dal primo all'ultimo colpo, è costata alla Wehrmacht e alla SS 94mila morti, 143mila feriti e 24mila dispersi.

Per fare un confronto: il primissimo giorno della Grande Guerra Patriottica, le perdite irrecuperabili degli invasori ammontarono a 23 mila persone! Meno di un mese dopo lo scoppio delle ostilità contro l'URSS - a metà luglio 1941, questa cifra era già stimata a 100 mila. Il flusso di bare dall'Est al Terzo Reich era così potente e inesauribile che lo stesso Adolf Hitler, parlando al Reichstag nel dicembre 1941, fu costretto ad ammettere che durante la guerra con l'Unione Sovietica, l'esercito tedesco ne perse solo più di 162 migliaia di persone uccise. Insieme ai feriti e ai dispersi, la cifra ha raggiunto più di 767mila persone. Qui si dovrebbero fare due digressioni. In primo luogo, la stragrande maggioranza sia degli esperti militari che degli storici in un secondo momento considerò questi dati come sottovalutati senza Dio (gli americani sostenevano che durante questo periodo solo il numero dei nazisti uccisi superava le 1 persone). In secondo luogo, il Führer, senza dubbio, nel suo discorso ha menzionato solo i "veri ariani", e non sono stati solo loro ad attaccare la nostra Patria, di cui parleremo in dettaglio più avanti.

Secondo dati un po 'più accurati, le forze di terra tedesche che operavano sul fronte orientale, all'inizio dell'agosto 1942, avevano perso circa il 45% del loro personale. E ancora una cosa ... Non importa quanti tedeschi siano morti durante l'occupazione dei paesi europei prima dell'invasione dell'URSS, i ranghi della Wehrmacht e delle SS erano più che riforniti di residenti di questi stessi paesi! Un paragone specifico: secondo il già citato Ufficio centrale, nel processo di cattura di Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo, oltre alla sconfitta del corpo di spedizione britannico, le truppe tedesche hanno perso più di 45mila persone uccise. Quindi - dopo la fine della Grande Guerra Patriottica c'erano in cattività sovietica: i francesi - più di 23mila, gli olandesi - più di 4.7mila, i belgi - più di 2mila, i lussemburghesi - più di 1600. Ma questi sono solo prigionieri!

"Alleati" e "sofferenti"


Insieme alla Germania nazista, anche l'Italia, l'Ungheria e la Romania dichiararono guerra all'Unione Sovietica nel giugno 1941. Slovacchia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Croazia, Spagna si sono ufficialmente opposte a noi. I loro guerrieri calpestarono la nostra terra, bruciarono, uccisero, saccheggiarono. E poi questo pubblico "si è mosso senza intoppi" nel campo di "coloro che hanno combattuto contro il Terzo Reich", dichiarando rapidamente guerra al rettile nazista già morente, letteralmente negli ultimi giorni della sua vile esistenza. C'erano anche quelli che non si opponevano ufficialmente all'Unione Sovietica. Successivamente, hanno lamentato molto forte (e si lamentano ancora oggi) per gli "orrori dell'occupazione di Hitler", e alcuni di questi paesi, come la Francia, sono anche riusciti a "aggrapparsi" ai vincitori. Ma che dire del fatto che tutti questi "non combattenti" hanno fornito, rifornito e pagato con la massima diligenza la campagna della Wehrmacht in Oriente, assumendosi così, anche se indirettamente, la responsabilità dei crimini sanguinosi che gli invasori hanno commesso sul suolo sovietico, nella distruzione? delle nostre città e si è seduto, uccidendo i sovietici ?! Questo argomento è enorme e, sfortunatamente, è ancora trattato in modo estremamente limitato. Cercherò di limitarmi alle cifre più specifiche per dare il quadro più completo possibile del contributo dell '"Europa unita" alle atrocità naziste.

Chiudendo l'argomento della partecipazione personale alla campagna contro l'URSS da parte degli alleati del Terzo Reich, permettetemi di ricordarvi che il 22 giugno 1941, un soldato su cinque che ha invaso la nostra terra non era tedesco. Nel secondo mese di guerra, il numero delle truppe alleate tedesche sul fronte orientale era aumentato al 30%. Tuttavia, per quanto riguarda le armi e l'equipaggiamento materiale e tecnico dell'esercito d'invasione, ci sono dati molto più eloquenti. Un'arma, senza problemi catturata dalla Wehrmacht in Europa "in marcia", basterebbe per equipaggiare 200 divisioni! In particolare, si tratta dell'armamento di 92 divisioni francesi, 30 ceche, 22 belghe.

Tuttavia, questo è proprio ciò che i tedeschi hanno ottenuto sani e salvi nei magazzini e negli arsenali, che nessuno pensava di far saltare o distruggere in altro modo (valori materiali dopo tutto). E che dire di quei milioni di armi, attrezzatura, munizioni ed equipaggiamento, che letteralmente tutta l'Europa stava timbrando assiduamente e diligentemente per Hitler? 90 divisioni della Wehrmacht viaggiavano esclusivamente con veicoli stranieri. Solo la Repubblica Ceca e la Francia hanno rifornito le orde corazzate con 10mila carri armati e cannoni semoventi. Centinaia di imprese in Francia, Belgio, Olanda, Repubblica Ceca, Austria e altri paesi hanno arato senza fiato per la "Grande Germania" e il suo esercito. A loro scorrevano materie prime provenienti da molti stati, compresi quelli considerati "neutri".

Il Centro per i militari economia A partire dalla primavera del 1944, il contributo del Terzo Reich ad esso direttamente da parte di tutti i paesi europei ammontava a oltre 81 miliardi di Reichsmark! Solo la Repubblica Ceca "ha fatto di tutto" con rifornimenti militari, stimati in quasi 14 miliardi di Reichsmark. Il numero di lavoratori stranieri che lavoravano in imprese puramente militari a beneficio del Reich al momento dell'attacco all'URSS superava i 3 milioni di persone. La Francia "occupata" e "resistente" ha coscienziosamente "sciolto" 20-25 milioni di marchi del Reich per il mantenimento dei propri occupanti ogni giorno! Ci sono molte altre cifre e statistiche di questo tipo. Tuttavia, ciò che è stato detto sopra è più che sufficiente per trarre una conclusione: la Grande Guerra Patriottica e la Seconda Guerra Mondiale furono vinte anche dall'Unione Sovietica. Il popolo sovietico ha vinto! E il punto ...

Questo è il nostro giorno della vittoria - e solo il nostro. Gioioso, amaro, unico e il giorno più importante. È nelle nostre vene che scorre il sangue dei veri vincitori, e sarebbe una bestemmia "condividere" con qualcuno il nostro orgoglio e la gloria dei nostri antenati. Soprattutto quando parliamo di rappresentanti di quei paesi che, in generale, avrebbero dovuto comunicare con il nostro popolo solo sotto forma di pentimento. Lo stesso si può dire delle ex "repubbliche fraterne", dove oggi l'impresa dei soldati della Grande Guerra Patriottica a livello ufficiale è consegnata all'oblio e al calpestio. Siamo obbligati a preservare la nostra memoria e la vittoria dei nostri gloriosi antenati per secoli, ma incontaminati da coloro che non l'hanno mai avuta e non hanno nulla a che fare con essa.

Buon giorno della vittoria!
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 9 può 2021 09: 54
    +1
    Congratulazioni a tutti i cui antenati davanti e dietro hanno forgiato la Grande Vittoria!
    1. Wolter Офлайн Wolter
      Wolter (Walter) 10 può 2021 15: 32
      -1
      Aha! Più di un terzo dell'esercito sovietico erano ucraini, ma Vlasov fu forgiato VITTORIA.))))
  2. Dukhskrepny Офлайн Dukhskrepny
    Dukhskrepny (VA) 9 può 2021 09: 58
    +3
    Gloria all'URSS!
  3. I Serabons hanno storto le gambe per un periodo piuttosto lungo, fino all'età di 43 anni.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 9 può 2021 12: 13
    +2
    Beh, mi è piaciuto molto! Tatyana Montyan, tuttavia, mantenne la sua promessa: andò da Kiev a Donetsk al reggimento immortale e vi camminò con un ritratto del nonno di Zelenskyj. Il nonno ha combattuto molto degnamente, e il nipote fa schifo nella sua memoria.
    Come uela! https://t.me/c/1076431027/4766
  5. Il commento è stato cancellato