La "carta forte" di Biden - basi militari statunitensi in Ucraina


Continuiamo ad analizzare i miti e le leggende associati al progetto americano chiamato "Ucraina". L'ultima volta abbiamo analizzato il mitologema associato al significato "fatidico" di Nord Stream 2 per la Russia nel contesto del suo brillante futuro, che è radicato nelle menti della maggior parte dei russi. Abbiamo scoperto che questo valore è chiaramente esagerato in termini di costi di costruzione e di insostituibilità in termini di fornitura dei nostri idrocarburi all'Europa. Il progetto è piuttosto politico personaggio. La Germania e l'Ucraina sono più interessate (la prima al suo lancio di successo, la seconda all'esatto opposto).


Per noi, questa è una questione di onore e prestigio politico, anche se l'istituzione di una stretta economico Anche i legami con la RFT sono nei nostri piani, così come l'esclusione dell'Ucraina da questa catena, come elemento di pressione su di essa, ma possiamo adempiere ai nostri obblighi contrattuali nei confronti dell'UE di fornirle il nostro carburante blu senza SP-2. Per i nostri “partner” giurati all'estero, questo progetto è diventato un elemento di contrattazione e di pressione su di noi. Come finirà tutto, vedremo nel prossimo futuro (non racconterò più l'articolo, chi lo desidera può passare attraverso collegamento e leggilo tu stesso).

Oggi sfateremo un'altra mitologia che si è sviluppata intorno all'Ucraina. Parliamo della sua possibile adesione alla NATO, che ci spaventa dal 2004. Scopriamo com'è possibile e se questo è un diavolo così terribile, mentre stanno cercando di ritrarlo a noi, e di cosa abbiamo davvero bisogno di aver paura.

Nessuna NATO brilla per l'Ucraina


Spero che tutti qui abbiano abbastanza immaginazione per capire che nessuna NATO nei prossimi 120 anni minaccerà l'Ucraina con una probabilità del 120%. E niente affatto perché questo pseudo-stato ha un conflitto territoriale irrisolto con la Federazione Russa (e non sto parlando del Donbass ora, ma della Crimea, che non sarà mai più ucraina, spero, almeno nessuno ha dubbi di questo?), ma perché nessun membro della NATO, compresi gli Stati Uniti, sorride di essere coinvolto in un conflitto armato con una potenza nucleare come la Federazione Russa (e sarà inevitabile se la NATO oltrepasserà questa linea rossa indicata da il Cremlino). Pertanto, questo problema può essere chiuso, una volta per tutte. La NATO è una favola su un "toro bianco" o, se preferite, una carota per asino, che viene data in pasto alla popolazione locale dal suo ristretto governo locale. A proposito, non tutta la popolazione locale è disposta a farlo, e ancor meno lo vuole. Solo un terzo della popolazione di Nezalezhnaya dorme e si vede nella NATO, lo stesso numero di persone si vede in un'alleanza militare con la Federazione Russa e circa lo stesso numero di persone sostiene uno status di non blocco dell'Ucraina, seguendo l'esempio della Finlandia. Sembrerebbe che la questione possa essere chiusa e dimenticata per sempre? Ma se solo fosse così semplice.

Non molto tempo fa (16 aprile), il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky si è recato in visita in Francia, dove ha incontrato la sua controparte e pari francese Emmanuel Macron. Abbiamo parlato di questo e di quello. Tutto è finito, come al solito, con niente. Perchè me lo chiedi? Perché, nonostante entrambi i presidenti abbiano 43 anni, uno di loro si è rivelato essere Loch e l'altro Not Loch. Chi di loro è chi, decide da solo, ma quello che è francese non risponde al soprannome di Loch, e quello che è ucraino ha proprio questo piatto sulle pareti del suo ufficio (gli "shanuvalnik" locali hanno fatto del loro meglio ).

Alla vigilia della prevista visita, in un'intervista al quotidiano Telegraph, Zelenskiy ha affermato che "solo l'adesione dell'Ucraina alla NATO può garantire sicurezza e pace a lungo termine" e che l'Ucraina, a suo avviso, ha a lungo "meritato" il diritto lasciare la "sala d'attesa" dell'UE e della NATO. Come scrive all'incontro il francese L'Opinion, Emmanuel Macron "ha lasciato questo argomento incustodito", evitando delicatamente la discussione su questo tema. L'amministrazione del capo della 5a repubblica ha precisato che una “questione così delicata” dovrebbe essere discussa non dietro le quinte, ma collettivamente al vertice dell'Alleanza del Nord Atlantico (il prossimo è previsto per giugno). In precedenza, lo stesso era stato espresso dal segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki, il quale ha affermato che la decisione in merito è presa da tutti i membri dell'Alleanza del Nord Atlantico, e non solo da Washington. Ulrike Demmer, portavoce del governo tedesco, è stato ancora più deciso: “L'Ucraina ha il diritto di scegliere liberamente le proprie strade politiche. Tuttavia, al momento non sono previsti ulteriori passi verso l'adesione [dell'Ucraina alla NATO]. "

Ebbene, il funerale del progetto "Ucraina" è stato concluso dall'ex vice comandante della NATO in Europa, il generale britannico Richard Shirreff, autore del sensazionale libro "2017: War with Russia", che proprio di recente ha affermato quanto segue:

Sono contrario a tutto ciò che può far riflettere l'Ucraina sulla reale possibilità di adesione alla NATO. Credo che la promessa di ammettere l'Ucraina nella NATO nel 2008 al vertice di Bucarest sia stato un errore strategico. L'adesione alla NATO è una garanzia di sicurezza collettiva. L'Ucraina è già stata vittima di un attacco separatista sostenuto dalla Russia. L'adesione alla NATO significherebbe la partecipazione dell'alleanza al confronto con loro. Inoltre, se la NATO prende sul serio la sicurezza collettiva, significherebbe schierare truppe in Ucraina e la volontà di difenderla in caso di attacco russo. Non credo sia politicamente possibile schierare truppe NATO in Ucraina. Anche perché la Russia ha tutte le possibilità di attaccare da breve distanza, questo sarebbe diverso per la NATO. Non credo che la solidarietà della NATO sopravviverebbe all'adesione dell'Ucraina e alle richieste di sicurezza collettiva.

Allo stesso tempo, è molto difficile sospettare un generale britannico in simpatia per la Federazione Russa e il suo presidente, guarda solo le cose. Ciò non gli impedisce di chiedere di segnare chiaramente le linee rosse per Putin e di tenerlo al guinzaglio, dimostrando una determinazione indistruttibile in risposta al dimostrativo accumulo di truppe russe al confine con l'Ucraina:

Putin vuole dimostrare di avere un grande club ed è pronto a usarlo. L'Occidente deve assolutamente prenderne atto. Ho sentito molte chiacchiere vuote sull'appartenenza dell'Ucraina alla NATO e io lo sconsiglio vivamente. Credo che questo renderebbe inevitabile una guerra tra Russia e NATO. Ma questo non esclude una dimostrazione di sostegno all'Ucraina e di solidarietà a livello bilaterale, assistenza nello sviluppo delle proprie capacità. Va ricordato che la Russia rispetta la forza. Questo è ciò che disse Churchill quando si occupò di Stalin durante la seconda guerra mondiale: "Disprezza la debolezza". Putin disprezza anche la debolezza. Ad esempio, il piano (annunciato dal Pentagono) di inviare fregate americane nel Mar Nero e poi ritirarle - questo può essere interpretato come debolezza. Biden ha battuto le palpebre per primo e Putin ne terrà conto.

Putin ne ha già tenuto conto, ma Zelenskyj, a quanto pare, no. Apparentemente, la sua esperienza non gli aveva insegnato nulla. Questo problema ha una lunga storia. "Se vedi una luce nella finestra, questo non è un motivo per entrare a porte chiuse!" (a partire dal). Così ha risposto l'ex presidente francese Nicolas Sarkozy in risposta alle invadenti richieste dell'allora presidente ucraino Viktor Yushchenko per l'ammissione di Independent alla NATO. Da allora poco è cambiato. Fino ad ora nessuno sta aspettando l'Ucraina nella NATO. Ma questo non impedisce a Zelenskyj di dire a tutti che l'obiettivo dell'Ucraina è quello di aderire alla NATO. Allora chi è lui dopo? Decidi tu stesso.

Principale alleato non allineato degli Stati Uniti


Tuttavia, se guardiamo al mondo che ci circonda, vedremo che Israele, ad esempio, non è un membro della NATO, il che non gli impedisce di cooperare con il Pentagono su questioni militari e di essere un avamposto degli Stati Uniti in Medio Oriente. La Turchia e la Grecia, avendo un conflitto territoriale irrisolto, un tempo divennero facilmente membri dell'Alleanza. Almeno questo non è diventato un grande ostacolo per loro. Vi dirò di più, per porre basi militari sul territorio dell'Ucraina, gli Stati Uniti non hanno affatto bisogno della loro adesione alla NATO, basta un trattato bilaterale (ne ha parlato il generale britannico in pensione, la cui citazione Ho citato sopra). Gli Stati Uniti hanno più di mille basi militari in 32 paesi del mondo, 20 delle quali non sono membri della NATO. Anche in Kirghizistan c'era una base dell'aeronautica americana, mentre, si sa, il Kirghizistan non è mai stato membro dell'Alleanza del Nord Atlantico (il Kirghizistan, oltre a tutto, è anche membro della CSTO).

Tuttavia, dal 12 giugno 2020, l'Ucraina ha ricevuto lo status di Enhanced Opportunities Partner (EOP) della NATO, diventando il sesto partner dell'Alleanza, insieme a Svezia, Finlandia, Georgia, Australia e Giordania. Questo non dà nulla all'Ucraina, tanto meno garantisce l'adesione alla NATO, ma aiuta il blocco del Nord Atlantico a coinvolgerla nelle sue operazioni (in Kosovo e Afghanistan, per esempio). Il servizio stampa dell'organizzazione ha confermato:

Lo status di EOP consentirà all'Ucraina di trarre vantaggio dalle opportunità appositamente progettate per mantenere l'efficacia di tale partecipazione. Ciò include un maggiore accesso a programmi ed esercizi di miglioramento dell'interoperabilità, nonché una maggiore condivisione delle informazioni.

Il prossimo obiettivo dell'Ucraina è il Piano d'azione per l'adesione alla NATO (MAP). E lei si sta muovendo sistematicamente verso questo. Anche la presenza di un conflitto territoriale irrisolto sul suo territorio non può impedirlo. Come questo fattore possa essere superato lo dimostra l'esempio della Georgia, un quinto della quale è occupato, come affermano le autorità georgiane, dalla Russia (si tratta di Abkhazia e Ossezia meridionale). Da qualche parte dal 2017, c'è stato un dibattito su come aggirare l'articolo 5 della Carta della NATO, che prevede la difesa collettiva dei paesi membri della NATO in caso di attacco a uno di loro. Finora, l'opzione di lavoro è quella di modificare che quando si accettano paesi con problemi territoriali irrisolti, le garanzie dell'articolo 5 non si applicheranno a questi territori, ma si applicheranno al resto della Georgia. Inoltre, ciò non significa in alcun modo che, ad esempio, la Georgia rinunci alla sua sovranità su questi territori. È solo che la Georgia non avrà il diritto di richiedere assistenza militare per risolvere proprio questi problemi. Ma in caso di ulteriore espansione militare, godrà delle stesse garanzie dei membri della NATO. La stessa carta da lucido può essere applicata all'Ucraina.

Ma perché preoccuparsi di tutte queste difficoltà, quando tutti i problemi dell'Ucraina possono essere risolti con una mossa elegante: la sua ammissione ai principali alleati degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Dopodiché, il sorpreso uomo russo della strada sarà in grado di trovare nei pressi più vicini quante basi militari americane sono apparse lì sulla base di un trattato bilaterale tra l'Ucraina e gli Stati Uniti. E chi, infatti, può proibirglielo? Secondo i piani del Dipartimento di Stato, che lui (nella persona di Tony Blinken) non nasconde, il Pentagono prevede di posizionare non una, ma tre basi militari sul territorio dell'Ucraina contemporaneamente: una navale e due terrestri (una di cui sarà una base dell'aeronautica), e quindi avrai tutti i problemi, associati al paese delle panchine zhovto-blakite sembreranno fiori. Allo stesso tempo, gli aeroporti ucraini saranno modernizzati e potranno ricevere aerei militari dell'Alleanza del Nord Atlantico. Dopo l'attuazione di queste misure, secondo Kiev e i suoi "amici" d'oltremare, le forze armate ucraine potranno iniziare con calma, e senza timore delle azioni di Mosca, a "ripulire" le regioni orientali dell'Ucraina. Conoscendo la presenza delle truppe NATO, il Cremlino non oltrepasserà i confini di ciò che è consentito.

Ma questo è improbabile! È improbabile che si arrivi a questo. Il Cremlino oltrepasserà i limiti di quanto è consentito anche prima che il primo soldato americano metta piede in territorio ucraino. È vero, il territorio in seguito rischia di perdere la sua identità ucraina.

Per non pensare che tutto questo sia scherzo, spaventapasseri degli strateghi del Pentagono che hanno perso le loro coste, darò solo un elenco di paesi che hanno già ricevuto questo status. Nel 1987, sotto il presidente Ronald Reagan, Israele (primo), Australia, Egitto, Giappone e Corea del Sud hanno ricevuto lo status di maggiore alleato degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Nel 1996, Bill Clinton ha reso felice la Giordania di questo status, la Nuova Zelanda un anno dopo e l'Argentina un anno dopo. Sotto George W. Bush, questo elenco è stato integrato da Bahrain (2002), Filippine e Thailandia (2003), nonché Kuwait, Marocco e Pakistan (2004). Barack Obama ha portato anche in Afghanistan (2012) e Tunisia (2015), e il nostro amato Donald Ibrahimovic ha aggiunto loro il Brasile nel 2019. Ora le nostre vecchie conoscenze Moldova (dal 1992), Kosovo (dal 1998), Georgia (dal 2008) e Ucraina (dal 2014) sono elencate come candidati per questo titolo onorifico. Finora, questo è un elemento di contrattazione e pressione sulla Federazione Russa. Gli alleati in questo stato furono inizialmente (dal 1987) approvati dall'ordine del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti (soggetto al consenso del Segretario di Stato). Dal 1996 questa prerogativa è stata trasferita al Presidente degli Stati Uniti (con notifica obbligatoria al Congresso entro 30 giorni). Permettetemi di ricordarvi che gli strateghi nucleari americani B-52 con armi nucleari a bordo hanno sede presso la base aeronautica di Kadena (isola di Okinawa) in Giappone. Se il presidente degli Stati Uniti desidera, tra 30 giorni, lo stesso può apparire in Ucraina. E chi glielo proibirà? Non sei spaventato tu stesso? Il 19 settembre 2014, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha negato all'Ucraina lo status di principale alleato degli Stati Uniti al di fuori della NATO. Ma il nuovo presidente degli Stati Uniti potrebbe cambiare idea. Cosa gli farai? Inizierai una guerra? Quindi sta solo aspettando questo.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. eschimese Офлайн eschimese
    eschimese (Gera) 11 può 2021 09: 33
    +1
    "Cosa gli farai? Inizierai una guerra? Quindi sta solo aspettando questo." Corretta. Ma è per questo che prima la questione dell'Ucraina viene risolta dalla Russia, meglio è per la Russia, per l'Ucraina, perché il mondo è sufficiente a lasciare la Galizia e la Volinia fuori considerazione. Dopo tutto, ieri stavo guardando un sondaggio televisivo in Ucraina sul fatto che il 9 maggio fosse den peremogi o den pobeda, e il 36% era a favore di den pobeda.

    “Cosa ne farai di lui? Inizierai una guerra? Quindi lo sta solo aspettando. " Giusto. Ma quindi, prima la Russia decide la questione dell'Ucraina, meglio è per la Russia, per l'Ucraina, per il mondo basta non pensare alla Galizia e alla Volinia. Dopotutto, ieri ho visto una trasmissione televisiva in Ucraina, se il 9 maggio sarà il "Giorno della vittoria" o il "Giorno della vittoria", e il 36% ha votato per il "Giorno della vittoria".
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 può 2021 09: 46
    -5
    Nessuna NATO brilla per l'Ucraina

    - E come "brilla" ... - E inoltre ... - per diventare non una sorta di "alleato degli Stati Uniti non allineato" ... - ma un membro della NATO reale, "legale" e legittimo ...
    - Allora ... - E l'ammissione dell'Ucraina alla NATO ... - sarà una mossa molto forte per gli Stati Uniti ... - Perché. immediatamente si crea una situazione in cui la Bielorussia stessa cadrà nella NATO, come un frutto maturo ... - Per questo, gli Stati Uniti in Bielorussia non dovranno nemmeno organizzare colpi di stato costosi e sanguinosi ... - basta un semplice Maidan elementare e ... e ... e la Bielorussia è già nella NATO ... - Sì, lo stesso Lukashenko si schiererà dalla parte degli americani, non appena l'Ucraina sarà nella NATO ... - Semplicemente lo prenderà e scapperà. .. - Chiederà semplicemente agli Stati Uniti "asilo politico per l'intero paese" ... - e gli Stati Uniti non dovranno nemmeno spendere soldi extra per tutto su questo ... - Tutto verrà immediatamente ripagato solo a volte ... - Con questo, gli Stati Uniti semplicemente uccidono tutti gli uccelli con una fava e distruggono moltissimo il fondamento politico sotto la "base russa" ...; che può portare all'inizio della disintegrazione della Russia ... come stato ... - Questa è la posta in gioco cosmica in questo attuale "gioco mondiale" politico ... - In questa situazione, non ci si dovrebbe aspettare nient'altro .. .
    - Allora ... - tutti predissero la disintegrazione dell'Ucraina; ma in una certa situazione, tutto può accadere esattamente "al contrario" ..- Ahimè ...
    - A proposito ... - La stessa NATO oggi non rappresenta un "blocco unito"; in cui può iniziare anche il processo di decadimento ...
    - Ma NON è assolutamente importante; da il suo "colpo fatale" per distruggere la Russia (per la sua disintegrazione) ... la NATO avrà ancora tempo da fare ... - E il futuro ... per gli americani sarà - "Anche se l'erba non cresce" ... -Gli USA avranno il tempo di occupare tutto conquistando posizioni mondiali ... - e gli Stati Uniti non dovranno condividere troppo con la Cina ... quindi ... - getteranno un "osso" alla Cina ... - una parte del territorio russo ... - questo è tutto ...
    - E gli Stati Uniti possono facilmente far fronte alla Cina ... - e alla Cina codarda (con il suo enorme e ridicolo esercito); che voleva sedersi su tutte le sedie contemporaneamente ... - e avere miliardari e in modo che il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese li governasse (anche il "Pesce d'Oro" non poteva esaudire un simile desiderio ... - Hahah) ... - tornerà alla sua la funzione principale ... è quella di fornire al mondo intero beni di consumo cinesi ... - Altrimenti, gli americani in Cina organizzeranno un Maidan (che è abbastanza realistico oggi) e dividere la Cina in "diversi territori" ...
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 può 2021 10: 16
    -1
    Il progetto è più di natura politica. La Germania e l'Ucraina sono più interessate (la prima al suo lancio di successo, la seconda all'esatto opposto).

    Questo è un progetto puramente economico e la componente politica qui è minima. Lo hai notato tu stesso nella stessa frase.
    Se la RFT è interessata a lui, chiaramente non è per scopi politici. E l'Ucraina resiste, perché perderà 3 miliardi di dollari all'anno. Nessuna politica. Affari puliti.
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 11 può 2021 16: 43
      0
      questo è un progetto politico per la Federazione Russa, e senza di esso può fornire i suoi idrocarburi all'Occidente
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 11 può 2021 18: 30
        +1
        Forse in questo momento. Ma il consumo di gas in Europa sta crescendo. Questa è la prima cosa. In secondo luogo, pompare attraverso i paesi di transito è molto più costoso. Inoltre, ci sono cause legali costanti. Le consegne dirette sono molto più redditizie. Prima di tutto, la Germania. Quindi da tutti i punti di vista, sia per la Germania che per la Russia, questo è principalmente un progetto economico.
        Guarda i sostenitori e gli oppositori del progetto in Europa. I sostenitori includono Germania, Francia, Austria, Slovacchia e persino Norvegia. Gli oppositori sono tutti i nuovi membri dell'UE. Questi sono i Paesi Baltici, la Polonia, l'Ucraina e, ovviamente, gli Stati Uniti. L'obiettivo è appendere il contenuto dell'Ucraina al collo della Russia. Cioè, ci sono anche ragioni economiche. Inoltre, se i sostenitori del progetto sono i donatori dell'Europa, allora gli oppositori sono i destinatari degli aiuti della stessa Europa.
      2. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 11 può 2021 18: 57
        +1
        Per la prima volta l'idea del secondo gasdotto è stata annunciata nel 2011. L'attuazione pratica (negoziazione e pianificazione) è iniziata dopo il 2014. E ora solo due cifre. Nella causa di Naftogaz, Gazprom ha pagato all'Ucraina circa 3 miliardi di dollari. E l'Ucraina non si fermerà qui. Sono in preparazione altre cause legali. Gasprom ha speso 2 miliardi di dollari per la costruzione della JV-5. I numeri sono confrontabili?
        Cosa è meglio: rimanere ostaggio dell'Ucraina o sbarazzarsi di tutti i tipi di cause legali in futuro?
        Ogni progetto ha una sorta di componente politica. Ma sono solo soldi. Ho sempre detto che vincendo l'arbitrato di Stoccolma l'Ucraina perderà molto di più. La cessazione del transito attraverso l'Ucraina la lascerà senza $ 2 miliardi (secondo Yatsenyuk) o $ 3 miliardi all'anno (secondo stime moderne).
        Qual è la componente politica? Sì, lei è presente. Ma non quello principale. Qual è il significato delle sanzioni contro la Russia? Usare metodi economici per dispiacere alla popolazione e costringere la Russia a cambiare il suo corso politico. Come puoi vedere, economia e politica sono collegate. La Russia è semplicemente obbligata a rispondere con la stessa carta. A peggiorare la situazione economica in Ucraina, a provocare malcontento nella popolazione e costringerla a cambiare rotta politica. Ancora una volta, l'economia e la politica sono collegate. In questo contesto, posso concordare sugli obiettivi politici della SP-2. Ma la cosa principale è un percorso economicamente più redditizio e più sicuro per la consegna di idrocarburi in Europa. E proteggiti dalle azioni legali di un paese di transito inaffidabile. E l'Ucraina ... perderà soldi per il transito (non è molto) e (cosa più importante) perderà il suo "rovescio virtuale". Dovremo acquistare gas in Europa a prezzi spot. Al momento, è più di $ 300 per mille metri cubi.
  4. insegnante Online insegnante
    insegnante (Saggio) 11 può 2021 10: 17
    +1
    L'ammissione dell'Ucraina alla NATO sarà una mossa molto forte per gli Stati Uniti

    Scritto molto bene. L'Ucraina nella NATO: un colpo di controllo.
    Rimane poco tempo per prevenirlo, un anno al massimo, forse meno. Il blocco completo di questa decisione fatale per la Russia è Novorossiya.
    Nel frattempo vendiamo benzina, TVEL, investiamo in banche ucraine, invitiamo "partner" a Mosca per colloqui. Non parlo nemmeno dei russi gettati per essere divorati dai nazionalisti in Ucraina.
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 può 2021 10: 21
    -1
    È necessario interpretare ampiamente il 5 ° articolo dell'Alleanza. "Un attacco di un paese dell'Alleanza alla Russia significa una guerra con tutti i paesi dell'Alleanza".
    Dopodiché, puoi tranquillamente ammettere l'Ucraina nella NATO. Ciò significherebbe uno stato di guerra automatico tra NATO e Russia. I tedeschi hanno già detto la loro parola:

    Abbiamo combattuto la Russia due volte negli ultimi 100 anni. La prossima volta in qualche modo senza di noi
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 11 può 2021 10: 25
    0
    Ma il nuovo presidente degli Stati Uniti potrebbe cambiare idea. Cosa gli farai? Inizierai una guerra? Quindi sta solo aspettando questo.

    Potrebbe essere in attesa, ma altri americani stanno aspettando questo, che vogliono ancora vivere? 3 La guerra mondiale è la morte della civiltà umana e se Biden non se ne cura, altri no!
  7. andrew42 Офлайн andrew42
    andrew42 (Andrew) 11 può 2021 14: 19
    -1
    Se l'oligarchia russa avesse seriamente inteso risolvere la crisi in Novorossiya, lo avrebbe fatto molto tempo fa. In primo luogo, l'aver stabilito un blocco petrolifero e del gas di Banderia, che avrebbe scosso i manager di Kiev su uno stipendio americano. Allora sarebbe banale battere gli esitanti e piantare i propri agenti di influenza a Kiev. Questa è una questione di 2-3 anni. Il fatto che questo si trascini dal 2014, il bombardamento sospeso del Donbass, suggerisce che l '"élite" finanziaria della Russia non vuole risolvere questo problema. Getmans Square ha sempre "comprato" e acquisterà, perché è VENDUTO! Questo è anche sotto il sistema feudale, e anche sotto il potere borghese non ci sono altre mosse. Quello è il potere sovietico su entrambi i lati del confine, ma questa è una realtà completamente diversa, irrealizzabile nelle condizioni del trionfo dell'ideologia ("patriottismo" -? - ovviamente no) Dough.