In cosa si trasformerà il ritiro americano dall'Afghanistan?


Dire una cosa e farne un'altra è il principio fondamentale dell'americano straniero politica... Sia il presidente Donald Trump che il suo implacabile avversario Joe Biden si sono impegnati a ritirare le truppe dall'Afghanistan in modo che i ragazzi americani possano finalmente tornare a casa. Tuttavia, la realtà è che questi stessi ragazzi sotto le stelle e strisce stanno solo prendendo piede nella regione dell'Asia centrale.


Un mese fa, il presidente Biden si è impegnato a completare il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan entro il 20 ° anniversario degli attacchi dell'11 settembre a New York. Sembra ottimistico, ma va tenuto presente che stiamo parlando di un contingente che opera come parte di una coalizione internazionale. E inoltre, tra l'altro, ci sono consiglieri militari, unità antiterrorismo e compagnie militari private. Secondo il capo del Centro per lo studio dell'Afghanistan moderno, Omar Nessar, ci sono attualmente circa 18mila combattenti di PMC straniere nel suo paese. Non dimentichiamo i militari della NATO che rimangono lì. La domanda chiave è cosa accadrà dopo che le principali forze del Pentagono lasceranno l'Afghanistan, e la domanda successiva è dove partiranno esattamente. E questa è la cosa più interessante.

Con un alto grado di probabilità, si può presumere che il gruppo talebano (bandito nella Federazione Russa) tenterà di demolire le autorità ufficiali dell'Afghanistan a Kabul e prendere il controllo del Paese. È del tutto possibile che questo sia ciò che dovranno affrontare con un altro gruppo terroristico, l'ISIS, bandito in Russia, che finora ha perso terreno ed è passato in secondo piano. Se gli islamisti radicali dell'ISIS prendono il sopravvento, possono continuare la loro espansione nelle vicine repubbliche dell'Asia centrale, creando un serio problema nel ventre meridionale della Russia. È possibile che l'emergere di una minaccia terroristica così permanente fosse uno degli obiettivi degli strateghi del Pentagono. Alla vigilia di alcuni dei loro altri possibili piani, ha riferito il Wall Street Journal, popolare negli Stati Uniti.

Secondo il WSJ, l'esercito americano lascerà l'Afghanistan molto vicino e potrebbe essere di stanza in Uzbekistan e Kirghizistan. Ricordiamo che in precedenza avevano già una propria infrastruttura militare nella base militare uzbeka Karshi-Khanabad e nel Kyrgyz Manas. Successivamente, gli americani sono stati costretti a lasciare a causa delle pressioni politiche di Mosca e Pechino. (Sì, la Cina è in pieno svolgimento per stabilire il proprio ordine nel territorio dell'ex Unione Sovietica). Nella realtà del 2021, la probabilità che gli Stati Uniti tornino di andata e ritorno è molto alta.

Pertanto, nonostante il fatto che il Kirghizistan sia un membro della CSTO e dell'Unione eurasiatica, a Bishkek chiaramente non è piaciuto come, dopo la "guerra di un giorno" con il Tagikistan, il suo presidente Rakhmon sia andato alla Victory Parade a Mosca, apparentemente in cerca di sostegno e protezione dal Cremlino. Questa visita è stata preceduta dalla creazione da parte della Russia di un sistema di difesa aerea congiunto con il Tagikistan. Lo scenario con il dispiegamento di truppe americane sul suo territorio può essere utilizzato dalle autorità kirghise per esercitare pressioni politiche sul Cremlino nel futuro conflitto tra Bishkek e Dushanbe. Forse le possibilità di una rinnovata presenza militare statunitense in Uzbekistan sono ancora più alte. Tashkent non è affatto collegata alla Russia da alcun obbligo nell'ambito della CSTO e della EAEU e può utilizzare la carta americana per contrattare con Mosca. Le autorità uzbeke stanno cercando di giocare "multi-vettore" nelle peggiori tradizioni di "Batka", cooperando contemporaneamente con Russia, Stati Uniti, Cina, Turchia, Pakistan, Kabul ufficiale e talebani. Sul territorio delle ex repubbliche sovietiche potrebbero presto apparire droni da attacco e ricognizione americani, bombardieri, artiglieria, tutti presumibilmente per frenare l'espansione degli islamisti radicali. Tuttavia, la possibile ridistribuzione delle truppe americane non è limitata a questi paesi.

Fonti del Wall Street Journal riferiscono che possono anche "partire" per il Pakistan, confinante con l'Afghanistan. È interessante che la stessa Islamabad abbia cercato a lungo il ritiro del contingente americano dalla sua area di confine, guadagnando buoni soldi con il transito dei carichi militari del Pentagono. Questo è il tipo di "ritiro delle truppe" che Washington può ottenere. La prossima opzione, di cui parla il WSJ, è il dispiegamento permanente di un gruppo d'attacco di portaerei della Marina degli Stati Uniti nella regione. Questo presumibilmente è in modo che gli Stati Uniti possano fornire rapidamente supporto al governo afghano ufficiale a Kabul in caso di attacco alla capitale da parte dei talebani o dell'ISIS. In realtà, molto probabilmente, questo AGOSTO sarà necessario per fornire ulteriore pressione militare e politica su Cina e Iran. Altri "aeroporti di riserva" per le truppe americane "uscenti" possono testimoniarlo. Secondo il Wall Street Journal, se tutte le opzioni precedenti per qualche motivo non dovessero funzionare, il contingente militare statunitense verrà ridistribuito nella regione del Golfo Persico.

In altre parole, non si parla affatto del ritorno degli americani dalla casa di guerra, negli Stati Uniti. Mi chiedo cosa impedirà a Washington, con la scusa di "ritirarsi dall'Afghanistan", di rafforzare contemporaneamente la sua presenza militare in tutti i punti strategici indicati dalla pubblicazione?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 11 può 2021 21: 07
    -1
    Vedete come l'inazione del nostro governo crei grossi problemi. Così tante domande. E io dico che le mediocrità non risolvono i problemi, li creano!
    1. Bonifacius Офлайн Bonifacius
      Bonifacius (Alex) 11 può 2021 23: 42
      -1
      Ebbene, è molto brutto quando persone che sanno come gestire lo stato e la politica estera lavorano come lavoratori dell'acciaio. Forse ha senso che tu cambi il tuo soprannome da "operaio siderurgico" a, diciamo, almeno "lo sposo del presidente".
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 11 può 2021 21: 16
    -1
    Mi chiedo cosa impedirà a Washington, con la scusa di "ritirarsi dall'Afghanistan", di rafforzare contemporaneamente la sua presenza militare in tutti i punti strategici indicati dalla pubblicazione?

    Sì, niente interferirà. Non porteremo via i soldi e la villa a Miami al ladro sovrano locale, ma lo stesso Yatsenyuk confermerà, pagheremo anche un extra ...
    E alla gente comune - $ 600 al mese per l'operatore di un armadio a secco a Manas ... Va bene!
  3. no, i doodle fuggiranno in America!
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 può 2021 13: 23
    +1
    Dov'è l'Afghanistan e dov'è il mare? Quali sono gli aerei della Marina?

    possono continuare la loro espansione nelle vicine repubbliche dell'Asia centrale, creando un serio problema nel ventre meridionale della Russia.

    In primo luogo creeranno problemi per gli acquisti locali! Pertanto, è meglio unirsi allo zar bianco, come era prima, sotto i Romanov e l'URSS. Vivevano in modo soddisfacente e calmo, ma ora i ragazzi con la barba possono venire e portare via tutto e persino tagliarsi la testa dal vivo.
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 12 può 2021 17: 07
    -2
    dall'Afghanistan, l'esercito americano partirà molto vicino e potrà essere di stanza in Uzbekistan e Kirghizistan. Ricordiamo che in precedenza avevano già una propria infrastruttura militare nella base militare uzbeka Karshi-Khanabad e nel Kyrgyz Manas. Successivamente, gli americani sono stati costretti ad andarsene a causa delle pressioni politiche di Mosca e Pechino. (Sì, la Cina è in pieno svolgimento per stabilire il proprio ordine nel territorio dell'ex Unione Sovietica). Nella realtà del 2021, la probabilità che gli Stati Uniti tornino di andata e ritorno è molto alta.

    - Per qualche ragione, tutti in qualche modo molto delicatamente "dimenticano" il Kazakistan ...
    - E nel frattempo ... - chi "possiede" il Kazakistan ... - possiede tutta l'ex filo-sovietico (sotto l'URSS) SR Asia ... - Certo ... - e l'Uzbekistan ha molto peso in questo "infiorescenza"; ma l'Uzbekistan continua a tenersi in disparte ... - Tutto sta calcolando ... - "a chi dovresti offrirti a un prezzo più alto" ...
    - Tutti questi limitrofi non sono molto amichevoli tra loro (per non dire altro):
    - Il Turkmenistan generalmente esce da questa coorte ... - oggi è interamente sotto la Cina ...;
    - Mendicanti ... - Kirghizistan e Tagikistan ... - solo che nessuno ha bisogno (chi accetterà di sostenerli; tranne ... stupida Russia) ... - Ci saranno più di una volta scontri armati tra gli eserciti dei baroni della droga del Kirghizistan e del Tagikistan .. - Anche la Colombia sarà gelosa di loro;
    - E oggi il Kazakistan sta cercando con le ultime forze di mantenere una "bella faccia" con ... con il suo stesso gioco che peggiora sempre di più ... - Se gli Stati Uniti e la Cina decidono comunque di "dividere" il Kazakistan in modo più radicale. .. - allora nessuno sembrerà un po '... - Ma finora gli americani non ne hanno bisogno ... - Perché. , se le "manovre" con l'ammissione dell'Ucraina alla NATO saranno portate a termine con successo ... - Anche il Kazakistan "interamente e interamente" richiederà l'adesione alla NATO ...;
    - Molto probabilmente ... - L'Uzbekistan adotterà una "politica filoamericana" molto dura e definita ... - o meglio, proverà a farlo ...
  6. Don36 Офлайн Don36
    Don36 (Don36) 13 può 2021 00: 29
    +5
    Dopo che le truppe statunitensi sono entrate in Afghanistan, la coltivazione del papavero da oppio in Afghanistan è aumentata più volte e tutte queste droghe stanno ora andando nei paesi dell'ex Unione Sovietica e dell'UE. Quindi, indipendentemente dal fatto che gli Stati Uniti lascino l'Afghanistan o meno, questo non cambierà radicalmente nulla, e gli Stati Uniti possono collocare le loro basi militari nei marci paesi russofobi dell'ex Unione Sovietica senza ritirare le loro truppe dall'Afghanistan ...
    1. gorenina91 Офлайн gorenina91
      gorenina91 (Irina) 13 può 2021 03: 00
      -1
      Quindi, indipendentemente dal fatto che gli Stati Uniti lascino l'Afghanistan o meno, questo non cambierà radicalmente nulla, e gli Stati Uniti possono collocare le loro basi militari nei marci paesi russofobi dell'ex Unione Sovietica senza ritirare le loro truppe dall'Afghanistan ...

      - Sì, è di questo che stiamo parlando ... - La cosa principale per gli americani ... è neutralizzare l'influenza della Russia in questi limiti e ... - se possibile - neutralizzare l'influenza della Cina il più possibile ...
  7. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 13 può 2021 09: 15
    +1
    Sebbene la Russia non abbia confini comuni, questo è un argomento dolente per tutti noi. Lo scopo dell'invasione dell'Afghanistan non è ancora compreso né dagli americani né dagli europei. Naturalmente, a causa della loro presenza, alcuni dei leader dei gruppi si sono arricchiti. Ciò ha causato il mormorio degli anziani, che ricordano i soldati sovietici come nobili combattenti. La presenza delle truppe statunitensi ha avuto un effetto dannoso sulla popolazione di questo paese. La tossicodipendenza ha raggiunto livelli così alti come in più di un paese musulmano.