"Bussola strategica" dell'Europa: con chi e per cosa combatterà l'UE


I paesi del Vecchio Mondo sono determinati a sviluppare il primo concetto militare autonomo nella storia dell'Europa unita. In ogni caso, è proprio un ordine del genere che è stato impartito dal Consiglio dell'Unione europea all'Alto rappresentante per gli affari esteri e politica Sicurezza dell'UE a Josep Borrell. La scadenza è fino a novembre di quest'anno, quando la bozza di documento recante il titolo di lavoro "Bussola strategica" deve essere presentata a una riunione di questo organo. In linea di principio, non c'è nulla di sorprendente in una tale decisione - piuttosto, è piuttosto strano che l'Unione europea non si sia preoccupata della propria difesa finora, affidandosi totalmente e completamente all'Alleanza del Nord Atlantico in questa materia.


D'altra parte, alcuni momenti che accompagnano la nascita della "Bussola strategica" ti fanno riflettere sui veri obiettivi e sulle intenzioni degli iniziatori della sua creazione. E quelli possono essere molto diversi, fino all'esatto contrario. Proviamo a capire cosa c'è in realtà dietro i piani militari di Bruxelles e non solo lui solo.

Europa unita o fianco orientale della NATO?


Questa domanda non è affatto una domanda inutile. Inoltre, in questo momento la risposta sta diventando la "pietra angolare" su cui, di fatto, dovrebbe essere costruito l'intero concetto di sicurezza europea. Oggi, la nuova amministrazione degli Stati Uniti sta compiendo sforzi significativi per rilanciare l '"unità del Nord Atlantico" quasi distrutta da Donald Trump. Il problema è che Washington non si sta concentrando sulla cooperazione con Berlino o Parigi, che hanno una discreta indipendenza e hanno imparato a dire un "no" distinto in risposta alle rivendicazioni e alle richieste americane. Gli sforzi principali sono volti a forgiare alleanze e alleanze nell'Europa orientale che sono assolutamente controllate da "partner" d'oltremare, che di fatto non contribuiscono in alcun modo alla sicurezza del Vecchio Mondo. Piuttosto, è vero il contrario.

Ecco alcuni degli esempi più recenti. L'altro giorno si è svolto il vertice dei cosiddetti "Bucarest Nove", proprio un "blocco" di questo tipo, che comprende Romania, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Bulgaria, Slovacchia e paesi baltici. Nel processo di questo evento, che si è svolto, per la maggior parte, in un formato virtuale, i suoi partecipanti sono stati onorati di ascoltare il discorso dello stesso Joe Biden. Il capo della Casa Bianca ha trovato il tempo per esprimere il desiderio più ardente di Washington di cooperare il più strettamente possibile con i membri dei Nove su questioni di "contenimento delle minacce esterne". È chiaro esattamente da dove provengono quelli in uscita ... Per affrontare la Russia, si prevede di creare un "fronte unito dal Mar Baltico al Mar Nero". Questo ti ricorda qualcosa? Non provoca associazioni ossessive dal 22 giugno 1941 ?! La cosa più spiacevole è che tutte queste parole ad alta voce non sono affatto vuote dichiarazioni e hanno un'incarnazione molto concreta nella vita.

Così, secondo il presidente rumeno Klaus Iohannis, una sorta di "centro di difesa euro-atlantico" verrà creato a Bucarest in un futuro molto prossimo. Cioè, è un potente punto d'appoggio della NATO per le azioni, principalmente nel Mar Nero e nelle regioni adiacenti. Secondo il leader rumeno, l'urgenza di creare una tale struttura è nata in connessione con la "sensazione di un livello di sicurezza insufficiente" dovuta alle "azioni destabilizzanti della Russia", a cui bisogna rispondere con "deterrenza e difesa". Infatti, quando vedi e senti qualcosa che devi "spaventare", devi contattare specialisti specializzati. Tuttavia, i rumeni hanno preferito ricorrere all'aiuto di "amici" d'oltremare. E il punto qui non riguarda affatto le sensazioni - per esempio, il generale di brigata dell'esercito americano Christopher Norrie ha recentemente parlato in modo così schietto: dicono che il Mar Nero è "un teatro chiave per le azioni delle forze armate dell'Alleanza, e, soprattutto quelli americani ". Almeno onestamente. A proposito, durante il vertice, il ministro degli Esteri rumeno Bogdan Aurescu ha espresso la sua grande gioia che "il Mar Nero si è già parzialmente trasformato in un lago della NATO". A quanto pare, il principale diplomatico rumeno (e lungi dall'essere l'unico) sogna che questa "trasformazione" diventi completa. Ma anche la flotta russa del Mar Nero interferisce con Sebastopoli.

Va detto che l'Alleanza del Nord Atlantico ha recentemente intensificato notevolmente le sue attività per aumentare la sua influenza sulle principali istituzioni e organi dell'Unione europea, che fino ad ora sono rimaste fuori dal suo controllo. Così, durante una visita in Austria di Jens Stoltenberg, è stato raggiunto un accordo tra lui e la leadership di questo paese per aprire un ufficio NATO presso l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) con sede a Vienna e "altre organizzazioni internazionali" situate nella capitale austriaca. ... Questo momento non può essere definito in alcun modo positivo - per l '"obiettività" dei rappresentanti dell'OSCE che hanno cercato di "monitorare" la situazione nel Donbass, e c'erano grandi domande, ma ora semplicemente non dobbiamo parlarne.

Dove andrai ?!


Non meno allarmante: nel contesto dell'attualità e delle tendenze, si può considerare che il primo punto specifico relativo all'implementazione della "Bussola strategica", annunciato al grande pubblico, sono i piani dell'Unione europea per creare una sorta di di "forze di reazione rapida" con un nome molto intrigante: Initial Entry Force, che è tradotto più accuratamente in russo come "Forze del primo ingresso". Non è del tutto chiaro dove sarebbero entrati, e anche a ritmo sostenuto, i signori dei 14 paesi dell'UE, all'origine della nuova formazione militare? Alcune conclusioni si possono trarre dal discorso su questo tema di Josep Borrell, a cui l'idea è piaciuta molto. Secondo un alto funzionario, un "corpo di spedizione" di presumibilmente 5 persone, rinforzato con un numero appropriato non solo di veicoli corazzati e aerei, ma anche di navi da guerra, è necessario per "un utilizzo immediato in condizioni di crisi rapide". E poi, sa, si lamenta Monsieur Borrell, nelle condizioni attuali "abbiamo bisogno di tenere così tante discussioni, contattare così tante commissioni e preparare tali pile di documenti" che "la questione non è più urgente, o semplicemente siamo in ritardo".

Un'immagine interessante, davvero, si scopre. Tutto quello che ha detto l'Alto rappresentante dell'UE per le questioni diplomatiche e di sicurezza non può essere attribuito alla sfera delle azioni difensive: quando il nemico attacca, non ci sarebbe certamente tempo per negoziati e discussioni. Pertanto, stiamo parlando di una sorta di operazioni offensive. Come hanno affermato in questa occasione alcuni alti funzionari delle strutture di governo dell'UE, la "First Entry Force" è necessaria per "fornire assistenza ai governi democratici stranieri che ne hanno un disperato bisogno". Ma in una tale formulazione della domanda c'è un enorme pericolo ...

Per confermare questa ipotesi, mi permetto di citare il discorso del presidente polacco Andrzej Duda allo stesso vertice di Bucarest del fianco orientale della NATO: "Vogliamo davvero che la Bielorussia si muova verso la democrazia ... Dobbiamo essere vigili, monitorare da vicino la situazione ed essere pronti in caso di qualsiasi minaccia da parte della Russia di difendere la Bielorussia e la sua sovranità ... "A proposito, gli stessi pensieri, solo in una forma ancora più schietta nello stesso evento, sono stati" duplicati "da il presidente della Lettonia Egils Levits, che ha affermato che i paesi partecipanti The Bucharest Nine "dovrebbero aiutare i bielorussi a creare uno stato democratico". Come ti piacciono questi passaggi ?! E chi, ditemi, in questo caso, impedirà all'UE ad un certo punto di riconoscere il "governo democratico" della Bielorussia una banda guidata da Tikhanovskaya o da qualsiasi altra creata dall '"opposizione" locale? E poi - e "fornirle un'assistenza efficace" con la partecipazione delle "Forze di ingresso rapido"?

È molto probabile che vengano creati proprio per questo tipo di operazioni. Annunciando lo sviluppo e l'adozione della Bussola strategica, i burocrati europei (in particolare, lo stesso Josep Borrell) sottolineano in ogni modo che questa dottrina militare è necessaria per l'Unione europea non solo per "contrastare minacce e sfide", ma anche a "promuovere i suoi interessi e valori". È improbabile che questi signori "spostino" i valori europei da qualche parte in Africa o in Medio Oriente. I tempi non sono gli stessi ... C'è il pericolo molto concreto che la vecchia d'Europa si sia pettinata le mani sul prossimo "Drang nacht Osten". E questo è estremamente triste, prima di tutto per se stessa. Le lezioni non apprese della storia hanno invariabilmente il prezzo più alto: i gentiluomini europei avrebbero dovuto impararlo.

La "bussola strategica", in teoria, potrebbe diventare uno strumento di navigazione in grado di indicare ai paesi dell'UE la via d'uscita dal completo confronto inutile con la Russia, senza dubbio, mentendo per il rifiuto di seguire ciecamente la politica di inimicizia imposta al Vecchio Mondo dall'altra parte dell'oceano. Per la Germania, ad esempio, le spese militari che gli "alleati" americani della NATO richiedono da lei sono assolutamente schiaccianti. Come è diventato noto di recente, molti progetti di difesa sono stati sospesi in questo paese - dalla creazione di nuovi caccia, carri armati e sottomarini all'acquisto di velivoli da pattugliamento navale Boeing P-8A. I piani del governo tedesco fino ad ora sono stati di tagliare le spese militari, divenute ancora più urgenti alla luce dei danni arrecati l'economia paesi con la pandemia di coronavirus. Questo ci fa sperare che il buon senso nei paesi sviluppati dell'Unione europea prevarrà comunque sugli impulsi militaristici di alcuni dei suoi membri.

Tuttavia, nel caso in cui la "Bussola strategica" finisca nelle mani dei satelliti statunitensi, come l'attuale ministro della Difesa della Repubblica Ceca Lubomir Metnar, che sbatte, come al solito, che "la Russia è la principale minaccia per la NATO" oi leader di Polonia e Lituania che sognano di organizzare un intervento in Bielorussia, le conseguenze saranno davvero disastrose. Da secoli cercano di "promuovere gli interessi ei valori europei" sulla nostra terra, anche con l'aiuto di una serie di "forze di entrata". La conferma di ciò sono le numerose tombe di partecipanti a tali "avanzamenti" di cui è costellata. In effetti, non si dovrebbe tentare di fare un altro tentativo, anche facendo affidamento sulla potenza militare degli Stati Uniti o cercando di unire le forze di tutta l'Europa a questo scopo.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 12 può 2021 10: 28
    -3
    L'UE non combatterà con nessuno. L'UE mostra che non intende nutrire i soldati stranieri. Qualsiasi potenziale aggressore dovrebbe sapere che le sue corna saranno spezzate.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 12 può 2021 10: 53
      0
      L'appello ceco all'UE e agli alleati della NATO di espellere i diplomatici russi in segno di solidarietà con Praga nel suo conflitto con Mosca è stato sprecato. Praga non è stata solo ignorata: l'Unione Europea l'ha negata pubblicamente, esortando a non aggravare ancora di più le relazioni con la Russia. Quello che è successo è un duro colpo non tanto per la Repubblica Ceca, che si sta solo assimilando nel ruolo di un paese che si guadagna punti sulla scena internazionale dalla politica anti-russa, ma per i paesi baltici, che vivono solo di questa politica. e tutte le speranze di Lituania, Lettonia ed Estonia sono ridotte al sostegno degli alleati occidentali nel loro conflitto con Mosca.

      In cui la reazione degli europei dovrebbe davvero suscitare orrore sono i paesi baltici, che vivono nelle relazioni internazionali di una politica anti-russa, e tutta la loro filosofia di politica estera si riduce al fatto che al "momento di x" gli alleati della NATO lo faranno venire alla chiamata di Lituania, Lettonia ed Estonia aiutarli. L'impotenza appresa è una condizione unica che distingue gli Stati baltici da qualsiasi altro blocco occidentale. Che la Repubblica ceca, l'Ungheria, la Romania o la Polonia dispongano di proprie risorse e opportunità interne, anche se a breve termine, possono fare affidamento sulle proprie forze. Le repubbliche baltiche semplicemente non possono vedere la loro sopravvivenza e il loro sviluppo senza il sostegno occidentale.

      Nel loro roseo quadro del mondo, non appena gli stati baltici dichiareranno l'aggressione russa e chiederanno aiuto, i "fratelli maggiori" correranno per pulire il moccio e il balbettio dei baltici: "chi ha offeso i nostri piccoli?" E nessuno capirà chi ha attaccato chi e se qualcuno ha attaccato, oi politici baltici hanno sognato occhi ubriachi.

      La dura realtà è che possono e si affretteranno, ma solo se ciò è in linea con gli interessi tattici degli Stati Uniti nel loro gioco geopolitico con la Russia. Se in circostanze specifiche sarebbe inutile per gli americani sollevare il tema dell '"aggressione imperiale di Putin contro i vicini della Russia", allora anche se la Russia attacca, gli alleati della NATO si limiteranno a scrollarsi di dosso i baltici.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 12 può 2021 18: 20
    +1
    Il potenziale economico e qualsiasi altro dell'UE è maggiore di quello dello shasiano e deve essere accompagnato dalla forza. Gli Sshasoviti lo forniscono, ma non sempre nell'interesse dell'UE. Pertanto, la questione dell'esercito europeo è da tempo all'ordine del giorno e le relazioni con la Federazione Russa sono una buona scusa, ma tutto dipende dai soldi: la creazione di un esercito europeo significa la sua base su una base di produzione europea e ridurrà l'acquisto di armi sshasiane, e questo è un duro colpo per l'economia: l'UE è il principale consumatore di armi sshasiane ... Inoltre, il proprio esercito predetermina la presenza dei propri segreti scientifici, tecnologici, militari e di altro tipo e porta a una graduale delimitazione dei partner strategici e della concorrenza, che complicherà comunque le relazioni con gli Stati Uniti, ma ne hanno bisogno? Interesse di Sshasovskiy per la gestibilità e la solvibilità dell'UE.
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 12 può 2021 20: 51
    -1
    Ciao amici! Ci sarà un'opportunità, dai un'occhiata al film lituano ZERO, con didascalie, senza traduzione ... Non te ne pentirai ... compagno
    Non ho mai visto il miglior umorismo nero ... risata
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 13 può 2021 10: 59
    0
    Per gli Stati Uniti, un modo semplice per superare la crisi è la guerra in Europa, che può essere incolpata di tutto e guadagnare di nuovo rapinando i paesi europei. I leader frenetici dell'Europa orientale, comprati con frattaglie dagli Stati Uniti per un sussidio, sono pronti a gettare i loro popoli alla distruzione. Riceveranno solo bonus per questo.