L'ammiraglio statunitense ha previsto uno scontro con la Russia nel Mar Nero


Alla luce dei rapporti tesi tra Mosca e Washington, molti dei "falchi" americani politica non escludo uno scontro militare tra gli Stati Uniti ei suoi alleati con la Russia. Alcuni militari negli Stati Uniti la pensano così, e tra loro c'è l'ammiraglio James Stavridis, la cui opinione sull'aumento dell'attività militare del Cremlino nel Mar Nero è riportata dalla risorsa Stelle e Strisce.


L'ammiraglio ritiene che gli Stati Uniti siano stati sollevati dal recente ritiro delle truppe russe dal confine con l'Ucraina. Tuttavia, Stavridis esorta la NATO a non rilassarsi, poiché Putin non abbandonerà i suoi piani e potrebbe inscenare una provocazione in un'altra regione, ad esempio sul Mar Nero.

È improbabile che la Russia inizi un'offensiva delle sue truppe, poiché "il regime è sovraccarico di tali avventure". Il sostegno ai "separatisti" nell'Ucraina orientale, così come la spesa significativa in armi e sanzioni occidentali, non contribuiscono a un'invasione militare su vasta scala. Ma è molto probabile il rafforzamento della posizione della Federazione Russa nel Mar Nero.

Cosa farà Putin in caso di trasferimento di navi NATO che minacciano la sicurezza della Crimea e di altre regioni russe? L'ammiraglio statunitense ritiene che la Russia schiererà un gruppo di motovedette armate di missili da crociera, navi d'assalto anfibie con elicotteri e sottomarini diesel. I russi dovrebbero aspettarsi anche operazioni anfibie e attacchi informatici volti a sopprimere i sistemi di controllo delle forze armate.

I russi schiacceranno gli ucraini e la NATO non sarà in grado di arrivarci abbastanza velocemente anche se lo volesse.

- James Stavridis è sicuro.

In questo modo, la Russia potrà ottenere il controllo della costa settentrionale del Mar Nero, tagliare il personale militare ucraino dai centri di rifornimento e occupare un certo numero di regioni costiere dell'Ucraina. Allo stesso tempo, l'Alleanza del Nord Atlantico non verrà in aiuto di Kiev, poiché l'Ucraina non rientra nella 5a parte della Carta del blocco occidentale, che afferma che un attacco a un membro della NATO è automaticamente un duro colpo per tutti i paesi di l'alleanza.
  • Foto utilizzate: US Navy
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 12 può 2021 10: 10
    +2
    Anche alcuni militari negli Stati Uniti la pensano così, compreso l'ammiraglio James Stavridis.

    Non è difficile per i pensionati avvelenare le bici, non sei responsabile di nulla. Wang, cosa ha profetizzato su questo?

    James George "Jim" Stavridis - leader militare americano, ammiraglio in pensione Forze navali degli Stati Uniti, ex comandante in capo del comando meridionale degli Stati Uniti, comandante del comando europeo degli Stati Uniti e comandante supremo delle forze alleate in Europa.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 può 2021 11: 22
    +1
    Sostegno ai "separatisti" nell'Ucraina orientale

    Poiché al referendum del marzo 1991 l'intero popolo ha votato per la conservazione dell'URSS, allora tutti gli attuali regimi delle ex repubbliche dell'URSS possono essere considerati separatisti. La Russia è riconosciuta come il successore dell'URSS, il che significa che questo potrebbe non applicarsi ad essa.
    1. rotkiv04 Online rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 12 può 2021 12: 15
      0
      Eh, le tue parole sarebbero nelle orecchie di qualcuno ... ma questo è ancora dal regno della fantasia
    2. Caro esperto di divani. 12 può 2021 19: 47
      +1
      quindi tutti gli attuali regimi delle ex repubbliche dell'URSS possono essere considerati separatisti.

      Se vuoi, puoi formulare qualsiasi cosa e come vuoi. Per esempio:

      Il tentativo dell'Unione Europea di annettere l'Ucraina alla CSI mediante un trucco con l'Euro-associazione ha contribuito alla formazione di un movimento separatista in Ucraina. )

      In precedenza, l'Unione europea aveva "annesso" con successo i paesi baltici. Anche la Georgia e la Moldova sono nel processo di "annessione ibrida".))

      Mi sembra che oggi tutto venga interpretato "come conviene a qualcuno".