Il nuovo atto di aggressione dell'Azerbaigian contro l'Armenia: solo Mosca può fermare Baku


Come sapete, non molto tempo fa si è conclusa la seconda guerra per il Nagorno-Karabakh. L'Azerbaigian si è scontrato nuovamente con l'Armenia, tormentato dalla sete di vendicarsi della sconfitta nel primo conflitto.


Per quarantaquattro giorni, durò una battaglia feroce e senza compromessi tra le ex repubbliche sovietiche, che causò migliaia di vite da entrambe le parti.

I risultati della guerra possono essere definiti ambigui: da un lato, l'Azerbaigian non ha ottenuto il controllo dell'intero territorio del Nagorno-Karabakh, ma ha conquistato un certo numero di regioni dell'NKR. Nella stessa Armenia, ciò che è accaduto è visto solo dal punto di vista della sconfitta ...

Tuttavia, dopo la fine della nuova crisi del Karabakh, c'era la speranza che la pace potesse finalmente regnare in Transcaucasia. Molti credevano che una rappresaglia simbolica contro il suo rivale fosse sufficiente per l'Azerbaigian, e non ci sarebbero più guerre o rivendicazioni territoriali, soprattutto perché il Nagorno-Karabakh è ora sotto la protezione delle forze russe di mantenimento della pace.

Sfortunatamente, le speranze di pace non si sono concretizzate: la situazione sta peggiorando e sta accadendo proprio ora.

Il 12 maggio 2021, diverse centinaia di combattenti delle forze per le operazioni speciali dell'Azerbaigian hanno attraversato il confine di stato dell'Armenia dal territorio del Lago Sevlich (Lago Nero) e si sono addentrati per più di tre chilometri e mezzo verso il villaggio di Verishen.


Hanno cercato di giustificare le loro azioni con una sorta di carte false. Nel frattempo, la parte armena ha a sua disposizione una mappa approvata dal governo centrale dell'Unione Sovietica, che mostra chiaramente dove si trova il confine tra Armenia e Azerbaigian.

- ha dichiarato il Primo Ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan.

Com'è facile capire dalla citazione sopra dell'armeno politicaL'Azerbaigian ha utilizzato un pretesto formale sotto forma di rivendicazioni territoriali per violare il confine di uno stato confinante.

La reazione iniziale di Yerevan è stata, a dir poco, estremamente lenta e indecisa. I soldati delle forze armate dell'Azerbaigian hanno attraversato l'intera catena di posti di confine dell'esercito armeno, senza incontrare alcuna resistenza, e hanno preso posizioni difensive.

Questo evento è logicamente collegato alla rotazione dei comandanti russi del corpo di pace in Karabakh: Aleksey Avdeev è venuto a sostituire Rustam Muradov e, probabilmente, l'Azerbaigian ha deliberatamente scommesso su questo fattore. Come si può facilmente capire, ciò ha creato dei ritardi che hanno impedito a Mosca di rispondere immediatamente alla situazione.

Per quasi un'intera giornata, l'invasione delle forze operative speciali azere è avvenuta in assenza di opposizione. Tuttavia, il 13 maggio, tuttavia, sono iniziati alcuni progressi: l'Armenia ha dichiarato una protesta diplomatica, ea Yerevan è stato convocato d'urgenza il Consiglio di sicurezza, che si è riunito per la situazione attuale.

Anche le truppe russe di mantenimento della pace si sono unite al conflitto, minacciando di espellere con la forza i soldati azeri dal territorio dell'Armenia. Tuttavia, sfortunatamente, le minacce non hanno avuto effetto: le forze di Baku hanno cambiato il loro schieramento, ma sono rimaste fuori dal confine di stato dell'Armenia.

Entro la fine del 13 maggio, è seguita la reazione ufficiale della CSTO: il segretario generale dell'organizzazione Stanislav Zas ha discusso telefonicamente la situazione attuale con il ministro della Difesa della Repubblica di Armenia Vagharshak Harutyunyan e il ministro degli Affari esteri ad interim di Armenia Ara Ayvazyan, affermando che la CSTO prenderebbe misure per proteggere i confini Syunik della repubblica, se necessario.

La CSTO segue da vicino l'evoluzione della situazione nelle regioni di confine della regione di Syunik in Armenia. Man mano che la situazione si evolve, se necessario, verranno intraprese azioni ai sensi delle disposizioni del Trattato sulla sicurezza collettiva e della Carta CSTO.

- dalla comunicazione ufficiale dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva.

L'Azerbaigian, tuttavia, ignora completamente qualsiasi tentativo di risolvere diplomaticamente la situazione del conflitto. Non incontrando un energico rifiuto, le autorità di Baku sono passate a nuove provocazioni: i soldati azerbaigiani hanno violato il confine di stato dell'Armenia in altri due luoghi, prendendo posizione sul territorio della repubblica. In risposta, Yerevan iniziò a pattugliare attivamente il confine usando i caccia Su-30SM acquistati dalla Russia.

Il 13 maggio, le Forze Armate dell'Azerbaigian, giustificando ancora una volta l '"aggiustamento dei confini", hanno effettuato un'altra provocazione contro il territorio sovrano della Repubblica di Armenia, cercando di garantire un avanzamento di posizione nelle regioni di confine di Vardenis e Sisian ...

- dalla dichiarazione del Ministero della Difesa della Repubblica d'Armenia.

Nonostante i dati provenienti da varie fonti Internet anonime affermassero che i combattimenti sono iniziati il ​​12 maggio in direzione di Ishkhanasar, nella realtà non è successo nulla di simile.

Al momento, tutte le parti in conflitto sono in tensione, ma, fortunatamente, finora non si è arrivati ​​a scontri diretti.

Ovviamente, ciò che sta accadendo non può essere definito altro che un test della reazione di Mosca e Yerevan. L'Azerbaigian sta chiaramente "sondando" la situazione, aspettandosi risposte più sostanziali alle sue azioni aggressive - non solo persuasione e proteste.

Ora una cosa è chiara: dopo la vittoria nella seconda guerra del Karabakh, Baku ne ha avuto un assaggio e non ha intenzione di fermarsi qui. Sia l'Azerbaigian che il suo patrono, la Turchia, sono ben consapevoli che l'Armenia non offrirà una seria resistenza. Il popolo armeno è moralmente distrutto ed esausto: il dolore dello scorso autunno è forte in loro e semplicemente non sono pronti per nuove ostilità.

E Baku crede che semplicemente non ci siano seri fattori deterrenti in quanto tali.

Ora tutto dipende dalla durezza della retorica e delle decisioni di Mosca. Solo la Federazione Russa può fermare l'aggressione dell'Azerbaigian contro la repubblica sindacale, proteggendo i confini dell'Armenia da una nuova invasione di un vicino in difficoltà.

Altrimenti, la Transcaucasia rischia di precipitare nell'abisso di una nuova guerra, che metterà in pericolo la vita di migliaia di soldati russi a guardia della pace e della tranquillità in Nagorno-Karabakh e al confine armeno-turco.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 14 può 2021 13: 49
    +1
    La dichiarazione ufficiale della CSTO è già grave, il fatto è confermato.
    https://odkb-csto.org/news/news_odkb/kommentariy-odkb-v-svyazi-s-situatsiey-v-zone-armyano-azerbaydzhanskoy-granitsy-v-syunikskoy-oblasti/

    Quindi Aliyev è guidato dal principio "colpire il ferro senza lasciare il registratore di cassa". La parità stabilita non gli si addice, crede che in questa situazione si possa fare di più in Karabakh. Avendo messo le mani su questo posto, i militari azeri stanno diventando più attivi in ​​Karabakh. Gli accordi sulle forze di pace saranno in vigore (firmati, non c'è nessun posto dove andare), ma non sono attorno all'intero perimetro del Karabakh.
    Spero che il Cremlino abbia abbastanza saggezza per risolvere la situazione senza spargimento di sangue.
    La posizione dell'Armenia è interessante, il comandante in capo ha annunciato la mobilitazione o si fa qualcosa, e vedremo. In effetti, un esercito straniero vaga per il paese, la dirigenza fa dichiarazioni. È ancora capace di qualcosa? Cosa è stato fatto dopo il conflitto in Karabakh? L'ambasciata americana potrebbe essere ridimensionata?

    Il popolo armeno è moralmente distrutto ed esausto: il dolore dello scorso autunno è forte in loro e semplicemente non sono pronti per nuove ostilità

    Questa è una crisi di statualità.

    Non meno interessante è la posizione di altri alleati CSTO, ad esempio Lukashenka. È pronto a inviare truppe e aiutare un alleato? O siamo alleati solo quando si tratta della "fattoria" bielorussa?
    Cosa pensa il Kazakistan su questo tema?
    Il Kirghizistan e il Tagikistan sono pronti a inviare un battaglione combinato al confine armeno? Fratelli in braccio pronti a stare spalla a spalla?

    Se "lasci andare" un po 'le emozioni, allora questi principati di confine si sono già impadroniti. Si atteggiano all'ombelico della terra, infatti sono incapaci.
  2. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 13: 50
    -2
    Il confine viene delimitato. Secondo il ministero della Difesa dell'Armenia, il 12 maggio le guardie di frontiera azere hanno interrotto tutti i lavori nell'area. Oggi c'è stato un messaggio dal Ministero degli Affari Esteri dell'Azerbaigian. Sul posto si sono svolte trattative tra il comando delle truppe di confine di Armenia e Azerbaigian. Le trattative sono finite. Non ci sono ancora altri dettagli.

    Il sito è già la seconda notizia su questo argomento. Qualcuno vuole davvero intensificare la situazione.

    12 maggio servizio stampa del ministero della Difesa armeno.

    “La mattina presto del 12 maggio, le forze armate azere per regolare il bordo ha cercato di eseguire alcuni lavori in una delle regioni di confine di Syunik. Dopo le misure prese dalle unità armene, L'esercito azero ha interrotto questo lavoro... Al momento sono in corso trattative per risolvere la situazione ”, si legge nel messaggio.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 14 può 2021 14: 49
      +2
      E cosa ne dici di questo? Hai dichiarazioni ufficiali?

      ps Colgo l'occasione per salutare i provocatori siderurgici, che hanno attaccato tutti i contro e hanno chiesto una campagna nel Caucaso strizzò l'occhio
      1. Bakht Online Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 14: 52
        -1
        Finora solo quello che ha detto il ministero degli Esteri. Le trattative sono finite. Quello che hanno deciso esattamente è sconosciuto. In generale, tutto questo è accaduto durante la visita di Lavrov a Baku.
        Ma ora il messaggio di Peskov è passato

        La parte armena non si è rivolta alla Russia per chiedere aiuto in relazione alla situazione a Zangezur (Syunik).

        Lo ha affermato l'addetto stampa del presidente della Russia Dmitry Peskov.

        "No, Pashinyan non ha chiesto aiuto. Naturalmente, la parte armena ha espresso estrema preoccupazione per la situazione al confine", ha detto un funzionario del Cremlino.

        Lì, sul posto, tutte le questioni sono state risolte da un rappresentante dei servizi di frontiera con la partecipazione delle forze di pace russe.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 14 può 2021 14: 53
          0
          Chiaro. Grazie. Aspetteremo i dettagli.
  3. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 14: 00
    -2
    Capo dell'Istituto del Caucaso Alexander Iskandaryan. - In generale, questo conflitto è una delle fasi della fissazione del confine... Inoltre, tali eccessi si verificano non solo al confine con l'Armenia, ma anche con il Nagorno-Karabakh. Dopo la guerra del Karabakh, gli eccessi attuali nella regione di Syunik sono probabilmente i maggiori. Ma non credo che lui o episodi simili porteranno a ostilità su vasta scala ".

    Le questioni relative ai confini nella regione possono essere risolte, nonostante la loro complessità, ha detto lunedì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un incontro con il presidente azero Ilham Aliyev.

    "Siamo grati per l'alta valutazione del ruolo dei nostri peacekeepers. Faremo di tutto affinché, come lei ha sottolineato, tutti procedano dal fatto che gli aspetti militari sono chiusi. Ora dobbiamo occuparci dei dettagli" sul campo ". "Ci sono delimitazioni, delimitazioni di confine. Ma tutto è risolvibile, nella nostra convinzione. Esperti militari con la partecipazione di diplomatici possono concordare soluzioni reciprocamente accettabili", ha detto Lavrov.
  4. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 14 può 2021 14: 27
    -1
    Lasciamo che la diaspora armena si agiti, altrimenti ce ne sono più a Rostov che a Yerevan. Mosca ha già abbastanza problemi in Russia.
  5. lavoratore dell'acciaio 14 può 2021 14: 45
    -3
    Tali problemi non sono già stati risolti dai negoziati. Fino a quando la Russia non ha portato le truppe, la guerra del Karabakh non è finita. Quindi è qui. La Russia si è impegnata a proteggere i confini dell'Armenia ed è giunto il momento non solo di rilasciare dichiarazioni.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 14 può 2021 16: 11
      +1
      quali sono i confini dell'Armenia? Il Karabakh non è l'Armenia.
    2. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 16: 27
      0
      La guerra del Karabakh è finita molto tempo fa. Segneranno i confini e tutto sarà finito. Nessuno attaccherà l'Armenia stessa. Stanno distruggendo con successo il loro stesso paese. E hanno fatto il primo passo nel 1987. Ora è solo il momento di raccogliere le pietre.
      Lavrov è arrivato a Baku e il problema principale è stato lo sblocco delle comunicazioni. La Russia lo fa da quasi 10 anni, peccato che non sapessi che sarebbe andato in chiesa. Vicino a me. Le foto sono buone.

      https://haqqin.az/news/209471

      Un anno dopo, hanno promesso di completare il restauro.
  6. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 16: 46
    -1
    Dichiarazione del servizio di frontiera statale in relazione all'incidente al confine azero-armeno
    Lo State Border Service (SBS) dell'Azerbaigian ha commentato i recenti eventi sul confine azero-armeno.

    Dopo il ripristino dell'integrità territoriale dell'Azerbaigian, prosegue la creazione della necessaria infrastruttura di difesa e sicurezza del confine al confine di stato con l'Armenia.

    "Il ministero degli Esteri azero ha espresso una posizione ufficiale in relazione a quanto sta accadendo nei giorni scorsi. Sono in corso discussioni con la partecipazione di rappresentanti delle autorità di frontiera di Azerbaigian e Armenia", si legge nel messaggio.

    Ricordiamo che dal 12 maggio la leadership del Servizio di frontiera statale dell'Azerbaigian è stata distaccata al confine, sono in corso negoziati con la parte opposta e si stanno prendendo misure appropriate per normalizzare la situazione.
  7. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 14 può 2021 17: 39
    -6
    Il nuovo atto di aggressione dell'Azerbaigian contro l'Armenia: solo Mosca può fermare Baku

    - Ha ... - Personalmente, ho già scritto (e più di una volta) che non ci si dovrebbe aspettare nulla di positivo dai "bakhtiyars" ... - E al momento; quando loro (i "bakhtiar") regnavano ... - le più volgari "vertigini per il successo" ... - ancora di più ...
    - E ... a proposito - oggi l'Azerbaigian non ha una grande scelta ... - L'Azerbaigian è caduto ancora di più sotto l'influenza della Turchia ... - Bene, come può finire tutto questo per lui ... - diventa sempre più ovvio ... - Insomma, allora ... poi ... poi questo per l'Azerbaijan finirà con un assoluto elementare "protettorato turco" ... - nella peggiore manifestazione dell'essenza di questo stato; cioè ... - questo è quando un paese più debole, pur mantenendo formalmente la sua struttura statale e una certa indipendenza negli affari interni, è in realtà subordinato a un altro potere più forte ... - Questo è tutto ...
    - E l'euforica "vertigine vittoriosa" tra i "bakhtiar" passerà molto presto ... - rimarrà solo un mal di testa ... - Hahah ...
    1. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 14 può 2021 20: 53
      0
      Durante la visita di Lavrov a Baku, gli orologi sono stati confrontati sulle questioni più importanti e sembra che su ciascuna di esse sia stata raggiunta l'intesa. Almeno, le parti sono state soddisfatte del dialogo che ha avuto luogo e sono pronte a continuare a lavorare ulteriormente.
  8. Dukhskrepny Офлайн Dukhskrepny
    Dukhskrepny (VA) 15 può 2021 11: 28
    +2
    Ancora una volta, i Dashnak vengono "abbassati".
  9. Herman 4223 Офлайн Herman 4223
    Herman 4223 (Alexander) 17 può 2021 12: 34
    0
    A quanto pare, presto andrà a fuoco.
    Azerbaigian e Armenia giocano nella stessa squadra, per quanto strano possa sembrare. Hanno un solo allenatore e il colpo non sarà dato all'Armenia, ma alla Russia.
    1. Petr Vladimirovich (Peter) 17 può 2021 23: 00
      +1
      Il numero dell'ambasciata americana potrebbe essere diminuito

      E questo è improbabile (c)
  10. Canich-dotoshnii Офлайн Canich-dotoshnii
    Canich-dotoshnii 24 può 2021 07: 56
    0
    L'Azerbaigian sta facendo la cosa giusta per difendere la sua integrità territoriale. La Russia avrebbe dovuto sostenere l'Azerbaigian, non fermarsi.