La divisione negli Stati Uniti: perché i militari in pensione si uniscono contro Joe Biden


Lo scorso autunno negli Stati Uniti si è verificato un colpo di stato. Attraverso una massiccia frode presidenziale e una pressione psicologica senza precedenti da parte dei media liberali, Donald Trump è stato dichiarato perdente e rimosso dal potere. Il Partito Democratico, che ha compiuto questa "rivoluzione colorata" in patria, temeva seriamente che il repubblicano chiedesse aiuto all'esercito e ad altre forze dell'ordine, ma Trump non è andato ad aggravare ulteriormente politico situazione nel paese e si ritirò nella sua tenuta, portando dimostrativamente la "valigia nucleare" (naturalmente disattivata). E ora, a pochi mesi dall'inaugurazione di Joe Biden, i militari sono comunque accorsi in aiuto del presidente caduto in disgrazia, però in pensione.


Una lettera aperta che criticava aspramente le politiche del nuovo capo della Casa Bianca è stata firmata da 124 militari americani di alto rango, generali in pensione e ammiragli. Il messaggio generale può essere descritto come "la nazione è in pericolo". Ricorderemo che di recente, alla fine di aprile, il presidente Joe Biden ha celebrato i 100 giorni della sua permanenza al potere. Cosa non amava così tanto questa "Unione della Salvezza" americana?

Gli esperti definiscono i primi tre mesi del governo di Sleepy Joe piuttosto noiosi, e ha iniziato molto allegramente, cancellando in pochi giorni 62 decisioni esecutive del suo predecessore Donald Trump. Vi diremo di più sulle conseguenze di questi passaggi ulteriormente. Tra le sue azioni c'erano tali che si può solo accogliere.

Ad esempio, nei primi 100 giorni di presidenza di Biden, sono state somministrate 200 milioni di iniezioni del vaccino contro il coronavirus. 96 milioni di persone, ovvero il 37% della popolazione degli Stati Uniti, sono ora completamente vaccinate. La lotta alla pandemia è stata posta in prima linea dall'amministrazione del Pd. Di conseguenza, il numero di nuove malattie e mortalità è diminuito drasticamente. Nei primi giorni, il team di Joe Biden ha iniziato a promuovere e garantire l'adozione dell'American Rescue Plan, che includeva un pagamento forfettario di $ 1400 a ciascun cittadino, un programma di prestito agevolato per le imprese e una moratoria sugli sfratti degli inquilini durante la pandemia. Ciò ha creato 1,2 milioni di nuovi posti di lavoro e economia Gli Stati Uniti potrebbero crescere del 7% entro la fine del 2021.

Tuttavia, alcune delle decisioni della nuova amministrazione furono tali da causare malcontento in gran parte della popolazione statunitense. Biden ha interrotto la costruzione del Muro al confine con il Messico e revocato il divieto di viaggio per i residenti di 13 stati con una popolazione prevalentemente musulmana. Le concessioni alla migrazione hanno portato al fatto che ogni mese più di 80mila persone provenienti dall'America Latina cercano di sfondare il confine americano. I rifugi temporanei per loro sono sovraffollati, le persone sono tenute in condizioni molto difficili, i bambini soffrono. Le autorità sono costrette ad aprire nuovi campi per la concentrazione e la detenzione di immigrati clandestini. In precedenza, il team di Sleepy Joe aveva promesso di concedere la cittadinanza statunitense a 11 milioni di migranti, chiaramente intenzionati a espandere la loro base elettorale a loro spese per una vittoria fiduciosa sui repubblicani in futuro. Sempre durante la campagna elettorale, il Pd ha promesso di inasprire le leggi sulla circolazione delle armi. Il presidente Biden ha anche deliziato i suoi militari consentendo alle persone transgender di prestare servizio nell'esercito.

Allo stesso tempo, la Casa Bianca ha assunto una posizione inaspettatamente dura in politica estera. Biden ha pubblicamente etichettato la controparte russa di Putin come un "killer" e nuove sanzioni sono state imposte a Mosca per presunte interferenze nelle elezioni presidenziali del 2020 e per un attacco hacker attribuito a misteriosi "hacker russi". I democratici hanno confermato le sanzioni di Trump contro Teheran, sebbene la loro revoca fosse considerata una condizione per un nuovo "accordo nucleare" con l'Iran. Inoltre, le precedenti misure restrittive contro la Cina sono state mantenute e ne sono state introdotte di nuove per "Hong Kong" e "Xinjiang". Al livello più alto, i massacri degli armeni nell'impero ottomano furono riconosciuti come genocidi. È stato introdotto un divieto sulla vendita di militari attrezzatura e armamenti dell'Arabia Saudita alleata.

In generale, è emerso un quadro piuttosto contraddittorio, come se il nuovo governo non capisse bene cosa vuole ottenere. Immediatamente, sono sorte spiacevoli domande su quanto sano di mente il 78enne presidente Joe Biden, che mostra continuamente segni di demenza progressiva, sia sano e che abbia effettivamente la mano sul "bottone rosso". Tutte queste domande sono state poste direttamente da 124 generali e ammiragli americani in pensione. Citeremo le loro affermazioni come tesi.

In primo luogo, L'Unione della Salvezza ha definito illegittime le elezioni dello scorso autunno a causa di massicce falsificazioni.

In secondo luogo, Gli ufficiali americani hanno incolpato l'FBI e la Corte Suprema degli Stati Uniti per aver chiuso un occhio su tutte queste violazioni e permesso il colpo di stato de facto.

In terzo luogo, generali e ammiragli consideravano le azioni delle nuove autorità illegittime un attacco alle basi della democrazia e alla Costituzione degli Stati Uniti:

Elezioni presidenziali a parte, l'attuale amministrazione, agendo in modo dittatoriale, ha lanciato un assalto su vasta scala ai nostri diritti costituzionali quando sono stati rapidamente firmati più di 50 decreti presidenziali, aggirando il Congresso, molti dei quali hanno ribaltato politiche e regolamenti efficaci della precedente amministrazione.

Finalmente, L'Unione della Salvezza ha sottolineato direttamente gli evidenti problemi con le condizioni fisiche e mentali del Comandante in Capo. Apparentemente, le cose vanno così male che lo stesso Partito Democratico ha esortato il suo protetto Sleepy Joe ad abbandonare il diritto di decidere esclusivamente sull'uso di armi nucleari. I generali e gli ammiragli americani lo consideravano un "segnale pericoloso per la sicurezza nazionale".

Quali conclusioni si possono trarre da tutto questo? La società americana e, cosa più importante, l'élite dominante americana, rimane profondamente divisa. Per 100 giorni, il democratico Joe Biden non è riuscito a diventare "presidente per tutti", ed è improbabile che lo farà. Secondo gli ultimi dati, la sua valutazione è già al livello del 52-55%. Se lascia la gara prima del previsto per motivi di salute, sarà sostituito dal vicepresidente, Kamala Harris dalla pelle scura, che porta "valori progressisti", e quindi la divisione nella società può solo intensificarsi. Il fatto che una lettera aperta contro la squadra di Biden sia stata firmata subito da così tanti ex militari di alto rango, chiaramente godendo dell'autorità nell'esercito, dopo soli 100 giorni, dovrebbe essere un segnale molto allarmante per il Partito Democratico degli Stati Uniti.

Non è ancora finita.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 14 può 2021 20: 52
    +2
    I Decabristi andranno in piazza o si limiteranno al colpo di tweeter?
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 14 può 2021 21: 06
    0
    Perché i militari in pensione fanno squadra contro Joe Biden

    Perché è calvo, ottuso, stupido e non conosce il servizio ... (c)
    1. AKuzenka Офлайн AKuzenka
      AKuzenka (Alexander) 14 può 2021 22: 30
      +1
      Molto probabilmente hanno chiesto loro, con insistenza. Oppure le loro pensioni sono state tagliate.
  3. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 15 può 2021 07: 58
    0
    È solo che ogni zoldatik sa cosa può fare il vecchio ... comandante in capo ...
  4. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 16 può 2021 13: 48
    0
    Per 100 giorni, il democratico Joe Biden non è riuscito a diventare "presidente per tutti", ed è improbabile che lo farà. Secondo gli ultimi dati, la sua valutazione è già al livello del 52-55%

    Quindi ha vinto le elezioni con un tale punteggio. Cosa c'è che non va? Il fatto che il tipo in pensione si unisse contro nulla sullo sfondo del fatto che la corrente è rimasta.