Yuri Levitan - "l'arma segreta" di Stalin


Il 15 maggio 1945 fu trasmesso alla radio l'ultimo rapporto militare dell'Ufficio informazioni sovietico: un corpo unico creato letteralmente il terzo giorno della Grande Guerra Patriottica e, senza alcuna esagerazione, era uno dei tipi di armi più potenti utilizzato in esso dal nostro paese.


"Le truppe sovietiche hanno completato la ricezione di prigionieri su tutti i fronti ..." - queste parole riassumevano i quattro anni di sconfitta e vittoria, dolore e gioia, speranza e fede, che vissero milioni di persone sovietiche che combatterono in prima linea e forgiarono la Vittoria nella parte posteriore. I dipendenti del Sovinformburo erano sia tra i primi che tra i secondi.

"Mosca dice ..."


Senza dubbio, le parole del titolo, che invariabilmente dava inizio a tutti i servizi in prima linea, annunciati alla radio e pubblicati sui giornali sovietici, sono diventati uno dei segni più riconoscibili e noti del loro tempo. Non appena suonano in un film, serie TV o programma TV, diventa immediatamente chiaro a tutti che parleremo ulteriormente della Grande Guerra Patriottica. In effetti, come accennato in precedenza, la decisione di creare un ufficio informazioni sovietico sotto il Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS fu presa il 24 giugno 1941. Il nemico ha inferto un colpo insidioso e schiacciante, le operazioni militari non si sono svolte nel modo in cui si aspettava la maggioranza assoluta dei cittadini sovietici. Tutto ciò in sé disorientava, creava confusione e, francamente, persino panico. Inoltre, la macchina di propaganda del Terzo Reich, guidata da Joseph Goebbels, funzionava, come si suol dire, a tutta velocità: disinformazione e appelli all'abbandono della resistenza non solo furono trasmessi da molte stazioni radio nemiche, ma caddero letteralmente sulle teste dei nostri soldati al fronte e civili in prima linea con tonnellate di volantini falsi, carte su cui i nazisti non risparmiarono.


Tutto ciò doveva essere respinto in modo efficace e urgente: la leadership del partito e il paese lo capivano perfettamente. Alexander Shcherbakov, segretario del Comitato centrale del Partito comunista sindacale (bolscevichi) e primo segretario del Comitato del partito della città di Mosca, "fondato" su questioni di ideologia, ha guidato l'organo più importante del paese in un momento di difficili processi . Alcune fonti gli attribuiscono l'iniziativa di creare il Sovinformburo. Forse era così, ma in un modo o nell'altro l'idea, come si suol dire, era nell'aria ed è stata realizzata all'istante.

Per la stragrande maggioranza dei nostri concittadini, il Sovinformburo è associato principalmente a rapporti in prima linea letti con la voce unica di Yuri Levitan. Parleremo di questa personalità davvero eccezionale, ma per ora vorrei sottolineare che non si è limitato a informare tempestivamente i cittadini sugli eventi in prima linea di questa organizzazione, il cui staff dal momento della sua formazione comprendeva 80 persone. Nella struttura del Sovinformburo, oltre ai militari, c'erano reparti sia di propaganda che di contro-propaganda, internazionale, traduzioni e altro. Una menzione speciale dovrebbe essere fatta al dipartimento letterario del NIB, i cui dipendenti erano grandi scrittori sovietici come Konstantin Simonov, Alexey Tolstoy, Mikhail Sholokhov, Boris Polevoy, Alexander Fadeev e molti altri. La maggior parte di loro non lavorava in accoglienti appartamenti di Mosca o in lontane evacuazioni: erano periodicamente in viaggio d'affari sui fronti della Grande Guerra Patriottica, a volte pagando per i loro rapporti e saggi con le loro vite, come Evgeny Petrov, coautore del nostro le amate Dodici Sedie e The Golden Calf ... Anche scrittori antifascisti tedeschi hanno collaborato con questo dipartimento.

Inoltre, la competenza del NIB includeva il lavoro di cinque comitati antifascisti: tutti slavi, ebrei, giovani sovietici, scienziati sovietici e donne sovietiche. Il Sovinformburo intraprese ufficialmente la propaganda all'estero dal 1944, anno in cui venne creata una corrispondente unità nel suo organico, che era arrivata a più di 200 persone. La parola di Mosca è stata ripresa e replicata da migliaia di giornali e riviste in tutto il mondo, da dozzine di stazioni radio in 23 stati. È così che l'Unione Sovietica ha raccontato a tutta l'umanità la sua eroica lotta contro il nazismo, mantenendo la fede nella vittoria nei cuori delle persone.

Sintesi a costo della vita


Con tutto ciò, il genere principale per il Sovinformburo, ovviamente, erano le relazioni. Erano trasmessi quotidianamente nell'intervallo di tempo dalle 5 alle 6 del mattino. La lettura è avvenuta a ritmo volutamente lento, con la pronuncia lettera per lettera del nome di ogni insediamento, discussa nel messaggio. Ciò è stato fatto in modo che coloro che hanno scritto i rapporti parola per parola non commettessero errori - e questo è accaduto in moltissimi posti, sia sul fronte stesso che su entrambi i lati. Inoltre, tutte le pubblicazioni stampate, senza eccezioni, le pubblicavano sulle prime pagine, i dipendenti delle "finestre informative" ei copisti di volantini erano collegati alla diffusione delle informazioni, che era la più importante per ogni persona sovietica. Va ricordato che per un tale rapporto, pubblicato sul territorio occupato dai nazisti, c'era solo una punizione: la morte.

Ancora oggi negli archivi e nei magazzini dei musei sono conservate le relazioni del Sovinformburo, diligentemente stampate su fogli di quaderno, chiaramente ancora con grafia "scolastica" per bambini. La parola della verità, per la quale coloro che la diffusero furono brutalmente torturati dagli invasori nazisti ... Tuttavia, anche la minaccia della tortura e dell'esecuzione non fermò i partigiani, i lavoratori sotterranei, le persone più comuni che non potevano danneggiare il nemico in altro che la diffusione di informazioni mortalmente pericolose per lui ... Sì, c'era un problema serio in questa materia - dalla risoluzione del Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS, adottata letteralmente il giorno dopo la creazione del Sovinformburo, cioè il 25 giugno 1941, tutti i ricevitori radio e i trasmettitori radio nelle mani dei cittadini, nessuno escluso, erano soggetti a consegna alle autorità entro cinque giorni.

Questa misura avrebbe dovuto complicare il più possibile le attività degli agenti nazisti, con i quali, ahimè, almeno la linea del fronte era a quel tempo in larga misura saturata. Tuttavia, non puoi davvero ascoltare i rapporti senza un ricevitore ... Cosa fare - Le decisioni prese nella fase iniziale della guerra, in fretta e nella foga del momento, erano tutt'altro che del tutto equilibrate. Non sta a noi giudicare e incolpare coloro che li hanno ricevuti. Comunque sia, togliere alla nostra gente ciò che categoricamente non vuole dare non è un compito facile. In primo luogo, nel 1941 c'erano un milione e mezzo di ricevitori per l'intera URSS - questi sono solo quelli "di fabbrica", senza "prodotti fatti in casa". Andate e portate via ... Tutte le sciocchezze che “l'NKVD stava sparando dietro i ricevitori nascosti sul posto”, lasceremo sulla nostra coscienza le pubblicazioni libereid che hanno instancabilmente alla luce tali bugie. E, a proposito, le azioni per confiscare i ricevitori radio sono state eseguite dagli invasori in tutti i territori occupati, il che significa che c'era qualcosa da confiscare. In secondo luogo, ogni pioniere sovietico sapeva come assemblare un semplice rilevatore ricevitore, che, secondo i ricordi dei contemporanei della Grande Guerra Patriottica che ci sono pervenuti, era sufficiente "a capofitto" per ascoltare il Sovinformburo. Quindi entrambi hanno accettato e ascoltato, qualunque cosa accada. E, a proposito, ciò che è ancora impossibile non ricordare - sulle accuse che periodicamente suonano contro la leadership del NIB e direttamente al compagno Stalin che questi rapporti erano all'inizio, quando dovevamo ritirarci con sanguinose battaglie e lasciare la città dopo città, erano completamente falsi, non riflettevano il quadro reale. Ebbene, cosa si può dire ... Sì, secondo numerose testimonianze, il Comandante Supremo ha letto e governato personalmente praticamente ogni rapporto dell'Ufficio informazioni sovietico. Sì, su alcuni di essi non c'era più "spazio vitale" dopo. Che cosa, mi scusi, vuoi? In modo che il Capo del quartier generale e GKO con le sue stesse mani contribuissero alla "diffusione di sentimenti disfattisti" ?! Come è andata a finire alla fine? I vincitori non vengono giudicati, sai ...

Yuri Levitan - "l'arma segreta" di Stalin


Ma ciò che esattamente non corrispondeva alla verità nei programmi del Sovinformburo erano proprio le parole con cui cominciavano: "Mosca parla"! Questo era vero solo fino al 13 ottobre 1941. Successivamente, la trasmissione dalla capitale è diventata impossibile per due motivi. Prima di tutto, soprattutto tecnico - tutte le torri radio in essa e nei suoi dintorni dovevano essere smantellate frettolosamente, poiché erano semplicemente eccellenti punti di riferimento per gli avvoltoi della Luftwaffe che si precipitavano a Mosca. Ed è diventato sempre più pericoloso per i dipendenti NIB lavorare nella capitale. Ciò divenne chiaro dopo il raid aereo del 22 luglio 1941, quando si scoprì che uno degli obiettivi più importanti per i bombardieri nazisti era il Comitato Radio, da cui Yuri Levitan conduceva le sue trasmissioni.

Secondo alcune testimonianze, negli archivi tedeschi c'è un ordine personale di Goebbels: "chiudere la bocca alla radio di Mosca!" Esattamente 15 minuti dopo che una bomba ad alto esplosivo ha colpito l'edificio della Radio House, la trasmissione è esplosa con l'ululato vittorioso delle stazioni naziste: “I nostri assi hanno distrutto il centro radiofonico bolscevico! Levitan è morto! " Il grande annunciatore ha iniziato a trasmettere da uno studio di backup allestito nell'edificio Central Telegraph dopo circa mezz'ora. Naturalmente vivo e vegeto. Tuttavia, il momento più spiacevole in tutto ciò che è accaduto è stato un radiofaro scoperto in seguito dagli ufficiali dell'NKVD sul tetto della Radio House, mascherato lì in anticipo da un gruppo di sabotatori. Stava diventando chiaro che la caccia a Yuri Levitan era iniziata ei tedeschi si mettevano al lavoro con tutta serietà. All'annunciatore era stata assegnata una sicurezza costante dai migliori agenti e militanti del dipartimento di Beria, la pubblicazione di qualsiasi sua fotografia e la divulgazione dei dati sull'ubicazione dell '"oggetto" erano soggetti al divieto più severo. L'NKVD iniziò persino a diffondere intenzionalmente le voci più ridicole sull'aspetto di Levitan, attribuendogli "segni speciali" che non aveva mai avuto ...

Non presumo di affermare quanto siano vere le storie secondo cui Hitler considerava Yuri Levitan il suo "nemico personale numero 1" e ha persino nominato una ricompensa assolutamente fantastica per la sua testa - o 100 o addirittura 250 mila Reichsmark (secondo varie fonti) .. . Forse storie di guerra, ma qualcosa del genere, basato sui fatti di cui sopra, ha avuto luogo. Inoltre, all'inizio i nazisti, per quanto si sa, sognavano di rubare il "principale annunciatore Stalin" in modo che fosse lui che avrebbe poi annunciato al mondo intero la loro vittoria sull'Unione Sovietica. Ebbene, con la vittoria non hanno funzionato, così come con il rapimento, fortunatamente. Ma sognavano davvero di uccidere Levitan. Situato prima nella lontana Sverdlovsk (ora Ekaterinburg), e dopo il 1943 a Kuibyshev (ora Samara), lo studio e la stazione di trasmissione del Sovinformburo furono costretti a trasmettere le loro trasmissioni attraverso un'intera rete di ripetitori in modo che i nemici in nessun caso potessero trovare il loro posizione esatta. Tutto il lavoro dei loro dipendenti si è svolto nella più assoluta segretezza. Il pericolo è persistito fino alla fine della guerra ... C'è un altro racconto storico: presumibilmente alla domanda: "Quando ci sarà la vittoria?" Stalin una volta rispose: "Quando Levitan annuncerà!" E così è successo: è stato Yuri Levitan a informare il popolo sovietico della cattura di Berlino e della resa della Germania nazista. Ha anche letto l'ultimo rapporto dell'Ufficio informazioni sovietico nella storia. Era davvero l '"arma segreta" di Stalin, che nel 1934 sentì per caso la voce di un giovane annunciatore, che lesse l'editoriale della "Pravda" durante una trasmissione tecnica notturna e da quel momento fece di un ragazzo fino ad allora sconosciuto "la voce principale dell'URSS . " L'estro del Leader per le persone eccezionali era assolutamente inconfondibile ...

Dopo la fine della Grande Guerra Patriottica, l'Ufficio informazioni sovietico non fu affatto sciolto, anzi, il suo personale fu quasi raddoppiato e il suo status fu notevolmente aumentato. Il Sovinformburo era impegnato nella trasmissione e nell'organizzazione di una propaganda estremamente multi-livello e multiforme dell'Unione Sovietica, praticamente in tutto il mondo - dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna ai "paesi delle democrazie popolari". Iosif Vissarionovich non si sarebbe fermato qui ... Krusciov abolì l'Ufficio informazioni sovietico. Fortunatamente non l'ha disperso in modo netto (come ha fatto con molti progetti stalinisti), ma ha permesso di creare sulla sua base l'APN - Agenzia di stampa "notizie". Tuttavia, questa è una storia completamente diversa. L'Ufficio informazioni sovietico è entrato per sempre nella memoria di milioni di nostri compatrioti, come la voce della Grande Vittoria, che suonerà per sempre.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 15 può 2021 11: 33
    +2
    Ciò è stato fatto per evitare errori da parte di coloro che hanno scritto i riassunti parola per parola.

    Quando ho iniziato a leggere, ho voluto aggiungere queste parole al mio commento più tardi. Ma Alexander, come al solito, si è avvicinato al suo articolo in modo responsabile. Ho disposto tutto in dettaglio e non c'è niente da aggiungere.