La "carbon tax" europea avrà un grave impatto sull'economia russa


A partire dal 2023, l'Unione Europea introdurrà una speciale “carbon tax” per le aziende straniere che forniscono prodotti al proprio mercato. Prima di tutto, riguarderà gli esportatori di petrolio, gas, prodotti petrolchimici, metallurgia, fertilizzanti e cemento, la cui produzione emette una quantità significativa di gas serra. Ciò significa che l'onere principale del nuovo "carico ambientale" ricadrà sulla Russia. Come può rispondere il nostro Paese a questa sfida?


Innanzitutto è necessario sottolineare che la "carbon tax" è il rovescio della medaglia del programma di "decarbonizzazione" del mondo economia... La leadership dell'UE si è posta l'obiettivo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Per fare questo, è necessario abbandonare gradualmente l'uso di carbone, petrolio e gas nel settore energetico e passare a fonti energetiche rinnovabili "verdi". Ovviamente questo porterà ad un aumento dei costi dei produttori europei, pertanto, equalizzare le loro possibilità rispetto ai concorrenti “carbonio” è possibile solo attraverso leve amministrative, in particolare l'introduzione di una tassa speciale sugli importatori di "Impronta di carbonio" nella produzione.

Per il nostro Paese, tutto questo è doppiamente negativo notizie... Da un lato, l'Europa, il più grande mercato per la vendita di idrocarburi russi, ridurrà sistematicamente il loro consumo nei prossimi 20-30 anni. D'altro canto, vengono introdotti artificialmente costi aggiuntivi per gli esportatori di altri prodotti. E questo può diventare un grosso problema, poiché fino al 40% delle esportazioni nazionali può rientrare nella "tassa sul carbonio". E stiamo parlando solo del mercato europeo, sebbene anche Stati Uniti e Cina stiano pensando a misure di protezione simili per proteggere il loro mercato interno e i produttori locali. Cosa rimarrà alla Russia allora?

Il fatto è che la nostra "impronta di carbonio" è davvero molto ampia, che è influenzata da una combinazione di diversi fattori contemporaneamente. In primo luogo, il principale prodotto di esportazione della Russia non sono le auto elettriche o gli smartphone, ma il gas, il petrolio ei metalli. In secondo luogo, durante la loro estrazione e produzione, viene consumata molta energia elettrica e termica, che non è affatto ottenuta da fonti "verdi". Terzo, l'energia viene consumata anche quando si pompano petrolio e gas attraverso oleodotti, dai quali, secondo gli esperti europei, possono verificarsi perdite. Non esistono ancora metodi precisi per calcolare la "tassa sul carbonio", ma secondo stime preliminari, le perdite degli esportatori russi entro il 2030 potrebbero ammontare a 5-50 miliardi di euro. La cifra media è di 33 miliardi.

La tariffa inizialmente sarà probabilmente piccola, ma le sue dimensioni e il numero di articoli che copre non faranno che aumentare. Si stima che i produttori di acciaio laminato potrebbero perdere fino al 40% dei loro profitti, la pasta di cellulosa fino al 60% e gli esportatori di petrolio greggio fino al 20%. È facile intuire che lo stato sarà costretto a soddisfare a metà gli oligarchi nazionali e ridurre il carico fiscale per loro: saranno ridotti gli stanziamenti di bilancio dalla tassa sull'estrazione mineraria e dal dazio all'esportazione di petrolio e gas. Ciò significa che le capacità finanziarie del centro federale saranno ridotte ancora di più e il deficit dei produttori di materie prime dovrà essere compensato da un aumento della pressione fiscale su qualcun altro. (Mi chiedo chi?). Tuttavia, non c'è dubbio che il nostro governo, guidato dall'ex funzionario delle tasse del paese, Mikhail Mishustin, troverà sicuramente qualcosa.

Ma, forse, siamo invano borbottati dispiacere, e per il bene di un pianeta ecologicamente pulito vale la pena stringere la cinghia ed essere pazienti? Forse così. O forse no. Il fatto che il "mondo verde" sia solo un conveniente pretesto per la ridistribuzione globale dell'economia mondiale è evidenziato da una sfumatura importante. Se stessimo parlando di trovare un vero equilibrio tra le emissioni nocive e il risarcimento dei danni causati alla natura per loro, allora va tenuto presente che le emissioni di CO2 tendono ad essere assorbite dalle foreste. Il nostro Paese è uno dei leader in termini di copertura forestale, giustamente considerato il “polmone del pianeta”. Sì, l'industria russa dà il suo modesto contributo al riscaldamento del salvadanaio, ma le foreste assorbono queste emissioni e purificano l'atmosfera. Se tutto fosse giusto e puramente per il bene dell'ambiente, i funzionari dell'UE terrebbero in considerazione questo fattore nel calcolare la metodologia della "tassa sul carbonio", ma semplicemente lo ignorano con pretesti inverosimili. Forse perché nell'UE l'area forestale è relativamente piccola e non può competere con quella russa.

La "morsa del carbonio" inizierà gradualmente a schiacciare l'economia interna orientata all'esportazione di materie prime in soli due anni. E cosa ci resta da fare?

Sono rimaste solo tre opzioni. Per il periodo di transizione, utilizzare il meccanismo di riscatto reciproco delle quote di emissioni di CO2, che “sulla carta” rendono i prodotti climaticamente neutri. Avviare un programma per la reindustrializzazione globale dell'economia russa e l'introduzione di fonti energetiche "verdi" nella produzione dei prodotti al fine di diversificarli e ridurre la dipendenza dall'esportazione di materie prime di idrocarburi. Attraverso i negoziati, chiedi ai funzionari europei di prendere in considerazione il "fattore foresta" nel determinare il carico fiscale. Quindi, se il volume delle emissioni viene superato, i produttori nazionali saranno in grado di compensarle piantando nuove foreste e ripristinando le foreste bruciate. Questa sarebbe una grande benedizione per la nostra taiga a lungo sofferente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
23 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 15 può 2021 11: 40
    +1
    Ottima notizia, regalerà un altro ciondolo magico ai detenuti del Cremlino, in modo che non scrivano le tesi a maggio, ma facciano affari
  2. Rinat Офлайн Rinat
    Rinat (Rinat) 15 può 2021 11: 49
    +5
    L'Europa, secondo le vecchie regole del capitalismo internazionale, sta perdendo nella competizione con Russia e Cina. Pertanto, per conservare il vantaggio perduto, l'Occidente sta riscrivendo queste regole unilateralmente.
  3. Termit1309 Офлайн Termit1309
    Termit1309 (Alexander) 15 può 2021 11: 50
    0
    E cosa ci resta da fare?
    Uccidi la tua testa contro il muro.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 15 può 2021 12: 26
    +4
    Ci parli della lunga sofferenza taiga nei Carpazi risata
    Il mondo è diviso in cluster separati, l'economia globale sta provando su un bacino di rame. Dobbiamo prepararci per questo.
    Il lamento per la tassa statunitense è ridicolo, il commercio con Penguin Island è minimo e continuerà a diminuire.
    Per quanto riguarda l'esportazione di materie prime, la sua quota è in costante diminuzione. Nel 2020, il volume delle esportazioni è ammontato a $ 338,2 miliardi, compresi $ 161,3 non commodity, che è circa il 50%.

    Anche il commercio con l'UE è in costante calo, nel 2020 il fatturato è diminuito del 25% e si è attestato a 174,2 miliardi di euro (211,58 $).
    https://seanews.ru/2021/02/17/ru-vneshnetorgovyj-oborot-rossija-es-28/

    La quota dell'UE nel commercio estero sta diminuendo, nel 2020 è di circa il 39%, i paesi APEC - 34,0%. Nel corso dell'anno, il volume degli scambi con l'Europa è diminuito di circa il 3%, con l'Asia è aumentato di circa il 2%. La tendenza è comunque.
  5. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 15 può 2021 13: 25
    0
    Citazione: 123
    Per quanto riguarda l'esportazione di materie prime, la sua quota è in costante diminuzione. Nel 2020, il volume delle esportazioni è ammontato a $ 338,2 miliardi, compresi $ 161,3 non commodity, che è circa il 50%.

    Stai sostituendo concetti. L'esportazione di materie prime sta diminuendo non perché cresce l'esportazione di manufatti. Ma la domanda per il nostro petrolio e gas sta semplicemente diminuendo. Queste sono due cose diverse.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 15 può 2021 14: 58
      +5
      Stai sostituendo concetti. L'esportazione di materie prime sta diminuendo non perché cresce l'esportazione di manufatti. Ma la domanda per il nostro petrolio e gas sta semplicemente diminuendo. Queste sono due cose diverse.

      Non stavo parlando di ridurre l'esportazione di materie prime, ma di ridurre la sua quota nelle esportazioni.
      Esportazioni non di materie prime nel 2020 - $ 161,3 miliardi, 2019 - $ 155,1 miliardi A novembre dello scorso anno, le esportazioni sono diminuite del 21,8%. Si scopre che le esportazioni non di risorse sono cresciute di $ 6,2 miliardi, prova a rispondere alla domanda: a causa di cosa sono diminuite le esportazioni?
      Dobbiamo ancora lavorare e lavorare sulla profondità dell'elaborazione, ma ci sono alcuni progressi nella giusta direzione. Non fingere che non lo sia.
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 15 può 2021 13: 57
    +2
    Sarebbe bello anche ridurre le esportazioni verso l'Europa per tutti gli articoli di merce.
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 può 2021 15: 25
    0
    Avrà un effetto, ma non sull'economia - ora è stabilmente bloccato nel nostro Paese - ma sulla popolazione.

    Gli oligarchi hanno ripetutamente affermato - non lo porteremo fuori - lo porteremo sul mercato interno.

    I prezzi stanno già salendo e continueranno a correre. E il Cremlino darà istruzioni e consolerà tutti ...
  8. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 15 può 2021 18: 58
    -4
    ma le foreste assorbono queste emissioni e purificano l'atmosfera. Se tutto fosse giusto e puramente per il bene dell'ambiente, i funzionari dell'UE terrebbero conto di questo fattore nel calcolo dei metodi di tassazione del carbonio.
    Forse perché nell'UE l'area forestale è relativamente piccola e non può competere con quella russa.

    - Figg ... - È improbabile che la Russia possa giocare la "carta foresta" a suo favore ... - La pragmatica UE ... - giocherà immediatamente la "carta del fuoco" contro la Russia; quelli. esporrà semplicemente i risultati di estesi incendi in queste vaste terre forestali di proprietà della Russia ... - Questi incendi boschivi annuali in Russia producono una così colossale "emissione di carbonio" nell'atmosfera; che nessuna estrazione di idrocarburi e la produzione di laminati metallici semplicemente non sono adatti a questi incendi ...
    - Quindi è meglio non "trionfare" sulla Russia con il "tema della foresta" ...
  9. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 15 può 2021 19: 16
    -3
    Non è difficile immaginare che lo Stato sarà costretto a incontrare a metà gli oligarchi nazionali e ridurre il carico fiscale per loro ... e il deficit dei produttori di materie prime dovrà essere compensato da un aumento del carico fiscale su qualcun altro . (Mi chiedo chi?).

    Questo dice TUTTO sul nostro potere e sul destino della gente comune. Questo è il fondo. I miliardari russi hanno superato la soglia del 35% del PIL del paese. Hanno ricevuto il loro reddito nella maggior parte dei casi attraverso settori dell'economia non ecologici o "potenzialmente corrotti". 35% - la più alta concentrazione di ricchezza nel mondo rispetto alle dimensioni del PIL, la Russia è il leader indiscusso in questa materia.
    Se lo guardi, allora tutto converge: nel paese, i miliardari o sono funzionari seriamente corrotti o proprietari di un'industria che inquina la natura.
  10. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
    Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 15 può 2021 22: 37
    0
    Continuo a sondare la strategia della nostra "élite" - "E necessariamente i principali" flussi! "E le forniture
    le forniture energetiche dovrebbero andare alla NATO? "
    In modo che la Russia possa essere ricattata - "Stai fermo, - altrimenti ti" tendiamo ",
    "bloccheremo qualcosa" e imporremo le tasse?
    Ci sono mercati emergenti promettenti in Russia?
    Ebbene, almeno la Cina si è formata in queste "correnti".
    Per quanto tempo puoi restare appeso a un gancio e squittire in questa trappola per topi europea?
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 16 può 2021 13: 52
      -2
      "E i principali" flussi! "E gli approvvigionamenti energetici devono andare alla NATO?"

      Sì, sicuramente, perché hanno euro e dollari. E senza valuta, la nostra Federazione Russa si piegherà.
      1. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
        Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 16 può 2021 17: 38
        +2
        Oh, sbagliato ...
        1. I dollari sono in tutti i paesi del mondo.
        2. La Russia sta cercando di passare a valute alternative negli accordi.
  11. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 16 può 2021 07: 52
    0
    Citazione: Viktor Radziminsky
    Per quanto tempo puoi restare appeso a un gancio e squittire in questa trappola per topi europea?

    Abbiamo la geopolitica per la quale vota la maggioranza di coloro che sono venuti alle elezioni.
    1. Radziminsky Victor Офлайн Radziminsky Victor
      Radziminsky Victor (Radziminsky Victor) 16 può 2021 18: 17
      +1
      Ti concedi le cancellazioni, Seryozha ...
      La maggioranza "per la scelta europea" sono Moldova e Ucraina. Non la maggioranza in Russia.
      "Sì! Asiatici siamo ..."
      Qui, spero, forse alcuni degli oligarchi stanno già scavando un tunnel per l'India e il Pakistan, di notte ...
  12. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 16 può 2021 07: 54
    -1
    Amo le sanzioni dei partner civili ... L'ultimo rifugio dei patrioti.
  13. Faccia da poker Офлайн Faccia da poker
    Faccia da poker (Cyril) 16 può 2021 23: 06
    +2
    O forse dovremmo smetterla di sperperare le nostre risorse per una miseria (convenzionalmente) e salvarle per i nostri figli e nipoti?
  14. Canich-dotoshnii Офлайн Canich-dotoshnii
    Canich-dotoshnii 17 può 2021 07: 43
    +1
    Le autorità russe trasferiranno tutti i costi sulle spalle del loro popolo. I prezzi dei prodotti petroliferi, e non solo, saliranno di nuovo al galoppo.
  15. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 17 può 2021 07: 54
    0
    C'è un'altra opzione: ripristinare l'economia di tipo sovietico, in cui l'Unione Sovietica produceva tutto da sola (ad eccezione di cose esotiche, come le macchine utensili di precisione).
  16. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 può 2021 13: 58
    0
    Per quanto l'Occidente aumenterà la tassa, la RF aumenterà il costo delle merci!
  17. Canich-dotoshnii Офлайн Canich-dotoshnii
    Canich-dotoshnii 19 può 2021 06: 50
    0
    Non vogliono acquistare risorse energetiche a buon mercato, lascia che passino a risorse costose. Ciò porterà a prezzi più elevati per il prodotto finale. E l'acquirente stesso decide cosa comprare.
  18. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 20 può 2021 10: 34
    +1
    È possibile tassare i prodotti dell'UE, nella cui produzione sono state utilizzate fonti energetiche con un'elevata "impronta di carbonio" .... incl. e quando si genera elettricità.
    L'introduzione di una carbon tax ha senso solo a livello globale, altrimenti l'Europa non farà che aumentare il costo dei suoi prodotti, che diventerà poco competitivo rispetto all'Asia. Gli esportatori di petrolio (tutti - e anche i sauditi) includeranno semplicemente questa tassa nel costo degli idrocarburi destinati all'UE, in modo da non ridurre i loro profitti aziendali. Come sapete, qualsiasi tassa per il venditore è a carico del consumatore. Poiché questa tassa è fissata per le vendite nell'UE, i consumatori nell'UE la pagheranno o l'Europa rimarrà senza petrolio e gas. Questo è il loro problema. A proposito, per pagare un extra per la possibilità di fornire petrolio, gas, metalli, hanno una coda di fornitori con risorse energetiche più economiche di quelle russe?
  19. Vladimir Sh. Офлайн Vladimir Sh.
    Vladimir Sh. (Vladimir Shashko) 4 June 2021 08: 11
    +1
    Questo è un altro trucco dell'occidente per ottenere materie prime gratis e anche con un profitto...