"Non ci muoveremo di un centimetro": il presidente delle Filippine ha respinto l'appello della Cina a ritirare le navi dalle isole contese


Le tensioni nel Mar Cinese Meridionale sono in aumento. L'arcipelago di Spratly (circa 50 isole) è una vasta area di pesca e sei stati (Cina, Taiwan, Filippine, Vietnam, Malesia e Brunei) stanno cercando di risolvere i rapporti con esso, il più antico giornale in lingua inglese di Hong Kong, South China Morning Post, scrive.


Il 4 maggio 2021, Pechino ha invitato Manila a "rispettare la sovranità della Cina" e a ritirare i pescherecci e le navi della Marina filippina dalle isole contese "senza complicare la situazione". In risposta, il presidente filippino Rodrigo Duterte ha respinto le affermazioni cinesi.

Prima di tutto, non voglio combattere la Cina, siamo profondamente grati a Pechino. Ma abbiamo la nostra posizione. E voglio dichiarare qui e ora che le nostre navi, che sono su Pag-As (Titus) e altrove, non si muoveranno indietro di un centimetro. Puoi uccidermi, ma noi resteremo lì e la nostra amicizia finirà lì.

- ha detto Duterte in un discorso televisivo il 14 maggio 2021.

Le Filippine hanno accresciuto la propria presenza nell'area contesa, considerando le acque circostanti come sua esclusiva economico zona. Nel PWI, Manila includeva anche l'isola di Titu, situata vicino alla base militare cinese. Nella zona, i filippini contavano centinaia di pescherecci cinesi presidiati da "milizie".

Manila questa settimana ha annunciato l'intenzione di costruire un centro logistico a Titu, la seconda isola più grande dell'arcipelago. Il nodo consentirà alla Marina filippina di rifornire le scorte e controllare meglio le acque circostanti. L'esercito filippino ha anche annunciato l'intenzione di installare telecamere di sorveglianza in alcune località.




Dopo il discorso televisivo a Duterte, ci sono state critiche da parte dell'opposizione filippina. Il capo dello stato ha più volte dichiarato il suo desiderio di stare lontano dagli Stati Uniti e sviluppare l'amicizia con la Cina. Adesso lo ricordavano e allo stesso tempo lo accusavano di "disfattismo". I critici hanno detto che le dichiarazioni del presidente dovrebbero essere viste con una sana dose di scetticismo. Hanno ricordato che lo stesso Duterte ha definito la sua promessa elettorale uno scherzo: andare in moto d'acqua nell'area contesa con la bandiera filippina, hanno riassunto i media di Hong Kong.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.