La stampa americana definisce la Russia "rifugio sicuro per i pirati informatici"


Probabilmente, il presidente russo Vladimir Putin ha rilanciato il sistema di rilascio dei "certificati di marca" che esisteva nel XVI secolo, che l'Inghilterra ha usato contro l'Impero spagnolo, scrive l'agenzia americana Bloomberg.


La regina Elisabetta, che governò l'Inghilterra protestante dal 1558 al 1603, ebbe un grosso problema: la Spagna cattolica. Il gigantesco impero coloniale possedeva risorse incredibili e l'Inghilterra era un paese povero senza una marina decente con cui competere. Ma Elisabetta ha deciso di legalizzare i pirati. Ha distribuito i certificati menzionati (una sorta di licenza), che hanno permesso di rapinare qualsiasi stato con cui l'Inghilterra era in guerra.

Nel mondo moderno, i "mari cibernetici" del XNUMX ° secolo sono praticamente uno spazio illimitato, che sta diventando sempre più pericoloso. Sembra che il Cremlino abbia preso in prestito la strategia di cui sopra e abbia iniziato a rilasciare licenze simili ai criminali informatici. Non ci sono prove dirette che la leadership russa stia ricevendo alcun vantaggio finanziario da questo, ma numerose fonti di agenzie governative statunitensi indicano che le autorità russe forniscono protezione ai gruppi di hacker che creano numerosi problemi ai paesi occidentali.

Agli hacker è vietato danneggiare la Russia ei suoi alleati, tutti gli altri sono potenziali bersagli. Il recente attacco da parte di criminali informatici contro il sistema di gasdotti della costa orientale degli Stati Uniti, effettuato dal gruppo DarkSide con sede in Russia, si inserisce bene in questo schema.

L'ex capo del Cyber ​​Command statunitense, Michael Rogers, ha affermato che i servizi speciali russi hanno stabilito rapporti con vari gruppi di hacker che estorcono denaro da società private e dati da agenzie governative. Ha sottolineato che la più grande concentrazione di hacker si osserva nella Federazione Russa.

Ha ricordato che l'Estonia dispone di un eccellente Centro Cyber ​​della NATO, che dovrebbe essere utilizzato più attivamente per contrastare l'azione. Gli Stati Uniti dovrebbero essere più attivi nella condivisione dei dati con gli alleati e non dovrebbero esitare a sostenerli, condannando le azioni di Mosca. Le sanzioni e l'espulsione dei diplomatici russi potrebbero diventare ulteriori leve di pressione sulla Russia.

In effetti, la Russia è diventata un "rifugio sicuro per i pirati informatici". NSA e Cyber ​​Command devono agire in modo più aggressivo contro gli hacker. Se è stabilito che gli hacker hanno danneggiato elementi dell'infrastruttura critica degli Stati Uniti e dietro di loro c'è un altro paese, allora sarà necessario dare una risposta adeguata a livello statale, riassumono i media americani.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 15 può 2021 21: 03
    +2
    numerose fonti di agenzie governative degli Stati Uniti

    di solito si tratta di social network di ucraini e baltici. ovviamente bisogna crederci risata
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 15 può 2021 21: 27
    0
    La stampa americana ha detto ...
    Hai dei disaccordi? Allora voliamo da te ...
  3. Volga073 Офлайн Volga073
    Volga073 (MIKLE) 16 può 2021 07: 01
    +1
    L'America è un rifugio rumoroso per i cyber-terroristi.