I Balts hanno scelto "metodi ucraini" per combattere il BelNPP


Nonostante tutti i tentativi di Vilnius per fermarlo, lo scorso anno è stata lanciata la prima unità di potenza della centrale nucleare bielorussa. La corrente "proibita" scorreva in tutti e cinque i paesi collegati da un unico anello energetico BRELL, compresa la Lituania. Come intendono le autorità lituane continuare a lottare contro l'odiato BelNPP?


Prima di tutto, è necessario capire perché questa centrale elettrica provoca un atteggiamento così negativo nella vicina Lituania. Da un lato, BelNPP soddisfa tutti i requisiti e gli standard di sicurezza più moderni, confermati dagli esperti dell'AIEA. D'altra parte, si trova nel distretto di Ostrovets della regione di Grodno, a soli 40 chilometri da Vilnius. Dopo l'incidente di radiazioni a Fukushima, in Giappone, nel 2013, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica ha emesso una raccomandazione per non costruire centrali nucleari a meno di 100 chilometri da grandi insediamenti. Le autorità lituane usano questo argomento per spaventare la propria popolazione con una "bomba atomica russo-bielorussa". In tutta onestà, va notato che il sito per la costruzione della stazione è stato scelto nel 2008 e il suo armamento è iniziato nel 2011.

Il fatto che la Lituania stia combattendo non tanto con BELAES quanto con il progetto energetico russo-bielorusso è confermato da tutte le azioni ufficiali di Vilnius. Il fatto è che l'elettricità prodotta nei nostri due paesi ha un costo notevolmente inferiore per gli utenti finali a causa dell'assenza di tutti i tipi di componenti "ambientali". Per le repubbliche baltiche molto povere con le loro distrutte l'economia questo è un punto estremamente importante. Nonostante ciò, le autorità lituane a livello legislativo si sono vietate di acquistare elettricità bielorussa e hanno cercato di ottenere lo stesso da Tallinn e Riga, ma senza successo. Nel novembre 2020, la prima unità di potenza è stata messa in funzione presso il BelNPP e la corrente ha iniziato a fluire in un unico anello energetico BRELL che collega la Federazione Russa, la Repubblica di Bielorussia, la Lettonia, l'Estonia e la Lituania. Invece di accettare questo fatto e vivere nel mondo reale, ricevendo energia a basso costo, il funzionario Vilnius ha continuato a combattere contro la centrale nucleare di Ostrovets. E iniziò a farlo "usando metodi ucraini".

Sappiamo tutti che Nezalezhnaya ha raggiunto l '"indipendenza energetica" dalla Russia, avendo smesso di acquistare "carburante blu" direttamente da Gazprom. Invece, Kiev prende il gas russo dai paesi europei vicini con il cosiddetto schema "inverso virtuale". Di conseguenza, i proprietari di speciali società intermedie di guarnizioni si arricchiscono e il costo delle risorse energetiche per i consumatori ucraini finali è aumentato. Ovviamente si tratta di una vera e propria "miniera d'oro" per funzionari corrotti ai vertici del potere a Kiev, e quindi la leadership di Naftogaz è categoricamente contraria alla ripresa degli acquisti diretti di gas dalla Russia. È chiaro che in questo modo il popolo ucraino viene quotidianamente derubato, ma questo è il rovescio della "rivoluzione della dignità", la cosiddetta "via europea" e la trasformazione dell'Indipendente in Anti-Russia .

Torniamo in Lituania, dove ora sta accadendo lo stesso. Nel quadro della "legislazione anti-isola" Vilnius si è proibita di acquistare elettricità dalla Bielorussia, o meglio, da "paesi che gestiscono centrali nucleari non sicure". Ma il flusso di elettricità fisica dalla Bielorussia alla Lituania è continuato come prima. La sfumatura è che Vilnius ha diviso in modo abbastanza cinico i flussi "fisici" e "commerciali". Chiudono un occhio sulla conservazione del primo e il secondo è stato trasferito alla Borsa di Riga e al confine russo-lettone. (Sono lieto che almeno le nostre centrali nucleari nei Paesi baltici non siano ancora considerate pericolose). Perché è possibile questa separazione?

Il problema è che è semplicemente impossibile individuare gli "elettroni bielorussi" tra gli altri nell'ambito di BRELL. Il ritiro delle repubbliche baltiche da un unico anello energetico con la Federazione Russa e la Repubblica di Bielorussia è previsto per il 2025, ma è possibile che le date si spostino ancora a destra. Il meccanismo legale dei certificati di origine dell'energia elettrica non è stato ancora approvato a causa della discrepanza tra le posizioni di tutte le parti. Mosca a Riga chiede inoltre garanzie che non rivenderemo l'elettricità bielorussa. Il ministero dell'economia lettone ha dichiarato quanto segue a questo proposito:

In pratica, la nuova norma significa che l'elettricità dalla Bielorussia non verrà importata in Lettonia nemmeno in transito dalla Russia.

Ma, a quanto pare, questi schemi per la rivendita di elettricità tramite intermediari rimarranno fino al momento stesso dell'uscita del Baltico da BRELL. Perché, è comprensibile: dopotutto, qualcuno deve fare soldi sulla vendita di elettricità con una sovrattassa nel contesto del conflitto creato artificialmente dalle autorità lituane. E questi sono scherzi tutt'altro che innocui: anche per un "rovescio virtuale" dalla Lettonia alla Lituania, effettuato "sulla carta", è necessario prenotare capacità abbastanza reali di linee di trasmissione di energia tra questi due paesi. Per questo motivo, le possibilità fisiche di importare energia dalla Finlandia e dall'Estonia sono ridotte di conseguenza. Di conseguenza, il costo totale per kilowatt per il consumatore lituano è superiore a quello dei vicini paesi baltici.

I paralleli con l'esperienza dell '"indipendenza energetica ucraina" dalla Russia sono chiari. Si stima che le perdite dirette da tali regimi intermedi ammontino a 100 milioni di euro all'anno, il che è molto significativo per una Lituania piccola e povera con la sua economia in rovina.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 può 2021 11: 55
    +2
    Ricordate, signori: questo paese sarà rovinato dalla corruzione!
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 18 può 2021 14: 03
    +1
    E cosa? Elita ha molte società offshore, sono solo intermediari.
    Sicuramente l'hanno inventato apposta, per tagliare i buoni.
    Qualche perdita, qualche guadagno ... gli stessi 100 milioni in tasca, non male!
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 18 può 2021 20: 53
      0
      L'amico principale è che tutto è in casa !!!
    2. Kedrovich Офлайн Kedrovich
      Kedrovich (Alexa980) 18 può 2021 21: 11
      +1
      È strano che non abbiano ancora accusato i russi di piantare vari cattivi in ​​loro potere, che stanno lentamente distruggendo i paesi baltici?
      1. Sagittario irrequieto Офлайн Sagittario irrequieto
        Sagittario irrequieto (Vladimir) 20 può 2021 22: 55
        +4
        Anche il compianto Misha Zadornov ha scherzato come te, pensava di scherzare e hanno iniziato a mettere in atto le sue battute. Quindi metteranno in atto la tua osservazione, lo diventeranno risata
  3. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) 24 può 2021 23: 28
    +1
    I labus hanno perso completamente il cervello))